Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Mirandola, volano gli stracci tra il sindaco Benatti e il deputato Golinelli

A Mirandola volano gli stracci tra il sindaco Benatti e il deputato Golinelli. Tema del contendere, il recupero dell’edificio ex Gil dove dovrebbe sorgere la sede della nuova Polizia. Il progetto sembra passato in cavalleria perchè la Regione ha deciso di non finanziare l’intero importo richiesto e il Governo non sembra intenzionato a rimediare.

E ora si discute di chi sia la colpa: del Comune che ha scritto frettolosamente il progetto? Della Regione che si mette all’improvviso di traversol. Del Governo che si disinteressa dell’Emilia?

Un confronto reso ancora più aspro dal fatto che gli enti sono guidati da partiti opposti, il Pd nel caso di Comune e Regione, e la Lega Nord e il Movimento 5 Stelle nel caso del Governo. Così, messe da parte tutte le cortesia istituzionali, si è dato il via al contenzioso mediatico con uno che dice all’altro di non fare lo scaricabarile e l’altro che replica dicendogli che non conosce come funzionano le cose. C

Il primo ad attaccare è stato il deputato leghista di Mirandola Gugliemo Golinelli

A fine luglio ho scritto al Ministero per avere informazioni sulla ristrutturazione dell’Ex Gil; dopo aver ricevuto risposta i primi di ottobre, abbiamo depositato un’interrogazione in Comune a Mirandola per avere dettagli.
È emerso che il Comune ha deciso autonomamente di spostare il commissariato all’ex Gil, nonostante ci fossero altre proposte, meno costose e pronte in tempi più celeri.
Si sono preventivati 4 milioni di Euro per la ristrutturazione, diventati poi 3.6 milioni finanziabili dalla Regione, ai quali c’era da aggiungere 150 – 200 mila euro di opere edili e sistemi di telecomunicazione (soldi frutto di una stima approssimativa), perché non coperti dai fondi per la ricostruzione.
Alla richiesta di una stima puntuale il Comune ha impiegato 20 mesi (VENTI MESI) per fornire un preventivo preciso e le spese richieste sono passate da 150 – 200 mila a 1.6 milioni di Euro. Tra le richieste del Comune per completare la struttura, perché non finanziabili dalla regione, ci sono finiti dentro anche gli impianti di climatizzazione, rivestimenti e sistemazioni esterne.

Come si può passare da 200 mila a 1.6 milioni di Euro?
È normale impiegare 20 mesi per presentare un preventivo?
In tutti gli edifici ristrutturati sono stati finanziati gli impianti di climatizzazione; per quale motivo in questo caso dovrebbero essere a carico del Ministero dell’Interno?

Sindaco e Comune si assumano le loro responsabilità anziché scaricare la colpa sul Ministero dell’Interno e su Salvini.
Hanno aspettato 20 mesi per scaricare la colpa su qualcun altro.

In seguito parte del testo della nota che il Ministero dell’Interno mi ha fatto pervenire e che abbiamo depositato come interrogazione in comune.
“In data 29 aprile 2014 è stato sottoscritto, fra il Ministero dell’Interno, il Comune di
Mirandola, la Direzione Regionale Emilia Romagna dell’Agenzia del Demanio e la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia Romagna, il Protocollo d’Intesa per la riqualificazione funzionale delle ex Caserme M.V.S.N. (Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale), da recuperare attraverso destinazione d’uso pubblico, e l’“ex Casa del Fascio” (ex Gioventù Italiana del Littorio – G.I.L.), da riutilizzare quale nuova sede definitiva del Commissariato di pubblica sicurezza e del Distaccamento della Polizia di Stato, previ interventi di ristrutturazione a carico della Regione Emilia Romagna (Struttura del Commissario per la Ricostruzione post-sisma).
In particolare, per la ristrutturazione dell’“ex Casa del Fascio” il predetto Protocollo d’Intesa ha previsto uno stanziamento di € 4.000.000,00.
Il Comune di Mirandola, quale soggetto attuatore dell’intervento, ha incaricato un gruppo di professionisti per la progettazione dei lavori di recupero dell’edificio “ex Casa del Fascio” ed il Servizio Tecnico Logistico e Patrimoniale della Polizia di Stato di Milano ha fornito supporto tecnico per la realizzazione del progetto, che è stato poi perfezionato, rispetto alle previsioni iniziali, sulla base delle risultanze dei rilievi strutturali e dei vincoli della Sovrintendenza.
Successivamente alla stipula del Protocollo d’Intesa, è emerso che l’immobile necessita di interventi di completamento per la piena utilizzabilità dello stesso da parte della Polizia di Stato, non rientranti tra quelli finanziabili dalla Regione Emilia Romagna, relativi esclusivamente alla riparazione dei danni causati dal terremoto.
Con nota del 29 dicembre 2016, il Servizio Tecnico Logistico di Milano rendeva noto che il Responsabile Unico del Procedimento (R.U.P.) del Comune di Mirandola aveva sommariamente stimato l’importo dei suddetti lavori, sia edili che inerenti il settore delle telecomunicazioni, in una somma approssimata variabile tra i 150 mila e i 200 mila euro.
Con successiva nota del 22 febbraio 2017, il menzionato Servizio, su indicazione della scrivente Direzione Centrale, interessava il Comune di Mirandola per una puntuale stima degli interventi, al fine di un’esaustiva valutazione anche in relazione alla ripartizione dei finanziamenti alla luce della procedura del cosiddetto “Manutentore Unico” (Agenzia del Demanio).
Con nota dello scorso 20 settembre, il Responsabile Unico del Procedimento del Comune di Mirandola ha comunicato che l’importo di tali opere è pari a € 1.622.817,13.”

Ed ecco la replica del sindaco Maino Benatti

In merito all’edificio ex Gil di Mirandola, sono costretto a fare di nuovo chiarezza, perché continuano a circolare informazioni inesatte.

Innanzitutto il Comune di Mirandola non ha deciso autonomamente nulla, ma la collocazione del commissariato nell’ex Gil è frutto di un confronto tra le parti che hanno poi sottoscritto il protocollo d’intesa (Comune di Mirandola, Agenzia del Demanio- filiale Emilia-Romagna, Direzione regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia-Romagna e Ministero dell’Interno, Direzione Generale di Ps) tutte concordi che quella fosse la scelta migliore per la polizia mirandolese.

Spiace poi constatare che un parlamentare del nostro territorio come Guglielmo Golinelli non conosca come funziona la verifica dei costi delle opere pubbliche (e non solo) da ricostruzione. La prima cifra stimata appunto “sommariamente” era stata effettuata senza che fosse stato realizzato il progetto definitivo (che ha consentito di capire cosa poteva essere finanziato dal commissario alla Ricostruzione e cosa doveva invece essere a carico del Ministero dell’Interno) e senza che venisse poi effettuata una serie di ulteriori richieste, come per esempio un parcheggio sotterraneo di più di 400 metri, inserito in un secondo tempo in fase di progettazione e che come si può facilmente intuire da solo fa lievitare di tanto la cifra iniziale. I 20 mesi sono quindi serviti per realizzare un progetto complesso e per ottenere il parere definitivo della Struttura del Commissario su cosa si poteva finanziare con i fondi della ricostruzione e cosa invece no. Infine si precisa che il Responsabile Unico del Procedimento (Rup), è venuto a conoscenza solo il 5 giugno 2018 (prot.18138), del parere favorevole finale da parte della Commissione Congiunta della Struttura del Commissario, dell’effettivo importo ammissibile a finanziamento. A quel punto il Rup, prontamente e in soli tre mesi, è stato in grado di rivedere e ricomputare tutti gli interventi per dare l’opera finita a regola d’arte, comunicandola al Ministero il 17 settembre 2018 (prot. 29445).

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto
Glocal
Dall'emergenza sanitaria all'emergenza occupazionale
Sono in corso in questi giorni alcune misure per contrastare il danno occupazionale. Tra le misure: incentivi per far ripartire le assunzioni stabili, meno paletti sui contratti a termine, nuove risorse per la Cig e detassazione degli aumenti dei Ccnl.leggi tutto
Glocal
BTP Futura, il primo titolo di Stato interamente dedicato ai risparmiatori retail
Il Governo presenta una vera e propria novità per i risparmiatori italiani particolarmente affezionati ai titoli di Stato: il BTP Futura. Un nuovo Titolo di Stato dedicato esclusivamente ai risparmiatori individuali.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    San Prospero Fantasy compie 10 anni di attività, premiata dal Comune con una targa
    San Prospero Fantasy compie 10 anni di attività, premiata dal Comune con una targa
    Nella serata di sabato 19 settembre è stata consegnato una targa per ringraziare l'associazione San Prospero Fantasy per i suoi dieci anni di attività[...]
    Massimo Bottura nominato ambasciatore dell'Onu contro lo spreco alimentare
    Massimo Bottura nominato ambasciatore dell'Onu contro lo spreco alimentare
    "Ho avuto la fortuna di vivere la vita che avevo sempre sognato", ha dichiarato il neo ambasciatore modenese[...]
    A Mirandola la laicità dello Stato resta un valore? - LA RIFLESSIONE
    A Mirandola la laicità dello Stato resta un valore? - LA RIFLESSIONE
    La Giunta leghista all'inaugurazione della nuova sede dei Vigili Urbani ha invitato un cardinale anticomunista. Attorno a lui si è svolta gran parte della cerimonia[...]
    Modena Motor Gallery, una scommessa vinta
    Modena Motor Gallery, una scommessa vinta
    La manifestazione motoristica torna a far battere forte il cuore degli appassionati e dei semplici curiosi[...]
    Pit, dalla Spagna a Modena, cane antidroga al servizio della Polizia Locale
    Pit, dalla Spagna a Modena, cane antidroga al servizio della Polizia Locale
    Il sindaco Gian Carlo Muzzarelli al Comando per augurare buon lavoro alla nuova Unità cinofila che sarà impiegata anche nell’ambito del progetto Scuole sicure[...]
    Consiglieri comunali indisciplinati a Finale, la reprimenda del presidente Saletti
    Consiglieri comunali indisciplinati a Finale, la reprimenda del presidente Saletti
    In nemmeno un anno che siede sullo scranno più importante dell'assise ne ha visto di tutte i colori[...]
    La compagnia delle Mo.re torna in scena: da Nonantola, Ravarino e Bomporto ai teatri emiliani
    La compagnia delle Mo.re torna in scena: da Nonantola, Ravarino e Bomporto ai teatri emiliani
    Il cast è formato da ragazzi e ragazze,guidati dal fondatore Maicol Piccinini, di Nonantola[...]
    Le immagini più belle di #EViaggioItaliano, il tour nazionale su veicoli elettrici
    Le immagini più belle di #EViaggioItaliano, il tour nazionale su veicoli elettrici
    Il progetto che rilancia il turismo sostenibile per valorizzare il patrimonio enogastronomico, culturale e imprenditoriale italiano[...]
    Da Berlino a Finale per visitare le Meleghine
    Da Berlino a Finale per visitare le Meleghine
    Paolo Saletti ha condiviso sul proprio profilo Facebook un incontro curioso e inaspettato avvenuto durante un sopralluogo alle Meleghine[...]
    Alessandro Bergonzini, la passione per la storia al servizio della narrazione
    Alessandro Bergonzini, la passione per la storia al servizio della narrazione
    Intervista all'autore di Camposanto de "Nel giardino della salamandra" e "Naamah"[...]