Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Lezioni di religione islamica e lingua araba alla scuola elementare di San Felice

SAN FELICE SUL PANARO- A San Felice sul Panaro, in provincia di Modena, duecento bambini tra i 6 ed i 14 anni, le cui famiglie provengono da Paesi nordafricani e arabi, a partire da domenica prossima, e per ogni domenica, andranno a lezione di arabo e di Islam nei locali della scuola. Lo riporta la Gazzetta di Modena. Al progetto, realizzato dall’associazione ‘La Pace’, costituita da immigrati del Nordafrica, è arrivato il via libera del consiglio d’istituto delle scuole elementari. Un portavoce de ‘La Pace’, di fronte alle rimostranze di alcuni genitori, ha spiegato che le lezioni verteranno sui principi dell’Islam come religione di pace. Le lezioni sono aperte anche ai bambini le cui famiglie non sono originarie di Paesi islamici. (Ansa)

Come spiegano dal Consiglio di Istituto della scuola

In qualità di Presidente del Consiglio di Istituto dell’ istituto comprensivo di San Felice sul Panaro, mi  preme rendere noto che su circa 1200 alunni frequentanti il nostro istituto, circa 400 sono gli alunni “stranieri” che lo frequentano; se a questi aggiungiamo gli alunni italiani di origine straniera si va vicini a quota 500.
Una realtà che forse a molti sfugge o si fa finta di non vedere ma che rappresenta esattamente l’utenza del nostro istituto. E farebbe bene ricordare che si riflette in maniera positiva sugli organici degli insegnanti ( i preziosi posti di lavoro).

L’iniziativa di cui si parla, nasce dalla richiesta pervenuta alla scuola da parte dell’associazione culturale islamica “La Pace” di San Felice sul Panaro, associazione che già in passato e fino al 2012 , usufruiva di alcuni locali delle scuole elementari oggi ancora inagibili in seguito al sisma del 2012.

La scuola, nella mia persona e in quella del Dirigente scolastico, ha incontrato l’assessore Orlandini per sondare se ci fossero altri locali di proprietà del comune di San Felice che potessero venire destinati allo scopo ma tutti gli spazi comunali risultano già occupati e indisponibili.
Abbiamo incontrato anche il presidente dell’associazione La Pace, per la cronaca residente a San Felice da più di 25 anni ed ex alunno del nostro istituto per farci illustrare dettagliatamente il progetto RIVOLTO ESCLUSIVAMENTE agli alunni che già frequentano il nostro istituto comprensivo.

I ragazzi destinatari dell’iniziativa, nella fascia di età dai 6 ai 14 anni, sono come detto, TUTTI alunni frequentanti le nostre scuole, e il numero di 200 sarebbe il cosiddetto bacino di utenza, ma si stima che gli aderenti all’iniziativa siano circa 60/65 da dividere in tre classi che risultano essere il numero di locali richiesti dall’associazione.

Le attività che si svolgeranno saranno di tipo didattico rivolte all’ insegnamento della lingua araba e dei principi della cultura islamica che NON prevedono attività di preghiera o indottrinamento religioso e sono finalizzate a fornire quel minimo di identità culturale propria dei paesi di origine, di cui questi bambini e ragazzi sono sprovvisti, essendo nati in Italia o trapiantati in tenerissima età.
Sono previste anche attività laboratoriali, teatrali, di gioco.

È utile precisare che i locali del nostro istituto sono stati SEMPRE messi a disposizione di TUTTE le associazioni del territorio che ne abbiano fatto richiesta per lo svolgimento di attività didattiche e culturali, basti pensare alla messa a disposizione per l’organizzazione dei centri estivi durante il periodo di chiusura, e non risulta agli atti del Consiglio di Istituto che rappresento, nessuna delibera di rifiuto a fronte di richiesta pervenuta.

Ho preso l’impegno personale di dotare a brevissimo di un Regolamento di concessione d’uso dei locali scolastici il nostro Istituto che attualmente ne è sprovvisto, per evitare che qualche ( volutamente ) disinformato si diletti ad affermare e scrivere in giro che i locali delle scuole “a noi non vengono concessi e a loro si “.
Ribadisco che i locali scolastici, al di fuori del normale orario didattico, saranno sempre disponibili, come lo sono sempre stati, per le attività didattiche, culturali, educative rivolte ai nostri alunni.

Nella seduta del Consiglio di Istituto del 7 Gennaio scorso, la votazione relativa alla richiesta di concessione dei locali ha ricevuto SOLO 3 voti contrari venendo approvata a larghissima maggioranza, dopo ampia e dilungata trattazione in cui tutti i membri hanno potuto esprimere il proprio personale parere, ma vorrei qui ricordare che in quel Consiglio noi siamo rappresentanti delle categorie ivi rappresentate ( genitori, insegnanti, personale ata ), quindi da genitori dovremmo rappresentare anche i genitori degli oltre 400 alunni stranieri che lo frequentano.

Sentiamo spesso parlare di inclusione, integrazione, e sul ruolo che la scuola dovrebbe avere sull’argomento. Ecco, la scuola ha fatto quello che era giusto fare. Lo sciacallaggio lo facciano gli altri.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    AutoClub, storica concessionaria BMW di Modena ha donato due BMW I8 Spyder Toy Car che accompagneranno il bimbo in sala operatoria. [...]
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    E' un atto burocratico perché il servizio militare obbligatorio non è scomparso, ma sospeso. E periodicamente si parla di renderlo operativo, come adesso per il Coronavirus[...]
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    L'allarme dell'associazione "Il Pettirosso" che si trova a curare gli uccellini rimasti incollati[...]
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    I dati di un'indagine sul pubblico condotta da Regione e DamsLab, attraverso l'analisi di 25 manifestazioni di settore in Emilia-Romagna[...]
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    La Bassa territorio di personaggi illustri, oggi si parla del deputato finalese Gregorio Agnini: pioniere del socialismo italiano e fondatore delle leghe dei braccianti in Emilia.[...]
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Durerà poco ma dovrebbe poggiarsi[...]
    La biblioteca di Bomporto mette in vendita libri, l'intervista
    La biblioteca di Bomporto mette in vendita libri, l'intervista
    La biblioteca, nell'immaginario, è il posto che i libri li salva, non che li dà via. Abbiamo voluto capire di più su questa scelta intervistando Luca Verri, responsabile della biblioteca di Bomporto.[...]
    Giorgia Lupi, da Finale Emilia agli Stati Uniti per trasformare Dati in Opere d'Arte.
    Giorgia Lupi, da Finale Emilia agli Stati Uniti per trasformare Dati in Opere d'Arte.
    Espone al Museo di Arte Moderna di New York, ed è sua una delle più belle copertine del New York Times. La "designer dell'informazione" si racconta a Francesca Monari[...]
    Prepara per scherzo una torta alla marijuana, in 3 finiscono in ospedale
    Prepara per scherzo una torta alla marijuana, in 3 finiscono in ospedale
    Era una "tenerina" portata a casa di amici per festeggiare il Capodanno[...]