Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Profughi, Hyma attacca la cooperativa Caleidos: “Non paga gli alloggi”

La Hyma srl, società che gestisce a Modena un immobile dove sono ospitati profughi, attacca la cooperativa Caleidos, che gestisce l’ospitalità anche nella Bassa, perché non ha pagato gli alloggi.

A denunciare il fatto è appunto la società Hyma che ha presentato un esposto in Procura. La coop, inadempiente da mesi, ha lasciato gli alloggi, trasferendo i richiedenti asilo all’hotel Tiby. Ora, però, Hyma denuncia il “buco” di oltre mezzo milione lasciato dalla Caleidos.

“Hanno smesso di pagarci oltre un anno fa nonostante abbiano continuato a fruire della struttura e dei nostri servizi, causandoci un danno di oltre mezzo milione di euro. Ci siamo rivolti al Ministero ma anche alla procura, presentando un esposto”, racconta al Resto del Carlino Pasquale Cordaro, in rappresentanza di Hyma.

“Hanno sempre pagato seppur in ritardo ma poi, a partire da settembre 2017, hanno smesso di versare le somme pattuite. Parliamo di 50mila euro al mese per oltre duecento persone alle quali noi, come da accordi, fornivamo luce, gas e biancheria. Hanno smesso di pagarci sostenendo – come si legge pure nell’eposto – di non avere i soldi poichè le prefetture non pagavano e a maggio abbiamo intimato loro di liberare tutti i piani. Così non è stato fatto e, trovandoci in difficoltà, abbiamo chiesto e ottenuto due decreti ingiuntivi dal tribunale, a cui si sono opposti contestandoci per ragioni infondate le fatture da noi emesse”, aggiunge Cordaro.

Il fatto non è sfuggito a Lega e Forza Italia, che sono intervenuti a gamba tesa sulla vicenda.

“La situazione evidenziata dalla Hyma srl che ha in gestione lo stabile di via delle Costellazioni 170 è incresciosa. Avevamo già interrogato la Regione relativamente all’uso del immobile destinato inizialmente residenza universitaria e poi a dare ospitalità a sedicenti profughi e richiedenti asilo. Ma certo non pensavamo ci fosse dietro a questa gestione già discutibile un problema economico e finanziario di tale portata”. Così scrive in una nota il consigliere leghista Stefano Bargi.

“Le cooperative – prosegue Bargi – che fanno business sulla gestione degli immigrati devono dimostrare responsabilità e comunque garantire pagamenti puntuali a chi fornisce loro servizi necessari. E nemmeno vale trincerarsi dietro i ritardi del pagamento delle prefetture che non sono una giustificazione sufficiente per mettere in difficoltà altre imprese a cascata. Non possono essere i cittadini e gli imprenditori a farsi carico delle difficoltà di gestione di chi vuole fare dell’accoglienza il proprio business e già beneficia di fondi statali, strutture e agevolazioni di ogni genere”. Il consigliere ha annunciato che sulla questione “presenteremo a breve una interrogazione per capire nel merito quello che è successo, se questa situazione riguarda anche altre realtà e quando l’azienda in questione potrà usufruire del dovuto”.

“Una cooperativa che ottiene dallo Stato 35 euro al giorno per ogni immigrato che accoglie non può permettersi di non pagare il dovuto e lasciare buchi da quasi 600mila euro. Il business dell’accoglienza a Modena si arricchisce ogni giorno di altri inaccettabili tasselli”. Queste, invece, le parole del capogruppo di Forza Italia in Regione Andrea Galli.

“La cooperativa Caleidos in base alla denuncia del gestore del palazzo doveva pagare appena 9.50 euro a posto letto, il che significa per circa 200 immigrati intorno ai 50mila euro al mese – afferma Galli -. Eppure questi soldi dovuti non sono mai stati pagati mettendo in ginocchio il gestore. E la cosa paradossale è che dallo Stato, per l’accoglienza di 200 persone, la coop Caleidos ottiene quattro volte tanto, cioè 210mila euro. Ammettendo anche sia vero il ritardo, lamentato da Caleidos, nel pagamento da parte della Prefettura di qualche mese, il margine è talmente ampio da rendere incomprensibile l’insoluto di un intero anno, poco meno di 600mila euro”.

“È vero che nei 35 euro al giorno per immigrato va calcolato anche il vitto e il servizio degli operatori – aggiunge il capogruppo forzista – ma a questo punto credo sia necessario fare chiarezza su come venga spesa esattamente dalla coop Caleidos questa montagna di soldi pubblici e, nel caso, su quali altri fornitori sono stati lasciati senza il pattuito. Presenterò formale richiesta in Comune e Regione per l’istituzione di una apposita Commissione di inchiesta per far luce e per valutare l’operato di Caleidos”.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Recuperato l'antico manoscritto che venne rubato dall'Abbazia di Nonantola
    Recuperato l'antico manoscritto che venne rubato dall'Abbazia di Nonantola
    Era stato messo in vendita sul web, sul mercato antiquario. Il 22 gennaio, venerdì, si terrà una cerimonia pubblica per la riconsegna del manoscritto recuperato.[...]
    Con le "Storie a domicilio", il progetto TiPì riparte nella Bassa
    Con le "Storie a domicilio", il progetto TiPì riparte nella Bassa
    Ripartono le attività di TiPì – Stagione di Teatro Partecipato, il progetto che dal 2016 anima la vita culturale dell'Area Nord della provincia di Modena, con l'iniziativa TPCM – Storie a domicilio.[...]
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Inaugurata l’innovativa sala Obeya, di tradizione nipponica, per migliorare i processi decisionali, la creatività e il lavoro di squadra[...]
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    AutoClub, storica concessionaria BMW di Modena ha donato due BMW I8 Spyder Toy Car che accompagneranno il bimbo in sala operatoria. [...]
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    E' un atto burocratico perché il servizio militare obbligatorio non è scomparso, ma sospeso. E periodicamente si parla di renderlo operativo, come adesso per il Coronavirus[...]
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    L'allarme dell'associazione "Il Pettirosso" che si trova a curare gli uccellini rimasti incollati[...]
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    I dati di un'indagine sul pubblico condotta da Regione e DamsLab, attraverso l'analisi di 25 manifestazioni di settore in Emilia-Romagna[...]
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    La Bassa territorio di personaggi illustri, oggi si parla del deputato finalese Gregorio Agnini: pioniere del socialismo italiano e fondatore delle leghe dei braccianti in Emilia.[...]
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Durerà poco ma dovrebbe poggiarsi[...]