SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Per bonificare la discarica dai materiali pericolosi arrivano 3,3 milioni

Con la rimozione di circa di 11mila metri cubi di rifiuti pericolosi, sarà completata entro il 2019 la bonifica della discarica ex Razzaboni, a San Giovanni in Persiceto, in provincia di Bologna.
C’è il via libera ai lavori, che sono finanziati con oltre 3,3 milioni di euro, messi a disposizione dall’Accordo siglato lo scorso dicembre dal presidente, Stefano Bonaccini, e dall’ex ministro all’Ambiente, Gianluca Galletti.
Il risanamento del sito a tutela della salute delle comunità e dell’ambiente.

Finanziati all’interno del Piano operativo ambiente con risorse già deliberate dal Cipe, la definizione dettagliata dei nuovi interventi è al centro dell’Accordo di programma tra ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare, Regione Emilia-Romagna e Comune di S. Giovanni in Persiceto approvato dalla Giunta regionale nei giorni scorsi.
I lavori, in capo al Comune, portano a compimento il progetto di recupero della zona contaminata e interessano la porzione di terreno non interessata dal primo stralcio di interventi finanziato dalla Regione.

“Proprio grazie ai finanziamenti regionali, per un totale di circa 4 milioni di euro, l’ex discarica è stata esclusa dalla procedura di infrazione comunitaria e dalle sanzioni previste dalla Corte di giustizia europea per i siti contaminati- ricorda l’assessore all’ambiente, Paola Gazzolo-. Dopo quel primo, fondamentale risultato, l’impegno della Regione è continuato senza sosta: ora diventano operativi i fondi stanziati a dicembre e permetteranno a breve di ultimare la riqualificazione, restituendo in sicurezza un’area importante alla comunità di San Giovanni in Persiceto”.

L’accordo è l’ultimo passo di un lungo e complesso lavoro della Giunta regionale certificato anche dall’Europa lo scorso settembre, quando la Commissione Ue ha escluso l’area dalla procedura di infrazione comunitaria decretando quindi lo stop alle multe comminate per questo sito allo Stato italiano: una decisione resa possibile grazie alle opere realizzate grazie a 4 milioni di euro stanziati direttamente dal bilancio regionale.

 

I dettagli dell’accordo e dell’intervento
L’accordo definisce gli obiettivi da raggiungere, il coordinamento dei lavori e il ruolo dei diversi soggetti coinvolti nel progetto. Al Comune, beneficiario delle risorse nazionali previste nel protocollo, il compito di attuare gli interventi e coordinare le attività in collaborazione con i partner, mentre la Regione dovrà monitorare le procedure e procedere ai controlli sulla correttezza delle opere attraverso l’Agenzia per la prevenzione, l’ambiente e l’energia.

Il maggiore intervento consiste nell’attività di scavo e trasporto per rimuovere i rifiuti contaminanti inizialmente oggetto di un intervento di messa in sicurezza d’emergenza. Gli scavi sono programmati nel periodo estivo per limitare il più possibile il rischio di pioggia e maltempo.
Al termine dei lavori è prevista una fase di monitoraggio delle acque sotterranee di prima falda per verificare l’efficacia dell’intervento che continuerà fino al 2024.


Il sito Razzaboni
La discarica di San Giovanni in Persiceto, gestita abusivamente da un operatore privato e contaminata con fanghi industriali, è stata individuata nel 2001 dal Corpo forestale dello Stato.

Nel 2003 la Commissione europea ha avviato una procedura d’infrazione contro l’Italia comprendendo, tra i casi esaminati, anche quello del comune bolognese. In sostituzione del responsabile dell’inquinamento, nel 2007 è stato realizzato un intervento di emergenza di messa in sicurezza (Mise) che ha previsto opere di impermeabilizzazione e l’accorpamento dei rifiuti in un unico grande cumulo.

Successivamente, nel 2014, l’area è stata parzialmente espropriata e il Comune è intervenuto con un primo stralcio di opere di risanamento con risorse messe a disposizione dalla Regione. Nel 2016 la Commissione europea ha certificato la bonifica decretando l’uscita del sito dalla procedura d’infrazione.
L’accordo approvato, che mette a disposizione le risorse del ministero, dà l’avvio alla bonifica completa dell’area che sarà conclusa entro il 2019.

Rubriche

Glocal
L’intelligenza artificiale creerà nuovi posti di lavoro?
L’intelligenza artificiale migliorerà la produttività di molti posti di lavoro, eliminando milioni di posizioni di medio e basso livello, ma anche creando milioni di nuove posizioni di alta qualifica.leggi tutto
Glocal
Il difficile rapporto tra l'Italia e le start-up
Secondo i dati del Ministero dello sviluppo economico (con la collaborazione di Infocamere e Unioncamere), il numero delle società innovative in Italia ha raggiunto la quota di quasi 9.000 imprese.leggi tutto
Glocal
Ocse: "Italia terza per disoccupazione, scendono i salari reali"
LʼOcse segnala un alto livello di insicurezza per quanto riguarda il mercato del lavoro in Italia, la cui situazione è "migliorata negli ultimi anni, ma più lentamente che in altri Paesi"leggi tutto
Glocal
Quando le imprese americane investono in Italia
“Eon Reality”, azienda californiana, ha investito 24 milioni di euro in Emilia Romagna a Casalecchio di Reno, grazie alla legge sull'attrattività, con in programma centosessanta nuove assunzioni.leggi tutto
Glocal
Sergio Marchionne: innovatore o visionario?
Sergio Marchionne è stato un innovatore in quanto visionario, nell’accezione imprenditoriale del termine, inteso come colui che è in grado di avere una “vision”, ovvero di sapere guardare avanti, al futuro.leggi tutto
Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • Watch"Il meteorite è caduto qui", tra Mirandola e San Felice
    • WatchL'arrivo del Papa a San Giacomo Roncole con la musica dei Rulli Frulli
    • WatchBomporto, presentate le barriere antinondazione

    Curiosità

    Mirandola, sulla porta di casa trova un serpente lungo un metro
    Mirandola, sulla porta di casa trova un serpente lungo un metro
    Solo un grande spavento per l'uomo che l'ha trovato, ma il biacco è innocuo[...]
    Si fanno a Soliera i video Youtube di Alle Tatoo diventati virali
    Si fanno a Soliera i video Youtube di Alle Tatoo diventati virali
    Ha ospitato anche un idolo dei più giovani, il gamer GaBBoDSQ, che ha formato il tatuaggio di un suo fan[...]
    Da Finale Emilia a Tu Si Que Vales c'è Federico Tassini
    Da Finale Emilia a Tu Si Que Vales c'è Federico Tassini
    Su Caanale 5 una riduzione del grandioso spettacolo su Leonardo da Vinci che ha fatto vincere a Federico e compagni il campionato del mondo di pattinaggio[...]
    Per Skipass a Modena il trampolino più grande mai costruito in Italia
    Per Skipass a Modena il trampolino più grande mai costruito in Italia
    Svetta nell'area esterna del quartiere fieristico l'imponente trampolino, 46 metri di altezza e 130 metri di lunghezza, il più grande mai costruito in Italia[...]
    Si rompe la sedia mentre gioca a carte al bar, risarcimento da 10 mila euro
    Si rompe la sedia mentre gioca a carte al bar, risarcimento da 10 mila euro
    Dovranno pagare i gestori. L'assicurazione del bar, invece, non è stata ritenuta responsabile dell'accaduto. [...]
    Lancia il sacco di spazzatura dall'auto, il sindaco gliela riporta a casa
    Lancia il sacco di spazzatura dall'auto, il sindaco gliela riporta a casa
    "Sono venuto a restituirle quello che ha perso per strada", le ha detto[...]
    49 anni dopo i ragazzi della 1B del Luosi del 1969 si ritrovano a cena
    49 anni dopo i ragazzi della 1B del Luosi del 1969 si ritrovano a cena
    Rinnovata l'antica amicizia, con abbracci calorosi è arrivata la promessa di rivedersi l'anno prossimo per le nozze d'oro. [...]
    Auto lasciata sulle scale a San Felice
    Auto lasciata sulle scale a San Felice
    L'immagine fa pensare a qualche parcheggio selvaggio, di quelli che si vedono a volte nelle grandi città dove proprio posto non se ne trova [...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: