SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

“Nella Bassa pochi posti letto, liste di attesa ingiustificate e personale demotivato”

Mirandola, Finale Emilia, San Felice e Concordia – “Nella Bassa pochi posti letto, liste di attesa ingiustificate e personale demotivato”. L’occasione per fare il punto sulla situazione della Sanità in Area Nord è arrivata il 24 ottobre scorso, quando l’Unione dei Comuni assieme al Direttore del Distretto Sanitario di Mirandola, ha incontrato CGIL CISL e UIL insieme alle categorie del pubblico impiego e dei pensionati, dando seguito alla discussione aperta ad inizio 2018, nell’ambito del Piano Sociale di Zona.

Ecco il comunicato dei sindacati

I temi affrontati hanno riguardato l’aggiornamento del disegno complessivo della sanità territoriale, a partire dall’adeguamento e completamento strutturale della Casa della Salute di Finale Emilia, per la quale il Bando di gara di assegnazione lavori è atteso entro fine anno per una spesa complessiva di oltre 8 milioni di euro. Entro il mese di novembre arriverà quello per la nuova struttura di Mirandola per una spesa prevista di circa 7,8 milioni.
L’interesse sindacale si è concentrato principalmente sulla funzionalità dei servizi e l’integrazione con i servizi sociali. Basti pensare che povertà e problemi di salute, sono fattori che purtroppo si accompagnano ormai molto spesso anche nella nostra zona.
In risposta alle sollecitazioni il dottor Fancinelli ha indicato la direzione che l’Azienda USL intende seguire nel promuovere la domiciliarità, ponendosi come obiettivo principale il rafforzamento delle cure riservate alla cronicità (diabete, scompenso cardiaco, malattie polmonari).
E’ per questo che nell’ambito della prevenzione o meglio della cosiddetta “medicina d’iniziativa”, si stanno avviando percorsi innovativi di telemedicina per assistere le broncopneumopatie, le cardiopatie e le demenze, oltre all’ampliamento della specialistica ambulatoriale per cercare di ridurre i “famigerati” tempi d’attesa che rimangono un aspetto di inefficienza incomprensibile.
Le novità riguardano il progetto per il bambino obeso, l’intervento sulla dislessia e un rinnovato impegno nella pratica di sani stili di vita. L’evoluzione delle cure prevede la nascita degli OSCO (ospedali di comunità) con 20 posti letto a Finale Emilia e 23 su Mirandola. Strutture di tipo intermedio dove a ricoverare saranno i medici di base e il servizio delle dimissioni protette, rivolte a cittadini del distretto per ricoveri temporanei, che necessitano di cure ad alta intensità infermieristica e sede ideale per la formazione dei caregiver (aiuto ai familiari di persone fragili).
I sindacati a questo proposito hanno chiesto di accelerare i tempi di completamento dell’organico del PUASS (Punto Unico di accesso socio sanitario), cioè dello strumento di raccordo fra ospedale e territorio, che deve appunto selezionare e coordinare le risposte più adeguate alle necessità dei cittadini prima della loro dimissione.
In attesa che si realizzino i nuovi ospedali territoriali, occorrono al più presto posti letto che facilitino le dimissioni dall’ospedale per coloro che hanno un bisogno prevalentemente sociale. La risposta arrivata al tavolo non è parsa sufficiente perché se pure a breve saranno disponibili i primi 2 posti letto, la necessità di rafforzare la domiciliarità dovrebbe prevederne almeno 8. Sono invece in fase avanzata gli interventi previsti per la Casa della Salute di Cavezzo che sarà allargata con il completamento del II° stralcio dei lavori e di quella di Concordia con la messa a punto dei servizi per l’infanzia.
Infine è in fase di valutazione a livello regionale anche la realizzazione della Casa della Salute di San Felice.
Per effetto della formazione sui medici di base e sul personale infermieristico, sono diventate realtà anche le prestazioni di cure palliative all’interno delle Case di Riposo e a livello ambulatoriale. Al completamento della rete locale assistenziale manca la realizzazione dell’Hospice che sarà dotato di 14 posti e per il quale, la Fondazione nata a tal proposito, ha già acquistato il terreno a San Possidonio in località Fornace e assegnato l’incarico di progettazione.
L’integrazione con l’Ospedale di Mirandola è uno degli argomenti che deve essere sviluppato ulteriormente per permettere un utilizzo appropriato dei posti letto in favore dei cittadini che si trovino nella fase acuta e quindi l’apertura di ulteriori 4 posti di orto-riabilitazione rappresenta un primo risultato che consideriamo molto utile al territorio, portando la disponibilità attuale a 126 posti ospedalieri, ma abbiamo chiesto che si allarghi la risposta prevedendone almeno altri 4.
Riteniamo che allo stesso modo la promozione del Punto Nascita passi dalla collaborazione diretta e diffusa dei Consultori familiari che da sempre fanno del sostegno alla maternità l’obiettivo primario e per questo vanno potenziati considerando le necessità emergenti, come la presa in carico della donna in età menopausale, sia per la piena applicazione della Legge 194. A tal proposito vorremmo condividere la formulazione di un progetto sperimentale, sottoscritto dall’Azienda USL e il Coordinamento donne di CGIL-CISL-UIL.
Per portare a compimento l’insieme della progettualità in corso, bisogna però fare i conti con l’evidente carenza di personale ma che ha soprattutto bisogno di ritrovare la giusta motivazione.
Un personale che ha dato molto nella fase del terremoto, garantendo che non ci fosse nessuna interruzione di servizio e subito dopo si è impegnato nella riorganizzazione dei servizi, offrendo maggiore qualità nelle prestazioni e che oggi è sottoposto ad una complessa revisione del processo lavorativo, nell’ottica di una presa in carico personalizzata del paziente, mentre l’Azienda USL non trova di meglio che ridurre impropriamente gli stipendi di infermieri, tecnici e operatori socio sanitari (recentemente, tuttavia, l’azienda e i sindacati hanno raggiunto l’accordo sui premi di produttività, NdR).
Il confronto e il continuo lavoro di stimolo che i Sindacati stanno portando avanti in questo territorio ha prodotto risultati importanti, accompagnando le trasformazioni profonde di questa difficile fase, promuovendo lo sviluppo dei servizi socio sanitari non solo in termini di quantità ma soprattutto di qualità.
Un impegno che troverà conferma e particolare attenzione nella fase di discussione del prossimo Piano Sociale di Zona, continuando per parte nostra a favorire la diffusione degli interventi previsti e la partecipazione dei cittadini, nella consapevolezza che i tagli annunciati al Fondo Nazionale della Sanità nella Manovra di Governo per il 2019, potrebbero mettere in discussione anche la tenuta del sistema di Welfare locale.

Rubriche

Glocal
L’intelligenza artificiale creerà nuovi posti di lavoro?
L’intelligenza artificiale migliorerà la produttività di molti posti di lavoro, eliminando milioni di posizioni di medio e basso livello, ma anche creando milioni di nuove posizioni di alta qualifica.leggi tutto
Glocal
Il difficile rapporto tra l'Italia e le start-up
Secondo i dati del Ministero dello sviluppo economico (con la collaborazione di Infocamere e Unioncamere), il numero delle società innovative in Italia ha raggiunto la quota di quasi 9.000 imprese.leggi tutto
Glocal
Ocse: "Italia terza per disoccupazione, scendono i salari reali"
LʼOcse segnala un alto livello di insicurezza per quanto riguarda il mercato del lavoro in Italia, la cui situazione è "migliorata negli ultimi anni, ma più lentamente che in altri Paesi"leggi tutto
Glocal
Quando le imprese americane investono in Italia
“Eon Reality”, azienda californiana, ha investito 24 milioni di euro in Emilia Romagna a Casalecchio di Reno, grazie alla legge sull'attrattività, con in programma centosessanta nuove assunzioni.leggi tutto
Glocal
Sergio Marchionne: innovatore o visionario?
Sergio Marchionne è stato un innovatore in quanto visionario, nell’accezione imprenditoriale del termine, inteso come colui che è in grado di avere una “vision”, ovvero di sapere guardare avanti, al futuro.leggi tutto
Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • Watch"Il meteorite è caduto qui", tra Mirandola e San Felice
    • WatchL'arrivo del Papa a San Giacomo Roncole con la musica dei Rulli Frulli
    • WatchBomporto, presentate le barriere antinondazione

    Curiosità

    Mirandola, sulla porta di casa trova un serpente lungo un metro
    Mirandola, sulla porta di casa trova un serpente lungo un metro
    Solo un grande spavento per l'uomo che l'ha trovato, ma il biacco è innocuo[...]
    Si fanno a Soliera i video Youtube di Alle Tatoo diventati virali
    Si fanno a Soliera i video Youtube di Alle Tatoo diventati virali
    Ha ospitato anche un idolo dei più giovani, il gamer GaBBoDSQ, che ha formato il tatuaggio di un suo fan[...]
    Da Finale Emilia a Tu Si Que Vales c'è Federico Tassini
    Da Finale Emilia a Tu Si Que Vales c'è Federico Tassini
    Su Caanale 5 una riduzione del grandioso spettacolo su Leonardo da Vinci che ha fatto vincere a Federico e compagni il campionato del mondo di pattinaggio[...]
    Per Skipass a Modena il trampolino più grande mai costruito in Italia
    Per Skipass a Modena il trampolino più grande mai costruito in Italia
    Svetta nell'area esterna del quartiere fieristico l'imponente trampolino, 46 metri di altezza e 130 metri di lunghezza, il più grande mai costruito in Italia[...]
    Si rompe la sedia mentre gioca a carte al bar, risarcimento da 10 mila euro
    Si rompe la sedia mentre gioca a carte al bar, risarcimento da 10 mila euro
    Dovranno pagare i gestori. L'assicurazione del bar, invece, non è stata ritenuta responsabile dell'accaduto. [...]
    Lancia il sacco di spazzatura dall'auto, il sindaco gliela riporta a casa
    Lancia il sacco di spazzatura dall'auto, il sindaco gliela riporta a casa
    "Sono venuto a restituirle quello che ha perso per strada", le ha detto[...]
    49 anni dopo i ragazzi della 1B del Luosi del 1969 si ritrovano a cena
    49 anni dopo i ragazzi della 1B del Luosi del 1969 si ritrovano a cena
    Rinnovata l'antica amicizia, con abbracci calorosi è arrivata la promessa di rivedersi l'anno prossimo per le nozze d'oro. [...]
    Auto lasciata sulle scale a San Felice
    Auto lasciata sulle scale a San Felice
    L'immagine fa pensare a qualche parcheggio selvaggio, di quelli che si vedono a volte nelle grandi città dove proprio posto non se ne trova [...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: