SulPanaro Expo SulPanaro Expo

E’ finita l’estate, anzi no: dopo una stagione caldissima ancora giornate a 30 gradi

Conclusa l’estate meteorologica è tempo di bilanci. Come è andata lo spiegano gli esperti dell’Osservatorio Geofisico del DIEF – Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di Unimore. Con 26.0°C di media tra giugno e agosto l’estate 2018 è stata a Modena città la quinta più calda dal 1830 a oggi. Medie più contenute in periferia e a Reggio Emilia. Quasi raddoppiati rispetto alle attese del periodo climatologico i giorni caldi con temperature superiori a trenta gradi. L’estate non è finita e dalla metà della prossima settimana avremo ancora “giornate calde”,

Con il 31 agosto è terminata, almeno sul calendario, l’estate meteorologica.  I dati meteoclimatici raccolti ed analizzati dai tecnici dell’Osservatorio Geofisico del DIEF – Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di Unimore confermano ulteriormente la “nuova normalità climatica”: il nostro territorio sta diventando sempre più caldo e le estati più lunghe.

In dettaglio, il trimestre giugno-agosto 2018 presso l’Osservatorio Geofisico di Piazza Roma a Modena, dove dal 1830 si trova la principale e storica stazione di rilevazione meteo delle sua rete,  si conclude con una temperatura media di 26.0°C, che risulta la 5° estate più calda mai vissuta dai modenesi. L’anomalia positiva rispetto alla media 1981-2010 (24.3°C) è di  +1.7°C, e gli unici anni con estati più calde sono stati, in ordine di classifica, il 2003 (28.0°C), 2012 (27.3°), 2017 (27.2°C) e 2015 (26.9°C).

Secondo gli esperti di Unimore è stata un’estate calda non tanto a causa di temperature estreme, ma per il gran numero di giorni con temperatura di almeno 30°C: 58 nel trimestre giugno-agosto. “Ricordiamo – avverte il meteorologo Luca Lombroso – che, fino al 2000, le estati modenesi vedevano in media 25-26 “giorni caldi”. Di fatto il prolungarsi delle giornate calde quest’anno è stata più che raddoppiata rispetto al secolo scorso”.

Quanto alle precipitazioni, presso la stazione storica dell’Osservatorio Geofisico di Piazza Roma a Modena, nell’estate meteorologica 2018 sono state misurate piogge per 151.9 mm. “La climatologia – commenta Luca Lombroso – ci indica che l’estate modenese, nonostante i numerosi temporali, ha avuto presso il nostro osservatorio piogge sostanzialmente allineate a quelle prevedibili per il periodo e nella media”.

Presso le  altre stazioni meteo della rete Unimore  l’estate meteorologica appena conclusa indica che a Modena Campus DIEF, in periferia, si è avuta una temperatura media di 25.0°C, con  67 giorni caldi. A Reggio Emilia si sono avuti valori più o meno simili: temperatura media di 24.9°C con 69 giorni caldi. In queste stazioni è stato invece diverso il bilancio pluviometrico, entrambe hanno infatti risentito in modo maggiore dei numerosi temporali, spesso a carattere localizzato. Le precipitazioni risultano così più abbondanti con 271.9 mm a Modena Campus DIEF e 246.0 mm a Reggio Emilia.

“Archiviamo dunque l’ennesima estate lunga e calda di questa nuova era climatica. In particolare, spiega il meteorologo Luca Lombroso – abbiamo voluto guardare cosa è successo negli ultimi 10 anni (2009-2018), un periodo più breve della definizione di clima (30 anni), ma che corrisponde meglio alla “sensazione” che la popolazione avverte”. In questo periodo riscontriamo, a Modena, una temperatura media estiva di 25.9°C con 55 giorni caldi mediamente ogni anno. “Stiamo vivendo – è la riflessione che ci consegna Luca Lombroso – il decennio estivo più caldo da almeno due secoli e la differenza rispetto al passato è veramente impressionante. Un secolo fa il decennio 1909-1918 aveva una temperatura media estiva di 22.4°C, ben 3.6°C in meno di quanto accade ai giorni nostri, e soli 15 giorni caldi in media ogni estate. Più recentemente, il decennio 1981-1990 la temperatura media estiva era 24°C con circa 26 giorni caldi all’anno. Da allora assistiamo a un costante aumento delle temperature e della insistenza del caldo che ci ha portato al clima estivo che viviamo oggi. Il numero di giorni caldi è raddoppiato rispetto a 30 anni fa e addirittura più che triplicato rispetto a un secolo fa, va da se che spesso riteniamo fresche giornate che non molti anni fa erano ritenute calde”.

Previsione. Nel fine settimana il tempo si va stabilizzando e la prossima settimana si avrà un inatteso ritorno dell’anticiclone subtropicale, in parte africano in quota. Più in dettaglio domenica 9 settembre il tempo in genere sarà buono sia a Modena che a Reggio Emilia. Fine settimana ancora in parte fresco al mattino, 15-16°C in aperta campagna, ma tiepido e caldo di giorno. Da lunedì 10 settembre le temperature cominceranno a salire e a metà settimana potremmo perfino avere altri “giorni caldi” tardivi con massime attorno o anche sopra ai 30°C. “Veri segnali di autunno – conclude Luca Lombroso – per ora non si vedono, salvo per ragioni astronomiche: le notti si allungano e le giornate si accorciano, almeno questo non cambia”.

Rubriche

Glocal
La disuguaglianza tra ricchi e poveri alimenta la rabbia sociale
L’1% della popolazione mondiale detiene quasi la metà della ricchezza aggregata netta totale.leggi tutto
Glocal
Esondazione Secchia del 2014: una sentenza da rivedere
Alluvione 2014, per la Procura non ci sono responsabili: archiviata l’inchiesta.leggi tutto
Glocal
Lo shutdown più lungo della storia americana
Lo shutdown americano, il più lungo della storia americana, sta avendo conseguenze negative che non riguardano soltanto il presente della più grande democrazia del pianeta, ma anche il futuro.leggi tutto
Glocal
I costi dello shutdown americano
Il Presidente americano vuole assolutamente il muro ai confini con il Messico: “farò tutto il necessario”, avrebbe dichiarato nei giorni scorsi, “il pubblico americano chiede il muro”.leggi tutto
Glocal
America in shutdown
Blocco di un quarto delle attività federali per mancanza di fondi. Trump: "Speriamo non duri a lungo". E rinuncia alle vacanze di Natale.leggi tutto
Glocal
Qualità della vita in Italia 2018
Italia Oggi, in collaborazione con l’Università “La Sapienza” di Roma, ha realizzato anche quest’anno l’indagine sulla qualità della vita in Italia. La classifica vede le province del Nord –Est fare la parte del leone, con Bolzano e Trento rispettivamente al 1° e 2° posto, seguite da alcune province del Nord-Est quali Belluno, Pordenone e Treviso rispettivamente al 3°, 5° e 9° posto.leggi tutto
Glocal
IL GOVERNO DEL CAMBIAMENTO
In conclusione abbiamo un’emergenza chiamata debito pubblico. Dobbiamo cominciare a pensare che sia il caso di smettere di spendere più soldi di quelli che abbiamo. Dobbiamo cominciare a pensare di smettere di promettere sogni che non si possono realizzare, e che occorre disinnescare l’incubo di una spirale di sfiducia nei confronti dell’Italia che manderebbe all’aria la nostra credibilità.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchPiantagione di marijuana, la scoperta dei Carabinieri a Cavezzo
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Finale Emilia si riempie di cuori nei negozi
    Finale Emilia si riempie di cuori nei negozi
    Si ricorda così come la città abbia un cuore pulsante e una offerta che non ha nulla da invidiare ai centri commerciali e allo shopping su Internet[...]
    Cane scappa di casa e provoca incidente stradale, condannato il padrone
    Cane scappa di casa e provoca incidente stradale, condannato il padrone
    Per omicidio colposo legato all'omessa custodia dell'animale[...]
    Si ferma il viaggio di Cherif intorno al mondo: è innamorato
    Si ferma il viaggio di Cherif intorno al mondo: è innamorato
    "Il mio cuore ormai si è perso per lei", spiega il giovane che era stato con la Croce Rossa a San Felice a prestare aiuto durante il sisma[...]
    Fabbrica ticket falsi per non pagare il parcheggio
    Fabbrica ticket falsi per non pagare il parcheggio
    Nei guai un professionista di 30 anni apparentemente insospettabile[...]
    Concordia, c'è una storia d'amore dietro la maxi rissa tra ragazzi
    Concordia, c'è una storia d'amore dietro la maxi rissa tra ragazzi
    Più di 40 ragazzini si erano dati appuntamento per picchiarsi[...]
    "Il Panaro ha rotto gli argini a Nonantola" è una bufala. La sindaca minaccia denunce
    "Il Panaro ha rotto gli argini a Nonantola" è una bufala. La sindaca minaccia denunce
    Allo stato attuale il livello del fiume è stazionario in lenta diminuzione[...]
    Paga per un appartamento a Tenerife ma è una truffa da più di mille euro
    Paga per un appartamento a Tenerife ma è una truffa da più di mille euro
    Un pensionato carpigiano aveva visto un annuncio su internet[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: