SulPanaro Expo SulPanaro Expo

I costi dello shutdown americano

di Andrea Lodi

Il blocco parziale delle attività amministrative federali americane è ancora in atto.

Il Presidente americano vuole assolutamente il muro ai confini con il Messico: “farò tutto il necessario”, avrebbe dichiarato nei giorni scorsi, “il pubblico americano chiede il muro”.

Quest’ultima affermazione pare però non essere supportata dalla realtà. Ma si sa quanto il Presidente abbia un rapporto alquanto particolare (per non usare altre espressioni politicamente scorrette) con tutto ciò che esce dal suo modo di intendere la realtà.

Un pubblico americano che, a quanto pare, conosce solo lui. Da alcuni sondaggi, infatti, di cui non è nota la fonte, pare che solo meno di un terzo dell’elettorato consideri la sicurezza dei confini americani, tra le prime tre priorità del Paese.

Inoltre, varie fonti sia repubblicane che democratiche, considerano il muro un inutile spreco di soldi perché inefficiente per il controllo dei confini con il Messico. Gli americani hanno una lunga esperienza nell’ambito della sicurezza nazionale, e gli esperti sanno bene che l’unico modo per tenere sotto controllo i confini è un presidio continuo e organizzato con tecnologie all’avanguardia. D’altronde sono proprio gli americani che hanno insegnato agli israeliani come tenere sotto controllo i confini con la Palestina.

America first

Un uomo solo al comando che, in un sistema sempre più globalizzato, ha l’obiettivo di isolare l’America dal resto del mondo. “America first” è il suo motto. Il muro, per il Presidente, non è soltanto un (inutile) strumento di controllo dei confini con il Messico, ma è soprattutto un simbolo della sua “mission” – oltre che un appetibile gigantesco appalto per i suoi amici costruttori – un muro che, come i grattacieli e gli edifici che ha eretto in anni di duro lavoro, porterà il suo nome, c’è da scommetterci. Trump punta all’eternità.

Un uomo solo al comando di un progetto che nessuno vuole. Un Trump contro il Congresso che non vuole stanziare i cinque miliardi di dollari per il muro, contro la Federal Reserve, contro il suo ormai ex segretario alla Difesa, contro gli alleati, contro le istituzioni internazionali e contro i media. Un “conflitto” che sta costando parecchi miliardi agli americani.

I costi dello shutdown

Lo shutdown del 2013, che durò 17 giorni sotto la presidenza di Barack Obama, voluto dai repubblicani nel tentativo di far fallire l’ambiziosa riforma sanitaria Obamacare, costò circa 24 miliardi di dollari (1,4 miliardi al giorno), vale a dire lo 0,6% del Pil del quarto trimestre di quell’anno.

Un calcolo preciso di quanto possa costare lo shutdown è difficile da ipotizzare, perché dipende da quanti servizi vengono “bloccati”, per quanto tempo e in quale quadro politico e socio-economico inserirlo.

Secondo Standard & Poor’s lo shutdown può costare 6,5 miliardi di dollari alla settimana, tra costi diretti e indiretti. Goldman Sachs ha invece ipotizzato un costo ben superiore che si aggira attorno allo 0,2% del Pil. Nel caso di questo blocco parziale, la stima si aggira su circa 1,3 miliardi a settimana. Il rischio grave e difficile da misurare è però quello politico, in termini di percezione di responsabilità e di credibilità di un governo che già da tempo mostra segni di cedimento. Senza considerare come risponderanno i mercati al braccio di ferro voluto da Trump con il Congresso. Un “costo” che può vanificare quota parte dell’importante tasso di crescita del 4,1% dell’economia americana nel 2018.

Insomma, un Trump solo contro tutti, esponente di una contraddizione che sta vivendo l’America, indecisa tra globalismo e nazionalismo.

Rubriche

Glocal
Il 50% della ricchezza mondiale in mano a pochi
Secondo una ricerca realizzata dalla Boston Consulting Group, denominata, “Global Wealth 2019: Reigniting Radical Growth”, la ricchezza finanziaria privata nel mondo a fine 2018 ha raggiunto i 206 mila miliardi di dollari: 1,9 volte il PIL mondiale.leggi tutto
Consigli di salute
Alzheimer, la salute di denti e gengive aiuta a ridurne il rischio
Uno studio ha dimostrato come parodontite e Alzheimer siano collegati: ecco perché prendersi cura dei denti è importante leggi tutto
Consigli di salute
Denti e postura, il legame è stretto
Tanti i disturbi correlati: emicrania, dolori nella masticazione, ma anche ernia del disco e tendiniti.leggi tutto
Glocal
Secondo trimestre del 2019: probabile PIL negativo
Il Rapporto annuale dell’Istat sulla situazione macroeconomica del Paese, sentenzia in modo chiaro che nel secondo trimestre dell’anno in corso è prevista una forte contrazione del PIL, al punto che si prevede una differenza negativa rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.leggi tutto
Glocal
Le elezioni dei numeri
La Lega, partito politico che non ha mai nascosto il proprio euroscetticismo, anzi ne ha fatto anche una sorta di portabandiera, è il primo partito italiano che occuperà più scranni nell’Europarlamento.leggi tutto
Glocal
Finanza alternativa – le banche aprono al crowdfunding?
Sebbene in forte ritardo rispetto al Regno Unito, che già nel 2012 presentava numeri da capogiro, in Italia l’equity crowdfunding sta crescendo molto.leggi tutto
Emergenza fiumi, cosa accade in montagna? -LO SPECIALE
Disboscamento e consumo di suolo hanno conseguenze pesanti sull'attività dei corsi d'acqua che poi arrivano da noileggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchDopo il sisma, tornano a suonare le campane della chiesa di Cavezzo
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Passa un trasporto eccezionale, si deve rafforzare ponte Ciro Menotti
    Passa un trasporto eccezionale, si deve rafforzare ponte Ciro Menotti
    Per questo motivo nell’area sotto al ponte è vietata la sosta fino a lunedì 22 luglio[...]
    Il lambrusco al bar di Modena si paga con i bit coin
    Il lambrusco al bar di Modena si paga con i bit coin
    il titolare del wine shop Lambruscheria ha deciso di accettare in pagamento le monete virtuali[...]
    Schiuma nel fiume Panaro: sembra ammoniaca, ma non si sa da dove arriva
    Schiuma nel fiume Panaro: sembra ammoniaca, ma non si sa da dove arriva
    Grandi macchie di sostanza bianca erano comparse a pelo d'acqua nei giorni scorsi[...]
    Il politico Andrea Galli sposa Carlotta Corno
    Il politico Andrea Galli sposa Carlotta Corno
    Tra i partecipanti i politici forzisti della Bassa, da Giorgio Cavazzoli (consigliere comunale a Finale Emilia) a Marian Lugli (consigliere comunale a Mirandola)[...]
    Successo per i Giganti della Bassa, tra grandi alberi e grandissimi piatti
    Successo per i Giganti della Bassa, tra grandi alberi e grandissimi piatti
    Un cedro a Medolla, un pioppo a Cavezzo e una quercia a Soliera sono gli alberi più grandi della Bassa[...]
    Rivara, c'è una sorpresa: il campanile ritorna... bicolore
    Rivara, c'è una sorpresa: il campanile ritorna... bicolore
    Sabato l'inaugurazione: la novità sarà il ritorno, dopo oltre trent'anni in rosa, a tinte in sintonia con quelle della chiesa[...]
    La giunta di Bellelli si presenta... con gli effetti speciali
    La giunta di Bellelli si presenta... con gli effetti speciali
    Esilarante siparietto quello che è andato in scena su Facebook[...]
    A dieci mesi dall'inaugurazione, fontane di Medolla già ferme
    A dieci mesi dall'inaugurazione, fontane di Medolla già ferme
    La ditta che le ha installate è attesa per una manutenzione straordinaria[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: