Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Mafia, “Con il processo Aemilia è finita l’innocenza”

DI ELISA BORTOLAZZI – “Con il Processo Aemilia è finita l’innocenza” queste le parole del Prefetto di Modena Maria Patrizia Paba, pronunciate in occasione del convegno dal titolo “Processo Aemilia. Entità del fenomeno mafioso nel Territorio”, tenutosi mercoledì 12 dicembre 2018 presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Modena e Reggio Emilia alla presenza delle massime autorità civili-militari e che ha annoverato tra i relatori il Dottor Marco Mescolini, Pubblico Ministero nel processo Aemilia ed attuale Procuratore Generale della Procura della Repubblica di Reggio Emilia.

La maggior parte di persone associa il termine mafia unicamente al fenomeno della criminalità organizzata presente nel Sud Italia; tale assonanza è inesatta. Un primo spunto, dal quale si sarebbe potuto dedurre l’erroneità della circostanza, avrebbe potuto essere colto nello scioglimento per mafia del comune di Bardonecchia avvenuto nel 1994; un’ulteriore conferma si sarebbe potuta riscontrare nell’avvio dell’inchiesta Aemilia nel 2015; mentre la certezza si è avuta nel 2018, allorquando 148 imputati sono stati condannati “alla sbarra”, per complessivi 1.700 anni di carcere circa, e la Suprema Corte, pronunciatosi a seguito dei ricorsi, ad essa, presentati da coloro che avevano scelto il rito abbreviato, ha sancito il radicamento del fenomeno mafioso in Emilia Romagna.

Il Processo Aemilia ha fatto emergere la presenza mafiosa in Emila-Romagna, regione con un alto tasso di produttività, proprio tale peculiarità l’ha resa un territorio appetibile ai mafiosi, siccome costoro cercano costantemente attività in cui investire (o meglio occultare) i proventi derivanti dalle attività illecite che pongono in essere.

La Regione Emilia-Romagna, per contrastare il fenomeno mafioso, nel 2016 ha approvato il Testo Unico per la Promozione della Legalità e per la Valorizzazione della Cittadinanza e dell’Economia Responsabili; altri accorgimenti posti in essere, in tal senso, sono a titolo di esempio l’obbligatoria iscrizione nella White List per le aziende che operano in settori vulnerabili per la mafia, predisposta dalla Prefetture.

I summenzionati accorgimenti, per quanto necessari, non sono sufficienti nella “lotta contro la criminalità mafiosa”, se alla base non vi è un’educazione alla legalità. Per tale ragione fondamentali sono le iniziative ed i progetti concretizzati dalle scuole, si pensi ad esempio al “Centro Studi per la Legalità e Contro Le Mafie”, realizzato grazie alla sinergia tra il Comune di Modena e l’Unimore. L’appena menzionato Centro ha come obiettivo “il mettere a disposizione il sapere scientifico” per contrastare le infiltrazioni mafiose in onore della legalità.

Sempre in relazione alla necessità di formare “una cultura della legalità”, occorre menzionare l’impegno dell’Associazione Nazionale “Libera Contro Le Mafie”, la quale tra gli obiettivi, oltre ad educare, si occupa di gestire i beni confiscati alle mafie affinché essi vengano utilizzati per fini sociali e non siano nuovamente rivenduti ai privati. Circostanza, quest’ultima, che potrebbe comportare il ritorno del bene nella proprietà del mafioso siccome, quest’ultimo, potrebbe acquistarlo dal privato. (Purtroppo tale ipotesi potrebbe non essere un’utopia siccome il Decreto Sicurezza ha previsto che i beni confiscati alla mafia possono essere acquistati anche dai privati!).

Presa contezza che la mafia non si concretizza solo nella pubblica amministrazione ovvero tra quest’ultima ed un privato e anche la mafia si è ammodernata, tant’è vero che il cosiddetto “pizzo” è ormai in disuso, perché i mafiosi preferiscono utilizzare le nuove tecnologie in quanto più incisive; occorre che ognuno di noi rifletta sul proprio contributo che può fornire in termini di legalità, intesa quale libertà nel vivere quotidiano. A nessuno si chiede di compiere comportamenti abnormi, perché anche solo una denuncia all’Autorità competente, può fare la legale differenza; al contrario, se rimaniamo inermi corriamo il rischio che la mafia possa rubarci il futuro!

In conclusione, non dimentichiamoci che la lotta alla mafia è “una necessità per la società che, vuole essere libera, democratica ordinata e solidale”, come affermato dal Presidente della Repubblica Mattarella, in un suo discorso sul tema delle mafie; per cui proviamo a sconfiggerla!

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    AutoClub, storica concessionaria BMW di Modena ha donato due BMW I8 Spyder Toy Car che accompagneranno il bimbo in sala operatoria. [...]
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    E' un atto burocratico perché il servizio militare obbligatorio non è scomparso, ma sospeso. E periodicamente si parla di renderlo operativo, come adesso per il Coronavirus[...]
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    L'allarme dell'associazione "Il Pettirosso" che si trova a curare gli uccellini rimasti incollati[...]
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    I dati di un'indagine sul pubblico condotta da Regione e DamsLab, attraverso l'analisi di 25 manifestazioni di settore in Emilia-Romagna[...]
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    La Bassa territorio di personaggi illustri, oggi si parla del deputato finalese Gregorio Agnini: pioniere del socialismo italiano e fondatore delle leghe dei braccianti in Emilia.[...]
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Durerà poco ma dovrebbe poggiarsi[...]
    La biblioteca di Bomporto mette in vendita libri, l'intervista
    La biblioteca di Bomporto mette in vendita libri, l'intervista
    La biblioteca, nell'immaginario, è il posto che i libri li salva, non che li dà via. Abbiamo voluto capire di più su questa scelta intervistando Luca Verri, responsabile della biblioteca di Bomporto.[...]
    Giorgia Lupi, da Finale Emilia agli Stati Uniti per trasformare Dati in Opere d'Arte.
    Giorgia Lupi, da Finale Emilia agli Stati Uniti per trasformare Dati in Opere d'Arte.
    Espone al Museo di Arte Moderna di New York, ed è sua una delle più belle copertine del New York Times. La "designer dell'informazione" si racconta a Francesca Monari[...]
    Prepara per scherzo una torta alla marijuana, in 3 finiscono in ospedale
    Prepara per scherzo una torta alla marijuana, in 3 finiscono in ospedale
    Era una "tenerina" portata a casa di amici per festeggiare il Capodanno[...]