SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Discarica Finale, è scontro tra le forze politiche. Intanto Palazzi annuncia il ricorso al Tar

FINALE EMILIA – Dopo la decisione del Governo di non opporsi alla discarica di Finale Emilia si accende il dibattito politico.

Il sindaco Sandro Palazzi in un’intervista a Radio Bruno ha detto che “bisogna vedere come si comporteranno in viale Aldo Moro a Bologna, quali decisioni prenderanno, se continueranno in questa direzione o se rivedranno il proprio piano di individuazione delle discariche strategiche, tra cui era compresa Finale. Nel caso in cui la posizione della Regione non dovesse cambiare, come Primo Cittadino non lascerò nulla di intentato per fermare questo progetto. Valuteremo anche il ricorso al Tar, se fosse necessario”.

A prendere carta e penna per ribadire il no al progetto è Stefano Lugli, consigliere comunale di Sinistra Civica per Finale Emilia che in una nota boccia la decisione del Governo e attacca Lega e M5S:

Apprendiamo da una comunicazione di Palazzi Chigi che il governo Conte rimanda la decisione sulla discarica alla Regione Emilia-Romagna in quanto il sindaco di Finale Emilia Sandro Palazzi non avrebbe argomentato adeguatamente le motivazioni a sostegno del rifiuto ad ospitare sul territorio di Finale Emilia l’ampliamento da 1,8 milioni di ton di rifiuti speciali. E così l’ultima parola cade proprio nelle mani di quella Regione che la discarica a Finale Emilia la vuole ad ogni costo. Più che governo del cambiamento questo è il governo dello scaricabarile.

Consideriamo la pilatesca scelta del governo Conte di rimettere la decisione alla Regione un vero e proprio tradimento degli impegni assunti con i finalesi. Perché Lega e M5S si sono presentati in campagna elettorale a Finale Emilia promettendo lo stop alla discarica appena arrivati al governo, e invece oggi che sono nella stanza dei bottoni non esprimono un parere politico sull’ampliamento gettando Finale Emilia nelle braccia di chi la discarica la vuole realizzare.

Il consiglio comunale di Finale Emilia il 6 ottobre 2016 si è espresso a stragrande maggioranza contro il maxi ampliamento della discarica, e la nostra richiesta alla Regione di rispettare quello che l’assemblea elettiva finalese ha democraticamente scelto per il futuro della propria comunità resta immutata. La Regione Emilia-Romagna chiuda dunque questa vicenda e non imponga la propria volontà ad una comunità che ha già pagato un prezzo troppo alto in termini di impatto ambientale. E se la giunta Bonaccini decidesse di andare avanti chiederemo al sindaco di avanzare ricorso al Tar affidando la presentazione ad uno studio specializzato in materia ambientale. E invitiamo fin d’ora i finalesi alla mobilitazione per far valere le ragioni di una comunità che vuole cambiare il proprio destino.

Finale Emilia ospita sul suo territorio diverse attività produttive impattanti e due discariche esaurite di cui, l’ultima, è stata al servizio del bacino Hera raccogliendo rifiuti provenienti da tutta la Regione. La nuova discarica è destinata a raccogliere anch’essa rifiuti speciali sul libero mercato, quindi non ha nulla a che fare con i bisogni di smaltimento rifiuti di una comunità che ha da poco avviato anche la raccolta porta a porta per ridurre i conferimenti nelle discariche e negli inceneritori.

Sulla questione è intervenuto anche l’onorevole del M5S Vittorio Ferraresi che ha provato ha correggere il tiro.

“Sulla discarica di Finale non c’è nessun via libera da parte del Governo”, ha scritto il deputato in un comunicato e, citando una nota del Governo, ha spiegato che la Presidenza del Consiglio dei Ministri in merito alla richiesta, rimanda gli atti alla Regione perché “la stessa amministrazione possa utilmente provvedere in merito alla definizione del procedimento”. Dunque, spiega ancora Ferraresi, si tratta di “una risposta tecnica con cui si giudica “inammissibile” la proposta della Regione, ma che non sancisce alcun via libera”.

“Come per l’autostrada Cispadana, la decisione non spetta al Governo ma alla Regione Emilia Romagna a guida Pd alla quale ultimamente piace tanto scaricare le sue responsabilità, che dovrà decidere se andare avanti oppure no. Il progetto di discarica di Finale Emilia è stato voluto dal Pd territoriale su più livelli e il Pd ora lo deve fermare. Siamo e rimaniamo contrari al progetto che abbiamo con tutte le nostre forze contrastato. Ora la Regione ascolti la popolazione di Finale Emilia e dica no”, ha concluso il deputato.

LEGGI ANCHE:

Rubriche

Glocal
L’economia italiana non cresce perché è poco libera
Libertà economica bassa in Italia, dove lo stato continua ad assumere un peso rilevante, frenando la crescita. Gli stati più liberi, al contrario, mostrano maggiore dinamicità economica.leggi tutto
Glocal
L'OCSE boccia l'Italia
L'OCSE boccia le politiche economiche e sociali dell'attuale governo.leggi tutto
Glocal
Italia in recessione
Italia in recessione, come Argentina e Turchia: PIL a -0,2% nel 2019.leggi tutto
Glocal
L'Italia leader in Europa nell'economia circolare
Il tasso di riciclaggio dei rifiuti in Italia è fra i più alti del mondo: circa il 45% dei rifiuti urbani ed il 65% dei rifiuti speciali viene recuperato.leggi tutto
Glocal
La disuguaglianza tra ricchi e poveri alimenta la rabbia sociale
L’1% della popolazione mondiale detiene quasi la metà della ricchezza aggregata netta totale.leggi tutto
Glocal
Esondazione Secchia del 2014: una sentenza da rivedere
Alluvione 2014, per la Procura non ci sono responsabili: archiviata l’inchiesta.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchA Massa Finalese successo per la Giornata Fai di primavera
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    E a Finale Emilia via Salde Entrà diventa Via Buca
    E a Finale Emilia via Salde Entrà diventa Via Buca
    E' arcinota per le condizioni in cui versa: smottamenti, piccole frane e buche fanno compagnia a residenti e imprenditori da mesi.[...]
    Fuma marijuana e coi Carabinieri esulta perchè è negativo all'alcoltest
    Fuma marijuana e coi Carabinieri esulta perchè è negativo all'alcoltest
    A un19enne modenese è stata ritirata la patente di guida e sequestrata l’auto.[...]
    Lo stupore dei bimbi della scuola di Bastiglia davanti alla nascita dei pulcini
    Lo stupore dei bimbi della scuola di Bastiglia davanti alla nascita dei pulcini
    Progetto didattico alla scuola paritaria Santa Maria Assunta[...]
    La signora Leonilda di Novi compie 101 anni
    La signora Leonilda di Novi compie 101 anni
    E arrivata a un traguardo importante, unico e raro.[...]
    Senza patente e assicurazione, fa mandare le multe a sua sorella fingendosi lei
    Senza patente e assicurazione, fa mandare le multe a sua sorella fingendosi lei
    Una signora di 56 anni è stata denunciata penalmente per sostituzione di persona e sanzionatadi quasi 6 mila euro[...]
    Le vie del tempo, 340 rievocatori si ritrovano per un salto nel passato dal VI secolo A.C. alla II Guerra mondiale
    Le vie del tempo, 340 rievocatori si ritrovano per un salto nel passato dal VI secolo A.C. alla II Guerra mondiale
    Per l'ampiezza del periodo temporale rappresentato e per il numero dei rievocatori, è una manifestazione unica a livello nazionale[...]
    Alla Sala Ibrida interventi chirurgici in diretta con 60 medici da tutta Italia
    Alla Sala Ibrida interventi chirurgici in diretta con 60 medici da tutta Italia
    L’applauso finale dei chirurghi ha dato ragione dell’eccellenza raggiunta e degli sforzi di tutta la popolazione della provincia di Modena a cui si deve questo successo.[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: