SulPanaro Expo SulPanaro Expo

“Meno sale, più salute”: Sempre più panificatori aderiscono all’iniziativa

Meno sale, più salute: con questo slogan l’Azienda USL di Modena lancia sul territorio la Settimana mondiale per la riduzione del consumo di sale nella dieta in corso fino al 10 marzo e, insieme a Confesercenti/Assopanificatori, Lapam/Confartigianato, Cna, Confcommercio/FAM, ripropone ai cittadini alcuni semplici accorgimenti, tra cui un acquisto più consapevole dei prodotti di uso comune.

   Uno fra tutti, il pane a basso contenuto di sale (non superiore all’1,7%): i panificatori che, sul nostro territorio, commercializzano almeno una linea di pane con questa caratteristica sono facilmente riconoscibili perché espongono la vetrofania della campagna regionale PANE MENOSALE. Il progetto, lanciato nel 2014, ha ottenuto il riconoscimento del Ministero della Salute col logo “Guadagnare Salute” per le campagne nazionali sui sani stili di vita e anche grazie all’impegno congiunto delle Associazioni di categoria e dell’Azienda USL è cresciuto, tanto che ad oggi in provincia di Modena sono ben 73 gli esercizi commerciali che aderiscono. Il loro elenco è sempre aggiornato alla pagina web: https://www.alimenti-salute.it/content/pane-meno-sale-modena.

   “Fra i prodotti trasformati, il pane è quotidianamente consumato dalla quasi totalità della popolazione – spiega il dottor Alberto Tripodi, del Servizio igiene alimenti e nutrizione dell’Ausl di Modena -. Pertanto, la riduzione del sale nel pane può contribuire ad abbassarne l’apporto quotidiano unitamente ad altri comportamenti, quali la diminuzione del consumo di alimenti trasformati ricchi di sale e dell’aggiunta di sale ai cibi.

La maggior parte del sale che noi introduciamo (circa il 65%), è contenuto proprio negli alimenti trasformati che vengono acquistati dal consumatore e, nonostante le numerose campagne informative per una scelta consapevole, è ancora troppo bassa l’attenzione verso il controllo dell’assunzione di sale”. A confermarlo, i dati dell’indagine PASSI secondo cui solo 1/3 degli adulti modenesi presta attenzione alla quantità di sale negli alimenti o cerca di ridurla.

“Di tutto ciò che è confezionato siamo comunque in grado di individuare il contenuto di sale perché esso viene obbligatoriamente indicato nella etichetta nutrizionale, consentendoci quindi di poter fare scelte verso prodotti a minore contenuto salino. Leggendola – chiarisce Tripodi – è possibile comprendere quanto sale introduciamo ogni giorno in famiglia attraverso le nostre scelte di consumo”.

Siamo di fronte a un basso contenuto di sale se esso non supera 0,3 g per 100 g di prodotto ed un bassissimo contenuto di sale se non supera 0,1 g per ogni 100 g di prodotto. Al contrario si considera un medio contenuto di sale se esso varia da 0,3 a 1,2 g per 100 gr di prodotto ed un alto contenuto se esso supera 1,2 gr per 100 gr di prodotto.

 I dati

In base all’indagine nazionale MINISAL, eseguita in soggetti dai 35 ai 79 anni, è risultato che l’Emilia-Romagna è al settimo posto in Italia rispetto al consumo medio individuale di sale, pari a 8,2 grammi al giorno per le donne ed oltre 10,5 grammi al giorno per gli uomini. Quantità quindi ben superiori a quelle di 5 grammi al giorno raccomandate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. A livello nazionale solo il 5% degli uomini ed il 15% delle donne rispettava tali raccomandazioni. Sempre lo studio MINISAL evidenzia come l’introito quotidiano di sale sia molto elevato già nel 90% circa dei bambini e degli adolescenti.

I rischi

La promozione della riduzione del consumo di sale è motivata dai rischi che un utilizzo eccessivo comporta per la salute: aumento della pressione arteriosa, con conseguente aumento del rischio di insorgenza di ictus, malattie di cuore, come ad esempio l’infarto miocardico. Il sale è stato inoltre associato ad altre malattie cronico-degenerative, quali tumori dell’apparato digerente, in particolare quelli dello stomaco, osteoporosi, calcolosi ed altre malattie renali.

Rubriche

Glocal
Finanza alternativa – le banche aprono al crowdfunding?
Sebbene in forte ritardo rispetto al Regno Unito, che già nel 2012 presentava numeri da capogiro, in Italia l’equity crowdfunding sta crescendo molto.leggi tutto
Emergenza fiumi, cosa accade in montagna? -LO SPECIALE
Disboscamento e consumo di suolo hanno conseguenze pesanti sull'attività dei corsi d'acqua che poi arrivano da noileggi tutto
Glocal
L’economia italiana non cresce perché è poco libera
Libertà economica bassa in Italia, dove lo stato continua ad assumere un peso rilevante, frenando la crescita. Gli stati più liberi, al contrario, mostrano maggiore dinamicità economica.leggi tutto
Glocal
L'OCSE boccia l'Italia
L'OCSE boccia le politiche economiche e sociali dell'attuale governo.leggi tutto
Glocal
Italia in recessione
Italia in recessione, come Argentina e Turchia: PIL a -0,2% nel 2019.leggi tutto
Glocal
L'Italia leader in Europa nell'economia circolare
Il tasso di riciclaggio dei rifiuti in Italia è fra i più alti del mondo: circa il 45% dei rifiuti urbani ed il 65% dei rifiuti speciali viene recuperato.leggi tutto
Glocal
La disuguaglianza tra ricchi e poveri alimenta la rabbia sociale
L’1% della popolazione mondiale detiene quasi la metà della ricchezza aggregata netta totale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchA Massa Finalese successo per la Giornata Fai di primavera
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Elezioni e fake news, la divertente trovata di Cavezzo Viva
    Elezioni e fake news, la divertente trovata di Cavezzo Viva
    Le false notizie sono sempre esistite, ma con il web tutto si amplifica[...]
    Si perde in vacanza a Carpi e torna a casa grazie alla Municipale
    Si perde in vacanza a Carpi e torna a casa grazie alla Municipale
    Protagonista del fatto un anziano turista tedesco che aveva perso il pullman[...]
    Il Panaro in piena, le foto aeree esclusive del 13 maggio 2019
    Il Panaro in piena, le foto aeree esclusive del 13 maggio 2019
    Particolarmente interessanti sono le immagini della cassa di espansione del fiume[...]
    Le foto esclusive fatte dall'alto della piena del Secchia del 13 maggio 2019
    Le foto esclusive fatte dall'alto della piena del Secchia del 13 maggio 2019
    Le immagini riprendono il nostro grande fiume in piena da Magreta a Bastiglia.[...]
    Secchia e Panaro, l'erosione delle sponde e quegli argini insufficienti - LO SPECIALE
    Secchia e Panaro, l'erosione delle sponde e quegli argini insufficienti - LO SPECIALE
    Le altezze degli argini non sono sufficienti per Aipo, che dopo l'alluvione del 2014 ha avviato dei lavori. Ma ci sono dei limiti con cui fare i conti[...]
    Emergenza fiumi, cosa accade in montagna? -LO SPECIALE
    Emergenza fiumi, cosa accade in montagna? -LO SPECIALE
    Disboscamento e consumo di suolo hanno conseguenze pesanti sull'attività dei corsi d'acqua che poi arrivano da noi[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: