Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Amianto a San Felice, l’opposizione reclama la bonifica: “E la paghino i responsabili”

Amianto a San Felice, l’opposizione reclama la bonifica: “E la paghino i responsabili”. E’ quanto spiegano i due consiglieri di San Felice in Movimento, Massimiliano Fortini e Matteo Casari. Ecco il loro comunicato stampa

La situazione ambientale a San Felice è vergognosa. Continuano a persistere sul territorio, nonostante gli oltre sei anni dalla loro individuazione, più siti con accertata presenza di AMIANTO. La nostra voce di minoranza ha recentemente voluto portare all’attenzione della cittadinanza, nuovamente, questa problematica. Prima in consiglio comunale. Poi con un articolo per il periodico “Appunti Sanfeliciani”, che una “censura” ha impedito di essere pubblicato.
Al suo posto, i circa quattromila destinatari dell’uscita natalizia, hanno trovato le solite foto di rito dei tagli di nastro. Più rassicuranti e meno “scomode” delle nostre parole.
All’indomani della sentenza di primo grado del processo “AEMILIA”, basandoci sui verbali del processo stesso, riportanti le indagini e le intercettazioni telefoniche dei carabinieri, e su documentazione ufficiale, frutto di più “accessi agli atti”, abbiamo “tentato” di discuterne in consiglio comunale. Le nostre argomentazioni hanno trovato atteggiamenti arroganti e liquidatori come possono certificare le registrazioni. L’unica risposta che hanno saputo dare consiste in una prolissa proposta, e per taluni aspetti, autocelebrativa, fatta e protocollata dalla maggioranza ma non ancora discussa, con cui chiedere allo “STATO ITALIANO”, quindi a tutti noi cittadini, di farsi carico di questa grave situazione.
Noi ci saremmo aspettati una più coerente assunzione di responsabilità dal momento che le scelte politico-amministrative effettuate a suo tempo hanno inequivocabilmente contribuito a creare il “pasticcio” che oggi ci ritroviamo sul territorio.
Noi pensiamo che la preoccupazione per la presenza dell’AMIANTO sia più che legittima. E vada risolta. Lo chiedemmo nel 2014 quando entrammo per la prima volta in consiglio comunale. Lo chiediamo oggi alla luce dei fatti disvelati dai verbali del processo “AEMILIA”.
Occorre procedere nel rispetto di quelle che sono le normative che garantiscono massima tutela di salute ed ambiente ( le stesse garanzie che l’ARPAE chiese e pretese nel 2012 e che, all’epoca dei fatti, furono disattese).
Va risolta promuovendo ogni azione legale, penale, civile ed amministrativa contro i responsabili, gli inerti, i compromessi come abbiamo presentato in un ordine del giorno, non ancora discusso, affinché si ricorra in appello dopo la sentenza del tribunale di Reggio Emilia.
Va risolta da una nuova amministrazione, che si dimostri più credibile sul tema. Che si dimostri collaborativa con gli organi giudiziari – dalla DDA all’amministratore giudiziario, avvocato Rosario di Legami – con lo stato e la regione.
Vogliamo, inoltre, solidalmente manifestare vicinanza a coloro che a vario titolo, e a loro insaputa, hanno operato in presenza dell’AMIANTO, cancerogeno per l’uomo, e che oggi vivono, legittimamente, nell’angoscia per ciò che un giorno potrebbe loro accadere.
Siamo solidali a quanti, tra le forze dell’ordine hanno contribuito a svelare quanto possibile, e con gli operatori dell’ARPAE che ebbero, allora, il coraggio di denunciare le inadeguatezze del sistema. La nostra solidale vicinanza è rivolta anche all’avvocato Rosario di Legami, amministratore giudiziario dei beni e del patrimonio della ex Bianchini. Nei limiti delle sue possibilità di manovra e per le sue competenze ha risolto l’emergenza dei big bags, contenenti AMIANTO, presenti, in completo abbandono e degrado, nei pressi del cimitero/campo sportivo di San Biagio e limitato i danni dei cumuli depositati nella sede della Bianchini stessa.
In conclusione facciamo appello a quanti non vorranno minimizzare, giustificare, ignorare, quanto è accaduto in questi anni.
Per tutta la documentazione e gli atti da noi citati siamo a disposizione per concedere le spiegazioni del caso.

Sul tema intervengono anche i deputati del Movimento 5 Stelle

“A San Felice la situazione ambientale è grave e nessuno, nemmeno il sindaco, può permettersi di sminuirla parlando di ‘strumentalizzazione’”. Così Maria Laura Mantovani e Vittorio Ferraresi, Senatrice e Deputato del MoVimento 5 Stelle, intervengono in merito al tema sollevato dai Consiglieri Massimiliano Fortini e Matteo Casari di San Felice in MoVimento. “I Portavoce sanfeliciani hanno sollevato il tema già nel 2014 – ricordano Mantovani e Ferraresi – ovvero un anno prima dell’operazione Aemilia, che avrebbe portato soltanto anni dopo l’amianto sotto sequestro. Arpae pretese garanzie sulla salute e sull’ambiente, successivamente però disattese. Lo scorso novembre, come rivelato dalla stampa locale, era stata la stessa agenzia regionale a operare un giro di valzer ritenendo ‘legittimo esercizio della propria prerogativa (del sindaco)’ imporre la ‘rimozione alla ditta Bianchini del materiale contenente amianto nell’area a margine del cimitero del capoluogo e il temporaneo stoccaggio nel sito aziendale’, come si legge nel testo. Nel 2012 Arpae aveva rimarcato invece che ‘le modalità di confezionamento, etichettatura e allontanamento (dell’amianto) non sono conformi a quanto disposto dalla normativa’, che ‘la Bianchini non risulta autorizzata al deposito preliminare dei rifiuti’ e che ‘non è indicato un impianto autorizzato allo smaltimento dei rifiuti in questione’. Cosa è cambiato?”. Fortini e Casari hanno espresso preoccupazione per i cittadini coinvolti. “Ci uniamo alla vicinanza espressa dai Consiglieri di San Felice in MoVimento a chi ha lavorato in presenza dell’amianto, materiale cancerogeno – proseguono i Portavoce in Parlamento – e per chi ha avuto il coraggio di denunciare quanto stava accadendo a San Felice. Solidarietà anche a Rosario Di Legami, amministratore giudiziario dei beni posti sotto sequestro, che ha limitato i danni dei cumuli di amianto a San Biagio. Le preoccupazioni dei cittadini sono reali e siamo loro vicini come residenti della Bassa prima ancora che come Portavoce al Senato e alla Camera. La questione è grave e noi cittadini la denunciamo ormai da troppo tempo”.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Recuperato l'antico manoscritto che venne rubato dall'Abbazia di Nonantola
    Recuperato l'antico manoscritto che venne rubato dall'Abbazia di Nonantola
    Era stato messo in vendita sul web, sul mercato antiquario. Il 22 gennaio, venerdì, si terrà una cerimonia pubblica per la riconsegna del manoscritto recuperato.[...]
    Con le "Storie a domicilio", il progetto TiPì riparte nella Bassa
    Con le "Storie a domicilio", il progetto TiPì riparte nella Bassa
    Ripartono le attività di TiPì – Stagione di Teatro Partecipato, il progetto che dal 2016 anima la vita culturale dell'Area Nord della provincia di Modena, con l'iniziativa TPCM – Storie a domicilio.[...]
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Inaugurata l’innovativa sala Obeya, di tradizione nipponica, per migliorare i processi decisionali, la creatività e il lavoro di squadra[...]
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    AutoClub, storica concessionaria BMW di Modena ha donato due BMW I8 Spyder Toy Car che accompagneranno il bimbo in sala operatoria. [...]
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    E' un atto burocratico perché il servizio militare obbligatorio non è scomparso, ma sospeso. E periodicamente si parla di renderlo operativo, come adesso per il Coronavirus[...]
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    L'allarme dell'associazione "Il Pettirosso" che si trova a curare gli uccellini rimasti incollati[...]
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    I dati di un'indagine sul pubblico condotta da Regione e DamsLab, attraverso l'analisi di 25 manifestazioni di settore in Emilia-Romagna[...]
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    La Bassa territorio di personaggi illustri, oggi si parla del deputato finalese Gregorio Agnini: pioniere del socialismo italiano e fondatore delle leghe dei braccianti in Emilia.[...]
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Durerà poco ma dovrebbe poggiarsi[...]