SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Il miglior panettone d’Italia? Si fa in Emilia, col grano antico

Un panettone non basta. I gusti degli italiani sono sempre più ricercati e vari. Ai tradizionalisti che prendono in considerazione solo la versione più classica del dolce natalizio si aggiungono gli amanti delle versioni più sperimentali e originali. Anche chef rinomati si sono ultimamente messi alla prova con delle versioni personalizzate dei panettoni.

Come spiega una nota delle rivista gastronomica, Dissapore, tra le voci del web più autorevoli nel mondo dell’informazione gastronomica, come ogni anno, ha stilato la classifica dei migliori panettoni artigianali d’Italia. Per la prima volta però, alla lista dei migliori panettoni classici, si aggiunge quella dei panettoni creativi e quella dei “griffati” di chef famosi.

“Le creazioni analizzate sono sempre di più e la scelta è ardua. Quest’anno abbiamo assistito ad un boom di candidature. Sette giudici hanno assaggiato e valutato alla cieca centinaia di panettoni. Abbiamo sottoposto ogni panettone a diversi livelli di analisi: esterna e interna, olfattiva e gustativa afferma Massimo Bernardi di Dissapore.

Una selezione di panettoni che, seguendo anche il trend dei consumi, esamina solo i prodotti artigianali, completamente privi di mono e digliceridi, conservanti che garantiscono una più lunga vita del dolce.

La classifica 2018 dei panettoni creativi vede al primo posto l’Emilia Romagna, con la Focaccia ai grani antichi, realizzata dal pasticciere Claudio Gatti della Pasticceria Tabiano (in provincia di Parma): un dolce dall’aspetto rugoso e di colore scuro, punteggiato da orzo e grani antichi coltivati nella Food Valley parmigianatostati e uniti al cioccolato bianco, che ha conquistato la giuria per il suo sapore.

Le tendenze 2018 vedono l’attenzione agli aromi. Gli impasti dei panettoni creativi profumano di cannella, zenzero, zafferano, e soprattutto della fava di Tonka, ricavata dai semi di un enorme albero che cresce nella foresta amazzonica. Altri panettoni sono caratterizzati da un profumo vanigliato con sentori di caramello, aromi non comuni, speziati e affumicati insieme.

Un’altra tendenza vuole ricreare nel panettone i sapori della colazione di una volta: caffè, orzo e cioccolato per un gustoso effetto “mangia e bevi”.

I pasticceri si sono inoltre messi alla prova con la canditura di frutta diversa dalla solita: al posto di arance e cedri, vengono usati frutti di bosco, frutti esotici e amarene, frutto particolarmente difficile da lavorare che ha fatto escludere dalle classifiche di Dissapore un gran numero di panettoni.

La mania del panettone artigianale si è ormai estesa e da Milano, dove tutto è iniziato, ha ora trovato tanti estimatori tra i pasticceri campani molto presenti nelle classifiche e che hanno proposto varianti che mixano le due tradizioni gastronomiche come il Panbabà e il Pansfogliatella.

Il connubio di due diversi dolci si trova anche in altre proposte come il Panettone Sacher e il Panettone Strudel.

Sono solo due i panettoni salati che si sono distinti tra le varie candidature: la creazione di Grazia Mazzali, un panettone realizzato in vaso-cottura (altro trend dell’anno) con il tartufo bianchetto delle golene del Po e, di nuovo in Emilia, con Gino Fabbri: il suo panettone salato raggiunge il secondo posto della classifica dei panettoni tradizionali.

Incoronato, per la terza volta di seguito, come re del panettone classico è Vincenzo Tiri, 37enne pasticcere di Acerenza (in provincia di Potenza), a capo della pasticceria Tiri 1957, bottega aperta 61 anni fa da una famiglia di grandi panificatori. Il suo panettone ha dominato la classifica grazie alla sua tripla lievitazione, una lavorazione lunga e complessa che garantisce al panettone un profumo e una morbidezza straordinari.

La febbre per gli chef stellati, che forse ormai annoiano in Tv, pare invece più che meritata se guardiamo alle loro creazioni di Natale.

La classifica di Dissapore a loro dedicata premia sul posto più alto del podio il Panettone de Il Cambio, firmato da Fabrizio Galla: un mandorlato elegante che ricorda quello di Iginio Massari, suo maestro.

Secondo Aidepi (l’associazione delle industrie del dolce e della pasta italiane) nel nostro Paese vengono prodotti ogni anno circa 50 tonnellate di panettone che equivalgono circa a 50 milioni di unità (0,82 pro capite) per un giro d’affari complessivo pari a 331 milioni di euro. Un trend, quello del panettone, in costante crescita: (+4%). Si confermano le tendenze degli ultimi anni che vedono in positivo i prodotti di alta gamma, con ricette premium e incarti regalo cresciuti di oltre il 15% proprio nei panettoni. E anche i numeri dell’export sono positivi come conferma Confartigianato. Non è solo il mercato italiano infatti ad amare i panettoni: all’estero le vendite, sempre più numerose, si concentrano sul panettone tradizionale. I mercati principali sono il Nord America, l’Europa, l’Australia e il Giappone; Paesi in cui il panettone italiano è sempre più apprezzato e c’è una grande richiesta.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rubriche

Glocal
Lo shutdown più lungo della storia americana
Lo shutdown americano, il più lungo della storia americana, sta avendo conseguenze negative che non riguardano soltanto il presente della più grande democrazia del pianeta, ma anche il futuro.leggi tutto
Glocal
I costi dello shutdown americano
Il Presidente americano vuole assolutamente il muro ai confini con il Messico: “farò tutto il necessario”, avrebbe dichiarato nei giorni scorsi, “il pubblico americano chiede il muro”.leggi tutto
Glocal
America in shutdown
Blocco di un quarto delle attività federali per mancanza di fondi. Trump: "Speriamo non duri a lungo". E rinuncia alle vacanze di Natale.leggi tutto
Glocal
Qualità della vita in Italia 2018
Italia Oggi, in collaborazione con l’Università “La Sapienza” di Roma, ha realizzato anche quest’anno l’indagine sulla qualità della vita in Italia. La classifica vede le province del Nord –Est fare la parte del leone, con Bolzano e Trento rispettivamente al 1° e 2° posto, seguite da alcune province del Nord-Est quali Belluno, Pordenone e Treviso rispettivamente al 3°, 5° e 9° posto.leggi tutto
Glocal
IL GOVERNO DEL CAMBIAMENTO
In conclusione abbiamo un’emergenza chiamata debito pubblico. Dobbiamo cominciare a pensare che sia il caso di smettere di spendere più soldi di quelli che abbiamo. Dobbiamo cominciare a pensare di smettere di promettere sogni che non si possono realizzare, e che occorre disinnescare l’incubo di una spirale di sfiducia nei confronti dell’Italia che manderebbe all’aria la nostra credibilità.leggi tutto
Consigli di salute
Dieta e tumori, ne parla la dottoressa Federica Felicioni
Tanti i miti da sfatare: non esite una dieta anticancro e non è vero che chi è malato debba mangiare di tutto per essere più forteleggi tutto
Glocal
L’intelligenza artificiale creerà nuovi posti di lavoro?
L’intelligenza artificiale migliorerà la produttività di molti posti di lavoro, eliminando milioni di posizioni di medio e basso livello, ma anche creando milioni di nuove posizioni di alta qualifica.leggi tutto
Glocal
Il difficile rapporto tra l'Italia e le start-up
Secondo i dati del Ministero dello sviluppo economico (con la collaborazione di Infocamere e Unioncamere), il numero delle società innovative in Italia ha raggiunto la quota di quasi 9.000 imprese.leggi tutto
Glocal
Ocse: "Italia terza per disoccupazione, scendono i salari reali"
LʼOcse segnala un alto livello di insicurezza per quanto riguarda il mercato del lavoro in Italia, la cui situazione è "migliorata negli ultimi anni, ma più lentamente che in altri Paesi"leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchPiantagione di marijuana, la scoperta dei Carabinieri a Cavezzo
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Prelievi col bancomat fatti a sua insaputa, poi la scoperta: il ladro è un suo dipendente
    Prelievi col bancomat fatti a sua insaputa, poi la scoperta: il ladro è un suo dipendente
    "Non è possibile, non posso essere stato io ad avere preso tutti questi soldi dal bancomat". E stavolta aveva ragione.[...]
    Ai domiciliari non ci vuole stare: "Meglio il carcere, almeno lì si mangia"
    Ai domiciliari non ci vuole stare: "Meglio il carcere, almeno lì si mangia"
    Con queste parole una donna di San Giovanni in Persiceto, in regime di domiciliari, si è rivolta ai Carabinieri[...]
    E a Reggiolo nasce la guida multimediale gratuita via app
    E a Reggiolo nasce la guida multimediale gratuita via app
    Si chiama "Reggiolo in cuffia" ed è il progetto realizzato da alcuni ragazzi del luogo. E chissà che non possa essere uno spunto per la nostra Bassa...[...]
    Un mirandolese fra i romanisti: "Bighina" Benatti, lo... straniero in giallorosso
    Un mirandolese fra i romanisti: "Bighina" Benatti, lo... straniero in giallorosso
    Dalla testata "Il Romanista" rispunta una curiosità calcistica che riguarda un campione d'antan nato nella Bassa[...]
    Quel filo di solidarietà tra Kathmandu e Finale Emilia - LA STORIA
    Quel filo di solidarietà tra Kathmandu e Finale Emilia - LA STORIA
    Intervista ad Antonella Diegoli, l'insegnante di Finale che è appena stata in Nepal per portare gli aiuti raccolti nella Bassa[...]
    Da San Felice Gianni Bellini fa nascere il Museo della figurina a Chiasso
    Da San Felice Gianni Bellini fa nascere il Museo della figurina a Chiasso
    Apertura prevista nella primavera 2020, su un'area di oltre duemila metri quadri[...]
    Rodolfo Ferrari, cento anni fa moriva il grande direttore d'orchestra di Staggia
    Rodolfo Ferrari, cento anni fa moriva il grande direttore d'orchestra di Staggia
    Enfant prodige salì sul podio ad appena 24 anni, dirigendo numerose opere italiane nei più importanti teatri del mondo.[...]
    La strada trasformata in una pista di ghiaccio
    La strada trasformata in una pista di ghiaccio
    Giornata difficile per il ghiaccio e la nebbia nella Bassa[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: