SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Cinema e audiovisivo, la Regione stanzia 600 mila euro per festival e rassegne

Formare il pubblico, diversificare l’offerta culturale, favorire il cinema indipendente, promuovere le opere restaurate e momenti di confronto tra gli operatori, sono gli obiettivi del bando regionale 2019, rivolto a progetti per l’organizzazione di festival e rassegne cinematografiche e audiovisive.

La Regione, attraverso Emilia-Romagna Film Commission, aumenta il proprio sostegno al settore, destinando 600 mila euro a festival (480 mila) e rassegne (120 mila), con un incremento di 40 mila euro rispetto al 2018.

“Con un progressivo aumento dei fondi destinati alla cultura, triplicate nel corso della legislatura- afferma l’assessore regionale Massimo Mezzetti-, riusciamo anche a offrire più risorse per contribuire alla promozione della progettualità e delle realtà cinematografiche del territorio. Il settore negli ultimi anni è molto cresciuto, raggiungendo una folta audience, attraendo persone provenienti anche da altre regioni e straniere, grazie a rassegne come il Cinema Ritrovato, il Biografilm, il Future Film festival, ormai accreditate a livello internazionale per la loro programmazione di qualità. Ma aldilà di queste punte di eccellenza, l’offerta regionale è sempre molto curata e ricca di proposte, anche fuori dalle grandi città, spesso collegata ai luoghi in cui è nato il grande cinema dei nostri autori, da Fellini a Bertolucci e Bellocchio”.

Lo scorso anno complessivamente sono stati destinati dalla Regione a festival e rassegne 1 milione e 350 mila euro attraverso varie forme di finanziamento tra cui il bando per la promozione 2018: Future Film Festival, Biografilm Festival e Cinema Ritrovato hanno beneficiato del finanziamento per un totale annuo di 750.000 euro. Sono stati sostenuti inoltre altri 37 progetti: 16 rassegne e 22 festival, che hanno registrato complessivamente sul territorio 383.000 presenze.

La presentazione delle domande

Possono presentare domanda, entro le ore 16 del 31 marzo, i soggetti pubblici o privati con sede in Emilia-Romagna, che operano nel settore del cinema e dell’audiovisivo da almeno tre anni, di norma senza fini di lucro, costituiti in qualsiasi forma giuridica (con esclusione delle persone fisiche) e che hanno come finalità statutaria o attività principale l’organizzazione di attività culturali.
I progetti di rassegne e festival cinematografici e audiovisivi, da svolgere nel territorio regionale, devono essere giunti nel 2019 almeno alla terza edizione, anche non in anni consecutivi, e le giornate di programmazione, che devono svolgersi nell’anno solare in corso, non possono concludersi prima della presentazione della domanda di contributo.
I progetti approvati potranno contare su un sostegno massimo del 50% dei costi ammissibili.

Le domande, devono essere inoltrate telematicamente dal legale rappresentante, dall’indirizzo di Posta elettronica certificata del soggetto richiedente all’indirizzo Pec: servcult@postacert.regione.emilia-romagna.it, riportando nell’oggetto “Domanda Festival 2019” o “Domanda Rassegne 2019”. Il bando è disponibile sul portale emiliaromagnacreativa.it:  https://cinema.emiliaromagnacreativa.it/it/bando/invito-presentare-progetti-la-realizzazione-festival-rassegne-ambito-cinematografico-lanno-2019/.

Per informazioni filmcom@regione.emilia-romagna.it Emma Barboni, allo 051 5278753 o a Roberto Bosi allo 051 5273318

Rubriche

Glocal
Finanza alternativa – le banche aprono al crowdfunding?
Sebbene in forte ritardo rispetto al Regno Unito, che già nel 2012 presentava numeri da capogiro, in Italia l’equity crowdfunding sta crescendo molto.leggi tutto
Emergenza fiumi, cosa accade in montagna? -LO SPECIALE
Disboscamento e consumo di suolo hanno conseguenze pesanti sull'attività dei corsi d'acqua che poi arrivano da noileggi tutto
Glocal
L’economia italiana non cresce perché è poco libera
Libertà economica bassa in Italia, dove lo stato continua ad assumere un peso rilevante, frenando la crescita. Gli stati più liberi, al contrario, mostrano maggiore dinamicità economica.leggi tutto
Glocal
L'OCSE boccia l'Italia
L'OCSE boccia le politiche economiche e sociali dell'attuale governo.leggi tutto
Glocal
Italia in recessione
Italia in recessione, come Argentina e Turchia: PIL a -0,2% nel 2019.leggi tutto
Glocal
L'Italia leader in Europa nell'economia circolare
Il tasso di riciclaggio dei rifiuti in Italia è fra i più alti del mondo: circa il 45% dei rifiuti urbani ed il 65% dei rifiuti speciali viene recuperato.leggi tutto
Glocal
La disuguaglianza tra ricchi e poveri alimenta la rabbia sociale
L’1% della popolazione mondiale detiene quasi la metà della ricchezza aggregata netta totale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchA Massa Finalese successo per la Giornata Fai di primavera
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Elezioni e fake news, la divertente trovata di Cavezzo Viva
    Elezioni e fake news, la divertente trovata di Cavezzo Viva
    Le false notizie sono sempre esistite, ma con il web tutto si amplifica[...]
    Si perde in vacanza a Carpi e torna a casa grazie alla Municipale
    Si perde in vacanza a Carpi e torna a casa grazie alla Municipale
    Protagonista del fatto un anziano turista tedesco che aveva perso il pullman[...]
    Il Panaro in piena, le foto aeree esclusive del 13 maggio 2019
    Il Panaro in piena, le foto aeree esclusive del 13 maggio 2019
    Particolarmente interessanti sono le immagini della cassa di espansione del fiume[...]
    Le foto esclusive fatte dall'alto della piena del Secchia del 13 maggio 2019
    Le foto esclusive fatte dall'alto della piena del Secchia del 13 maggio 2019
    Le immagini riprendono il nostro grande fiume in piena da Magreta a Bastiglia.[...]
    Secchia e Panaro, l'erosione delle sponde e quegli argini insufficienti - LO SPECIALE
    Secchia e Panaro, l'erosione delle sponde e quegli argini insufficienti - LO SPECIALE
    Le altezze degli argini non sono sufficienti per Aipo, che dopo l'alluvione del 2014 ha avviato dei lavori. Ma ci sono dei limiti con cui fare i conti[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: