Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

No alla discarica di Finale Emilia, partita la raccolta firme

FINALE EMILIA – Una petizione rivolta al governatore dellìEmilia-Romagna Stefano Bonaccini. L’ha lanciata l’Osservatorio civico Ora tocca a noi per dire no alla discarica. Cade proprio nei giorni in cui a Roma si stanno per tirare le fila di una decisione che pare ormai fatta, visto che è rimasto solo il Comune di Finale a non volere sul suo territorio la discarica. Tutti gli altri enti della Conferenza dei Servizi, dalla Regione in giù, si sono detti d’accordo. L’ultima parola ce l’ha il Consiglio dei Ministri.

PER FIRMARE, CLICCA QUI

Ecco il testo della raccolta firme

In un territorio già oberato da molteplici impatti ambientali è inaccettabile questo ampliamento che vedrebbe catapultare su Finale Emilia 1.860.000 metri cubi di rifiuti (1.530.000 relativi a nuove volumetrie di conferimento e 330.000 riguardanti la ricollocazione dei rifiuti della discarica esaurita).

Questi rifiuti che si caratterizzano prevalentemente come speciali, contengono varie sostanze inquinanti.
Non possiamo sopportare che tutto ciò avvenga in un quadro ambientale già compromesso e che vede l’attuale stato della falda acquifera del territorio caratterizzato da livelli fuori norma di vari metalli pesanti, sostanze queste notoriamente riconosciute cancerogene. E’ quindi un vero delitto consentire l’arrivo di una tale moltitudine di rifiuti che produrranno un percolato contenente vari inquinanti come Piombo, Cadmio, Cromo,Arsenico, Nichel solo per citarne alcuni, tutti inquinanti che peggioreranno ulteriormente il corpo idrico del nostro territorio, il tutto aggravato dal fatto che questa discarica si situa in un’area ad elevata criticità idraulica e sismica.
Che dire poi dell’incredibile atteso incremento di passaggi di mezzi pesanti stimabile in circa un 30% in più rispetto all’attuale traffico veicolare pesante. Negli anni di maggiore attività della discarica si registreranno 116 passaggi giornalieri di mezzi pesanti che equivalgono, considerando 260 giorni lavorativi annuali, a 30.160 transiti all’anno. Un vero incubo considerando i danni in termini di inquinamento atmosferico e ulteriore compromissione della già distrutta rete viaria comunale. Questi sono i numeri di un disastro annunciato.
È scandaloso poi che tutta questa operazione di ampliamento venga sorretta e supportata dall’alibi della bonifica della vecchia discarica. Per la messa in sicurezza del primo e più antico corpo di discarica erano già stati spesi svariati milioni di euro, quindi non si comprende come sono stati spesi questi soldi pubblici visto che ora ci raccontano che serve bonificare di nuovo la vecchia discarica!
Questo progetto ha da sempre mobilitato la cittadinanza che non vuole assolutamente che questo piano venga attuato poiché per il principio di precauzione bisogna difendere la salute dei cittadini e questo progetto è senza dubbio dannoso.
Il principio di prevenzione o di azione preventiva, fondando le strategie di tutela ambientale, rappresenta un principio cardine del diritto ambientale.
E’ per questo che, in materia ambientale, occorre eliminare il rischio che tali danni si verifichino.
E’ evidente che i danni ambientali, una volta verificatisi, non sono sempre riparabili e là dove lo sono diventa oneroso andare ad intervenire.
Il principio di prevenzione è complementare al principio di precauzione, che prevede una tutela a priori rispetto alla fase di applicazione delle migliori tecniche previste ed esige la verifica che l’attività non danneggi l’uomo e l’ambiente.
Questi due principi impongono di perseguire un alto livello di protezione dell’ambiente e di miglioramento della sua qualità.
Applicare il principio di precauzione significa adottare tutte quelle misure di tutela ambientale anche quando non sia assolutamente certo che un determinato fenomeno sia nocivo per l’ambiente e che sussista un dubbio scientificamente attendibile che possa esserlo.
L’art.301 del Codice dell’ambiente prevede in attuazione del principio di precauzione, allorché nascano pericoli anche solo potenziali, come ad esempio ulteriori emissioni in atmosfera di sostanze nocive e cancerogene per l’ambiente e tutti gli esseri viventi oppure rischi di eventuali sversamenti in falda, che gli operatori siano tenuti ad adempiere tempestivamente a specifici obblighi informativi verso le pubbliche autorità, in modo che il Ministero dell’ambiente possa intervenire per adottare le relative misure preventive.( art.304 codice dell’ambiente)
Nel caso in oggetto, si chiede che venga valutata la V.I.A che presuppone la conoscibilità dal punto di vista scientifico degli effetti sull’ambiente derivati dalla realizzazione di una determina opera:
– ai sensi dell’art.3 della Direttiva 27 Giugno 1985 n.85/ 337/ CE, infatti “ la valutazione di impatto ambientale individua descrive e valuta in modo appropriato… gli effetti diretti di un progetto sui seguenti fattori….”
Il principio di precauzione costituisce un rafforzamento della prevenzione nel senso che rende necessario l’intervento di tutela anche in caso di mera situazione di incertezza in ordine al verificarsi di un determinato danno di natura ambientale.
Il voto contrario espresso dal consiglio comunale è espressione della volontà popolare ed ha unito in sede consiliare tutte le forze politiche.

Chiediamo che la nostra richiesta venga accolta e si rammenta la grave situazione ambientale in cui versa il nostro territorio e che comunque il nostro Comune ha già contribuito ad espletare la sua parte di pertinenza nell’accoglienza dei rifiuti, ora tocca a qualcun altro!

PER FIRMARE, CLICCA QUI

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    AutoClub, storica concessionaria BMW di Modena ha donato due BMW I8 Spyder Toy Car che accompagneranno il bimbo in sala operatoria. [...]
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    E' un atto burocratico perché il servizio militare obbligatorio non è scomparso, ma sospeso. E periodicamente si parla di renderlo operativo, come adesso per il Coronavirus[...]
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    L'allarme dell'associazione "Il Pettirosso" che si trova a curare gli uccellini rimasti incollati[...]
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    I dati di un'indagine sul pubblico condotta da Regione e DamsLab, attraverso l'analisi di 25 manifestazioni di settore in Emilia-Romagna[...]
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    La Bassa territorio di personaggi illustri, oggi si parla del deputato finalese Gregorio Agnini: pioniere del socialismo italiano e fondatore delle leghe dei braccianti in Emilia.[...]
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Durerà poco ma dovrebbe poggiarsi[...]
    La biblioteca di Bomporto mette in vendita libri, l'intervista
    La biblioteca di Bomporto mette in vendita libri, l'intervista
    La biblioteca, nell'immaginario, è il posto che i libri li salva, non che li dà via. Abbiamo voluto capire di più su questa scelta intervistando Luca Verri, responsabile della biblioteca di Bomporto.[...]
    Giorgia Lupi, da Finale Emilia agli Stati Uniti per trasformare Dati in Opere d'Arte.
    Giorgia Lupi, da Finale Emilia agli Stati Uniti per trasformare Dati in Opere d'Arte.
    Espone al Museo di Arte Moderna di New York, ed è sua una delle più belle copertine del New York Times. La "designer dell'informazione" si racconta a Francesca Monari[...]
    Prepara per scherzo una torta alla marijuana, in 3 finiscono in ospedale
    Prepara per scherzo una torta alla marijuana, in 3 finiscono in ospedale
    Era una "tenerina" portata a casa di amici per festeggiare il Capodanno[...]