SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Il difficile rapporto tra l’Italia e le start-up

di Andrea Lodi

Secondo i dati del Ministero dello sviluppo economico (con la collaborazione di Infocamere e Unioncamere), il numero delle società innovative in Italia ha raggiunto la quota di quasi 9.000 imprese, con più di 2.000 società attive in Lombardia (Regione capofila con il 24% del totale nazionale). Seguono il Lazio, con 911 (10,2%), che per la prima volta supera l’Emilia-Romagna ferma a 884 (9,9%). Al quarto posto rimane il Veneto con 822 (9,2%), seguito dalla Campania, prima regione del Mezzogiorno con 658 start up (7,4%).

Il Capitale sociale totale sottoscritto dalle start-up ammonta a circa 500 milioni di euro, con un aumento del 18% rispetto al 2017. In media poco più di 56.000 euro ad impresa. Il 70% delle start-up si occupa di servizi alle imprese. Negli ultimi anni è cresciuto in modo significativo sia il numero dei dipendenti che il fatturato. Un dato interessante è l‘elevata propensione delle start-up all’investimento (rapporto tra immobilizzazioni e attivo patrimoniale): il 27,7% rispetto al 4,3% delle imprese “ordinarie”.

I dati sopra esposti presentano quindi un quadro sostanzialmente positivo.

Purtroppo le cose non stanno propriamente così. Infatti, se paragonati ai competitor europei, il fatturato medio, il numero di dipendenti e l’impatto economico delle start-up italiane è molto ridotto.

Ma quali sono i motivi di questa situazione?

Innanzitutto occorre prendere in considerazione la scarsa attenzione degli “investitori istituzionali” sulle start-up italiane. Gli oltre 200 milioni di euro investiti nel 2018 da Business Angel e fondi di Venture Capital italiani, (il doppio rispetto ai 130 milioni di euro del 2017) sono ancora pochi rispetto agli investimenti miliardari realizzati nel resto dell’Europa ed in particolare negli Stati Uniti (che registra quote paragonabili ad una nostra “manovra finanziaria”).

Se a questo aggiungiamo una burocrazia troppo lenta e complessa, purtroppo la propensione al rischio diminuisce. Basti pensare che in Italia, secondo dati forniti dalla World Bank, è necessario investire il 13,4% del proprio reddito per rispettare le procedure per l’apertura di un’attività, contro l’1.9% della Germania, l’1.1% degli Stati Uniti e l’incredibile 0% del Regno Unito.

Oltre alla burocrazia occorre aggiungere le spese elevate che una start-up deve sopportare per sostenere la fase di avvio. Le start-up, infatti, senza particolari agevolazioni fiscali e finanziarie, deve scontrarsi con il primo competitor indiretto che gli si presenta davanti: lo Stato italiano.

Vero che i Governi precedenti hanno dato avvio ad “Industria 4.0”, che ha registrato significativi risultati per le imprese ordinarie, ma che rappresenta comunque uno strumento non particolarmente idoneo per le giovani imprese.

Ne danno conferma anche i nuovi “guru” della comunicazione (e non solo) in un articolo pubblicato nel febbraio scorso. Sto parlando della Casaleggio Associati. Si proprio loro, quelli che hanno dato vita al movimento politico che sta attualmente governando l’Italia, che avrebbero avuto la geniale idea di costituire un fondo misto pubblico-privato di Venture Capital per le start-up innovative, utilizzando, tra l’altro, anche i fondi pensione.

Se quindi la lentezza della burocrazia a rispondere al cambiamento, e una tendenza degli investitori italiani ad avere un approccio conservativo, non ci ha permesso di fare dell’Italia un Hub per start-up, occorre fare affidamento sulla “creatività” dei nostri imprenditori. Nella speranza che non si esaurisca, perché, a quanto pare, sulle iniziative della politica, non c’è da fare molto affidamento.

Rubriche

Glocal
Il 50% della ricchezza mondiale in mano a pochi
Secondo una ricerca realizzata dalla Boston Consulting Group, denominata, “Global Wealth 2019: Reigniting Radical Growth”, la ricchezza finanziaria privata nel mondo a fine 2018 ha raggiunto i 206 mila miliardi di dollari: 1,9 volte il PIL mondiale.leggi tutto
Consigli di salute
Alzheimer, la salute di denti e gengive aiuta a ridurne il rischio
Uno studio ha dimostrato come parodontite e Alzheimer siano collegati: ecco perché prendersi cura dei denti è importante leggi tutto
Consigli di salute
Denti e postura, il legame è stretto
Tanti i disturbi correlati: emicrania, dolori nella masticazione, ma anche ernia del disco e tendiniti.leggi tutto
Glocal
Secondo trimestre del 2019: probabile PIL negativo
Il Rapporto annuale dell’Istat sulla situazione macroeconomica del Paese, sentenzia in modo chiaro che nel secondo trimestre dell’anno in corso è prevista una forte contrazione del PIL, al punto che si prevede una differenza negativa rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.leggi tutto
Glocal
Le elezioni dei numeri
La Lega, partito politico che non ha mai nascosto il proprio euroscetticismo, anzi ne ha fatto anche una sorta di portabandiera, è il primo partito italiano che occuperà più scranni nell’Europarlamento.leggi tutto
Glocal
Finanza alternativa – le banche aprono al crowdfunding?
Sebbene in forte ritardo rispetto al Regno Unito, che già nel 2012 presentava numeri da capogiro, in Italia l’equity crowdfunding sta crescendo molto.leggi tutto
Emergenza fiumi, cosa accade in montagna? -LO SPECIALE
Disboscamento e consumo di suolo hanno conseguenze pesanti sull'attività dei corsi d'acqua che poi arrivano da noileggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchDopo il sisma, tornano a suonare le campane della chiesa di Cavezzo
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Passa un trasporto eccezionale, si deve rafforzare ponte Ciro Menotti
    Passa un trasporto eccezionale, si deve rafforzare ponte Ciro Menotti
    Per questo motivo nell’area sotto al ponte è vietata la sosta fino a lunedì 22 luglio[...]
    Il lambrusco al bar di Modena si paga con i bit coin
    Il lambrusco al bar di Modena si paga con i bit coin
    il titolare del wine shop Lambruscheria ha deciso di accettare in pagamento le monete virtuali[...]
    Schiuma nel fiume Panaro: sembra ammoniaca, ma non si sa da dove arriva
    Schiuma nel fiume Panaro: sembra ammoniaca, ma non si sa da dove arriva
    Grandi macchie di sostanza bianca erano comparse a pelo d'acqua nei giorni scorsi[...]
    Il politico Andrea Galli sposa Carlotta Corno
    Il politico Andrea Galli sposa Carlotta Corno
    Tra i partecipanti i politici forzisti della Bassa, da Giorgio Cavazzoli (consigliere comunale a Finale Emilia) a Marian Lugli (consigliere comunale a Mirandola)[...]
    Successo per i Giganti della Bassa, tra grandi alberi e grandissimi piatti
    Successo per i Giganti della Bassa, tra grandi alberi e grandissimi piatti
    Un cedro a Medolla, un pioppo a Cavezzo e una quercia a Soliera sono gli alberi più grandi della Bassa[...]
    Rivara, c'è una sorpresa: il campanile ritorna... bicolore
    Rivara, c'è una sorpresa: il campanile ritorna... bicolore
    Sabato l'inaugurazione: la novità sarà il ritorno, dopo oltre trent'anni in rosa, a tinte in sintonia con quelle della chiesa[...]
    La giunta di Bellelli si presenta... con gli effetti speciali
    La giunta di Bellelli si presenta... con gli effetti speciali
    Esilarante siparietto quello che è andato in scena su Facebook[...]
    A dieci mesi dall'inaugurazione, fontane di Medolla già ferme
    A dieci mesi dall'inaugurazione, fontane di Medolla già ferme
    La ditta che le ha installate è attesa per una manutenzione straordinaria[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: