SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Pubblicità: come evitare i vampiri virali

di Andrea Lodi

Negli anni “80, lo statunitense Jay Conrad Levinson, inventò un termine che ebbe un grande successo: il Guerilla marketing.

Con tale termine Levinson intendeva la capacità di ottenere la maggiore attenzione possibile tramite azioni pubblicitarie semplici, convenienti e facili da mettere in pratica.

Dal Guerilla marketing al marketing virale

Negli anni successivi, con l’avvento del web, un elemento fondamentale della pubblicità divenne la necessità di rendere i messaggi pubblicitari particolarmente originali e divertenti, “che ci strappano per breve tempo dalla nostra routine e incanalano la nostra attenzione su prodotti e servizi ben precisi”.

La pubblicità del Guerilla Marketing appare come un richiamo visivo creato in maniera originale, oppure un elemento di disturbo inaspettato nei vari canali della comunicazione, dove le persone vengono direttamente a contatto con i contenuti.

Tale fenomeno si riscontra soprattutto su Internet: il messaggio si propaga alla velocità della luce, senza dare il tempo a chi lo utilizza di rendersi conto di cosa stia succedendo. Così entra in scena un nuovo concetto: il marketing virale.

I vampiri virali

“State a sentirli, i figli della notte! Questa è la loro musica!”. Con queste parole, Jonathan Harker, il protagonista “positivo” del romanzo di Bram Stoker, ci introduce all’incontro con il Conte Dracula, il vampiro più famoso della letteratura orrorifica mondiale; il mostro che il giovane avvocato Harker si accingerà a sconfiggere.

La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio. Questi contenuti sono vampiri virali: contenuti la cui viralità dissangua la brand e il suo messaggio”.

A parlare è Paolo Guglielmoni, emiliano, Creativo, titolare di RADS, che come un rinnovato Jonathan Harker, combatte contro mostri generati dalla modernità: i “vampiri virali”.

Il “vampiro virale” in Cornovaglia

Paolo, in effetti, non smette mai di stupirci. Dopo la realizzazione dello spot pubblicitario del liquore più apprezzato al mondo, stiamo parlando del marchio “DiSaronno” – spot apparso nel Natale scorso nei billboard di Times Square a New York – Paolo è stato invitato in qualità di “Lecturer” a tenere un ciclo di lezioni da una delle più prestigiose Università britanniche in discipline artistiche: l’Università di Falmouth, in Cornovaglia.

Ciò che ha incuriosito gli omologhi britannici di Paolo della facoltà di Fashion Advertising, è la teoria da lui elaborata sui cosiddetti “vampiri virali”.

Quante volte in effetti ci è capitato di vedere delle pubblicità in televisione e di non aver assolutamente compreso quale fosse il prodotto reclamizzato?

Per riconoscere e combattere questi vampiri virali, Paolo Guglielmoni ha elaborato una serie di regole creative, che sono alla base del suo corso sulla creatività virale alla Nuova Accademia di Belle Arti (NABA) di Milano. Per spiegarci in che cosa consistono queste regole creative, Paolo ci ha concesso una breve intervista.

Paolo, come si possono riassumere queste regole creative?

La leva virale, che sia umoristica o che sia shock, deve essere sempre un trigger che fa scattare in modo semplice e memorabile il messaggio della brand.

Ci puoi fare un esempio?

L’esempio più recente è la campagna social media che ho realizzato per Yves Rocher Italia.

In che cosa consiste questa campagna?

Yves Rocher crede nella naturale espressività del volto femminile: nelle centinaia di sfumature emotive che la pelle di un viso femminile è in grado di esprimere.

E quindi?

Yves Rocher ha creato un nuovo prodotto idratante. E per reclamizzarlo abbiamo pensato di coinvolgere due bellezze nostrane: Tess Masazza, youtuber di successo, e Giulia Valentina, “instagram celebrity”.

Cosa avete combinato con le due star internazionali dei social web?

Le abbiamo invitate a vedere scene di film particolarmente intensi, da commentare solo con le espressioni del viso. Durante le riprese le due web talent sono state coinvolte in piccoli e imprevedibili incidenti da set: per mostrare davvero tutte le espressioni, anche le più involontarie, comiche, ed estreme, di cui il volto femminile è capace.

E il risultato finale qual è stato?

Lo si può comprendere dal video che abbiamo realizzato del set. L’obiettivo che ci siamo dati è di arrivare a sottolineare il claim finale: “Centinaia di espressioni, una sola pelle”.

Ho visto il video. Stupendo. Anzi divertente. Praticamente è il prodotto finale del vostro lavoro.

La cosa davvero gratificante è stata la fiducia del cliente. Perché è questo che manca, oggi. Invece, quando il cliente si fida delle competenze dei suoi consulenti, allora nascono progetti divertenti da realizzare, ed efficaci. Considera che il video ha totalizzato, solo nelle prime 4 ore su instagram, oltre 100.000 views, e la maggior parte dei commenti degli utenti riguardavano proprio Yves Rocher e le espressioni delle web talent.

Paolo, insomma, siamo veramente di fronte ad un redivivo Jonathan Harker, alla ricerca di moderni vampiri da sconfiggere?

Può essere. Con una stilografica al posto del paletto di frassino!

Rubriche

Glocal
Italia in recessione
Italia in recessione, come Argentina e Turchia: PIL a -0,2% nel 2019.leggi tutto
Glocal
L'Italia leader in Europa nell'economia circolare
Il tasso di riciclaggio dei rifiuti in Italia è fra i più alti del mondo: circa il 45% dei rifiuti urbani ed il 65% dei rifiuti speciali viene recuperato.leggi tutto
Glocal
La disuguaglianza tra ricchi e poveri alimenta la rabbia sociale
L’1% della popolazione mondiale detiene quasi la metà della ricchezza aggregata netta totale.leggi tutto
Glocal
Esondazione Secchia del 2014: una sentenza da rivedere
Alluvione 2014, per la Procura non ci sono responsabili: archiviata l’inchiesta.leggi tutto
Glocal
Lo shutdown più lungo della storia americana
Lo shutdown americano, il più lungo della storia americana, sta avendo conseguenze negative che non riguardano soltanto il presente della più grande democrazia del pianeta, ma anche il futuro.leggi tutto
Glocal
I costi dello shutdown americano
Il Presidente americano vuole assolutamente il muro ai confini con il Messico: “farò tutto il necessario”, avrebbe dichiarato nei giorni scorsi, “il pubblico americano chiede il muro”.leggi tutto
Glocal
America in shutdown
Blocco di un quarto delle attività federali per mancanza di fondi. Trump: "Speriamo non duri a lungo". E rinuncia alle vacanze di Natale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchPiantagione di marijuana, la scoperta dei Carabinieri a Cavezzo
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Primo giorno di primavera, e in città tornano le rondini
    Primo giorno di primavera, e in città tornano le rondini
    Questo uccello è molto utile per l’uomo, in quanto essa si ciba di insetti, soprattutto zanzare, mosche e cimici[...]
    Rubarono una statuetta dal museo 55 anni fa, ora torna a Modena
    Rubarono una statuetta dal museo 55 anni fa, ora torna a Modena
    E' stata restituita alla città dai Carabinieri[...]
    Cane cieco cade nel fiume, salvato dai pompieri
    Cane cieco cade nel fiume, salvato dai pompieri
    Ne è uscito infreddolito è spaventato, ma incolume[...]
    Il nuovo ponte sul Panaro a Bomporto sara intitolato ai militari americani
    Il nuovo ponte sul Panaro a Bomporto sara intitolato ai militari americani
    L'annucnio del sindaco in occasione della visita dell’Ambasciatore americano Lewis M. Eisenberg e del Console Benjamin V. Wohlauer [...]
    Liberi di guidare sempre, incontri di educazione stradale per gli anziani
    Liberi di guidare sempre, incontri di educazione stradale per gli anziani
    Per aggiornare soprattutto sulle nuove norme stradali e per un uso corretto della guida e della strada[...]
    Il magnifico tramonto che ci ha regalato la Bassa martedì
    Il magnifico tramonto che ci ha regalato la Bassa martedì
    Per chi se lo fosse perso, ecco una carrellata di immagini [...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: