Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Intervento raro al Policlinico, 14enne operata per rimuovere le metastasi di un tumore colon-rettale

Un intervento raro di chirurgia oncologica è stato eseguito al policlinico di Modena su una 14enne, con un tumore al colon. A distanza di un anno la ragazza, italiana e residente in un’altra regione, ha potuto riprendere una vita normale, libera dalla malattia.

L’intervento di “cito-riduzione chirurgica associata a chemio-ipertermia intraperitoneale (Hipec)” è il quinto caso al mondo su pazienti under 18, il primo in Italia su paziente pediatrica, ed è stato eseguito dall’equipe di Chirurgia Generale d’Urgenza e Oncologica del Policlinico, diretta dalla prof.ssa Roberta Gelmini, insieme a quella di Chirurgia Pediatrica, diretta da dottor Pier Luca Ceccarelli.

La paziente era giunta a Modena nel 2016, seguita dall’Oncoematologia Pediatrica del Policlinico, diretta dal prof. Lorenzo Iughetti, per intervento di exeresi radicale di un carcinoma del colon destroseguito da cicli di chemioterapia con remissione della patologia.  A distanza di un anno  dall’intervento la paziente ha presentato una  recidiva della neoplasia localizzata ad entrambe le ovaie con estensione anche al peritoneo.

“La carcinosi peritoneale – spiega la prof.ssa Roberta Gelmini– colpisce il peritoneo, cioè la membrana che ricopre e racchiude i visceri e gli organi dell’addome. Può essere primitivo oppure, come in questo caso, legato alle metastasi di un altro carcinoma. Il peritoneo è poco sensibile alla chemioterapia in quanto scarsamente irrorato dai vasi sanguigni che trasportano il farmaco. Per questo motivo in molti casi, quindi, la prognosi di questo carcinoma, in assenza di rimozione chirurgica, è davvero infausta.”

Il peritoneo è una membrana sottile la cui rimozione è chirurgicamente molto complessa perché essa è collegata agli organi che avvolge.

“Su un paziente pediatrico– spiega il dottor Pier Luca Ceccarelli– questo tipo di intervento è decisamente eccezionale, sia per la rarità delle indicazioni (le casistiche internazionali pubblicate lo dimostrano chiaramente), sia perché questa, come altre metodiche, ad oggi non fa parte del classico bagaglio tecnico-professionale  del chirurgo pediatra: ma presso la nostra Azienda, ormai da alcuni anni, si è consolidata un’importante collaborazione con l’equipe della Chirurgia generale, determinando una forte sinergia assistenziale su particolari casi pediatrici, che permette il raggiungimento di risultati come questo”.

“La paziente– aggiunge la dottoressa Monica Cellini, referente per l’Oncoematologia Pediatrica – aveva risposto bene sia alla terapia medica sia a quella chirurgica ed era ritornata a casa dopo 9 mesi. Purtroppo, dopo un anno di follow-up, nel novembre  2017, la paziente ha sviluppato una recidiva che ha colpito le ovaie, consigliando un nuovo intervento chirurgico.”

“Quando abbiamo effettuato l’asportazione delle ovaie – ha precisato il dottor Ceccarelli– svolta questa volta con la chirurgia tradizionale, ci siamo resi conto che le metastasi avevano colpito il peritoneo. A questo punto, ci trovavamo in una situazione sfavorevole, che, a fronte oltretutto di una casistica limitatissima a livello mondiale, presentava una prognosi infausta a breve termine con i “tradizionali” protocolli terapeutici oncologici pediatrici. La collaborazione con i chirurghi generali ci ha consentito di affrontare questo caso, davvero difficile, in un’ottica nuova, futuribile, multidisciplinare e prospettare quindi una soluzione chirurgica al problema, per nulla scontata nell’adulto e davvero di frontiera nel paziente pediatrico”.

Questo tipo di interventi molto complesso anche dal punto di vista anestesiologico. “La gestione anestesiologica di questo tipo di intervento– ha commentato il prof. Massimo Girardis, Direttore dell’Anestesia e Rianimazione 1 del Policlinico – è paragonabile a quella di un trapianto d’organo. Essa richiede monitoraggi cardio-respiratori di secondo livello ed una specifica gestione post-operatoria in terapia intensiva per prevenire o trattare le possibili complicanze determinate da un intervento complesso come cito-riduzione chirurgica associata a chemio-ipertermia intraperitoneale. Tutto questo diventa ancora più specifico e delicato se parliamo di pazienti pediatrici”.

“Da quando abbiamo iniziato questa chirurgia nel 2016 – ha concluso la prof.ssa Gelmini– abbiamo operato 30 pazienti: di questi in 25 si è ottenuta una completa citoriduzione. In una paziente di quattordici anni, questo intervento ha presentato una serie di problematiche, relative al dosaggio dei farmaci da utilizzare, al protocollo anestesiologico e più complessivamente alla gestione intra e postoperatoria legate alla giovane età della Paziente ed al difficile percorso terapeutico, che sono state brillantemente risolte grazie alla fattiva collaborazione di tutti i professionisti coinvolti. Il decorso operatorio è andato benissimo, la giovane è stata dimessa 14 giorni dopo l’intervento e ha ricominciato una vita normale. Dopo un anno, è senza malattia e questo è un risultato eccezionale, soprattutto perché non vi sono state complicanze post-operatorie e siamo riusciti ad assicurare alla paziente un’ottima qualità di vita, in un quadro clinico di partenza decisamente compromesso.”

La paziente dovrà sottoporsi a controlli periodici e non si potrà considerare guarita sino a quando non saranno trascorsi almeno cinque anni senza l’insorgenza di recidive.

sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017

Rubriche

Consigli di salute
Stress da rientro? L'alimentazione può dare una mano
Un’ importante strategia che consente di aumentare il livello di serotonina è effettuare un’attività fisica regolareleggi tutto
Consigli di salute
Il rapporto tra denti e postura
Prima si va dal dentista, meglio è: sarà più semplice correggere un allineamento irregolare delle arcate e, quindi, un eventuale difetto della postura.leggi tutto
Glocal
Sud Italia in profonda crisi: cresce il divario tra Nord e Sud
Nel rapporto Svimez sul Mezzogiorno italiano, si delinea un quadro socio-economico sconcertante, a causa soprattutto della ormai consolidata incapacità delle istituzioni locali di erogare servizi che vadano verso il benessere di imprese e cittadini, e con una sempre maggiore presenza delle varie mafie locali all’interno delle istituzioni stesse.leggi tutto
Consigli di salute
I denti e la loro funzione: qual è la differenza fra incisivi, canini, premolari e molari?
Ogni tipo ha una posizione ben precisa lungo l’arcata dentale e svolge una funzione specificaleggi tutto
Glocal
Settore ICT: 45mila posti di lavoro nel triennio 2019 - 2021
Secondo un’indagine realizzata da Confindustria, su dati raccolti da Istat e Unioncamere, nel triennio 2019 – 2021, nel settore ICT si stima una offerta di lavoro che supererà le 45.000 unità.leggi tutto
Glocal
Il 50% della ricchezza mondiale in mano a pochi
Secondo una ricerca realizzata dalla Boston Consulting Group, denominata, “Global Wealth 2019: Reigniting Radical Growth”, la ricchezza finanziaria privata nel mondo a fine 2018 ha raggiunto i 206 mila miliardi di dollari: 1,9 volte il PIL mondiale.leggi tutto
Consigli di salute
Alzheimer, la salute di denti e gengive aiuta a ridurne il rischio
Uno studio ha dimostrato come parodontite e Alzheimer siano collegati: ecco perché prendersi cura dei denti è importante leggi tutto
Consigli di salute
Denti e postura, il legame è stretto
Tanti i disturbi correlati: emicrania, dolori nella masticazione, ma anche ernia del disco e tendiniti.leggi tutto
Glocal
Secondo trimestre del 2019: probabile PIL negativo
Il Rapporto annuale dell’Istat sulla situazione macroeconomica del Paese, sentenzia in modo chiaro che nel secondo trimestre dell’anno in corso è prevista una forte contrazione del PIL, al punto che si prevede una differenza negativa rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchDopo il sisma, tornano a suonare le campane della chiesa di Cavezzo
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Ecco il volto della mummia in 3D
    Ecco il volto della mummia in 3D
    Appartiene alla collezione egizia dei Musei civici di Modena[...]
    Nasce il Centro di soccorso e cura delle tartarughe marine
    Nasce il Centro di soccorso e cura delle tartarughe marine
    Ha trovato casa nella sede di Arpae, dove sorgono due vasche ad hoc[...]
    C'è un po' di Emilia-Romagna nel nuovo Governo
    C'è un po' di Emilia-Romagna nel nuovo Governo
    Con i ministri Franceschini e De Micheli[...]
    Praticamente tutti i giorni sopra i 30 gradi, agosto da incubo quello del 2019
    Praticamente tutti i giorni sopra i 30 gradi, agosto da incubo quello del 2019
    La temperatura minima più bassa è risultata di 18.9°C il giorno 16, un fresco solo relativo, di poco sotto la media.[...]
    Perde i sensi da sola in casa, dopo 3 giorni la salva il dentista
    Perde i sensi da sola in casa, dopo 3 giorni la salva il dentista
    Non si era presentata a un appuntamento e l'uomo si era preoccupato[...]
    "Spostate quel cammello". Ubriaco crea scompiglio a San Felice
    "Spostate quel cammello". Ubriaco crea scompiglio a San Felice
    A bordo della sua auto si era fermato in mezzo alla strada e si era messo a suonare convulsamente il clacson[...]
    Troppa plastica nei mari, ce lo ricorda il container diventato opera d'arte a Novi
    Troppa plastica nei mari, ce lo ricorda il container diventato opera d'arte a Novi
    L'opera è stata ideata e realizzata da 3 artisti: Marcello Buganza in arte Cello, Emma Gandolfi (Zia Memmi) e Stefano Tincani.[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: