Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Due morti a Modena dopo aver contratto la West Nile

Due morti a Modena dopo aver contratto la West Nile. E complessivamente nella nostra provincia sono 22 i casi gravi di persone infettate dal virus portato dalle zanzare che nel resto d’Emilia e nel Nord Italia continua a mietere vittime.

Per quanto riguarda la nostra provincia, i due decessi sono avvenuti ad agosto e si aggiungono alle vittime accertate di West Nile che solo in Emilia sono 12 nel solo 2018, con ben 81 casi gravi trattati.

Ma ecco la nota del Policlinico sui due morto modenesi, di cui è stata confermata notizia solo adesso

l’Azienda Ospedaliero – Universitaria e l’Azienda USL di Modena confermano il decesso del signor G.G., ricoverato per West Nile al Policlinico di Modena. È fondamentale ricordare che, di solito, le persone che contraggono il West Nile virus non mostrano alcuna sintomatologia l’infezione passa inosservata e alla completa insaputa del pazienteNel 20% dei casi, il West Nile virus può determinare una serie di lievi sintomi, molto simili a quelli influenzali;sono invece ancora più rari (solo l’1%) gli episodi in cui l’infezione determina dei gravi disturbi al sistema nervoso centrale, come encefaliti o meningiti. Sono questi i casi trattati nei nostri ospedali che, in pazienti anziani o fragili, possono essere anche molto pericolosi. È stato osservato che il West Nile virus ha maggiori probabilità di sviluppare un’infezione drammatica in soggetti anziani e immunodepressi dove, oltretutto, il virus può peggiorare una situazione clinica già difficile e portarli a sviluppare complicanze molto severe, anche se non strettamente collegate al virus.

Dall’inizio del periodo di sorveglianza (15 giugno) al 10 settembre, sono stati 22 i pazienti in Provincia di Modena ai quali è stata diagnosticata la forma neuroinvasiva della malattia per i quali è stato necessario il ricovero negli ospedali della Provincia. I quadri clinici sono monitorati costantemente e in evoluzione. 6 pazienti sono stati dimessi, altri hanno un quadro in miglioramento e per altri la prognosi è ancora da considerarsi riservata, in quanto il ricovero avviene per le complicanze più gravi della malattia il cui decorso è, di solito, lungo.

Il signor G. G., modenese di 82 anni, era stato ricoverato il 31 luglio scorso, presso il Reparto di Medicina 2 del Policlinico e da qui trasferito alle Malattie Infettive il 4 agosto del Policlinico di Modena dove è stata riconosciuta l’encefalopatia da West Nile ed è subito cominciato il trattamento. Il quadro neurologico, insieme allo stato di coma intercorso a causa dell’encefalite, in un paziente anziano è una condizione predisponente a complicanze batteriche polmonari tardive, come riportate in letteratura scientifica. Questo è, purtroppo, ciò che è accaduto al paziente che ha avuto due episodi di polmonite e una successiva sepsi che hanno portato a decesso, avvenuto il 20 di agosto.

Nel sistema di sorveglianza regionale sulle malattie infettive, il Servizio di Igiene pubblica verifica l’esito dei casi a distanza di 30 giorni dalla loro segnalazione, specificando guarigione, decesso o il quadro clinico (grave, in miglioramento o non noto). In caso di decesso però, si verifica rispetto alle cause di morte anche quanto riportato nella scheda Istat, che arriva al Servizio epidemiologia del Dipartimento di Sanità Pubblica solo il mese successivo a quello del decesso e può indicare la presenza di improvvisi e gravi eventi a carico di altri organi o apparati, permettendo così di attribuire la causa di morte con maggior certezza. Nel caso di G.G. ciò è stato possibile solo in questi giorni. Per un secondo caso, un paziente modenese di 76 anni ricoverato in Malattie Infettive per West Nile e deceduto durante il periodo di sorveglianza, l’infezione risulta classificata come concausa del decesso. Il paziente, infatti, ha avuto un’ischemia cerebrale che ha complicato ulteriormente il quadro Neurologico generale a seguito del quale è stato trasferito in Neurologia all’ospedale Civile, dove è deceduto a fine agosto per intervenute complicanze polmonari.

Quanto alla mancata comunicazione, a differenza di altre patologie infettive, poiché la trasmissione del virus da West Nile non avviene da persona a persona, non è prevista una sorveglianza della Sanità Pubblica sui contatti del paziente, o azioni anche comunicative volte a ridurre il rischio di contagio da persona a persona, in quanto tale contagio non è possibile.Esistono invece misure preventive e di protezione individuale dalle punture di zanzara che sono state comunicate più volte e che sono l’unica misura efficace per evitare i rischi connessi all’infezione.

In questo caso dunque, poiché gli elementi di Sanità pubblica sono stati e sono pienamente tutelati, e la notizia del decesso non modifica in alcun modo il carattere dell’intervento e le indicazioni dell’Azienda Sanitaria alla collettività, gli elementi di riservatezza e privacy del paziente restano prevalenti e possono essere sciolti solo dai familiari stessi.

Il Piano regionale di sorveglianza dell’Arbovirosi monitora costantemente la diffusione di queste patologie in Regione, grazie alla collaborazione tra le Aziende USL del Territorio, l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell’Emilia – Romagna, il Centro di Riferimento per le Emergenze Microbiologiche dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Bologna, col supporto del Centro Nazionale di Riferimento per le Malattie Esotiche (CESME) di Teramo. Il monitoraggio viene effettuato sull’uomo e sugli animali. In particolare, vengono tenute sotto controllo le complicanze più gravi della malattia, cioè quelle neuroinvasive(neuropatie e meningiti)

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto
Glocal
Dall'emergenza sanitaria all'emergenza occupazionale
Sono in corso in questi giorni alcune misure per contrastare il danno occupazionale. Tra le misure: incentivi per far ripartire le assunzioni stabili, meno paletti sui contratti a termine, nuove risorse per la Cig e detassazione degli aumenti dei Ccnl.leggi tutto
Glocal
BTP Futura, il primo titolo di Stato interamente dedicato ai risparmiatori retail
Il Governo presenta una vera e propria novità per i risparmiatori italiani particolarmente affezionati ai titoli di Stato: il BTP Futura. Un nuovo Titolo di Stato dedicato esclusivamente ai risparmiatori individuali.leggi tutto
Glocal
Covid-19: call di Civic Action per le migliori pratiche di senso civico
Civic Action va alla ricerca di tutte quelle esperienze e pratiche che hanno il potenziale per svilupparsi anche dopo l’emergenza, per costituire la base di un nuovo e più robusto tessuto civico.leggi tutto
Glocal
Quali Paesi danno il meglio nella lotta al Covid-19
Una ricerca realizzata da ECV, classifica gli Stati colpiti dal virus in tre categorie: Winning (vincenti), Nearly there (quasi arrivati) e Need action (bisogno di azione).leggi tutto
Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protetteleggi tutto
Glocal
Covid-19: i provvedimenti dell'UE per il rilancio dell'economia
La Commissione europea ha predisposto un piano che non ha precedenti: oltre 1.000 miliardi di euro per assistere imprese e famiglie nel contrasto al Covid19.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - L'autismo ai tempi del Coronavirus
    Intervista a Cristina, mamma di Francesco e Lorenzo.[...]

    Curiosità

    Lipa, il cantante mirandolese esce col suo album di debutto a metà agosto
    Lipa, il cantante mirandolese esce col suo album di debutto a metà agosto
    Il 17 agosto uscirà il suo primo album intitolato “Alessandro”, dove ci saranno 10 tracce di cui 2 sono già uscite su Spotify e YouTube[...]
    Airone resta impigliato con un'ala ai rami di un albero, salvato
    Airone resta impigliato con un'ala ai rami di un albero, salvato
    E' accaduto ai laghetti di Sant'Anna. Gli uomini dei Vigili del Fuoco hanno raggiunto l'isolotto con battello pneumatico[...]
    Turista partorisce in spiaggia in Romagna
    Turista partorisce in spiaggia in Romagna
    E' stato usato l'altopralate per chiedere fosse un medico o un'infermiera per prestare aiuto[...]
    A Mirandola si fa il sorbetto al Lambrusco di Sorbara made in Bassa
    A Mirandola si fa il sorbetto al Lambrusco di Sorbara made in Bassa
    Un sorbetto al Lambrusco di Sorbara, di un inconfondibile colore rosa delicato[...]
    Alle due di notte proiettano film porno sul maxischermo in piazza
    Alle due di notte proiettano film porno sul maxischermo in piazza
    Un 24enne e una decina di suoi amici si godevano lo spettacolo interrotto dai Carabinieri[...]
    San Felice, alla gelateria Cicci due clienti molto speciali
    San Felice, alla gelateria Cicci due clienti molto speciali
    Due bellissime alpaca hanno apprezzato il gelato, ma anche il prato di fronte alla gelateria[...]