SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Inclusione sociale, oltre 5.700 persone fragili prese in carico dalla Regione

Sono 5.762, in Emilia-Romagna, le persone in condizione di fragilità e vulnerabilità sociale e lavorativa che in meno di un anno, da ottobre 2017 a settembre 2018, sono state prese in carico e avviate a un percorso di inserimento lavorativo e inclusione sociale. Di queste, 994 sono state inserite al lavoro. 28mila, inoltre, gli interventi programmati, con un impegno economico della Regione di 22,5 milioni di euro.
Un primo bilancio della legge 14 del 2015, che disciplina appunto – attraverso l’integrazione tra i servizi pubblici del lavoro, sociali e sanitari – l’inserimento lavorativo e l’inclusione sociale delle persone in condizione di fragilità e vulnerabilità, è stato fatto dall’assessore regionale alla Formazione e al Lavoro, Patrizio Bianchi, in Commissione assembleare, dove è stata presentata la cosiddetta ‘clausula valutativa’ della legge. Una legge che la Regione ha messo in campo con uno specifico obiettivo: promuovere, attraverso il lavoro, l’inclusione sociale di quella fascia di cittadini che, oltre ad avere difficoltà di accesso a un’occupazione, presentano anche problemi di natura sociale o sanitaria.

“Dare un’opportunità effettiva a queste persone – ha spiegato l’assessore Patrizio Bianchi in Commissione- ha richiesto un lavoro preparatorio lungo e complesso. È stato necessario integrare tre diverse pubbliche amministrazioni nelle modalità operative, coinvolgere soggetti privati accreditati in un rapporto di stretta collaborazione col pubblico e far convergere un insieme di risorse di natura economica, professionale e informatica dedicate esclusivamente all’obiettivo. Il lavoro non si crea per decreto ma accompagnando le persone, una alla volta, con programmi personalizzati verso un lavoro adeguato alle caratteristiche e potenzialità di ognuno”.

Ammontano a 22,5 milioni di euro le risorse impegnate per una prima attuazione della legge, di cui 20 del Fondo sociale europeo, e le restanti provenienti dai Comuni e dal Fondo sanitario regionale.
Una equipe multi-professionale, composta da un operatore dei servizi per il lavoro e, in base al caso trattato, da operatori dei servizi sociali e/o sanitari, alternativi o in compresenza, è stata attivata in ognuno dei 38 distretti della regione. E 38 sono anche i soggetti attuatori – enti accreditati per l’erogazione di servizi per il lavoro, enti di formazione accreditati e cooperative sociali – che hanno la responsabilità di accompagnare il cittadino nella realizzazione del percorso personalizzato definito dall’equipe insieme al diretto interessato. Da ottobre 2017 a settembre 2018 sono state 16.676 le persone che si sono rivolte ai servizi, la maggioranza (12.053) di nazionalità italiana, 630 di cittadinanza Ue e 3.993 extra Ue.

Le persone prese in carico, cioè coloro i quali presentano una molteplicità di problematiche (lavorativa, sociale e/o sanitaria) sono 5.762, per le quali è stato predisposto un programma personalizzato.
Per il 63% risultavano disoccupate nel 2016 e il 77% lo erano nel 2017, percentuale che sale all’81,9% per coloro che abbiano mantenuto lo stato di disoccupazione in entrambi gli anni: un dato che dimostra come una larga parte dei cittadini presi in carico versava in una condizione di disoccupazione cronicizzata e, in alcuni casi, di lunga durata.

Il 51% delle persone prese in carico sono donne, il 17,7% ha più di 55 anni. La maggioranza (3.281) ha avuto accesso alle misure della legge 14 attraverso i servizi sociali o quelli per il lavoro (1.732).

Gli interventi attivati sono circa 28mila. Si tratta in particolare di corsi di formazione permanente e orientamento specialistico, tirocini di orientamento, formazione, inserimento/reinserimento finalizzati all’inclusione sociale, interventi di accompagnamento al lavoro e sostegno nella fase di inserimento, contributi economici per il trasporto. Per quasi il 68% dei 5.762 utenti presi in carico (3.903) il tirocinio è stato considerato come la politica attiva più idonea per avviare o proseguire un percorso di qualificazione/riqualificazione.

Tra gli interventi di natura sociale e sanitaria previsti nei programmi personalizzati delle persone prese in carico, il 41% del totale (oltre 1.800) sono contributi economici ad integrazione del reddito familiare. 1.342 le persone prese in carico che hanno fatto domanda di Reddito di inclusione (443), Reddito di solidarietà (907) o Sostegno per l’inclusione attiva (42). 994 quelle che hanno concluso il programma personalizzato e avuto un contratto di lavoro, la maggioranza (80,4%) a tempo determinato.

Rubriche

Glocal
L’economia italiana non cresce perché è poco libera
Libertà economica bassa in Italia, dove lo stato continua ad assumere un peso rilevante, frenando la crescita. Gli stati più liberi, al contrario, mostrano maggiore dinamicità economica.leggi tutto
Glocal
L'OCSE boccia l'Italia
L'OCSE boccia le politiche economiche e sociali dell'attuale governo.leggi tutto
Glocal
Italia in recessione
Italia in recessione, come Argentina e Turchia: PIL a -0,2% nel 2019.leggi tutto
Glocal
L'Italia leader in Europa nell'economia circolare
Il tasso di riciclaggio dei rifiuti in Italia è fra i più alti del mondo: circa il 45% dei rifiuti urbani ed il 65% dei rifiuti speciali viene recuperato.leggi tutto
Glocal
La disuguaglianza tra ricchi e poveri alimenta la rabbia sociale
L’1% della popolazione mondiale detiene quasi la metà della ricchezza aggregata netta totale.leggi tutto
Glocal
Esondazione Secchia del 2014: una sentenza da rivedere
Alluvione 2014, per la Procura non ci sono responsabili: archiviata l’inchiesta.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchA Massa Finalese successo per la Giornata Fai di primavera
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    E a Finale Emilia via Salde Entrà diventa Via Buca
    E a Finale Emilia via Salde Entrà diventa Via Buca
    E' arcinota per le condizioni in cui versa: smottamenti, piccole frane e buche fanno compagnia a residenti e imprenditori da mesi.[...]
    Fuma marijuana e coi Carabinieri esulta perchè è negativo all'alcoltest
    Fuma marijuana e coi Carabinieri esulta perchè è negativo all'alcoltest
    A un19enne modenese è stata ritirata la patente di guida e sequestrata l’auto.[...]
    Lo stupore dei bimbi della scuola di Bastiglia davanti alla nascita dei pulcini
    Lo stupore dei bimbi della scuola di Bastiglia davanti alla nascita dei pulcini
    Progetto didattico alla scuola paritaria Santa Maria Assunta[...]
    La signora Leonilda di Novi compie 101 anni
    La signora Leonilda di Novi compie 101 anni
    E arrivata a un traguardo importante, unico e raro.[...]
    Senza patente e assicurazione, fa mandare le multe a sua sorella fingendosi lei
    Senza patente e assicurazione, fa mandare le multe a sua sorella fingendosi lei
    Una signora di 56 anni è stata denunciata penalmente per sostituzione di persona e sanzionatadi quasi 6 mila euro[...]
    Le vie del tempo, 340 rievocatori si ritrovano per un salto nel passato dal VI secolo A.C. alla II Guerra mondiale
    Le vie del tempo, 340 rievocatori si ritrovano per un salto nel passato dal VI secolo A.C. alla II Guerra mondiale
    Per l'ampiezza del periodo temporale rappresentato e per il numero dei rievocatori, è una manifestazione unica a livello nazionale[...]
    Alla Sala Ibrida interventi chirurgici in diretta con 60 medici da tutta Italia
    Alla Sala Ibrida interventi chirurgici in diretta con 60 medici da tutta Italia
    L’applauso finale dei chirurghi ha dato ragione dell’eccellenza raggiunta e degli sforzi di tutta la popolazione della provincia di Modena a cui si deve questo successo.[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: