Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Per Mirandola un ospedale d’area, la Cispadana e più sicurezza: si presenta Roberto Ganzerli

MIRANDOLA – “Forza gentile”. E’ lo slogan che Roberto Ganzerli ha scelto per battezzare l’avvio della sua campagna elettorale come candidato sindaco a Mirandola. Venerdi a Mirandola c’è stata la presentazione ufficiale, con il candidato accompagnato dai rappresentanti delle quattro liste che lo sostengono: Più Mirandola con Roberto Ganzerli”, espressione locale di Più Europa, “Sinistra civica per Mirandola”, il Partito Democratico e “Il Futuro per Mirandola”, largamente partecipata dal mondo del volontariato mirandolese.  Tra i nomi forti, quelli del preside di Luosi e Galilei Giorgio Siena e quello di Stefano Baraldi.

Per Mirandola un ospedale d’area, la Cispadana e più sicurezza:  questi i temi forti di Roberto Ganzerli, assessore che col sindaco Maino Benatti negli ultimi cinque anni si è occupato di ricostruzione, commercio e urbanistica. La scelta di puntare sulla sanità – tema che non ha seguito personalmente fino ad ora –  dà il segno di come Ganzerli abbia ben presente che si tratta del tema su cui più di tutti deve prendere le distanze dalla Giunta Pd uscente. Con un vorticoso cambio di rotta, Ganzerli ribalta tutte le politiche che hanno avuto come obiettivo portare il Santa Maria Bianca a essere un ospedale di prossimità. Un balzo che avviene poche ore dopo che in Provincia il centrosinistra, anche di Mirandola, ha votato per una una prospettiva di mera riqualificazione per l’ospedale di Mirandola, mentre a Carpi si farà un ospedale tutto nuovo.

Per il resto, punta l’attenzione sulla viabilità e la sicurezza. Viabilità ha come primo obiettivo la realizzazione della Cispadana, che però non è quel totem – feticcio su cui giocarsi tutto. Per Ganzerli va infatti bene “una alternativa al collegamento con l’autostrada”. La sicurezza invece è da intendersi in più modi. Quella che riguarda la vita quotidiana e la paura della criminalità, la sicurezza stradale e la sicurezza sul lavoro.

Ganzerli ha poi lasciato al parola ai rappresentanti delle quattro liste che lo sostengono, una compagine che va oltre i partiti per una alleanza larga, tra progressisti, cattolici, volontariato e cittadini che parte dal centro e arriva fino alla sinistra disponibile al momento in queste amministrative. Alle elezioni arriva chi raccoglie 800 firme, e bisogna presentare 15 candidati per lista, divisi secondo le regole della rappresentaza di genere.

Giorgio Siena ha illustrato gli obiettivi della lista “Più Mirandola”, che ha quel “Più” nel nome a indicare un miglioramento, un avanzamento. “In un epoca in cui è tutto estremo, o bianco o nero  – ha osservato Siena – noi invece vogliamo tendere sempre al miglioramento. Quella di Ganzerli è una personalità che esprime bene quel che è necessario in questo momento: condividere, confrontarsi, crescere.
Mirandola deve pesare di più, ad esempio nella sanità e nelle scelte della viabilità, anche rispetto a Carpi – ha detto chiaro e tondo Siena – per cogliere tutte le opportunità che ci sono. Basta pensare alla formazione: le migliori strutture scolastiche dell’Emilia-Romagna sono qui, sono a Mirandola”.

Stefano Baraldi ha parlato per la lista “Il Futuro di Mirandola” argomentando che “con Ganzerli abbiamo individuato la figura giusta per risolvere in maniera rapida ed adeguata  i problemi. Noi tutti – ha aggiunto – non abbiamo diretta esperienza di governo, ci definiscono “la lista del volontariato” ma chiediamo attenzione anche per i temi che riguardano la scuola e il biomedicale”.

Giulio Di Gisi rappresentava la lista “Sinistra Civica per Mirandola”, quella che pare raccogliere in prevalenza studenti, ma senza rappresentanti di alcun partito. “La nostra è la lista di “sinistra” – ha spiegato infatti – che chiede attenzione all’ambiente, all’accoglienza di chi vive ai margini, che vuole Mirandola città inclusiva. Chiediamo attenzione ai giovani che hanno bisogno di luoghi di aggregazione e occasioni di lavoro, per le frazioni e per la realizzazione di un Comune Unico.

Andrea Gozzi, segretario del Partito Democratico di Mirandola, ha spiegato che si è arrivati al nome di Ganzerli dopo che si era guardato anche altrove. “Non abbiamo avuto rifiuti, tutti coloro cui ci siamo rivolti hanno accettato di darci una mano, ma non è scontato candidarsi in politica, ci vogliono le spalle larghe”, e che non si sono tenute le primarie, come chiedeva il sindaco uscente, perchè alla fine la quadra si è trovata sul nome di Roberto Ganzerli.

“Abbiamo governato al città per 10 anni, ora – afferma Gozzi –  ci proponiamo di farlo con rinnovata passione. Abbiamo realizzato tanto con la ricostruzione, il tecnopolo, il corso Its per biomedicale, il centro storico che ha oggi più locali di prima del terremoto, il Memoria Festival. Ora con Roberto Ganzerli faremo un passo avanti per la ricostruzione e lavoreremo per contare sempre di più in Unione Comuni Area Nord.

(Redazione SulPanaro)

LA BIOGRAFIA DI ROBERTO GANZERLI 

Cinquantadue anni, coniugato, maturità tecnico-scentifica, mirandolese da sempre.
Gli studi universitari compiuti al Dams di Bologna lo hanno avvicinato, già dai primi anni di attività professionale, al mondo dei giovani e della cultura in generale. Consulente di libreria presso diversi centri “Feltrinelli” a Firenze, Ferrara, Bologna e Modena; ricercatore ed animatore con il gruppo “Progetto Giovani” del Comune di Modena, la sua esperienza lavorativa prosegue poi con l’associazione Arci. Nella più importante associazione ricreativa e culturale della città di Modena ricopre vari ruoli dirigenziali, ultimo in ordine di tempo, quello di responsabile dell’intera Area nord. E’ di questo periodo la sua partecipazione alla ideazione e fondazione, oltre che alla gestione, di tre importanti circoli culturali: “Montecristo” e “Wienna” di Modena, e “Aquaragia” di Mirandola di cui è stato anche presidente per 10 anni. Come esperto di eventi culturali ha lavorato, insieme a gallerie ed istituti universitari nazionali, alla programmazione di importanti appuntamenti, tra cui, “I cortili di Modena”, e le fiere del disco e del fumetto con evidenze multimediali di Bologna, Venezia, Pescara.

Attento e interessato ai temi della politica locale e nazionale, dopo alcuni anni di impegno diretto come funzionario del PD, nel 2009 – chiamato direttamente dal sindaco di Mirandola Maino Benatti – ha iniziato la sua più recente esperienza di amministratore locale. Dallo stesso anno, con delega tuttora in essere, è assessore, al commercio e al centro storico, all’urbanistica e alla ricostruzione post terremoto. In questa ultima veste, per le scelte e le esperienze compite direttamente sul campo, ha partecipato, invitato come relatore, a diversi convegni nazionali e a seminari presso importanti istituti universitari a Milano (Politecnico) e a Venezia. (IUAV) .
Cinema, fotografia, musica e letteratura sono le sue principali passioni a cui, almeno due volte all’anno, aggiunge la sua passione principe: i viaggi.
Le sue indubbie capacità politico-amministrative, unitamente al suo carattere solare e alla sua capacità di empatia lo hanno reso – particolarmente nei difficili anni del post terremoto – un punto di riferimento importante del territorio, dai residenti ed operatori del centro storico, alle frazioni.

(Fonte: ufficio stampa di Roberto Ganzerli)

QUATTRO LISTE CON ROBERTO GANZERLI, CANDIDATO A SINDACO

Il futuro per Mirandola – Partito Democratico – Più Mirandola con Roberto Ganzerli – Sinistra civica per Mirandola

“Mirandola che vogliamo”, è un’agenda-programma per il futuro della città, concreta e coraggiosa, attenta a garantire al nostro territorio tutta la sua capacità competitiva. 

È Roberto Ganzerli, 52 anni, assessore uscente, il candidato a sindaco di Mirandola di uno schieramento allargato del Centro sinistra. Assessore all’urbanistica e alla ricostruzione, al commercio e al centro storico della giunta uscente, può contare sull’appoggio già dal primo turno di quattro liste, espressione di una larga coalizione riformista democratica che va da “Più Mirandola con Roberto Ganzerli”, espressione locale di Più Europa a “Sinistra civica per Mirandola”, dal PD a “Il Futuro per Mirandola”, largamente partecipata dal mondo del volontariato mirandolese.  

“La proposta – si legge nella introduzione del documento che formalizza la coalizione – esce da un articolato percorso costruito prima di tutto sui programmi. In essa trovano compendio, culture diverse, progressiste e di centrosinistra, civiche, cattoliche e liberali; donne e uomini di ogni estrazione sociale e culturale, del mondo della formazione, del lavoro e delle professioni, della cultura e del volontariato cattolico democratico”.  

È un progetto politico nuovo per Mirandola, che parte dai numerosi ed importanti risultati ottenuti in questi ultimi anni dalle giunte di centro sinistra senza però appiattirsi sul presente, con il coraggio di affrontare problemi e criticità presenti. Il tutto in un contenitore di idee e di scelte per il futuro, forti, attente a garantire all’intero territorio di Mirandola tutta la sua capacità competitiva. Al centro della “agenda” ci sono l’ultimazione della ricostruzione e la sicurezza, il lavoro e le imprese in un quadro di sviluppo sostenibile e di qualità; c’è la centralità della famiglia e della persona; c’è la forza dei sogni in un divenire quotidiano della città fatto di tanti spazi più belli, più sicuri e più aggreganti.

Particolare attenzione è riservata, poi, ai temi dell’ospedale, della Cispadana, e delle frazioni, da sostenere partendo dalla valorizzazione delle loro peculiarità economiche e sociali, insieme ad una attenzione particolare al recupero delle  Chiese, luoghi di fede, ma anche di forte identica comunitaria. “Più di ogni altro tempo, questo è il momento degli atti di generosità e di coraggio da parte di tutti. La candidatura di Roberto Ganzerli – sottolinea infine il documento politico congiunto delle quattro liste – riassume nel migliore dei modi questo spirito; una candidatura fatta di alleanze paritarie tra partiti e forze di centrosinistra, civismo e società civile, ricca di esperienza, di professionalità amministrativa, e di riconosciuta generosità”.

GANZERLI: “CANDIDATO DI UNO SCHIERAMENTO FORTE E INNOVATIVO”

“Ho detto si alla proposta di candidarmi a Sindaco del Comune di Mirandola perché nella coalizione che mi sostiene ho colto, fin dall’inizio, una idea forte e innovativa fatta di coraggio ed esperienza, di volontà e voglia di guardare lontano, mai appiattiti sul presente”.

“Il progetto politico da cui siamo partiti presenta caratteri del tutto nuovi. Va oltre i partiti per una alleanza larga, tra progressisti, cattolici, volontariato e cittadini. Quattro liste con pari dignità, coese, alle quali sento il dovere – anche per la fiducia che mi hanno espresso – di assicurare il massimo della mia competenza, delle mie capacità di governo locale, della mia generosità e propensione all’ascolto”.

“Idee forza, ma anche tanta concretezza. Penso in particolare quattro grandi temi: Innanzitutto la ricostruzione da ultimare con la rinascita del centro storico e dei suoi monumenti. Per quanto riguarda l’ospedale, riteniamo debba rimanere a Mirandola: irrinunciabile è il ritorno della nostra struttura alla sua dovuta dimensione di nosocomio di area. C’è la Cispadana, indispensabile infrastruttura autostradale che deve partire al più presto, ma che può avere alternative possibili da verificare. C’è infine la sicurezza, diritto inalienabile di ogni cittadino, da garantire attraverso una giustizia che assicuri pene adeguate e certe e una presenza forte dello Stato”.  

“Il tutto all’interno di una sfida: coniugare sviluppo ed ambiente; c’è un pianeta da salvare e noi vogliamo fare la nostra parte”.

PIÙ MIRANDOLA / Breve di presentazione

La lista civica +Mirandola nasce dall’idea di contribuire alla definizione dei prossimi programmi amministrativi attraverso il coinvolgimento della società civile.  

Riteniamo giusto appoggiare la candidatura a Sindaco di Roberto Ganzerli del quale abbiamo valutato positivamente l’impegno e la determinazione nella sua esperienza di amministratore locale. Desideriamo mantenere la nostra autonomia e contemporaneamente collaborare con le altre liste che sostengono Ganzerli. Vorremmo rappresentare la Mirandola che guarda con fiducia alle prossime sfide che l’aspettano, a partire dallo sviluppo sociale, economico e del lavoro. Solamente creando lavoro si può sperare in un futuro migliore.

Ci concentriamo sulle politiche giovanili, sulla formazione, sulla ricostruzione materiale, culturale e sociale. I servizi socio-sanitari necessitano di una nuova definizione negli obiettivi, in grado di cogliere le necessità e le aspettative assistenziali dei cittadini. L’organizzazione comunale rientra nei nostri propositi per rispondere con prontezza alle esigenze della cittadinanza. Oggi l’informatica facilita procedure snelle e risposte rapide.  Desideriamo una città sempre più sostenibile ed a misura d’uomo, con particolare attenzione al patrimonio storico e culturale.

La tutela ambientale si deve coniugare con le scelte politiche di carattere urbanistico, evitando ulteriore consumo di territorio, valorizzando l’esistente e migliorandone la qualità. Particolare attenzione va posta al tema della valorizzazione delle aree di rispetto naturale, prima fra tutte quella della Valli.

IL FUTURO PER MIRANDOLA / Breve di presentazione

Siamo mirandolesi, di nascita o di adozione, da sempre impegnati a costruire un presente e un futuro migliori per i nostri figli e per la nostra città.

Consideriamo la solidarietà un valore importante e riteniamo le differenze una ricchezza a cui non intendiamo rinunciare. Desideriamo continuare a prenderci cura del nostro territorio e delle persone che in esso vivono, lavorano, studiano, operano. Alle prossime elezioni amministrative si deciderà il futuro di Mirandola per i prossimi cinque anni. È un appuntamento importante ed abbiamo individuato in Roberto Ganzerli il candidato in grado di dare risposte adeguate, competenti e tempestive ai problemi e alle esigenze di una comunità che, meritoriamente e con grande impegno e sacrificio, ha trasformato la tragedia del terremoto del maggio 2012 in una opportunità di rilancio, di sviluppo e di innovazione.

Siamo convinti che la ricostruzione e il recupero del nostro patrimonio storico e culturale debbano continuare a ritmo sostenuto per avviare la rivitalizzazione del centro storico cittadino. Pensiamo anche a politiche di riqualificazione del capoluogo e delle frazioni. Vogliamo favorire e stimolare le opportunità di lavoro, per creare ricchezza e per arrivare ad una maggiore equità sociale. Intendiamo sostenere l’innovazione, promuovere valori insostituibili come cultura e formazione, proseguire negli investimenti sul nostro sistema scolastico, tutelare l’ambiente per migliorare la qualità della vita pensando e favorendo uno sviluppo sostenibile.

Mirandola deve continuare ad essere il fulcro dello sviluppo di tutta l’Area Nord e una città aperta che si confronta con il mondo, consapevoli che la nostra economia è internazionale e che le aziende del nostro territorio hanno un respiro internazionale. A Mirandola deve essere riconosciuto il ruolo che merita nelle scelte politiche di Provincia e Regione in tema di sanità e di infrastrutture. Intendiamo puntare su difesa e rilancio del nostro Ospedale, che è un presidio indispensabile per la salute degli abitanti dell’Area Nord, e sul miglioramento della viabilità, con il collegamento al sistema autostradale ormai non più procrastinabile. Immaginiamo una Mirandola di tutte le persone e tutti i cittadini e per tutte le persone e tutti i cittadini, in grado di costruire relazioni e di guardare al passato e alla memoria per proiettarsi nel futuro. Per raggiungere questi obiettivi occorre il contributo di tutti: di chi lavora nelle imprese e nei sindacati, di chi opera nelle associazioni, dei tanti che fanno volontariato, di chi agisce nel mondo della scuola. Noi ci siamo.

PARTITO DEMOCRATICO MIRANDOLA / Breve di presentazione

“Diamo voce a Mirandola” 

“Il prossimo 26 maggio si concluderà un ciclo amministrativo e politico importante per Mirandola. In questi anni abbiamo preso atto che il nostro è un territorio altamente produttivo (1,8% del PIL nel 2012, 2.4% nel 2019) che ha livelli di servizi alti. Ci siamo rivolti a tutte le forze politiche, sociali, economiche, civiche di Mirandola che credono che il nostro territorio debba progredire nel suo percorso di sviluppo e di benessere. Crediamo fortemente che sia necessario investire in istruzione e competenze i veicoli migliori per raggiungere quello scopo e che la cultura e il volontariato vadano sostenuti da vicino perché fanno la differenza. Dovremo portare a termine la ricostruzione per poter tutti tornare a guardare avanti con orgoglio tutti insieme. Apriremo dei cantieri per un programma condiviso da chi vive le nostre stesse preoccupazioni e vede un futuro ancora migliore per la nostra città e l’area Nord.

Sosteniamo Roberto Ganzerli per dare voce a Mirandola, in Area Nord, in Provincia e in Regione.

Il nostro è un appello all’unione rivolto a chi è orgoglioso della propria Città, a chi è convinto che lo sviluppo debba andare di pari passo con ambiente, a chi è preoccupato per una disoccupazione giovanile ancora troppo alta, a chi crede che ci siano ancora ingiustizie e iniquità sociali, a chi non vuole rinunciare alla tutela dell’ambiente, ma sa che non si possono bloccare le infrastrutture. Si dovrà proseguire nel senso del buon governo con un approccio di condivisione e protagonismo dei cittadini interessati a dare voce alla propria comunità!”.

SINISTRA CIVICA PER MIRANDOLA / Breve di presentazione

Siamo donne e uomini dell’area culturale politica della sinistra progressista, civica, ambientalista. In una parola, gente della Costituzione, nata dalla Resistenza

 Siamo donne e uomini dell’area culturale politica della sinistra progressista, civica, ambientalista. In una parola, gente della Costituzione, nata dalla Resistenza. Vogliamo contribuire, con le nostre idee, a costruire un campo largo, aperto e plurale per impedire ogni svolta a destra a livello nazionale e locale. Crediamo in un progetto di città nuovo, pieno di valori come la salute e l’istruzione, la qualità della vita, la dignità del lavoro, la coesione sociale e la cultura come condizione verso l’uguaglianza.

Operiamo per un programma capace di scelte nuove e coraggiose, per un Comune sempre più vivibile, solidale, sostenibile e democratico. Lavoriamo per costruire una coalizione consapevole dei risultati raggiunti in questi lunghi anni di governo locale di centro sinistra. Il tutto, senza negare problemi e criticità presenti, che vanno affrontati e non negati. Ci impegniamo, assieme alle altre forze della coalizione per Roberto Ganzerli Sindaco, per un Comune vivibile, solidale e sostenibile, immaginato e costruito attraverso un percorso di analisi, elaborazioni e proposte da condividere, senza schemi precostituiti, verso alleanze progressiste e di sinistra capaci di includere.

(Fonte: ufficio stampa di Roberto Ganzerli)

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    Sono oltre 60 gli eventi e le attività proposti da Regione Emilia-Romagna e Casa Artusi presentati in 31 Paesi di tutti i continenti[...]
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    La storica azienda modenese porta avanti l’ampliamento della propria gamma di prodotti con una referenza pensata per valorizzare i piatti di ogni giorno con un tocco di gusto e originalità in più[...]
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    L'indagine "Quel treno per Roma" analizza l'operato degli onorevoli del territorio, facendo riferimento alla loro attività parlamentare e alla presenza capillare nei problemi della nostra area. [...]
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    L'opera sarà completata venerdì dall'artista modenese Luca Zamoc, che sta lavorando sulla facciata di una palazzina in viale Monte Kosica 56[...]
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    E' tornata la nuova edizione de I luoghi del cuore del FAI che l'anno scorso vide lo strico edificio sanfeliciano arrivare primo tra i modenesi[...]
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Grazie a un post su Facebook di agente Lisa, la pagina più social friendly della Polizia italiana, che ne ha raccontato la storia domenica scorsa.[...]
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    Il momento migliore per vederlo sarà a marzo. E chissà se anche il popolare presentatore verrà a Cavezzo per osservarlo dai telescopi del nostro Osservatorio[...]
    A la Mirandula, un contributo del Coro Città di Mirandola per la città
    A la Mirandula, un contributo del Coro Città di Mirandola per la città
    Alcune scene del video sono state registrate prima del DPCM dell'8 marzo 2020[...]