SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono

di Andrea Lodi

Francesca è una dei diecimila studenti italiani che frequenta un Istituto Tecnico Superiore. L’ITS Biomedicale di Mirandola, per la precisione. Assieme al compagno di scuola Simone, Francesca entro un anno dal conseguimento del diploma di Tecnico Superiore, troverà un lavoro coerente con le competenze acquisite.

Secondo l’ultimo monitoraggio del MIUR, infatti, più dell’80% dei diplomati ha trovato lavoro nel giro di pochi mesi. Merito di un percorso formativo di tipo tecnico che tiene conto delle caratteristiche del nostro sistema economico. Gli ITS sono organizzazioni formative che coinvolgono imprese, enti pubblici, centri di ricerca ed associazioni di categoria, al fine di garantire una formazione adeguata alle reali esigenze delle imprese, ed una “certezza” occupazionale ai tanti giovani che si affacciano sul mercato del lavoro.

E’ una risposta al fenomeno che gli inglesi definiscono Skill Mismatch, ovvero il gap esistente tra le competenze dei potenziali lavoratori e quelle richieste dalle imprese.

Purtroppo si tratta di una timida risposta. I novantacinque ITS presenti in Italia, che offrono percorsi formativi post diploma della durata di due anni, dislocati in prevalenza nel nord Italia, attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.

Un paradosso. Se si pensa che la disoccupazione giovanile, secondo i dati pubblicati dall’Istat, è del 31,7% nella fascia 15 – 24 anni e del 16,0% nella fascia 25 – 34 anni, risulta difficile spiegarsi perché le imprese non riescano a trovare giovani lavoratori.

I profili maggiormente richiesti riguardano i settori della meccatronica, della meccanica, della chimica, del tessile, dell’alimentare, del turismo, dell’Ict e del benessere. Certo che non si può pensare che un giovane interessato alla filosofia possa immaginare il suo futuro professionale in un’azienda del comparto tessile o meccanico. Sono gli effetti di un “eccesso di libertà”, direbbe qualcuno, nel senso della programmazione del nostro futuro lavorativo, di cui soffre (o gode) il nostro Paese.

In Germania, ad esempio, le cose funzionano in modo diverso. Per la classe media, il futuro di ogni tedesco è predeterminato dalle istituzioni. Non è il singolo individuo a scegliere quale scuola frequentare, ma l’istituzione scolastica, in base a valutazioni sulle quali il genitore non può proferire parola. Le Fachhochschulen, il corrispondente tedesco dei nostri ITS, superano il milione di studenti. Un rapporto di 1 a 100.

ITS a parte, la domanda da porsi è: che fine fanno i diplomati tecnici italiani che non si iscrivono agli ITS? Negli ultimi dieci anni sono diminuiti in modo sorprendente le iscrizioni agli istituti tecnici e professionali. Per contro invece sono aumentati i liceali. Secondo uno studio realizzato dalla Fondazione Agnelli, più della metà dei diplomati italiani, a due anni dal diploma, si accontenta di un lavoro qualsiasi. Un dato preoccupante, su cui vale la pena riflettere. Ma mentre noi riflettiamo, i tecnici tedeschi premono alle porte. Una nuova ondata di invasione barbarica?

Rubriche

Glocal
Quando le imprese americane investono in Italia
“Eon Reality”, azienda californiana, ha investito 24 milioni di euro in Emilia Romagna a Casalecchio di Reno, grazie alla legge sull'attrattività, con in programma centosessanta nuove assunzioni.leggi tutto
Glocal
Sergio Marchionne: innovatore o visionario?
Sergio Marchionne è stato un innovatore in quanto visionario, nell’accezione imprenditoriale del termine, inteso come colui che è in grado di avere una “vision”, ovvero di sapere guardare avanti, al futuro.leggi tutto
Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa
    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parla la vicina di casa
    • WatchStefano e Gabriele si sposano, è la prima unione civile della Bassa

    Curiosità

    Un drago barbuto, un’iguana e cinque cuccioli di volpe scambiati per cagnolini. Tutti i salvataggi de Il Pettirosso
    Un drago barbuto, un’iguana e cinque cuccioli di volpe scambiati per cagnolini. Tutti i salvataggi de Il Pettirosso
    L'associazone si occupa degli animali in difficoltà e in un anno ne ha curato un migliaio[...]
    Per Alex Guagliumi di Medolla il titolo di Mister Fitness
    Per Alex Guagliumi di Medolla il titolo di Mister Fitness
    La premiazione è avvenuta a Rosolino, in provincia di Rovigo[...]
    Pomodori da record, a Cavezzo un esemplare di oltre 1 chilo e 600 grammi
    Pomodori da record, a Cavezzo un esemplare di oltre 1 chilo e 600 grammi
    Lo ha coltivato Laura, una studentessa di giurisprudenza con la passione per l'orto[...]
    Asfaltato per errore il pozzo della Secchia rapita
    Asfaltato per errore il pozzo della Secchia rapita
    È successo a Bologna durante lavori stradali[...]
    Reunion in Russia per i protagonisti della Bassa al Mongol Rally
    Reunion in Russia per i protagonisti della Bassa al Mongol Rally
    I componenti dei team Alboreto is nothing e Wanderlost si sono ritrovati a cena prima di entrare in Mongolia[...]
    Mongol Rally, un po' di Bassa sull'altopiano del Pamir
    Mongol Rally, un po' di Bassa sull'altopiano del Pamir
    Gli equipaggi Alboreto is nothing e Wanderlost hanno attraversato nei giorni scorsi la Pamir Road. LE IMMAGINI[...]
    L'Università in onda su RaiUno: a Superquark un documentario girato in esclusiva
    L'Università in onda su RaiUno: a Superquark un documentario girato in esclusiva
    Nella puntata di mercoledì 25 luglio si parlerà anche di tardigradi[...]
    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    La casa automobilistica di Maranello riceve il premio "Red Dot: Best of the Best" nella categoria Product Design per l'eccellenza stilistica[...]
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Illesa, ma molto spaventata la conducente del veicolo[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: