SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Il difficile rapporto tra l’Italia e le start-up

di Andrea Lodi

Secondo i dati del Ministero dello sviluppo economico (con la collaborazione di Infocamere e Unioncamere), il numero delle società innovative in Italia ha raggiunto la quota di quasi 9.000 imprese, con più di 2.000 società attive in Lombardia (Regione capofila con il 24% del totale nazionale). Seguono il Lazio, con 911 (10,2%), che per la prima volta supera l’Emilia-Romagna ferma a 884 (9,9%). Al quarto posto rimane il Veneto con 822 (9,2%), seguito dalla Campania, prima regione del Mezzogiorno con 658 start up (7,4%).

Il Capitale sociale totale sottoscritto dalle start-up ammonta a circa 500 milioni di euro, con un aumento del 18% rispetto al 2017. In media poco più di 56.000 euro ad impresa. Il 70% delle start-up si occupa di servizi alle imprese. Negli ultimi anni è cresciuto in modo significativo sia il numero dei dipendenti che il fatturato. Un dato interessante è l‘elevata propensione delle start-up all’investimento (rapporto tra immobilizzazioni e attivo patrimoniale): il 27,7% rispetto al 4,3% delle imprese “ordinarie”.

I dati sopra esposti presentano quindi un quadro sostanzialmente positivo.

Purtroppo le cose non stanno propriamente così. Infatti, se paragonati ai competitor europei, il fatturato medio, il numero di dipendenti e l’impatto economico delle start-up italiane è molto ridotto.

Ma quali sono i motivi di questa situazione?

Innanzitutto occorre prendere in considerazione la scarsa attenzione degli “investitori istituzionali” sulle start-up italiane. Gli oltre 200 milioni di euro investiti nel 2018 da Business Angel e fondi di Venture Capital italiani, (il doppio rispetto ai 130 milioni di euro del 2017) sono ancora pochi rispetto agli investimenti miliardari realizzati nel resto dell’Europa ed in particolare negli Stati Uniti (che registra quote paragonabili ad una nostra “manovra finanziaria”).

Se a questo aggiungiamo una burocrazia troppo lenta e complessa, purtroppo la propensione al rischio diminuisce. Basti pensare che in Italia, secondo dati forniti dalla World Bank, è necessario investire il 13,4% del proprio reddito per rispettare le procedure per l’apertura di un’attività, contro l’1.9% della Germania, l’1.1% degli Stati Uniti e l’incredibile 0% del Regno Unito.

Oltre alla burocrazia occorre aggiungere le spese elevate che una start-up deve sopportare per sostenere la fase di avvio. Le start-up, infatti, senza particolari agevolazioni fiscali e finanziarie, deve scontrarsi con il primo competitor indiretto che gli si presenta davanti: lo Stato italiano.

Vero che i Governi precedenti hanno dato avvio ad “Industria 4.0”, che ha registrato significativi risultati per le imprese ordinarie, ma che rappresenta comunque uno strumento non particolarmente idoneo per le giovani imprese.

Ne danno conferma anche i nuovi “guru” della comunicazione (e non solo) in un articolo pubblicato nel febbraio scorso. Sto parlando della Casaleggio Associati. Si proprio loro, quelli che hanno dato vita al movimento politico che sta attualmente governando l’Italia, che avrebbero avuto la geniale idea di costituire un fondo misto pubblico-privato di Venture Capital per le start-up innovative, utilizzando, tra l’altro, anche i fondi pensione.

Se quindi la lentezza della burocrazia a rispondere al cambiamento, e una tendenza degli investitori italiani ad avere un approccio conservativo, non ci ha permesso di fare dell’Italia un Hub per start-up, occorre fare affidamento sulla “creatività” dei nostri imprenditori. Nella speranza che non si esaurisca, perché, a quanto pare, sulle iniziative della politica, non c’è da fare molto affidamento.

Rubriche

Glocal
La disuguaglianza tra ricchi e poveri alimenta la rabbia sociale
L’1% della popolazione mondiale detiene quasi la metà della ricchezza aggregata netta totale.leggi tutto
Glocal
Esondazione Secchia del 2014: una sentenza da rivedere
Alluvione 2014, per la Procura non ci sono responsabili: archiviata l’inchiesta.leggi tutto
Glocal
Lo shutdown più lungo della storia americana
Lo shutdown americano, il più lungo della storia americana, sta avendo conseguenze negative che non riguardano soltanto il presente della più grande democrazia del pianeta, ma anche il futuro.leggi tutto
Glocal
I costi dello shutdown americano
Il Presidente americano vuole assolutamente il muro ai confini con il Messico: “farò tutto il necessario”, avrebbe dichiarato nei giorni scorsi, “il pubblico americano chiede il muro”.leggi tutto
Glocal
America in shutdown
Blocco di un quarto delle attività federali per mancanza di fondi. Trump: "Speriamo non duri a lungo". E rinuncia alle vacanze di Natale.leggi tutto
Glocal
Qualità della vita in Italia 2018
Italia Oggi, in collaborazione con l’Università “La Sapienza” di Roma, ha realizzato anche quest’anno l’indagine sulla qualità della vita in Italia. La classifica vede le province del Nord –Est fare la parte del leone, con Bolzano e Trento rispettivamente al 1° e 2° posto, seguite da alcune province del Nord-Est quali Belluno, Pordenone e Treviso rispettivamente al 3°, 5° e 9° posto.leggi tutto
Glocal
IL GOVERNO DEL CAMBIAMENTO
In conclusione abbiamo un’emergenza chiamata debito pubblico. Dobbiamo cominciare a pensare che sia il caso di smettere di spendere più soldi di quelli che abbiamo. Dobbiamo cominciare a pensare di smettere di promettere sogni che non si possono realizzare, e che occorre disinnescare l’incubo di una spirale di sfiducia nei confronti dell’Italia che manderebbe all’aria la nostra credibilità.leggi tutto
Consigli di salute
Dieta e tumori, ne parla la dottoressa Federica Felicioni
Tanti i miti da sfatare: non esite una dieta anticancro e non è vero che chi è malato debba mangiare di tutto per essere più forteleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchPiantagione di marijuana, la scoperta dei Carabinieri a Cavezzo
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Finale Emilia si riempie di cuori nei negozi
    Finale Emilia si riempie di cuori nei negozi
    Si ricorda così come la città abbia un cuore pulsante e una offerta che non ha nulla da invidiare ai centri commerciali e allo shopping su Internet[...]
    Cane scappa di casa e provoca incidente stradale, condannato il padrone
    Cane scappa di casa e provoca incidente stradale, condannato il padrone
    Per omicidio colposo legato all'omessa custodia dell'animale[...]
    Si ferma il viaggio di Cherif intorno al mondo: è innamorato
    Si ferma il viaggio di Cherif intorno al mondo: è innamorato
    "Il mio cuore ormai si è perso per lei", spiega il giovane che era stato con la Croce Rossa a San Felice a prestare aiuto durante il sisma[...]
    Fabbrica ticket falsi per non pagare il parcheggio
    Fabbrica ticket falsi per non pagare il parcheggio
    Nei guai un professionista di 30 anni apparentemente insospettabile[...]
    Concordia, c'è una storia d'amore dietro la maxi rissa tra ragazzi
    Concordia, c'è una storia d'amore dietro la maxi rissa tra ragazzi
    Più di 40 ragazzini si erano dati appuntamento per picchiarsi[...]
    "Il Panaro ha rotto gli argini a Nonantola" è una bufala. La sindaca minaccia denunce
    "Il Panaro ha rotto gli argini a Nonantola" è una bufala. La sindaca minaccia denunce
    Allo stato attuale il livello del fiume è stazionario in lenta diminuzione[...]
    Paga per un appartamento a Tenerife ma è una truffa da più di mille euro
    Paga per un appartamento a Tenerife ma è una truffa da più di mille euro
    Un pensionato carpigiano aveva visto un annuncio su internet[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: