SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Cataplessia: una nuova strada terapeutica scoperta dai ricercatori emiliani

Uno studio condotto dai neurologi dell’Ospedale Civile di Baggiovara e dai ricercatori del Dipartimento di Scienze Biomediche, Metaboliche e Neuroscienze (BMN), Centro di Neuroscienze e Neurotecnologie (CfNN) di UniMORE in collaborazione con i ricercatori e clinici esperti di Medicina del Sonno delI’IRCCS, Istituto delle Scienze Neurologiche di Bologna, ha svelato i circuiti cerebrali attivi durante la risata spontanea in bambini affetti da narco-cataplessia, una  rara patologia del sonno caratterizzata da sonnolenza diurna incontrollabile e da perdite improvvise del tono muscolare spesso scatenate da forti emozioni. Lo studio modenese-bolognese, grazie a metodiche avanzate di neuroimaging, ha permesso di dimostrare il coinvolgimento funzionale di una regione cerebrale, la zona incerta, la cui attività potrebbe contribuire a prevenire gli attacchi di cataplessia evocati da forti emozioni. Lo studio è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica Neurology, edita dall’American Academy of Neurology Journalsed è stato premiato con la copertina della rivista nel numero del 29 gennaio 2019.    

 

La ricerca è stata condotta e realizzata grazie all’esperienza di neuroimaging avanzato della Dott.ssa Anna Elisabetta Vaudano, Dirigente Medico presso l’unità di Neurologia dell’AOU di Modena, e coordinata dai prof. Stefano Melettidel DBMN – CfNN di UniMoRe e dal Prof. Giuseppe Plazzidell’Università di Bologna e dell’IRCCS – Istituto delle Scienze Neurologiche di Bologna.

 

La relazione tra emozioni positive e cataplessia è nota da tempo e già oggetto di numerose pubblicazioni. Il nuovo studio ha consentito, per la prima volta, di riconoscere il coinvolgimento di specifici nodi cerebrali, la cui attività influenza e probabilmente inibisce l’attivazione del network patologico che innesca l’attacco cataplettico. In prospettiva, lo studio dell’AOU di Modena, UniMoRe e dell’IRCCS Bolognese potrebbe aprire la strada alla ricerca di nuovi target terapeutici per questa rara ma invalidante condizione patologica. 

 

Come altre emozioni– spiegato il prof. Stefano Meletti, Direttore della Neurologia dell’AOU di Modena – il riso può innescare un attacco cataplettico in pazienti con narco-cataplessia, evento che si caratterizza per un’improvvisa e transitoria perdita del tono muscolare. Questi attacchi possono essere molto invalidanti per i pazienti, spesso bambini e adolescenti”.Lo studio si è servito di tecniche non invasive di diagnostica per immagini neurologica avanzata: Elettroencefalogramma (EEG) coregistrato alla Risonanza Magnetica Funzionale, EEG-fMRI, eseguito nel laboratorio di Indagine Funzionale Cerebrale finanziato da AOU e DBMN nell’ambito del progetto dei Dipartimenti di Eccellenza del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. I ricercatori hanno così potuto esaminare, per 21 bambini/adolescenti con narco-cataplessia e 21 bambini/adolescenti sani,i circuiti cerebrali coinvolti dalla risata spontanea evocata dalla visione di video divertenti. “I risultati– ha precisato la dottoressa Anna Elisabetta Vaudano, Neurologa del Civile e prima firmataria dello studio – dimostrano il coinvolgimento di network cerebrali parzialmente differenti nei pazienti rispetto ai controlli. In particolare, le analisi hanno permesso di identificare, solo nei pazienti, il coinvolgimento di un’area cerebrale, la cosiddetta la zona incerta, la cui attività non era mai stata messa in relazione alla narcolessia/cataplessia se non in animali di esperimento. Dai risultati dello studio, una maggior attivazione della zona incerta potrebbe contribuire a prevenire gli attacchi di cataplessia dopo stimolo e/o emozione positiva”.

 

“Con i colleghi dell’Università di Modena e Reggio-Emilia – infine sottolinea il prof. Giuseppe Plazzi si è costituita una fruttuosa collaborazione che ha permesso di raggiungere ambiziosi obiettivi e contribuito in modo significativo ad ampliare le conoscenze riguardo alla narcolessia con cataplessia. Un sentito grazie va sicuramente ai pazienti e ai bambini volontari, alle loro famiglie che hanno permesso l’attuazione del progetto fino al risultato finale”. 

 

Primo autore del lavoro è la dott.ssa Anna Elisabetta Vaudano, ricercatrice partita da Roma, dove ha conseguito la specializzazione in Neurologia ed il dottorato in Neuroscienze, con un background consolidato di esperienze nel campo delle neuroimmagini funzionali applicate alle malattie neurologiche, in particolare epilessia e disturbi del sonno. Ha svolto parte della sua carriera scientifica all’estero, presso l’University College of London (UCL) sotto la supervisione del prof. Louis Lemieux. La dott.ssa Vaudano lavora e collabora da vari anni con UniMoRe. “I nostri risultati– commenta la dott.ssa Vaudano in linea con recenti dati ottenuti nell’animale di esperimento, riconoscono per la prima volta nell’uomo, il ruolo funzionale della zona incerta nella cataplessia, e contribuiscono a identificare questa regione cerebrale come possibile nuovo target terapeutico

 

Sono dati –aggiunge il prof. Stefano Melettiche aprono nuove prospettive sia per lo studio della cataplessia e delle sue relazioni con le emozioni, sia per identificare nuovi bersagli farmacologici in questa condizione patologica che presenta importanti ripercussioni nella qualità di vita dei piccoli pazienti“.

 

Lo studio, della durata di circa 2 anni, è stato reso possibile grazie alla cooperazione tra i neurologi e ricercatori dell’Ospedale Civile di Baggiovara e del Dipartimento di Scienze Biomediche, Metaboliche e Neuroscienze (BMN), Centro di Neuroscienze e Neurotecnologie (CfNN) di UniMORE e i colleghi ricercatori e clinici esperti di Medicina del Sonno delI’IRCCS, Istituto delle Scienze Neurologiche di Bolognae del Dipartimento di Scienze Biomediche e Neuromotorie dell’Università di Bologna. I bambini e adolescenti con narco-cataplessia infatti sono stati selezionati interamente dal Centro di Medicina del Sonno guidato dal Prof. Plazzi. Tale centro ha uno specifico e consolidato interesse per la ricerca, diagnosi e cura di questa condizione patologica.  Tutte le acquisizioni e le analisi di dati EEG-fMRI sia dei bambini narco-cataplettici sia dei bambini sani sono state eseguite interamente presso l’Ospedale Civile di Baggiovara di Modena. La dott.ssa Anna Elisabetta Vaudano e il Prof. Stefano Meletti, insieme agli altri membri del team, sono punto di riferimento a livello nazionale ed internazionale nell’utilizzo di questa metodica che utilizza la “fusione” di due metodi di indagine, l’EEG e la Risonanza Magnetica, per ottenere informazioni in vivo sul funzionamento cerebrale in pazienti affetti da diverse patologie neurologiche, ed in particolare in persone affette da epilessia e disturbi del sonno.

Da sinistra Anna Elisabetta Vaudano, Stefano Meletti, Francesca Talami

Rubriche

Glocal
La disuguaglianza tra ricchi e poveri alimenta la rabbia sociale
L’1% della popolazione mondiale detiene quasi la metà della ricchezza aggregata netta totale.leggi tutto
Glocal
Esondazione Secchia del 2014: una sentenza da rivedere
Alluvione 2014, per la Procura non ci sono responsabili: archiviata l’inchiesta.leggi tutto
Glocal
Lo shutdown più lungo della storia americana
Lo shutdown americano, il più lungo della storia americana, sta avendo conseguenze negative che non riguardano soltanto il presente della più grande democrazia del pianeta, ma anche il futuro.leggi tutto
Glocal
I costi dello shutdown americano
Il Presidente americano vuole assolutamente il muro ai confini con il Messico: “farò tutto il necessario”, avrebbe dichiarato nei giorni scorsi, “il pubblico americano chiede il muro”.leggi tutto
Glocal
America in shutdown
Blocco di un quarto delle attività federali per mancanza di fondi. Trump: "Speriamo non duri a lungo". E rinuncia alle vacanze di Natale.leggi tutto
Glocal
Qualità della vita in Italia 2018
Italia Oggi, in collaborazione con l’Università “La Sapienza” di Roma, ha realizzato anche quest’anno l’indagine sulla qualità della vita in Italia. La classifica vede le province del Nord –Est fare la parte del leone, con Bolzano e Trento rispettivamente al 1° e 2° posto, seguite da alcune province del Nord-Est quali Belluno, Pordenone e Treviso rispettivamente al 3°, 5° e 9° posto.leggi tutto
Glocal
IL GOVERNO DEL CAMBIAMENTO
In conclusione abbiamo un’emergenza chiamata debito pubblico. Dobbiamo cominciare a pensare che sia il caso di smettere di spendere più soldi di quelli che abbiamo. Dobbiamo cominciare a pensare di smettere di promettere sogni che non si possono realizzare, e che occorre disinnescare l’incubo di una spirale di sfiducia nei confronti dell’Italia che manderebbe all’aria la nostra credibilità.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchPiantagione di marijuana, la scoperta dei Carabinieri a Cavezzo
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Finale Emilia si riempie di cuori nei negozi
    Finale Emilia si riempie di cuori nei negozi
    Si ricorda così come la città abbia un cuore pulsante e una offerta che non ha nulla da invidiare ai centri commerciali e allo shopping su Internet[...]
    Cane scappa di casa e provoca incidente stradale, condannato il padrone
    Cane scappa di casa e provoca incidente stradale, condannato il padrone
    Per omicidio colposo legato all'omessa custodia dell'animale[...]
    Si ferma il viaggio di Cherif intorno al mondo: è innamorato
    Si ferma il viaggio di Cherif intorno al mondo: è innamorato
    "Il mio cuore ormai si è perso per lei", spiega il giovane che era stato con la Croce Rossa a San Felice a prestare aiuto durante il sisma[...]
    Fabbrica ticket falsi per non pagare il parcheggio
    Fabbrica ticket falsi per non pagare il parcheggio
    Nei guai un professionista di 30 anni apparentemente insospettabile[...]
    Concordia, c'è una storia d'amore dietro la maxi rissa tra ragazzi
    Concordia, c'è una storia d'amore dietro la maxi rissa tra ragazzi
    Più di 40 ragazzini si erano dati appuntamento per picchiarsi[...]
    "Il Panaro ha rotto gli argini a Nonantola" è una bufala. La sindaca minaccia denunce
    "Il Panaro ha rotto gli argini a Nonantola" è una bufala. La sindaca minaccia denunce
    Allo stato attuale il livello del fiume è stazionario in lenta diminuzione[...]
    Paga per un appartamento a Tenerife ma è una truffa da più di mille euro
    Paga per un appartamento a Tenerife ma è una truffa da più di mille euro
    Un pensionato carpigiano aveva visto un annuncio su internet[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: