Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Due morti a Modena dopo aver contratto la West Nile

Due morti a Modena dopo aver contratto la West Nile. E complessivamente nella nostra provincia sono 22 i casi gravi di persone infettate dal virus portato dalle zanzare che nel resto d’Emilia e nel Nord Italia continua a mietere vittime.

Per quanto riguarda la nostra provincia, i due decessi sono avvenuti ad agosto e si aggiungono alle vittime accertate di West Nile che solo in Emilia sono 12 nel solo 2018, con ben 81 casi gravi trattati.

Ma ecco la nota del Policlinico sui due morto modenesi, di cui è stata confermata notizia solo adesso

l’Azienda Ospedaliero – Universitaria e l’Azienda USL di Modena confermano il decesso del signor G.G., ricoverato per West Nile al Policlinico di Modena. È fondamentale ricordare che, di solito, le persone che contraggono il West Nile virus non mostrano alcuna sintomatologia l’infezione passa inosservata e alla completa insaputa del pazienteNel 20% dei casi, il West Nile virus può determinare una serie di lievi sintomi, molto simili a quelli influenzali;sono invece ancora più rari (solo l’1%) gli episodi in cui l’infezione determina dei gravi disturbi al sistema nervoso centrale, come encefaliti o meningiti. Sono questi i casi trattati nei nostri ospedali che, in pazienti anziani o fragili, possono essere anche molto pericolosi. È stato osservato che il West Nile virus ha maggiori probabilità di sviluppare un’infezione drammatica in soggetti anziani e immunodepressi dove, oltretutto, il virus può peggiorare una situazione clinica già difficile e portarli a sviluppare complicanze molto severe, anche se non strettamente collegate al virus.

Dall’inizio del periodo di sorveglianza (15 giugno) al 10 settembre, sono stati 22 i pazienti in Provincia di Modena ai quali è stata diagnosticata la forma neuroinvasiva della malattia per i quali è stato necessario il ricovero negli ospedali della Provincia. I quadri clinici sono monitorati costantemente e in evoluzione. 6 pazienti sono stati dimessi, altri hanno un quadro in miglioramento e per altri la prognosi è ancora da considerarsi riservata, in quanto il ricovero avviene per le complicanze più gravi della malattia il cui decorso è, di solito, lungo.

Il signor G. G., modenese di 82 anni, era stato ricoverato il 31 luglio scorso, presso il Reparto di Medicina 2 del Policlinico e da qui trasferito alle Malattie Infettive il 4 agosto del Policlinico di Modena dove è stata riconosciuta l’encefalopatia da West Nile ed è subito cominciato il trattamento. Il quadro neurologico, insieme allo stato di coma intercorso a causa dell’encefalite, in un paziente anziano è una condizione predisponente a complicanze batteriche polmonari tardive, come riportate in letteratura scientifica. Questo è, purtroppo, ciò che è accaduto al paziente che ha avuto due episodi di polmonite e una successiva sepsi che hanno portato a decesso, avvenuto il 20 di agosto.

Nel sistema di sorveglianza regionale sulle malattie infettive, il Servizio di Igiene pubblica verifica l’esito dei casi a distanza di 30 giorni dalla loro segnalazione, specificando guarigione, decesso o il quadro clinico (grave, in miglioramento o non noto). In caso di decesso però, si verifica rispetto alle cause di morte anche quanto riportato nella scheda Istat, che arriva al Servizio epidemiologia del Dipartimento di Sanità Pubblica solo il mese successivo a quello del decesso e può indicare la presenza di improvvisi e gravi eventi a carico di altri organi o apparati, permettendo così di attribuire la causa di morte con maggior certezza. Nel caso di G.G. ciò è stato possibile solo in questi giorni. Per un secondo caso, un paziente modenese di 76 anni ricoverato in Malattie Infettive per West Nile e deceduto durante il periodo di sorveglianza, l’infezione risulta classificata come concausa del decesso. Il paziente, infatti, ha avuto un’ischemia cerebrale che ha complicato ulteriormente il quadro Neurologico generale a seguito del quale è stato trasferito in Neurologia all’ospedale Civile, dove è deceduto a fine agosto per intervenute complicanze polmonari.

Quanto alla mancata comunicazione, a differenza di altre patologie infettive, poiché la trasmissione del virus da West Nile non avviene da persona a persona, non è prevista una sorveglianza della Sanità Pubblica sui contatti del paziente, o azioni anche comunicative volte a ridurre il rischio di contagio da persona a persona, in quanto tale contagio non è possibile.Esistono invece misure preventive e di protezione individuale dalle punture di zanzara che sono state comunicate più volte e che sono l’unica misura efficace per evitare i rischi connessi all’infezione.

In questo caso dunque, poiché gli elementi di Sanità pubblica sono stati e sono pienamente tutelati, e la notizia del decesso non modifica in alcun modo il carattere dell’intervento e le indicazioni dell’Azienda Sanitaria alla collettività, gli elementi di riservatezza e privacy del paziente restano prevalenti e possono essere sciolti solo dai familiari stessi.

Il Piano regionale di sorveglianza dell’Arbovirosi monitora costantemente la diffusione di queste patologie in Regione, grazie alla collaborazione tra le Aziende USL del Territorio, l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell’Emilia – Romagna, il Centro di Riferimento per le Emergenze Microbiologiche dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Bologna, col supporto del Centro Nazionale di Riferimento per le Malattie Esotiche (CESME) di Teramo. Il monitoraggio viene effettuato sull’uomo e sugli animali. In particolare, vengono tenute sotto controllo le complicanze più gravi della malattia, cioè quelle neuroinvasive(neuropatie e meningiti)

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017

Rubriche

Glocal
Economia e coronavirus: come uscirne
Purtroppo le politiche che i governi hanno adottato per affrontare la pandemia e la crisi economica sono contraddittorie e rischiano un fallimento catastrofico a lungo termine.leggi tutto
Consigli di salute
Cosa fare per il mal di denti col coronavirus?
Dal dentista solo per necessità non rinviabili. Le indicazioni sono chiare, solo urgenze. leggi tutto
Consigli di salute
Alito pesante, le cause
La visita dello specialista potrebbe rilevare una carie o un ascesso dentale su cui potrà intervenireleggi tutto
Consigli di salute
L'igiene orale ai tempi del coronavirus
La pulizia dei denti per i bambini segue un metodo diverso rispetto al quello indicato per gli adulti.leggi tutto
Consigli di salute
Le funzioni dei denti
La loro funzione primaria è quella di masticare il cibo che mangiamo. Ma c'è anche altroleggi tutto
Glocal
Emergenza Coronavirus: Piano promozione Made in Italy 2020
Presentato presso la sede del Ministero degli Affari Esteri il nuovo Piano straordinario per la promozione del Made in Italy 2020.leggi tutto
Disabilità e diritto al lavoro - "Non impariamo per la scuola, ma per la vita" Seneca
Parliamo di formazione con Irina Sansò, responsabile di area presso ForModenaleggi tutto
Consigli di salute
Perdita dei denti, le conseguenze
Nelle persone adulte la perdita di un dente e la sua mancata sostituzione può essere un danno più grave di quello che si pensaleggi tutto
Glocal
Gli effetti del Coronavirus sull'economia
Secondo gli analisti l’impatto economico del Coronavirus sarà di molto superiore a quello della Sars: la sindrome del 2003 ebbe un impatto sul PIL cinese di 25,3 miliardi di dollari, il coronavirus ha già superato quota 40 miliardi in pochi giorni.leggi tutto
Disabilità e lavoro, la storia di Giulia di Concordia e della sua malattia rara
Integrare ed includere una risorsa diversamente abile con successo si puòleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disabilità e diritto al lavoro - "Non impariamo per la scuola, ma per la vita" Seneca
    Parliamo di formazione con Irina Sansò, responsabile di area presso ForModena[...]
    Disabilità e lavoro, la storia di Giulia di Concordia e della sua malattia rara
    Integrare ed includere una risorsa diversamente abile con successo si può[...]
    Disabilità e lavoro, intervista a Enrica Quaglio, manager risorse umane
    Integrare ed includere una risorsa diversamente abile con successo si può[...]

    Curiosità

    "Un grazie a chi ci aiuta": messaggio di sostegno per operatori sanitari con grazie@ausl.fe.it
    "Un grazie a chi ci aiuta": messaggio di sostegno per operatori sanitari con grazie@ausl.fe.it
    I messaggi verranno recapitati agli operatori e - raccolti in maniera sintetica – messi a disposizione dei cittadini[...]
    Salvataggio di un micino da parte dei Vigili del Fuoco di Mirandola
    Salvataggio di un micino da parte dei Vigili del Fuoco di Mirandola
    Dopo numerosi tentativi, gli uomini sono riusciti a convincere e a portare in salvo il micio[...]
    Coronavirus, su Fb il gruppo che abbraccia la regione Emilia-Romagna
    Coronavirus, su Fb il gruppo che abbraccia la regione Emilia-Romagna
    Il gruppo Facebook "Emilia-Romagna Responsabile" che riunisce migliaia di cittadini di tutta la regione, da Piacenza a Rimini[...]
    Costringe il cane all'ennesima passeggiatina per potere uscire, intervengono i Carabinieri
    Costringe il cane all'ennesima passeggiatina per potere uscire, intervengono i Carabinieri
    La situazione rasenta il reato di “maltrattamento di animali”[...]
    Chiamata per i bambini in linea: c'è da scrivere il "Vocabolario Illustrato della Lingua Italiana Scritta dai Ragazzi».
    Chiamata per i bambini in linea: c'è da scrivere il "Vocabolario Illustrato della Lingua Italiana Scritta dai Ragazzi».
    È un vocabolario, vero, con tantissime parole che invece di essere spiegate da eminenti professoresse e formidabili studiosi, saranno invece dai più piccoli[...]
    "Sono andato a comprare la droga", così si giustifica al controllo anti Coronavirus
    "Sono andato a comprare la droga", così si giustifica al controllo anti Coronavirus
    L'uomo, trovato in auto con dell'hashish, ha incassato tutta una serie di denunce[...]
    Emergenza Coronavirus: Prodi dà l'esempio, 'Corro in casa'
    Emergenza Coronavirus: Prodi dà l'esempio, 'Corro in casa'
    'Cerco di fare quello che mi viene chiesto, e anche di più'[...]
    Per i bambini sul web: il Pettirosso libera gli uccellini guariti in diretta Facebook
    Per i bambini sul web: il Pettirosso libera gli uccellini guariti in diretta Facebook
    Da sabato ogni due giorni racconteranno la storia di un a nimale ospite al Centro, così si potranno gli animali selvatici italiani t:asso, istrice, poiana, caprioli, e tanti altri [...]
    Fare immersioni ai tempi del Coronavirus, la sfida degli apneisti della Bassa
    Fare immersioni ai tempi del Coronavirus, la sfida degli apneisti della Bassa
    e' tutta la web la challenge che permette di non perdere la mano con le immersioni in acqua[...]