Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Si mette a piangere in Caserma e ammette le minacce: nasce da una mamma la brillante azione antidroga dei Carabinieri

BONDENO – Si mette a piangere in Caserma e ammette le minacce: nasce da una mamma di Bondeno la brillante azione antidroga dei Carabinieri. Qualche mese fa la signora si era recata in caserma a Bondeno a denunciare col marito il danneggiamento della propria auto. Non voleva aggiungere di più ma si è messa a piangere e grazie alla sensibilità di un Carabiniere ha ammesso le terribili minacce che la famiglia riceveva da una banda di spacciatori con cui il figlio aveva un debito.

Ma dietro quel piccolo fatto di cronaca e a una caserma di provincia c’era una vasta rete di spaccio internazionale di droga con base a poca distanza da Finale Emilia, a Bondeno, appunto.

Martedì mattina in diverse località dell’Emilia-Romagna, della Toscana, della Lombardia e della Sicilia, i carabinieri del comando provinciale di Ferrara, insieme ai colleghi di Bologna, Modena, Parma, Brescia, Mantova, Firenze, Pisa e Pistoia stanno dando esecuzione a 22 ordinanze di custodia cautelare in carcere, emesse dal gip del Tribunale di Bologna su richiesta della Dda, guidata dal procuratore capo Giuseppe Amato. L’operazione denominata ‘Sottobosco’ arriva al termine di un’indagine cominciata nel 2016, che ha permesso di documentare l’esistenza di un’associazione a delinquere specializzata nel traffico di cocaina importata dall’Olanda. Numerose le perquisizioni in corso da parte dei carabinieri.

La ricostruzione dei Carabinieri

L’attività investigativa svolta ha avuto origine in data 13 marzo 2016 quando, presso la Stazione Carabinieri di Bondeno (FE) si presentava una coppia del luogo per denunciare il danneggiamento della propria autovettura mediante il taglio dei pneumatici.
Inizialmente i denuncianti non aggiungevano alcun dettaglio in ordine al contesto nel quale l’episodio andava inquadrato ma, durante la loro permanenza presso gli uffici, la moglie attirava l’attenzione di un Carabiniere a causa di un pianto improvviso.
Il militare avvicinava la donna allo scopo di comprendere il motivo delle sue lacrime, riscontrando uno stato di profonda inquietudine che pervadeva la coppia a causa di numerose minacce pervenute loro da creditori del loro figlio che, a loro dire, aveva contratto ingenti debiti con spacciatori di droga. La donna riferiva di temere per la propria stessa vita, asserendo di aver ricevuto minacce in tale senso.
A causa del comportamento violento e minaccioso del figlio tossicomane, la coppia si vedeva costretta a richiedere l’intervento dei Carabinieri di Bondeno (FE) in ben quattro occasioni tra il 17 e il 20 marzo 2016.

Nel corso di tutti gli interventi i militari apprendevano ulteriori particolari circa la situazione creatasi a seguito delle pressioni e delle minacce di cui erano vittime i coniugi: emergeva il “trattenimento” della carta di circolazione della loro autovettura in uso al figlio da parte di alcuni spacciatori, che restituivano il documento solo dopo il saldo del debito da parte del padre.
Le indagini hanno consentito, dapprima, di fare luce sull’episodio estorsivo denunciato dalla coppia e, successivamente, di svelare una fitta ed organizzata rete di spaccio di sostanze stupefacenti . Pertanto, le indagini si sono orientate in tale direzione, indentificando il cittadino marocchino J. M.come il fornitore di cocaina destinata ai referenti del gruppo operanti in Bondeno (FE).

Risalendo poi la struttura organizzativa – di “tipo piramidale” e caratterizzata da una spiccata propensione alla violenza – capeggiata dal citato J. M. emergeva la cogestione paritaria degli affari illeciti con cinque cittadini albanesi (D. D., D.E, D.I, D. B e A. K), operanti tra le province di Pisa e Firenze, che curavano l’approvvigionamento di cospicui quantitativi di cocaina dall’Olanda, servendosi di una rete di corrieri e immettevano la droga sui mercati emiliano-romagnoli (province di Ferrara, Bologna, Modena e Parma, dove i marocchini svolgono attività lavorativa di braccianti agricoli) e sino ad arrivare alla Toscana (dove gli albanesi sono radicati con attività nel settore dell’edilizia) quale terminale finale per il rifornimento della province di Pisa, Firenze e Lucca, in particolare lo “sballo della Versilia”.

I numerosi contatti e le frequentazioni intrattenute dagli indagati, hanno dimostrato la comune appartenenza degli stessi ad un articolato ed omogeneo contesto criminale “gerarchizzato” determinato a dominare il mercato della cocaina nelle aree geografiche in cui agivano le diverse propaggini, massimizzando, in tal modo, i margini di guadagno.
Gli episodi illeciti emersi hanno dimostrato che gli indagati hanno preso parte, con intento e prospettiva di stabilità e secondo modalità ricorrenti, ad una serie di illecite transazioni, ciascuno con ruolo predefinito, ma tutti indirizzati dalla mente del sodalizio, l’indiscusso capo J.M.. È lui, infatti, che reggeva le fila dei “suoi”, conducendo personalmente le trattative per gli acquisti con il gruppo degli albanesi, ma anche impartendo precise istruzioni sul da farsi nelle singole operazioni illecite e disponendo dei concorrenti quali sottoposti, chiamati a intervenire singolarmente o in raccordo, secondo prestabilite modalità e relative all’utilizzo dei veicoli, all’occultamento dello stupefacente e alla gestione del danaro.

Ingenti i guadagni. Basti pensare al basso costo d’acquisto su ogni chilogrammo reperito, che si aggirava al di sotto di 35.000 curo, quando sulle comuni “piazze” si parlava di cifre che oscillavano dagli 80 a 120 Euro al grammo. Tenendo conto del contenuto medio di principio attivo nelle singole dosi sequestrate, da un chilogrammo di cocaina se ne possono ricavare – se molto ben “tagliata” – quattro chili e mezzo che, venduta a 80 euro al grammo, equivalgono a 360 mila curo. Questo dato, da solo, rende l’idea della cospicuità dei margini di lucro che l’attività illecita offre.
I soggetti arrestati sono tutti regolari sul territorio nazionale e residenti e domicilianti nelle zone dove hanno commesso i reati. Alcuni di loro sono nulla facenti.
Durante l’intera attività di investigativa sono stati compiuti diversi sequestri di sostanze stupefacenti, per un totale di 7 chilogrammi di cocaina.
Nel corso delle perquisizioni di questa mattina sono stati recuperati complessivamente 28.000 euro in contanti.
Sono stati impiegati 140 militari,  3 unità cinofile e un elicottero.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017

Rubriche

Glocal
L'economia del turpiloquio
Viviamo in una società dove il turpiloquio viene fin troppo (ab)usato come strumento per umiliare, opprimere e calpestare il prossimo, e che ha assunto un ruolo preponderante nella comunicazione tra gli individui.leggi tutto
Glocal
LA PAROLA AI MANAGER: l'Innovation Manager
Da alcuni giorni è stato pubblicato l’elenco dei consulenti dell’Albo del Mise per gli “Innovation Manager”.leggi tutto
Consigli di salute
Carie: un nemico silenzioso che può causare gravi malattie al cuore e ad altri organi
L’igiene orale? È più importante di quanto si possa immaginare. leggi tutto
Glocal
La parola ai manager: il Fractional Management
Il Fractional Manager non è che un Temporary Manager che in taluni casi opera part time.leggi tutto
Glocal
La parola ai manager: TEMPORARY MANAGEMENT, una opportunità per le PMI
Si può definire il TM come un manager a cui viene affidata la gestione temporanea di un determinato progetto, lavorando con un mandato operativo e integrandosi con la proprietà aziendale.leggi tutto
Consigli di salute
Insulino resistenza e alimentazione, il parere della dottoressa Federica Felicioni
L’invecchiamento stesso può predisporre alla insulino-resistenza con il conseguente aumento della glicemia.leggi tutto
Eco sisma bonus, tutto quel che bisogna sapere
Lo studio dell'architetto Malaguti di Concordia ci aiuta a capire cosa bisogna fare per ottenerlo.leggi tutto
Consigli di salute
Stress da rientro? L'alimentazione può dare una mano
Un’ importante strategia che consente di aumentare il livello di serotonina è effettuare un’attività fisica regolareleggi tutto
Consigli di salute
Il rapporto tra denti e postura
Prima si va dal dentista, meglio è: sarà più semplice correggere un allineamento irregolare delle arcate e, quindi, un eventuale difetto della postura.leggi tutto
Glocal
Sud Italia in profonda crisi: cresce il divario tra Nord e Sud
Nel rapporto Svimez sul Mezzogiorno italiano, si delinea un quadro socio-economico sconcertante, a causa soprattutto della ormai consolidata incapacità delle istituzioni locali di erogare servizi che vadano verso il benessere di imprese e cittadini, e con una sempre maggiore presenza delle varie mafie locali all’interno delle istituzioni stesse.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchCome mandare via le cimici da casa, parla l'esperto
    • WatchLe sfogline trap di Mirandola
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Nido gigante al cimitero di Cavezzo, il web si mobilita e sentenzia: sono vespulae germanicae
    Nido gigante al cimitero di Cavezzo, il web si mobilita e sentenzia: sono vespulae germanicae
    Personale della ditta che ha in gestione le operazioni cimiteriali ha già provveduto a metterlo in sicurezza e rimuoverlo[...]
    A Gorghetto pescato un pesce siluro di oltre 2 metri
    A Gorghetto pescato un pesce siluro di oltre 2 metri
    Una volta fatta la foto di rito il pesce siluro è stato liberato[...]
    La piena del Panaro vista dal drone - FOTO E VIDEO
    La piena del Panaro vista dal drone - FOTO E VIDEO
    l Consorzio Bonifica Burana ha mandato in volo un drone per riprendere le immagini dell'ultima storica ondata di piena[...]
    A Medolla la parrocchia di Villafranca fa scuola: è la più seguita d'Europa su Instagram
    A Medolla la parrocchia di Villafranca fa scuola: è la più seguita d'Europa su Instagram
    Ha oltre 1200 fan digitali, niente male per una piattaforma web dove spopolano balletti e influencers, ricette e panorami [...]
    Alla Acetum Cavezzo 200 dipendenti a scuola di sicurezza
    Alla Acetum Cavezzo 200 dipendenti a scuola di sicurezza
    In occasione del primo Safety day dell'azienda prima produttrice di balsamico al mondo[...]
    Un novembre caldo e con tanta, tanta pioggia. E' nuovo record
    Un novembre caldo e con tanta, tanta pioggia. E' nuovo record
    Più di metà della pioggia del 2019 è caduta nei soli due mesi di maggio e di novembre[...]
    Voleva le caramelle e scappa di casa a 3 anni
    Voleva le caramelle e scappa di casa a 3 anni
    E' stata trovata al supermercato, in ciabatte e pigiama, che girovagava tra le corsie[...]
    Senza assicurazione, senza revisione e senza patente. E con l'hashish in tasca
    Senza assicurazione, senza revisione e senza patente. E con l'hashish in tasca
    Un 32enne modenese è stato fermato perchè con la sua Peugeot 207 eseguiva manovre sospette[...]
    Cantando di draghi e fantasy, l'Ensemble Augusta di Mirandola premiato al Lucca Comics & Games
    Cantando di draghi e fantasy, l'Ensemble Augusta di Mirandola premiato al Lucca Comics & Games
    Nella prestigiosa gara musicale dedicata al repertorio di colonne sonore Fantasy e sigle di cartoni animati [...]