Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Quel filo di solidarietà tra Kathmandu e Finale Emilia – LA STORIA

FINALE EMILIA – Cè un immaginario filo rosso, lungo più di 6 mila chilometri, tra Finale Emilia e Kathmandu,in Nepal. E’ un filo di solidarietà, che trasporta da Finale medicine e vestiti per bambini nella disastrata terra nepalese. A reggerlo è Antonella Diegoli, insegnante di Finale e attivista del Movimento per la Vita.

In Nepal nel 2015 un terremoto da 7.8 gradi di magnitudo portò morte e distruzione. Le immagini fecero il giro del mondo, e a guardarle da uno schermo a Finale Emilia c’era anche la Diegoli. “Vedendo cosa era accaduto  – racconta lei – e ricordando quello che avevamo vissuto noi poco prima col nostro terremoto, ho sentito fortissimo l’impulso di fare qualcosa per aiutare questa povare gente, specie i bambini”. Detto, fatto. “Ho cominicato a mandare messaggi alle chat del movimento per la vita, quella del gruppo del rosario, agli amici del gruppo delle famiglie: tutti erano sconvolti, volevano fare qualcosa”. Nasce così il progetto “Sanu Thoppa”, Piccola Goccia, che si propone di raccogliere fondi beni qui in Emilia e portarli in Nepal.

Operazione molto delicata, perchè esperienza insegna che ci sono casi in cui gli aiuti vanno proprio portati di persona, sia perchè Kathmandu non è proprio dietro l’angolo. Ma nulla spaventa la battagliera Diegoli.

Qui a Finale mobilita le farmacie di Finale Emilia e Buonacompra che donano medicine e farmaci, con i soldi dell’associzione si acquistano abiti e cose utili per i bebè. Con gli studenti si organizza anche uno spettacolo di beneficenza al Teatro Tenda. In contemporanea si cerca un progetto affidabile da finanziare e soprattutto un punto di appoggio in Nepal, qualcuno che aiuti dal punto di vista organizzativo e logistico. Il contatto giusto è fratel Giuseppe Ramani, il quale al tempo del nostro terremoto era agli Obici ma è nepalese e la sua famiglia abita vicino a Kathmandu. Quando tutto è pronto Diegoli, marito, figlio e un’amica, accompagnati da due due ragazzi del Movimento nazionale giovani che avrebbero poi aiutato come traduttori, poco dopo Natale partono per Kathmandu.

Che impressione avete avuto?

Il Nepal  – riponde Antonella Diegoli, nella foto a sinistra – è una paese accogliente, pulito. Il terremoto ha fatto gravissimi danni e ancora tanti vivono nella case puntellate. I soldi per la ricostruzione arrivano soprattutto dai turisti stranieri, infatti le visite ai monumenti storici della capitale costano davvero molto. La povertà si tocca con mano: eravamo in un hotel misero, senza riscaldamento, acqua calda contingentata.
Noi avevamo come referente per i nostri auti Soman, un nepalese che si è attivato dopo la liberalizzazione dell’aborto organizzando una rete di volontari per aiutare le donne in gravidanza cui offre una casa famiglia e la possibilità di studiare.

Quale è la situazione della maternità in Nepal?

Dopo il terremoto mancavano all’appello tanti bambini che non si sa che fine abbiamo fatto. Subito dopo il Governo ha chiuso le frontiere per fortuna, ma in generale in Nepal l’aborto è molto frequente (in un caso su quattro riguarda le minorenni, Ndr). Non si può avere bambino fuori dal matrimonio. Quindi le donne single sono in un certo modo obbligate a abortire, anche se hanno avuto uno stupro. Se invece vogliono tenere il bambino, l’unica prospettiva è darlo in adozione. Le adozioni la gestisce lo Stato, tramite agenzie. Lo Stato ti vende il bambino, si paga una sorta di una tassa.
Ne abbiamo visti tanti nella casa di accoglienza di Soman.  Vedere quei bambini… è stato come rivivere il nostro terremoto. Di maternità nelle catastrofi non se ne parla mai, essere incinta quando accade una tragedia può essere motivo di ripresa immediata perché da forza o, al contrario, portare al blocco totale. Abbiamo avuto parti difficilissimi dopo il nostro terremoto nella Bassa.

Come si può superare la diffidenza di chi vorrebbe donare ma ha paura?

“Vorrei donare ma non mi fido”, si dice spesso. Non rispondo io, io garantisco fin dove posso arrivare. Ma è poco importante, perchè tu dai perché senti il bisogno e il desiderio di dare. Il tuo pezzo l’hai fatto, non puoi astenerti per la paura che dall’altra parte manchi la trasparenza.
Altro discorso che si fa è “Prima gli italiani”. Sì, gli italiani li aiutiamo, a Finale facciamo progetti con l’amministrazione comunale e li seguiamo strettamente per consentire alle famiglie di tornare a camminare con le proprie gambe,. Per gli italiani sono progetti impegnativi, le cifre sono alte. Per il Nepal è un po’ come un caffè sospeso: basta poco, con 3 euro si mangia in una famiglia.

Quali iniziative di finanziamento realizzate?

A Kathmandu servono un ecografo portatile e una culla termica perchp nelal casa di accoglienza riscaldamento non c’è e le temperature vanno da meno 5 a più 16 in inverno. Ora cercheremo finanziamento per queste cose: vogliamo costruire una  rete. Tra le iniziative di finanamento la vendita delle pashimine che abbiamo comprato in Nepla. Il prossimo 31 gennaio a Casa Magagoli organizziamo un Masala Tea per fare found raising.

 

 

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Inaugurata l’innovativa sala Obeya, di tradizione nipponica, per migliorare i processi decisionali, la creatività e il lavoro di squadra[...]
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    AutoClub, storica concessionaria BMW di Modena ha donato due BMW I8 Spyder Toy Car che accompagneranno il bimbo in sala operatoria. [...]
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    E' un atto burocratico perché il servizio militare obbligatorio non è scomparso, ma sospeso. E periodicamente si parla di renderlo operativo, come adesso per il Coronavirus[...]
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    L'allarme dell'associazione "Il Pettirosso" che si trova a curare gli uccellini rimasti incollati[...]
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    I dati di un'indagine sul pubblico condotta da Regione e DamsLab, attraverso l'analisi di 25 manifestazioni di settore in Emilia-Romagna[...]
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    La Bassa territorio di personaggi illustri, oggi si parla del deputato finalese Gregorio Agnini: pioniere del socialismo italiano e fondatore delle leghe dei braccianti in Emilia.[...]
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Durerà poco ma dovrebbe poggiarsi[...]
    La biblioteca di Bomporto mette in vendita libri, l'intervista
    La biblioteca di Bomporto mette in vendita libri, l'intervista
    La biblioteca, nell'immaginario, è il posto che i libri li salva, non che li dà via. Abbiamo voluto capire di più su questa scelta intervistando Luca Verri, responsabile della biblioteca di Bomporto.[...]
    Giorgia Lupi, da Finale Emilia agli Stati Uniti per trasformare Dati in Opere d'Arte.
    Giorgia Lupi, da Finale Emilia agli Stati Uniti per trasformare Dati in Opere d'Arte.
    Espone al Museo di Arte Moderna di New York, ed è sua una delle più belle copertine del New York Times. La "designer dell'informazione" si racconta a Francesca Monari[...]