SulPanaro Expo SulPanaro Expo

I costi dello shutdown americano

di Andrea Lodi

Il blocco parziale delle attività amministrative federali americane è ancora in atto.

Il Presidente americano vuole assolutamente il muro ai confini con il Messico: “farò tutto il necessario”, avrebbe dichiarato nei giorni scorsi, “il pubblico americano chiede il muro”.

Quest’ultima affermazione pare però non essere supportata dalla realtà. Ma si sa quanto il Presidente abbia un rapporto alquanto particolare (per non usare altre espressioni politicamente scorrette) con tutto ciò che esce dal suo modo di intendere la realtà.

Un pubblico americano che, a quanto pare, conosce solo lui. Da alcuni sondaggi, infatti, di cui non è nota la fonte, pare che solo meno di un terzo dell’elettorato consideri la sicurezza dei confini americani, tra le prime tre priorità del Paese.

Inoltre, varie fonti sia repubblicane che democratiche, considerano il muro un inutile spreco di soldi perché inefficiente per il controllo dei confini con il Messico. Gli americani hanno una lunga esperienza nell’ambito della sicurezza nazionale, e gli esperti sanno bene che l’unico modo per tenere sotto controllo i confini è un presidio continuo e organizzato con tecnologie all’avanguardia. D’altronde sono proprio gli americani che hanno insegnato agli israeliani come tenere sotto controllo i confini con la Palestina.

America first

Un uomo solo al comando che, in un sistema sempre più globalizzato, ha l’obiettivo di isolare l’America dal resto del mondo. “America first” è il suo motto. Il muro, per il Presidente, non è soltanto un (inutile) strumento di controllo dei confini con il Messico, ma è soprattutto un simbolo della sua “mission” – oltre che un appetibile gigantesco appalto per i suoi amici costruttori – un muro che, come i grattacieli e gli edifici che ha eretto in anni di duro lavoro, porterà il suo nome, c’è da scommetterci. Trump punta all’eternità.

Un uomo solo al comando di un progetto che nessuno vuole. Un Trump contro il Congresso che non vuole stanziare i cinque miliardi di dollari per il muro, contro la Federal Reserve, contro il suo ormai ex segretario alla Difesa, contro gli alleati, contro le istituzioni internazionali e contro i media. Un “conflitto” che sta costando parecchi miliardi agli americani.

I costi dello shutdown

Lo shutdown del 2013, che durò 17 giorni sotto la presidenza di Barack Obama, voluto dai repubblicani nel tentativo di far fallire l’ambiziosa riforma sanitaria Obamacare, costò circa 24 miliardi di dollari (1,4 miliardi al giorno), vale a dire lo 0,6% del Pil del quarto trimestre di quell’anno.

Un calcolo preciso di quanto possa costare lo shutdown è difficile da ipotizzare, perché dipende da quanti servizi vengono “bloccati”, per quanto tempo e in quale quadro politico e socio-economico inserirlo.

Secondo Standard & Poor’s lo shutdown può costare 6,5 miliardi di dollari alla settimana, tra costi diretti e indiretti. Goldman Sachs ha invece ipotizzato un costo ben superiore che si aggira attorno allo 0,2% del Pil. Nel caso di questo blocco parziale, la stima si aggira su circa 1,3 miliardi a settimana. Il rischio grave e difficile da misurare è però quello politico, in termini di percezione di responsabilità e di credibilità di un governo che già da tempo mostra segni di cedimento. Senza considerare come risponderanno i mercati al braccio di ferro voluto da Trump con il Congresso. Un “costo” che può vanificare quota parte dell’importante tasso di crescita del 4,1% dell’economia americana nel 2018.

Insomma, un Trump solo contro tutti, esponente di una contraddizione che sta vivendo l’America, indecisa tra globalismo e nazionalismo.

Rubriche

Glocal
Italia in recessione
Italia in recessione, come Argentina e Turchia: PIL a -0,2% nel 2019.leggi tutto
Glocal
L'Italia leader in Europa nell'economia circolare
Il tasso di riciclaggio dei rifiuti in Italia è fra i più alti del mondo: circa il 45% dei rifiuti urbani ed il 65% dei rifiuti speciali viene recuperato.leggi tutto
Glocal
La disuguaglianza tra ricchi e poveri alimenta la rabbia sociale
L’1% della popolazione mondiale detiene quasi la metà della ricchezza aggregata netta totale.leggi tutto
Glocal
Esondazione Secchia del 2014: una sentenza da rivedere
Alluvione 2014, per la Procura non ci sono responsabili: archiviata l’inchiesta.leggi tutto
Glocal
Lo shutdown più lungo della storia americana
Lo shutdown americano, il più lungo della storia americana, sta avendo conseguenze negative che non riguardano soltanto il presente della più grande democrazia del pianeta, ma anche il futuro.leggi tutto
Glocal
I costi dello shutdown americano
Il Presidente americano vuole assolutamente il muro ai confini con il Messico: “farò tutto il necessario”, avrebbe dichiarato nei giorni scorsi, “il pubblico americano chiede il muro”.leggi tutto
Glocal
America in shutdown
Blocco di un quarto delle attività federali per mancanza di fondi. Trump: "Speriamo non duri a lungo". E rinuncia alle vacanze di Natale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchPiantagione di marijuana, la scoperta dei Carabinieri a Cavezzo
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Primo giorno di primavera, e in città tornano le rondini
    Primo giorno di primavera, e in città tornano le rondini
    Questo uccello è molto utile per l’uomo, in quanto essa si ciba di insetti, soprattutto zanzare, mosche e cimici[...]
    Rubarono una statuetta dal museo 55 anni fa, ora torna a Modena
    Rubarono una statuetta dal museo 55 anni fa, ora torna a Modena
    E' stata restituita alla città dai Carabinieri[...]
    Cane cieco cade nel fiume, salvato dai pompieri
    Cane cieco cade nel fiume, salvato dai pompieri
    Ne è uscito infreddolito è spaventato, ma incolume[...]
    Il nuovo ponte sul Panaro a Bomporto sara intitolato ai militari americani
    Il nuovo ponte sul Panaro a Bomporto sara intitolato ai militari americani
    L'annucnio del sindaco in occasione della visita dell’Ambasciatore americano Lewis M. Eisenberg e del Console Benjamin V. Wohlauer [...]
    Liberi di guidare sempre, incontri di educazione stradale per gli anziani
    Liberi di guidare sempre, incontri di educazione stradale per gli anziani
    Per aggiornare soprattutto sulle nuove norme stradali e per un uso corretto della guida e della strada[...]
    Il magnifico tramonto che ci ha regalato la Bassa martedì
    Il magnifico tramonto che ci ha regalato la Bassa martedì
    Per chi se lo fosse perso, ecco una carrellata di immagini [...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: