SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Per i lavoratori che rilevano la propria azienda in crisi c’è un fondo da un milione di euro

Un milione di euro per rigenerare imprese, persone e comunità. Fondosviluppo, società di sistema diConfcooperative, promuove un bando nazionale per assistere e sostenere i workers buyout, le cooperative costituite da lavoratori che rilevano aziende in crisi o avviate al fallimento, oppure danno continuità e futuro ad aziende destinate ad estinguersi. Si tratta di un’iniziativa finalizzata a salvaguardare posti di lavoro che altrimenti andrebbero persi, rendendo protagonisti i lavoratori. Il bando, che è stato pubblicato nei giorni scorsi (info: www.fondosviluppo.it) e resterà aperto fino al 15 maggio 2019, interessa da vicino l’Emilia-Romagna, regione all’avanguardia in questo ambito con oltre 60 nuove cooperative di workers buyout nate durante gli anni della crisi, che hanno permesso di salvare più di 1.200 posti di lavoro.

presidente di Confcooperative Emilia Romagna, Francesco Milza“I workers buyout – sottolinea il presidente di Confcooperative Emilia-Romagna, Francesco Milza – rappresentano uno strumento importante per salvaguardare occupazione e reddito rendendo protagonisti i lavoratori, che diventano soci e imprenditori attivi. Queste imprese rigenerate sono il segno tangibile di ciò che la cooperazione consente di realizzare in risposta alle situazioni di crisi. I workers buyout uniscono infatti quei lavoratori che, davanti al rischio di perdere il posto di lavoro, decidono di investire risorse proprie per rilevare l’azienda di cui sono stati dipendenti, dando vita a un progetto imprenditoriale rinnovato e chiamato a misurarsi con il mercato”.

“Negli ultimi quattro anni – aggiunge Milza – sono oltre 36 le cooperative di workers buyout che si sono costituite all’interno del sistema Confcooperative Emilia-Romagna. Il tessuto economico della nostra regione si è rivelato molto ricettivo di fronte a questa opportunità, grazie anche all’azione delle Confcooperative provinciali che hanno saputo intercettare il bisogno emergente di dare continuità ad aziende destinate a estinguersi. Crediamo quindi che il bando di Fondosviluppo possa da un lato fornire nuova linfa alle imprese ricreate che necessitano di assistenza soprattutto nella fase di start up cooperativo, dall’altro possa favorire la nascita di nuove cooperative”.

Sono quattro le tipologie di intervento previste dal bando di Confcooperative/Fondosviluppo: interventi finanziari nella misura massima del capitale sociale apportato dai soci cooperatori (apporto al capitale sociale, mutuo a tassi agevolati garantito da Cooperfidi Italia, strumenti finanziari partecipativi); rimborso costo dei servizi di accompagnamento allo start up (importo massimo di 15.000 euro in tre anni); formazione e tutoraggio (percorsi imprenditoriali, partnership con altre cooperative del settore, affiancamento manageriale); accesso a convenzioni (gruppi bancari cooperativi, Cooperfidi, compagnie di assicurazione).

Le candidature possono essere presentate fino al 15 maggio 2019. Il testo integrale del bando e la modulistica sono disponibili sul sito www.fondosviluppo.it.

Rubriche

Glocal
L’economia italiana non cresce perché è poco libera
Libertà economica bassa in Italia, dove lo stato continua ad assumere un peso rilevante, frenando la crescita. Gli stati più liberi, al contrario, mostrano maggiore dinamicità economica.leggi tutto
Glocal
L'OCSE boccia l'Italia
L'OCSE boccia le politiche economiche e sociali dell'attuale governo.leggi tutto
Glocal
Italia in recessione
Italia in recessione, come Argentina e Turchia: PIL a -0,2% nel 2019.leggi tutto
Glocal
L'Italia leader in Europa nell'economia circolare
Il tasso di riciclaggio dei rifiuti in Italia è fra i più alti del mondo: circa il 45% dei rifiuti urbani ed il 65% dei rifiuti speciali viene recuperato.leggi tutto
Glocal
La disuguaglianza tra ricchi e poveri alimenta la rabbia sociale
L’1% della popolazione mondiale detiene quasi la metà della ricchezza aggregata netta totale.leggi tutto
Glocal
Esondazione Secchia del 2014: una sentenza da rivedere
Alluvione 2014, per la Procura non ci sono responsabili: archiviata l’inchiesta.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchA Massa Finalese successo per la Giornata Fai di primavera
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    E a Finale Emilia via Salde Entrà diventa Via Buca
    E a Finale Emilia via Salde Entrà diventa Via Buca
    E' arcinota per le condizioni in cui versa: smottamenti, piccole frane e buche fanno compagnia a residenti e imprenditori da mesi.[...]
    Fuma marijuana e coi Carabinieri esulta perchè è negativo all'alcoltest
    Fuma marijuana e coi Carabinieri esulta perchè è negativo all'alcoltest
    A un19enne modenese è stata ritirata la patente di guida e sequestrata l’auto.[...]
    Lo stupore dei bimbi della scuola di Bastiglia davanti alla nascita dei pulcini
    Lo stupore dei bimbi della scuola di Bastiglia davanti alla nascita dei pulcini
    Progetto didattico alla scuola paritaria Santa Maria Assunta[...]
    La signora Leonilda di Novi compie 101 anni
    La signora Leonilda di Novi compie 101 anni
    E arrivata a un traguardo importante, unico e raro.[...]
    Senza patente e assicurazione, fa mandare le multe a sua sorella fingendosi lei
    Senza patente e assicurazione, fa mandare le multe a sua sorella fingendosi lei
    Una signora di 56 anni è stata denunciata penalmente per sostituzione di persona e sanzionatadi quasi 6 mila euro[...]
    Le vie del tempo, 340 rievocatori si ritrovano per un salto nel passato dal VI secolo A.C. alla II Guerra mondiale
    Le vie del tempo, 340 rievocatori si ritrovano per un salto nel passato dal VI secolo A.C. alla II Guerra mondiale
    Per l'ampiezza del periodo temporale rappresentato e per il numero dei rievocatori, è una manifestazione unica a livello nazionale[...]
    Alla Sala Ibrida interventi chirurgici in diretta con 60 medici da tutta Italia
    Alla Sala Ibrida interventi chirurgici in diretta con 60 medici da tutta Italia
    L’applauso finale dei chirurghi ha dato ragione dell’eccellenza raggiunta e degli sforzi di tutta la popolazione della provincia di Modena a cui si deve questo successo.[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: