SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Davide Gaddi fa rotta verso Capo Nord in bici per la solidarietà coi bimbi disabili

MIRANDOLA – Le sue imprese hanno il sapore del viaggio epico, cui aggiunge il tocco personalissimo di non dimenticare chi è più sfortunato e dirotta l’attenzione che si poggia su di lui sulla solidarietà. Davide Gaddi sta per lasciare Mirandola diretto a Capo Nord, in bicicletta. Partenza il 1 giugno giugno da Trieste, ritorno a casa il 30 giugno.

Non cerca applausi, non accetta soldi per sè, ma chiede che eventuali donazioni vadano ai progetti che condivide e sostiene. Come quello di quest’anno, a favore dell’Azienda Agricola e Sociale Villa Forni, di Cognento, molto attiva nell’offerta ai ragazzi diversamente abili.

Ecco la sua storia

Salve…
Mi chiamo Davide Gaddi, abito a Mirandola, ma nel tempo libero monto in sella e vado. Ho scoperto la bicicletta piuttosto tardi, a quarant’anni suonati, ma ormai da cinque anni è una grande passione che talvolta mi porta anche molto lontano da casa.
Sono sempre stato e lo sono anche ora un sognatore, a volte anche ad occhi aperti, ma come diceva il grande Walter Bonatti, un’impresa nasce prima nei sogni, nelle idee, e solo dopo è possibile realizzarla in concreto. Mi reputo una persona normale, non mi sono mai sentito un atleta estremo, come talora mi definiscono, e in tutti gli sport che ho praticato non ho mai raggiunto risultati da classifica. Ma andare in bici mi fa stare bene con me stesso. Forse per questo mi viene più facile di altri percorrere grandi distanze, progettare viaggi anche impegnativi, e sempre con un occhio di riguardo alle persone più sfortunate di me.
Nel 2015 ho organizzato un viaggio in solitaria in bicicletta da Palermo a Trieste, per sostenere l’acquisto di un furgone attrezzato per il trasporto di ragazzi disabili. Nel 2016, ho percorso tutto l’arco alpino, e valicato due volte l’Appennino Tosco-emiliano per portare un saluto a tutte le ANPAS che hanno prestato il loro supporto al nostro territorio colpito dal sisma del 2012. In quel viaggio ho percorso più di 2000 chilometri di territorio montano, superando un dislivello superiore a 20.000 metri. Grazie a questa esperienza ho raccolto circa 11.000 euro devoluti agli orfani del Nepal, colpiti dal devastante terremoto del 2015. Si è trattato di esperienze bellissime, in grado di farmi scoprire la parte più vera del mio essere, e di farmi conoscere persone fantastiche.
E ora, si parte per Capo Nord, il mitico Nordkapp, nel desiderio di raggiungere il Grande Nord, un mito per gli esploratori di varie epoche, oggi molto più accessibile a chi, come me, vuole muoversi con le sole proprie forze. Attualmente pedalo una Salsa Fargo, una vera e propria bici da viaggio (una Gravel, in gergo tecnico). Si tratta per me della bici perfetta, il compromesso migliore possibile. Prima utilizzavo una mountain bike biammortizzata, più pesante di 6 kg, e che arrivava ad essere 35 kg a pieno carico. Ora con la gravel ho recuperato peso e quindi capacità di carico, potendo contare su una maggiore scorrevolezza sulle lunghe distanze.
Talvolta mi alleno da solo, oppure esco con un gruppo di Amici che ha il nome di Fat Bike Crusades: è un gruppo che non è un gruppo, dove si fanno dei giri che non sono giri, insomma l’importante è stare bene assieme passando il nostro tempo a faticare sui pedali, ma anche a ridere tantissimo facendo quello che ci piace.
Quando parto per un viaggio sommariamente faccio una valutazione delle distanze da percorrere, dei dislivelli ma il viaggio, quello vero, lo fa la strada, i paesaggi, le persone, il contatto con la natura. Sono dentro una cartolina in movimento e spesso mi incanto guardano una città da un punto alto, o una valle, dal passo che ho appena valicato. Secondo una valutazione sommaria, per raggiungere Capo Nord percorrerò circa 3.800 chilometri, passando attraverso la Norvegia. Non ho pianificato nulla se non il viaggio di ritorno in aereo, che sarà il 30 di giugno da Tromso. Partirò da Trieste per poi spostarmi verso Lubiana, in Slovenia. Poi raggiungerò Bratislava, passando per Ungheria e Slovacchia. Dopo una puntatina a Brno, in Repubblica Ceca per un saluto a un amico di infanzia, attraverserò tutta la Polonia, la Lituania verso Riga, la Lettonia, l’Estonia fino a Tallinn.
La mia bici è forte, ma non anfibia, per cui prenderò il traghetto verso Helsinky in Finlandia, puntando a Rovaniemi in Lapponia, sempre più a Nord. Una volta in Norvegia spero di fare una bella foto sotto il Mappamondo a Nordkapp. Mi aspetto che le maggiori difficoltà del viaggio saranno legate alle condizioni climatiche, ovvero pioggia fredda e vento forte, i peggiori nemici dei ciclisti. Farò tappe mediamente di 120 km al giorno, anche se, qualora possibile, cercherò di fare tratte anche più lunghe, per guadagnare giorni in caso di imprevisti, che sono sempre in agguato. Per sopportare questi ritmi mi sto allenando da sei mesi, sia in palestra che sulla bici, perdendo molto peso superfluo e guadagnando massa nelle gambe. Solitamente mi alleno su distanze lunghe, che variano dai 150 ai 200 km, sempre in giornata. Occorre avere molta resistenza per sopportare un viaggio così, riuscire a stare molte ore in sella.
Altro aspetto fondamentale è la condizione mentale. Bisogna sapersi ascoltare, andare quando si può, e rallentare quando sentiamo che è il momento di farlo, senza mai forzare. Un lungo viaggio è fatto soprattutto attraverso il raggiungimento di un equilibrio interiore, che nasce dall’entrare in contatto profondo con sé stessi. Ad ogni modo non ritengo di essere in procinto di compiere una grande impresa, ma solo un grande viaggio. Un classico giro in bici che durerà 30 giorni.
Non ci trovo nulla di eccezionale, voglio dire, andare sulla luna è un’impresa. Nei giri che faccio vale la prova con sé stessi, è un richiamo, viene da dentro, un esperienza da provare e che, nel mio caso, rende la vita degna di essere vissuta. Poi cerco di unire la mia voglia di andare, la curiosità che questi viaggi suscitano, ad una finalità benefica, per dare una possibilità a qualcuno che ha bisogno, raccogliendo fondi per specifici progetti. Penso che fare del bene agli altri, in silenzio, sia un privilegio che ci fa stare meglio con noi stessi.
Per questo tutti i viaggi che ho fatto finora sono stati a mie spese, non accetto soldi per me, ma chiedo che eventuali donazioni vadano ai progetti che condivido e sostengo. Come quello di quest’anno, a favore dell’Azienda Agricola e Sociale Villa Forni, di Cognento (MO), molto attiva nell’offerta ai ragazzi diversamente abili (agricoltura sociale, pet terapy, ippoterapia, attività laboratoriali, etc.).
La famiglia Forni, una pietra miliare nella storia modenese, ha in essere un ambizioso progetto in più fasi che prevede inizialmente la costruzione di un grande pollaio all’avanguardia per galline ovaiole. Grazie alle uova, e alla farina di grano pregiato (miscela di semi antichi) diversi ragazzi disabili potranno cimentarsi nella preparazione di pasta fresca, rigorosamente nel rispetto della tradizione modenese, e trovare un ruolo se non un lavoro vero e proprio. Sarei felice se il mio viaggio, grazie al sostegno delle persone che mi seguono, potesse dare un concreto aiuto a chi, come i Forni, si spende per aiutare chi ha meno di noi.
Per sostenere iniziativa: Iban IT43I0538723300000002619163. Grazie. Gaddi Davide

Rubriche

Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto
Storia semiseria di un delirio elettorale
Caos e ritardi con lunghe cose ai seggi elettorali a causa dell'inserimento del bollino antifrode nelle schede elettorali.leggi tutto
Glocal
L’Italia detiene il primato europeo di “Stato più povero”
In Europa, su una popolazione di circa 510 milioni di abitanti, il 15% circa dei suoi abitanti vive in uno stato di “privazione sociale o materiale”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Ha ringraziato il piccolo Benedetto per il gentile pensiero rivolto a sua Maestà[...]
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Con la sua Osteria Francescana è di nuovo al primo posto dei 50 Best Restaurant. [...]
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Accade a 50 anni dalla scomparsa di Giovannino Guareschi[...]
    Dall'Università di Modena laurea Honoris Causa a Horacio Pagani
    Dall'Università di Modena laurea Honoris Causa a Horacio Pagani
    L'imprenditore argentino diventerà dottore in Ingegneria del Veicolo[...]
    Marijuana sanitaria, in pochi mesi già un migliaio di pazienti trattati
    Marijuana sanitaria, in pochi mesi già un migliaio di pazienti trattati
    Si usa per ridurre il dolore neuropatico cronico di intensità elevata e trattare i pazienti affetti da sclerosi multipla con spasticità, in caso di resistenza alle terapie convenzionali.[...]
    Multata perchè, mentre puliva, dell'acqua finì in strada. Ora va in televisione
    Multata perchè, mentre puliva, dell'acqua finì in strada. Ora va in televisione
    Una sigora di Bomporto chiede giustizia per quel che le è accaduto loscorso febbraio[...]
    Si levano urla dal cimitero: uomo rimasto chiuso dentro chiede aiuto
    Si levano urla dal cimitero: uomo rimasto chiuso dentro chiede aiuto
    Allarme in paese per il via vai di lampeggianti blu nella notte[...]
    Un urlo squarcia la notte a Finale Emilia. Nessuna violenza, solo pene d'amore
    Un urlo squarcia la notte a Finale Emilia. Nessuna violenza, solo pene d'amore
    Brusco risveglio per tanti finalesi nella notte tra mercoledì e giovedì attorno alle 3 del mattino[...]
    Per la giornata del donatore arriva il gelato al gusto Avis
    Per la giornata del donatore arriva il gelato al gusto Avis
    Davanti alla gelateria che lancia l'iniziativa ci saranno i volontari dell’associazione a fare informazione[...]
    Il mistero della scritta in latino comparsa sulla ciclabile
    Il mistero della scritta in latino comparsa sulla ciclabile
    Si tratta di una epigrafe vergata su una tavola di legno piantata sul terreno[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: