SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo

di Andrea Lodi

E’ passata da poco la mezzanotte. Sto per disattivare il collegamento internet dello smartphone, quando vengo letteralmente sommerso da una marea di messaggi da WhatsApp. Immagino si tratti della solita discussione notturna di amici, che si cimentano in inutili scambi di altrettante inutili argomentazioni.

Sono combattuto se dare un’occhiata o lasciare perdere. Fortunatamente propendo per la prima ipotesi.

Sono immagini da Sunnyvale, Silicon Valley. E’ Massimiliano Cravedi, CEO di Xeo4, una delle quattro imprese emiliane che partecipano al programma dell’Aster IoT Accelerator Program (le altre sono: la carpigiana Competitoor e le bolognesi Pollution e Nextis4us). Inizia così un confronto, un viaggio che mi introduce nella quotidianità di Massimiliano, nella incredibile avventura che sta vivendo.

Tutte le mattine Massimiliano si alza di buon ora per raggiungere la sede del “Plag and Play”, uno dei più importanti acceleratori d’impresa degli Stati Uniti. Per prima cosa l’allineamento quotidiano con l’ufficio in Italia, un’abbondante colazione e quindici minuti a piedi per raggiungere la sua postazione di lavoro.

La colazione

Il posto di lavoro

L’ufficio

“La giornata passa veloce, tra ricerche, revisione dei documenti, confronti con il “mentore”, partecipazione ad eventi organizzati all’interno del PnP, discussioni con i colleghi”, mi racconta Massimiliano da nove ore di fuso orario di distanza.

“La mattina fa davvero freddo, non pensare alla California dei film, quella è a LosAngeles”, continua Massimiliano.

La prima parte del mese è stata dedicata alla formazione. Giornate di lezioni full time tenute da professionisti top della comunicazione, dell’economia, del marketing e della strategia d’impresa, °giusto per farci entrare subito nel mindset della Valley”, precisa Massimiliano.

Le riunioni

La seconda parte del mese invece è stata dedicata ad una meticolosa ricerca della propria strategia, lo studio del mercato, dei competitor e della costruzione della cosiddetta “value proposition”.

“La strategia è alla base di tutto, ma non c’è una regola precisa, ogni azienda, ogni progetto, deve trovare la propria strada – spiega Massimiliano – ed in questo mi aiuta parecchio Jean-Claude Junqua, il mio mentore che, passo dopo passo, porta l’idea iniziale verso un progetto sostenibile”.

Plag and Play ha affidato il progetto di Massimiliano nelle esperte mani di Jean-Claude Junqua, consulente della Stanford University, della Singularity University e CEO di “CE2Innovate”.

Massimiliano con Jean-Claude Junqua (il mentore)

Perché per fare sviluppo d’impresa occorre percorrere migliaia di chilometri? Non si possono fare le medesime cose in Europa?

Il fatto è che qui c’è l’ecosistema. E cioè la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione. Che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune, quello di costruire grandi aziende su scala globale. E da 40 anni continuano ad evolversi e migliorare questo modello. Competere con loro è impensabile. E francamente credo sia meglio così.

Perché ritieni sia meglio così?

Nel senso che questo processo ha parecchi lati oscuri, vedi la spinta esagerata verso progetti iper-ambiziosi investendo (e spesso bruciando) ingentissime quantità di capitali. Questo sistema spinto al massimo del rischio imprenditoriale (la scommessa è o tutto o niente) porta ad una mortalità delle startup (e non solo) prossima al 100%. Una cosa del genere in altri paesi sarebbe impensabile.

Per questo motivo devi investire tre mesi del tuo tempo a prepararti al meglio.

Esatto. E’ fondamentale essere estremamente preparati e chiari nella presentazione e nella strategia, per essere credibili e non “bruciarsi”.

Quindi come puoi descrivere il “bilancio” del primo mese?

Spero che il lavoro preparatorio svolto mi possa dare gli strumenti giusti per essere competitivo. Un primo risultato (non da poco) l’ho già ottenuto: ho potuto lavorare per un mese full time sulla strategia dei prossimi anni. Credo, anzi sono certo, che senza questa opportunità, non avrei mai trovato il tempo di dedicarmi in maniera così profonda alla ricerca del percorso da seguire. E senza una chiara strategia, non c’è futuro.

Come trascorri il tempo libero?

Nel weekend cerchiamo di ritagliarci almeno mezza giornata di svago, per il resto si lavora per cercare di anticipare le critiche che il mentore porterà il lunedì (ma non ci riusciamo mai).

Stanford University

Stanford University

Oceano Pacifico

L’ultima domanda, “bastarda”: ti trasferiresti qui?

Sto facendo la lista dei pro e dei contro … ti farò sapere.

Un invito a risentirci più avanti.

Rubriche

Glocal
L’intelligenza artificiale creerà nuovi posti di lavoro?
L’intelligenza artificiale migliorerà la produttività di molti posti di lavoro, eliminando milioni di posizioni di medio e basso livello, ma anche creando milioni di nuove posizioni di alta qualifica.leggi tutto
Glocal
Il difficile rapporto tra l'Italia e le start-up
Secondo i dati del Ministero dello sviluppo economico (con la collaborazione di Infocamere e Unioncamere), il numero delle società innovative in Italia ha raggiunto la quota di quasi 9.000 imprese.leggi tutto
Glocal
Ocse: "Italia terza per disoccupazione, scendono i salari reali"
LʼOcse segnala un alto livello di insicurezza per quanto riguarda il mercato del lavoro in Italia, la cui situazione è "migliorata negli ultimi anni, ma più lentamente che in altri Paesi"leggi tutto
Glocal
Quando le imprese americane investono in Italia
“Eon Reality”, azienda californiana, ha investito 24 milioni di euro in Emilia Romagna a Casalecchio di Reno, grazie alla legge sull'attrattività, con in programma centosessanta nuove assunzioni.leggi tutto
Glocal
Sergio Marchionne: innovatore o visionario?
Sergio Marchionne è stato un innovatore in quanto visionario, nell’accezione imprenditoriale del termine, inteso come colui che è in grado di avere una “vision”, ovvero di sapere guardare avanti, al futuro.leggi tutto
Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • Watch"Il meteorite è caduto qui", tra Mirandola e San Felice
    • WatchL'arrivo del Papa a San Giacomo Roncole con la musica dei Rulli Frulli
    • WatchBomporto, presentate le barriere antinondazione

    Curiosità

    Si rompe la sedia mentre gioca a carte al bar, risarcimento da 10 mila euro
    Si rompe la sedia mentre gioca a carte al bar, risarcimento da 10 mila euro
    Dovranno pagare i gestori. L'assicurazione del bar, invece, non è stata ritenuta responsabile dell'accaduto. [...]
    Lancia il sacco di spazzatura dall'auto, il sindaco gliela riporta a casa
    Lancia il sacco di spazzatura dall'auto, il sindaco gliela riporta a casa
    "Sono venuto a restituirle quello che ha perso per strada", le ha detto[...]
    49 anni dopo i ragazzi della 1B del Luosi del 1969 si ritrovano a cena
    49 anni dopo i ragazzi della 1B del Luosi del 1969 si ritrovano a cena
    Rinnovata l'antica amicizia, con abbracci calorosi è arrivata la promessa di rivedersi l'anno prossimo per le nozze d'oro. [...]
    Auto lasciata sulle scale a San Felice
    Auto lasciata sulle scale a San Felice
    L'immagine fa pensare a qualche parcheggio selvaggio, di quelli che si vedono a volte nelle grandi città dove proprio posto non se ne trova [...]
    "Clamoroso al Cibali", addio al calciatore finalese Mario Castellazzi
    "Clamoroso al Cibali", addio al calciatore finalese Mario Castellazzi
    Fu autore dello spettacolare gol che il cronista Sandro Ciotti marchiò per sempre con la celebre espressione durante un Catania-Inter d'antan[...]
    Due cagnolini abbandonati e quel latte che sa di miracolo - LA STORIA
    Due cagnolini abbandonati e quel latte che sa di miracolo - LA STORIA
    Vengono allattati da una cagnolina sterillizzata che anni fa venne anch'essa trovata per strada[...]
    Perchè suona la sirena a San Felice
    Perchè suona la sirena a San Felice
    Molti ne riconoscono il suono[...]
    San Prospero Fantasy, da 8 anni la magia delle fiabe nel cuore della Bassa
    San Prospero Fantasy, da 8 anni la magia delle fiabe nel cuore della Bassa
    "Il teatro era la loro passione, la fantasia il loro obiettivo. Portare un pizzico di magia, fantasia, storie per affascinare i bambini, trame per intrigare gli adulti"[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: