SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Si blocca il traffico ma metà dell’inquinamento dipende dal riscaldamento domestico

Si blocca il traffico per fare fronte all’mergenza smog, anche in questi giorni, ma metà dell’inquinamento dipende dal riscaldamento domestico e industrialeQualche giorno fa a Roma l’Ispra, L’Istituto Superiore per la protezione e ricerca ambientale, ha diffuso i dati relativi all’andamento della produzione di PM10, un’analisi che ha preso in esame 120 città, tra le quali Modena. Con dati per certi versi positivamente sorprendenti, che evidenziano innanzitutto la forte diminuzione registrata in dieci anni, dal 2005 al 2015, di questi particolari inquinanti. Nel nostro capoluogo, infatti, si è passati dalle 455,8 tonnellate di particolato del 2005, alle 290,2 del 2015, con una diminuzione del 36,3%. A fronte di un calo che, a livello nazionale, si è fermato al 19%.

A contribuire a questa rilevante diminuzione un po’ tutti i settori, tranne i rifiuti e, soprattutto, il riscaldamento, che nel 2015 da solo, a Modena, valeva il 48,3% della produzione complessiva delle PM10 (il 20,5% nel 2005).

Ecco le tabelle (dati sono espressi in tonnellate).

Le tabelle successive mostrano, invece, l’andamento dei vari fattori nel decennio 2005-2015 e la variazione della loro incidenza sul totale complessivo delle PM10 prodotte nella nostra città nel 2005 e nel 2015

inquinamento modena

Numeri che dimostrano in modo palese come oggi gran parte dell’inquinamento di particolato sia dovuto al riscaldamento (sia quello domestico che commerciale – uffici e centri commerciali – ed istituzionale, come scuole e luoghi pubblici). “Se nel 2005 le caldaie erano responsabili del 20,5% di questo tipo di inquinamento – osserva in una nota Alberto Papotti, Segretario di CNA Modena – nel 2015 queste emissioni sfioravano la metà di quelle complessive, nonostante i riscaldamenti siano in funzione solo cinque mesi all’anno. Se il calo dell’industria è dovuto, almeno parzialmente, alla crisi, ben più significativa è la diminuzione dell’inquinamento di particolato dovuto al traffico, sceso al 25%”.

“Sono numeri che fanno riflettere e che devono essere alla base delle manovre antismog. Cifre che dimostrano come sia necessario continuare a favorire la sostituzione dei mezzi inquinanti, compresi quelli commerciali, solitamente caratterizzati da una vita media più lunga di quelli privati. Da questo punto di vista, continuiamo a sottolineare come sia stata poco lungimirante la scelta di escludere i diesel euro 6 dagli incentivi per la rottamazione dei vecchi camion. Ma diventa sempre più importante agire anche sul fronte dei riscaldamenti pubblici e privati, innanzitutto iniziando un’attività di controllo sulle caldaie per ora rimasta sulla carta, attività che peraltro l’entrata in vigore del Criter, il Catasto regionale degli impianti termici, dovrebbe in qualche modo favorire, purché non rimanga fine a sé stesso. Poi incentivando, sia a livello nazionale che locale, l’adozione di sistemi meno inquinanti, dal fotovoltaico all’installazione di caldaie di ultima generazione”.

Rubriche

Glocal
Le elezioni dei numeri
La Lega, partito politico che non ha mai nascosto il proprio euroscetticismo, anzi ne ha fatto anche una sorta di portabandiera, è il primo partito italiano che occuperà più scranni nell’Europarlamento.leggi tutto
Glocal
Finanza alternativa – le banche aprono al crowdfunding?
Sebbene in forte ritardo rispetto al Regno Unito, che già nel 2012 presentava numeri da capogiro, in Italia l’equity crowdfunding sta crescendo molto.leggi tutto
Emergenza fiumi, cosa accade in montagna? -LO SPECIALE
Disboscamento e consumo di suolo hanno conseguenze pesanti sull'attività dei corsi d'acqua che poi arrivano da noileggi tutto
Glocal
L’economia italiana non cresce perché è poco libera
Libertà economica bassa in Italia, dove lo stato continua ad assumere un peso rilevante, frenando la crescita. Gli stati più liberi, al contrario, mostrano maggiore dinamicità economica.leggi tutto
Glocal
L'OCSE boccia l'Italia
L'OCSE boccia le politiche economiche e sociali dell'attuale governo.leggi tutto
Glocal
Italia in recessione
Italia in recessione, come Argentina e Turchia: PIL a -0,2% nel 2019.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchDopo il sisma, tornano a suonare le campane della chiesa di Cavezzo
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    L'aereo di Fulvio Setti torna a rinnovata bellezza con il sorvolo delle Frecce Tricolori
    L'aereo di Fulvio Setti torna a rinnovata bellezza con il sorvolo delle Frecce Tricolori
    Cerimonia di inaugurazione del restaurato monumento che è diventato simbolo di Modena[...]
    L'ex sindaco di Medolla Filippo Molinari braccio destro del presidente Bonaccini
    L'ex sindaco di Medolla Filippo Molinari braccio destro del presidente Bonaccini
    E' diventato capo della segreteria politica del presidente della Regione[...]
    Uno a destra, uno a sinistra: i fratelli Carlo e Giuliano Tassi divisi in Consiglio a Mirandola
    Uno a destra, uno a sinistra: i fratelli Carlo e Giuliano Tassi divisi in Consiglio a Mirandola
    Carlo era uno dei papabili assessori se avesse vinto Ganzerli. Giuliano è tra i fedelissimi della Lega[...]
    Torna su strada la Ferrari 512 Modulo Concept
    Torna su strada la Ferrari 512 Modulo Concept
    Al Concorso d'Eleganza Villa d'Este[...]
    Emergenza fiumi, ecco cosa succede nel groviglio di Modena Nord - LO SPECIALE
    Emergenza fiumi, ecco cosa succede nel groviglio di Modena Nord - LO SPECIALE
    All'interno dell'area golenale ricade l'importante svincolo autostradale A1 Autosole con l'A22 Autobrennero.[...]
    Il maggio più piovoso da 189 anni
    Il maggio più piovoso da 189 anni
    Lo dice l’Osservatorio Geofisico del DIEF - Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di Unimore[...]
    Camion cade nel torrente di montagna, è lì da giorni e perde gasolio in acqua
    Camion cade nel torrente di montagna, è lì da giorni e perde gasolio in acqua
    Il mezzo era posteggiato in un terreno che è stato eroso dalla piena facendolo precipitare nel torrente, affluente del Secchia[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: