SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate

di Andrea Lodi

Sono trascorsi pochi giorni dalle elezioni politiche dall’esito scontato. Grazie al “rosatellum”, nome impronunciabile dell’ultimo sistema elettorale votato dal nostro parlamento, la politica ha raggiunto l’obiettivo che si era prefissato: garantire la ingovernabilità al nostro Paese. Ma non dovrebbe essere il contrario? Chiede mia figlia. Certo, in un Paese normale sì ma noi purtroppo non abbiamo ancora raggiunto un discreto livello di maturità.

Leggi l’articolo pubblicato su questo giornale il 5/3/18 dal titolo “Storia semiseria di un delirio elettorale”

Questo è l’ultimo (?) indegno segnale di un Paese, che se dovesse essere preso in esame in merito alla sua intelligenza da un popolo alieno per valutarne la convenienza ad invaderci, ci garantirebbe la salvezza assoluta.

Gli investitori stranieri

Purtroppo se continuiamo così, dobbiamo aspettarci un futuro non propriamente dei più rosei. I segnali che stiamo dando agli investitori stranieri, non sono dei migliori. In un mondo che cambia, America a parte che non sta anch’essa attraversando un gran momento, in un mondo dove stanno sempre più avanzando, anche in Europa, realtà in grado di contrastare la forza del Made in Italy, se non corriamo ai ripari, rischiamo che il cosiddetto “italian sound” si trasformi in “italian noise”. C’è il forte rischio che il consistente aumento degli investimenti esteri in Italia avuto nel corso del 2017, nei prossimi anni vada letteralmente bruciato.

Ce ne dà conferma anche il World Economic Forum, che posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 (seguita solo da Portogallo e Grecia) nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.

L’economia inclusiva

Il termine inclusività, intendiamoci, non è una roba da sinistrorsi radical chic, ma si tratta di un concetto molto importante. Esprime infatti la capacità (o meglio l’obiettivo) di un sistema economico di garantire un alto tasso di occupazione, favorendo la coesione economica, sociale e territoriale, e quindi di contrastare la povertà. “L’economia inclusiva  – secondo il progetto WAVE di BNP Paribas – non è solo questione di soldi ma abbraccia la grande sfida relativa alla ricerca di incroci positivi nei quali gli imperativi commerciali del mondo del business vengono orientati in direzione della riduzione della povertà”.

L’indagine del World Economic Forum

L’indice stilato dal World Economic Forum prende in considerazione crescita e sviluppo, in particolare il tenore di vita, la sostenibilità ambientale ma anche l’equità intergenerazionale, definita “protezione delle future generazioni dall’indebitamento”: il cosiddetto rapporto debito/Pil, che in Italia ha raggiunto quota 131,6% nel 2017, uno dei più alti al mondo (la Germania nel 2017 è a quota 66,9%, contro il 76,3% del 2014).

L’indagine ha preso in considerazione i dati di centotre Paesi, tra i quali ventinove sono quelli considerati ad “economia avanzata” (anche Slovenia, Slovacchia ed Estonia).

Purtroppo in Italia la situazione è andata peggiorando negli ultimi dieci anni: l’indice di inclusività infatti ha perso 0,4 punti. Molti Paesi del G20 hanno invece evidenziato trend di miglioramento, tra i quali Australia, Germania, Corea del Sud, Canada, Francia, Regno Unito, Stati Uniti e Giappone. L’indice di Francia e Germania, ad esempio, è cresciuto rispettivamente di 1,9 e 1,2 punti.

Il rapporto mondiale sulla felicità

L’indice di inclusività va di pari passo con quanto emerso dal “rapporto mondiale sulla felicità” realizzato nel 2017 dalle Nazioni Unite. Tale rapporto prende in considerazioni alcuni parametri, tra i quali ricchezza, lavoro, obiettivi condivisi, buona gestione e solide fondamenta sociali. Anche se la ricchezza non è considerato il primo dei parametri che concorrono a determinare la “felicità di un popolo”, se guardiamo la classifica, osserviamo che c’è una strana coincidenza: ai primi posti della classifica ci sono i Paesi più ricchi. La classifica del rapporto mondiale sulla felicità, infatti, vede tra i primi dieci classificati, dal primo al decimo, Paesi come: Norvegia, Danimarca, Islanda, Svizzera, Finlandia, Paesi Bassi, Canada, Nuova Zelanda, Australia e Svezia.

Gli Usa sono al 14° posto, la Germania al 16°, il Regno Unito al 19°, la Francia al 31° e l’Italia al 48° tra l’Uzbekistan e la Russia rispettivamente al 47° ed al 49° posto.

Sono infatti la garanzia occupazionale ed i buoni redditi che concorrono, in primis, a rendere le persone felici.

Tornando all’analisi del World Economic Forum, si legge nel rapporto che “questa analisi suggerisce che la crescita del Pil è una condizione necessaria ma non sufficiente per raggiungere un progresso diffuso del tenore di vita». In generale, il problema della scarsa inclusività e di conseguenza quello delle crescenti disuglianze, prosegue il documento, «è dovuto a una mancanza di attenzione e di investimento in politiche chiave», sostituiti dall’applicazione nuda e cruda della «legge di ferro del capitalismo». La disuguaglianza socioeconomica «deve essere riconosciuta, messa tra le priorità e misurata come tale per sostenere la fiducia pubblica nella capacità del progresso tecnologico e dell’integrazione economica internazionale di sostenere un tenore di vita migliore per tutti”.

Non si può che essere d’accordo. Non mi risulta però che sia stato un tema trattato in Italia durante l’ultima campagna elettorale. In Germania fanno la “grosse Koalition” per garantire stabilità e governabilità al Paese, qui di “grosse” invece abbiamo altre cose che non si possono dire.

Rubriche

Consigli di salute
Dieta e tumori, ne parla la dottoressa Federica Felicioni
Tanti i miti da sfatare: non esite una dieta anticancro e non è vero che chi è malato debba mangiare di tutto per essere più forteleggi tutto
Glocal
L’intelligenza artificiale creerà nuovi posti di lavoro?
L’intelligenza artificiale migliorerà la produttività di molti posti di lavoro, eliminando milioni di posizioni di medio e basso livello, ma anche creando milioni di nuove posizioni di alta qualifica.leggi tutto
Glocal
Il difficile rapporto tra l'Italia e le start-up
Secondo i dati del Ministero dello sviluppo economico (con la collaborazione di Infocamere e Unioncamere), il numero delle società innovative in Italia ha raggiunto la quota di quasi 9.000 imprese.leggi tutto
Glocal
Ocse: "Italia terza per disoccupazione, scendono i salari reali"
LʼOcse segnala un alto livello di insicurezza per quanto riguarda il mercato del lavoro in Italia, la cui situazione è "migliorata negli ultimi anni, ma più lentamente che in altri Paesi"leggi tutto
Glocal
Quando le imprese americane investono in Italia
“Eon Reality”, azienda californiana, ha investito 24 milioni di euro in Emilia Romagna a Casalecchio di Reno, grazie alla legge sull'attrattività, con in programma centosessanta nuove assunzioni.leggi tutto
Glocal
Sergio Marchionne: innovatore o visionario?
Sergio Marchionne è stato un innovatore in quanto visionario, nell’accezione imprenditoriale del termine, inteso come colui che è in grado di avere una “vision”, ovvero di sapere guardare avanti, al futuro.leggi tutto
Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • Watch"Il meteorite è caduto qui", tra Mirandola e San Felice
    • WatchL'arrivo del Papa a San Giacomo Roncole con la musica dei Rulli Frulli
    • WatchBomporto, presentate le barriere antinondazione

    Curiosità

    Finale Emilia tutti in festa per Isabel allo Zecchino d'oro
    Finale Emilia tutti in festa per Isabel allo Zecchino d'oro
    La piccola, che di cognome fa Tangerino e ha 8 anni, ha portato la canzone "Nero Nero"[...]
    Addio a gatto Gino, il re di San Giovanni in Persiceto
    Addio a gatto Gino, il re di San Giovanni in Persiceto
    Il felino, amatissimo e molto noto, è stato investito da un'auto[...]
    La verità su Pico della Mirandola: fu ucciso dall'arsenico
    La verità su Pico della Mirandola: fu ucciso dall'arsenico
    La scoperta dopo 500 anni dalla morte del celebre umanista[...]
    Mirandola, sulla porta di casa trova un serpente lungo un metro
    Mirandola, sulla porta di casa trova un serpente lungo un metro
    Solo un grande spavento per l'uomo che l'ha trovato, ma il biacco è innocuo[...]
    Si fanno a Soliera i video Youtube di Alle Tatoo diventati virali
    Si fanno a Soliera i video Youtube di Alle Tatoo diventati virali
    Ha ospitato anche un idolo dei più giovani, il gamer GaBBoDSQ, che ha formato il tatuaggio di un suo fan[...]
    Da Finale Emilia a Tu Si Que Vales c'è Federico Tassini
    Da Finale Emilia a Tu Si Que Vales c'è Federico Tassini
    Su Caanale 5 una riduzione del grandioso spettacolo su Leonardo da Vinci che ha fatto vincere a Federico e compagni il campionato del mondo di pattinaggio[...]
    Per Skipass a Modena il trampolino più grande mai costruito in Italia
    Per Skipass a Modena il trampolino più grande mai costruito in Italia
    Svetta nell'area esterna del quartiere fieristico l'imponente trampolino, 46 metri di altezza e 130 metri di lunghezza, il più grande mai costruito in Italia[...]
    Si rompe la sedia mentre gioca a carte al bar, risarcimento da 10 mila euro
    Si rompe la sedia mentre gioca a carte al bar, risarcimento da 10 mila euro
    Dovranno pagare i gestori. L'assicurazione del bar, invece, non è stata ritenuta responsabile dell'accaduto. [...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: