SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Cancro al rene, una scoperta dell’Università per la diagnosi precoce

Un’importante scoperta scientifica condotta da ricercatori Unimore, in collaborazione con colleghi svedesi e statunitensi, è destinata a far compiere decisivi progressi per quanto riguarda una terribile patologia, il carcinoma renale a cellule chiare. Lo rende noto un comunicato dell’Università.

Il gruppo di ricercatori del Laboratorio di Biochimica e Glicobiologia del Dipartimento di Scienze della Vita, coordinato dal prof. Nicola Volpi, ha individuato un biomarcatore sensibile e specifico nel rilevamento del carcinoma, minimamente invasivo, che consentirà la diagnosi precoce, la previsione e la sorveglianza delle recidive in questa forma di cancro.

Lo studio, iniziato nel 2016 e concluso nel 2018, vede protagonisti il gruppo di ricerca del Laboratorio di Biochimica e Glicobiologia del Dipartimento di Scienze della Vita di Unimore, costituito dalla dott.ssa Francesca Maccari, dal dott. Fabio Galeotti, dalla dott.ssa Veronica Mantovani e dalla dott.ssa Federica Capitani e coordinato dal prof. Nicola Volpi.

Lo studio, per la sua rilevanza scientifica, ha raccolto l’interesse dell’importante rivista europea di oncologia urologica “European Urology Oncology”, edita dall’Associazione Europea di Urologi, che ha pubblicato i risultati della ricerca dedicandogli un articolo intitolato “Plasma Glycosaminoglycans as Diagnostic and Prognostic Biomarkers in Surgically Treated Renal Cell Carcinoma” (I glicosaminoglicani plasmatici come biomarcatori diagnostici e prognostici nel carcinoma renale a cellule chiare trattato chirurgicamente).

“Il nostro studio – precisa il prof. Nicola Volpi di Unimore – riporta la possibilità di usare i glicosaminoglicani circolanti nel plasma, biomolecole molto complesse dal punto di vista della struttura, per diagnosticare accuratamente la presenza di carcinoma renale metastatico a cellule chiare. Inoltre, la presenza di queste molecole correla con la prognosi di questa forma tumorale e quindi con il probabile andamento della malattia dopo trattamento chirurgico”.

Il carcinoma renale a cellule chiare è la forma più comune di cancro al rene ed è il nono tipo di cancro più frequente nel mondo occidentale producendo circa 90.000 morti a livello globale ogni anno. Ad oggi, non esiste possibilità di diagnosticare precocemente questo tipo di cancro che è in gran parte asintomatico. Inoltre, si stima che al momento della diagnosi il 20-40% di tutti i casi siano già allo stadio metastatico, che è considerato invariabilmente incurabile. Il trattamento chirurgo viene generalmente effettuato su pazienti non metastatici. Tuttavia, circa il 20% di tutti questi casi manifesta recidiva entro 5 anni dall’intervento chirurgico, presentando metastasi con ulteriori cure limitate.

In questo studio, i ricercatori modenesi hanno valutato se i glicosaminoglicani plasmatici possono rappresentare un marker sensibile e specifico nel rilevamento del carcinoma renale a cellule chiare e se sono in grado di rilevare il carcinoma nelle fasi iniziali, oltre che prevedere la sua recidiva dopo intervento chirurgico.

Lo studio è stato effettuato in conformità con le linee guida STARD e REMARK e registrato con numero NCT03471897 su ClinicalTrial.gov. In totale sono stati arruolati 218 pazienti affetti da cancro al rene a cellule chiare prima dell’operazione e dopo trattamento chirurgico. Dopo esclusione dei soggetti non rispondenti ai criteri di selezione, sono stati inclusi nello studio 194 pazienti.

“I risultati ottenuti – conclude il prof. Nicola Volpi di Unimore – dimostrano che i glicosaminoglicani sono biomarcatori diagnostici e prognostici altamente sensibili in grado di garantire la diagnosi precoce, la previsione e la sorveglianza delle recidive in questa forma di cancro”.

Questo studio segue un primo lavoro dal titolo “Glycosaminoglycan Profiling in Patients’ Plasma and Urine Predicts the Occurrence of Metastatic Clear Cell Renal Cell Carcinoma” pubblicato nel 2016 sulla prestigiosa rivista Cell Reports.

La determinazione dei glicosaminoglicani plasmatici sviluppata nel Laboratorio di Biochimica e Glicobiologia del Dipartimento di Scienze della Vita, sta permettendo al dott. Francesco Gatto, che attualmente lavora alla Chalmers University of Technology di Göteborg (Svezia), primo autore del lavoro, di sviluppare un test diagnostico in grado di individuare precocemente vari tipi di cancro e di predirne l’evoluzione con l’obiettivo di curarli nelle prime fasi quando i trattamenti disponibili sono più efficaci.

Questi studi sono valsi al dott. Francesco Gatto l’importante riconoscimento “Innovators under 35 Europe 2018” da parte della rivista MIT Technology Review.

Rubriche

Glocal
Le elezioni dei numeri
La Lega, partito politico che non ha mai nascosto il proprio euroscetticismo, anzi ne ha fatto anche una sorta di portabandiera, è il primo partito italiano che occuperà più scranni nell’Europarlamento.leggi tutto
Glocal
Finanza alternativa – le banche aprono al crowdfunding?
Sebbene in forte ritardo rispetto al Regno Unito, che già nel 2012 presentava numeri da capogiro, in Italia l’equity crowdfunding sta crescendo molto.leggi tutto
Emergenza fiumi, cosa accade in montagna? -LO SPECIALE
Disboscamento e consumo di suolo hanno conseguenze pesanti sull'attività dei corsi d'acqua che poi arrivano da noileggi tutto
Glocal
L’economia italiana non cresce perché è poco libera
Libertà economica bassa in Italia, dove lo stato continua ad assumere un peso rilevante, frenando la crescita. Gli stati più liberi, al contrario, mostrano maggiore dinamicità economica.leggi tutto
Glocal
L'OCSE boccia l'Italia
L'OCSE boccia le politiche economiche e sociali dell'attuale governo.leggi tutto
Glocal
Italia in recessione
Italia in recessione, come Argentina e Turchia: PIL a -0,2% nel 2019.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchDopo il sisma, tornano a suonare le campane della chiesa di Cavezzo
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    L'aereo di Fulvio Setti torna a rinnovata bellezza con il sorvolo delle Frecce Tricolori
    L'aereo di Fulvio Setti torna a rinnovata bellezza con il sorvolo delle Frecce Tricolori
    Cerimonia di inaugurazione del restaurato monumento che è diventato simbolo di Modena[...]
    L'ex sindaco di Medolla Filippo Molinari braccio destro del presidente Bonaccini
    L'ex sindaco di Medolla Filippo Molinari braccio destro del presidente Bonaccini
    E' diventato capo della segreteria politica del presidente della Regione[...]
    Uno a destra, uno a sinistra: i fratelli Carlo e Giuliano Tassi divisi in Consiglio a Mirandola
    Uno a destra, uno a sinistra: i fratelli Carlo e Giuliano Tassi divisi in Consiglio a Mirandola
    Carlo era uno dei papabili assessori se avesse vinto Ganzerli. Giuliano è tra i fedelissimi della Lega[...]
    Torna su strada la Ferrari 512 Modulo Concept
    Torna su strada la Ferrari 512 Modulo Concept
    Al Concorso d'Eleganza Villa d'Este[...]
    Emergenza fiumi, ecco cosa succede nel groviglio di Modena Nord - LO SPECIALE
    Emergenza fiumi, ecco cosa succede nel groviglio di Modena Nord - LO SPECIALE
    All'interno dell'area golenale ricade l'importante svincolo autostradale A1 Autosole con l'A22 Autobrennero.[...]
    Il maggio più piovoso da 189 anni
    Il maggio più piovoso da 189 anni
    Lo dice l’Osservatorio Geofisico del DIEF - Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di Unimore[...]
    Camion cade nel torrente di montagna, è lì da giorni e perde gasolio in acqua
    Camion cade nel torrente di montagna, è lì da giorni e perde gasolio in acqua
    Il mezzo era posteggiato in un terreno che è stato eroso dalla piena facendolo precipitare nel torrente, affluente del Secchia[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: