SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Ad aprile un caldo da record: mai così negli ultimi due secoli

Aprile mai così caldo negli ultimi due secoli, ovvero da 188 anni da quando si rilevano a Modena i principali dati meteorologici. Questa la sintesi del mese di aprile, appena trascorso, tracciata dagli esperti dell’Osservatorio Geofisico del DIEF – Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di Unimore. Complice una seconda metà del mese straordinariamente calda, la temperatura media di aprile 2018 rilevata nella stazione storica posta sul torrione orientale del Palazzo Ducale di Modena, in pieno centro, è risultata di 17.2°C.

Il record toccato, statisticamente, è ex equo con l’aprile 2007, ma supera comunque gli altri precedenti storici: aprile 2011 che segnò una media mensile di 17.0°C e il più che storico, anche dal punto di vista meteo, aprile 1945 quando fu calcolata una temperatura media di 16.8°C.

“Aprile 1945 – racconta il meteorologo Luca Lombroso di Unimore – fu un episodio caldo straordinariamente anomalo per quegli anni, anche se si trattò di un episodio isolato, che ha resistito a lungo come mese di aprile record per il caldo. Al giorno d’oggi tutti i record di temperatura  media mensile modenesi sono stati registrati nel corso del XXI secolo, con la sola eccezione del mese di febbraio, che comunque ha il suo record nel 1998, alle soglie del nuovo millennio. Un’evidenza che il clima modenese sta cambiando, e in modo veramente veloce e rapido”.

Nel dettaglio, l’anomalia termica di aprile 2018 risulta di +3.8°C rispetto alla media del periodo di riferimento climatologico 1981-2010 ed è dovuta, soprattutto, alle temperature riscontrate nella seconda metà del mese, quando alcune giornate sono state perfino 6-8°C più calde della media.

Il giorno più caldo, sempre a Modena centro città, è stato il 25 aprile, con una temperatura massima di 26.3°C; quello più freddo ha visto il termometro scendere a 9.3°C il giorno 2 aprile. Resta distante il record assoluto di caldo, di 30°C toccati l’11 aprile 2001. “Dunque – aggiunge Luca Lombroso – siamo stati in presenza di un mese con caldo record, anche se ciò non è attribuibile a picchi giornalieri estremi ma alla persistenza e durata del caldo. E questo è un dato ancor più significativo della “nuova normalità” che stiamo vivendo”.

Le piogge sono state scarse, soli 9.4 mm, assai inferiori ai 56.6 mm di media climatologica delle precipitazioni mensili attese in aprile. Il detto “aprile ogni giorno un barile” è stato rispettato solo nella prima parte del mese e solo per frequenza, ma non per quantità di precipitazioni. “La seconda metà del mese di aprile, che statisticamente, giova ricordarlo, è un mese piuttosto piovoso, quest’anno – prosegue la sua analisi Luca Lombroso – è risultata addirittura come quella dell’aprile più asciutto dal 1970”.

Caldo, ma naturalmente con alcune differenze dovute alla microclimatologia urbana e ad altri fattori, anche nelle altre stazioni dell’Osservatorio geofisico universitario di Unimore. A Reggio Emilia, presso il Campus universitario San Lazzaro in periferia, si è riscontrata una temperatura media mensile di 15.8°C, con ben 28.5°C di massima del giorno più caldo, sempre il 25 aprile, e una fredda mattina, con soli +3.5°C il giorno 2 aprile. In tutto le piogge sono state pari a 29.2 mm. A Modena Campus DIEF, nella periferia della città, la media mensile termica ha indicato una temperatura media di 15.7°C, con la massima del giorno più caldo di 27.7°C, uguale nei valori sia il giorno 24 che 25 aprile, e una minima mattutina più fredda di +3.2°C il giorno 2 aprile. Il pluviometro qui ha raccolto in tutto 14.2 mm.

Previsioni. “Potremmo dire che, finito il caldo anomalo precoce, a tratti quasi estivo, è tornata la primavera. Le temperature – commenta l’espertoLuca Lombroso di Unimore – infatti sono diminuite, ma non hanno fatto altro che riavvicinarsi ai valori medi stagionali. E sono tornate anche le piogge, che sono un elemento tipico delle primavera, più del sole e del caldo”. Più in dettaglio, la settimana in corso sarà caratterizzata dall’azione di una depressione mediterranea, con piogge e temporali pressoché quotidiani, ma non continui. La depressione non porta masse d’aria fredde, bensì miti, di provenienza nord africana. Di conseguenza avremo altri trasporti di polvere sahariana, con deposizione al suolo di sabbia in particolare venerdì 4 maggio, in una nuova fase di piogge più diffuse. Le temperature saranno condizionate dalla nuvolosità, spesso presente, che limiterà il soleggiamento. Dunque di giorno resteranno attorno a 21-23°C, mentre le minime notturne saranno sui 13-15°C, valori in linea con la stagione. In tendenza a medio termine, avremo tempo più stabile e temperature in rialzo all’inizio della prossima settimana, ma al momento senza altre ondate di caldo precoce.  “Insomma, – conclude Luca Lombroso – siamo di nuovo nella dimenticata ma spesso invocata mezza stagione”.

Rubriche

Glocal
La disuguaglianza tra ricchi e poveri alimenta la rabbia sociale
L’1% della popolazione mondiale detiene quasi la metà della ricchezza aggregata netta totale.leggi tutto
Glocal
Esondazione Secchia del 2014: una sentenza da rivedere
Alluvione 2014, per la Procura non ci sono responsabili: archiviata l’inchiesta.leggi tutto
Glocal
Lo shutdown più lungo della storia americana
Lo shutdown americano, il più lungo della storia americana, sta avendo conseguenze negative che non riguardano soltanto il presente della più grande democrazia del pianeta, ma anche il futuro.leggi tutto
Glocal
I costi dello shutdown americano
Il Presidente americano vuole assolutamente il muro ai confini con il Messico: “farò tutto il necessario”, avrebbe dichiarato nei giorni scorsi, “il pubblico americano chiede il muro”.leggi tutto
Glocal
America in shutdown
Blocco di un quarto delle attività federali per mancanza di fondi. Trump: "Speriamo non duri a lungo". E rinuncia alle vacanze di Natale.leggi tutto
Glocal
Qualità della vita in Italia 2018
Italia Oggi, in collaborazione con l’Università “La Sapienza” di Roma, ha realizzato anche quest’anno l’indagine sulla qualità della vita in Italia. La classifica vede le province del Nord –Est fare la parte del leone, con Bolzano e Trento rispettivamente al 1° e 2° posto, seguite da alcune province del Nord-Est quali Belluno, Pordenone e Treviso rispettivamente al 3°, 5° e 9° posto.leggi tutto
Glocal
IL GOVERNO DEL CAMBIAMENTO
In conclusione abbiamo un’emergenza chiamata debito pubblico. Dobbiamo cominciare a pensare che sia il caso di smettere di spendere più soldi di quelli che abbiamo. Dobbiamo cominciare a pensare di smettere di promettere sogni che non si possono realizzare, e che occorre disinnescare l’incubo di una spirale di sfiducia nei confronti dell’Italia che manderebbe all’aria la nostra credibilità.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchPiantagione di marijuana, la scoperta dei Carabinieri a Cavezzo
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Finale Emilia si riempie di cuori nei negozi
    Finale Emilia si riempie di cuori nei negozi
    Si ricorda così come la città abbia un cuore pulsante e una offerta che non ha nulla da invidiare ai centri commerciali e allo shopping su Internet[...]
    Cane scappa di casa e provoca incidente stradale, condannato il padrone
    Cane scappa di casa e provoca incidente stradale, condannato il padrone
    Per omicidio colposo legato all'omessa custodia dell'animale[...]
    Si ferma il viaggio di Cherif intorno al mondo: è innamorato
    Si ferma il viaggio di Cherif intorno al mondo: è innamorato
    "Il mio cuore ormai si è perso per lei", spiega il giovane che era stato con la Croce Rossa a San Felice a prestare aiuto durante il sisma[...]
    Fabbrica ticket falsi per non pagare il parcheggio
    Fabbrica ticket falsi per non pagare il parcheggio
    Nei guai un professionista di 30 anni apparentemente insospettabile[...]
    Concordia, c'è una storia d'amore dietro la maxi rissa tra ragazzi
    Concordia, c'è una storia d'amore dietro la maxi rissa tra ragazzi
    Più di 40 ragazzini si erano dati appuntamento per picchiarsi[...]
    "Il Panaro ha rotto gli argini a Nonantola" è una bufala. La sindaca minaccia denunce
    "Il Panaro ha rotto gli argini a Nonantola" è una bufala. La sindaca minaccia denunce
    Allo stato attuale il livello del fiume è stazionario in lenta diminuzione[...]
    Paga per un appartamento a Tenerife ma è una truffa da più di mille euro
    Paga per un appartamento a Tenerife ma è una truffa da più di mille euro
    Un pensionato carpigiano aveva visto un annuncio su internet[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: