SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Salute, da Modena uno studio per comprendere meglio una rara malettia reumatica

Uno studio sulla sindrome da anticorpi antisintetasi (SAA) coordinato dalla Reumatologia dell’AOU di Modena, diretta dal prof. Carlo Salvarani, e pubblicato sul numero di novembre del Journal of Rheumatology getta nuova luce su questa patologia rara, ancora non ben definita dal punto di vista patogenetico e solo recentemente riconosciuta come entità clinica a sé stante. Una patologia caratterizzata dalla triade clinica artrite, miosite e interstiziopatia polmonare (IP).

Titolo dello studio è ”Caratteristiche capillaroscopiche dei pazienti con sindrome da anticorpi antisintetasi. Risultati da uno studio multicentrico internazionale (NASCAR study)”. Scopo dello studio – che ha coinvolto 190 pazienti da circa 20 centri da Italia, Germania, Spagna, Belgio e Messico nell’ambito del gruppo internazionale AENEAS (American and European Network of Antisynthetase Syndrome) – era di valutare frequenza e caratteristiche delle alterazioni capillaroscopiche in pazienti con SAA.

“Non era ancora chiaro– spiega il dott. Marco Sebastiani, reumatologo autore dello studio – se la malattia determinasse un’alterazione del microcircolo capillare e se tale coinvolgimento potesse contribuire alla patogenesi della malattia. Infatti, in corso di SAA sono state osservate sporadicamente alterazioni capillaroscopiche, ma non erano disponibili dati sulla frequenza e le caratteristiche della microangiopatia. Lo studio ha valutato le immagini videocapillaroscopiche di ben 190 pazienti consecutivi con SAA. Per ciascun paziente abbiamo esaminato una serie di caratteristiche capillaroscopiche suggestive di microangiopatia, cioè di un’alterazione funzionale e strutturale dei capillari. Infine, le caratteristiche capillaroscopiche venivano correlate con quelle cliniche e sierologiche”.

La videocapillaroscopiaè un’indagine non invasiva che permette l’osservazione diretta del microcircolo cutaneo attraverso microscopico a sonde ottiche ad alta definizione

Lo studio ha potuto dimostrare la presenza di una microangiopatia in oltre un terzo dei pazienti con SAA prima non nota. Inoltre, è dimostrata l’assenza di qualsiasi correlazione fra microangiopatia e fenomeno di Raynaud, elemento considerato quasi imprescindibile nelle altre malattie autoimmuni sistemiche (prevalentemente connettiviti).

“I nostri risultati– conclude Sebastiani– ci hanno portato a comprendere la necessità di modificare l’approccio diagnostico ai pazienti con SAA eseguendo una valutazione capillaroscopica sia alla diagnosi che durante il follow-up. I pazienti con alterazioni capillaroscopiche tendono ad esempio a sviluppare interstiziopatia polmonare in fasi più avanzate di malattia. D’altro lato tutti i pazienti che giungono all’osservazione del reumatologo per fenomeno di Raynaud dovrebbero essere valutati anche per la SAA, cosa che attualmente non avviene. I pazienti con miosite, interstiziopatia polmonare o forme atipiche di artrite dovrebbero essere sottoposti a capillaroscopia e per i marcatori noti di SAA, indipendentemente dalla presenza di un fenomeno di Raynaud”.

Lo studio ha permesso di comprendere meglio i meccanismi della SAA, ma c’è ancora lavoro da fare. Resta da chiarire la reale prevalenza della microangiopatia nella malattia, il suo ruolo nella patogenesi della SAA e come la microangiopatia evolva nella storia clinica della malattia.

Rubriche

Glocal
Finanza alternativa – le banche aprono al crowdfunding?
Sebbene in forte ritardo rispetto al Regno Unito, che già nel 2012 presentava numeri da capogiro, in Italia l’equity crowdfunding sta crescendo molto.leggi tutto
Emergenza fiumi, cosa accade in montagna? -LO SPECIALE
Disboscamento e consumo di suolo hanno conseguenze pesanti sull'attività dei corsi d'acqua che poi arrivano da noileggi tutto
Glocal
L’economia italiana non cresce perché è poco libera
Libertà economica bassa in Italia, dove lo stato continua ad assumere un peso rilevante, frenando la crescita. Gli stati più liberi, al contrario, mostrano maggiore dinamicità economica.leggi tutto
Glocal
L'OCSE boccia l'Italia
L'OCSE boccia le politiche economiche e sociali dell'attuale governo.leggi tutto
Glocal
Italia in recessione
Italia in recessione, come Argentina e Turchia: PIL a -0,2% nel 2019.leggi tutto
Glocal
L'Italia leader in Europa nell'economia circolare
Il tasso di riciclaggio dei rifiuti in Italia è fra i più alti del mondo: circa il 45% dei rifiuti urbani ed il 65% dei rifiuti speciali viene recuperato.leggi tutto
Glocal
La disuguaglianza tra ricchi e poveri alimenta la rabbia sociale
L’1% della popolazione mondiale detiene quasi la metà della ricchezza aggregata netta totale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchA Massa Finalese successo per la Giornata Fai di primavera
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Elezioni e fake news, la divertente trovata di Cavezzo Viva
    Elezioni e fake news, la divertente trovata di Cavezzo Viva
    Le false notizie sono sempre esistite, ma con il web tutto si amplifica[...]
    Si perde in vacanza a Carpi e torna a casa grazie alla Municipale
    Si perde in vacanza a Carpi e torna a casa grazie alla Municipale
    Protagonista del fatto un anziano turista tedesco che aveva perso il pullman[...]
    Il Panaro in piena, le foto aeree esclusive del 13 maggio 2019
    Il Panaro in piena, le foto aeree esclusive del 13 maggio 2019
    Particolarmente interessanti sono le immagini della cassa di espansione del fiume[...]
    Le foto esclusive fatte dall'alto della piena del Secchia del 13 maggio 2019
    Le foto esclusive fatte dall'alto della piena del Secchia del 13 maggio 2019
    Le immagini riprendono il nostro grande fiume in piena da Magreta a Bastiglia.[...]
    Secchia e Panaro, l'erosione delle sponde e quegli argini insufficienti - LO SPECIALE
    Secchia e Panaro, l'erosione delle sponde e quegli argini insufficienti - LO SPECIALE
    Le altezze degli argini non sono sufficienti per Aipo, che dopo l'alluvione del 2014 ha avviato dei lavori. Ma ci sono dei limiti con cui fare i conti[...]
    Emergenza fiumi, cosa accade in montagna? -LO SPECIALE
    Emergenza fiumi, cosa accade in montagna? -LO SPECIALE
    Disboscamento e consumo di suolo hanno conseguenze pesanti sull'attività dei corsi d'acqua che poi arrivano da noi[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: