Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Da San Possidonio va in tv la storia di Janita, Francesco… e Jago

SAN POSSIDONIO E MIRANDOLA – Da San Possidonio va in tv su La5 la storia di Janita, Francesco e Jago.  E’ la storia di una giovanissima famiglia, le telecamere del reality “9 mesi” li hanno seguiti mentre il piccolo Jago era ancora nella pancia della mamma e finchè non è nato all’ospedale di Mirandola.

Una gravidanza sotto l’occhio delle telecamere, insomma. Nel nuovo reality de La5 si racconta la vita di Francesco Avella, operaio di 23 anni e di Janita Dora Teresa Galliano,  21 anni. Un amore, il loro, sbocciato sui banchi di scuola all’Istituto Galilei di Mirandola.

Ecco cosa racconta Janita:

Come vi è venuta l’dea di partecipare al programma?

Abbiamo partecipato al programma grazie ad un’idea di mio padre, lui ha visto un annuncio su La5 che diceva più o meno “Siete una coppia e avete appena scoperto di aspettare un bambino, contattate questo numero…”. Così ci ha convinti a chiamare, quando abbiamo parlato con la produzione si sono interessati alla nostra storia e ci hanno chiesto di mandare un video casting. Da quel momento sono passate varie settimane prima che ci chiamassero, pensavamo non ci avessero presi e invece…

Invece adesso state preparando il gruppo di ascolto per vedervi tutti insieme in tv.

Si, la puntata andrà in onda in seconda serata il primo Maggio, e il replica nel pomeriggio di sabato 4 Maggio. Faremo una specie di gruppo di ascolto con gli amici che potranno venire, anche perché il piccolo riesco sempre a metterlo a nanna tra le 22 e le 23, così per la puntata siamo prontissimi a guardarcela tutta.

Quale è stato il momento più bello della trasmissione? 

Di momenti belli ce ne sono stati molti, faccio fatica a sceglierne uno. Forse il giorno in cui abbiamo fatto una festa per scoprire il sesso del bambino grazie ad un’idea di una delle mie migliori amiche e ovviamente la troupe è venuta a riprendere, o forse addirittura proprio il giorno del parto, la troupe in quella occasione è stata davvero discreta e per il tempo in cui non riprendeva sono stati anche un enorme aiuto.

E il più brutto?

Un momento brutto forse è stato il giorno del mio compleanno, ero già all’ottavo mese di gravidanza e la troupe principale non era disponibile quindi hanno mandato dei sostituti. Quel giorno ho dovuto fare riprese di tutti i tipi dalla mattina fino alla sera (incluso al corso pre parto) e sono arrivata alla mia festa esausta, quindi non me la sono goduta molto. Tra l’altro non hanno nemmeno ripreso l’apertura dei regali che avevano precedentemente considerato importante

Dicevi che avete fatto una festa per rivelare se il bimbo fosse maschio o femmina, è una cosa che va molto di moda oggi. Ce la racconti meglio per favore?

La festa l’ha ideata una delle mie migliori amiche, Ikram, che é venuta fin da Brescia quel giorno perché dopo gli esami di maturità si é trasferita subito lì dal marito. L’abbiamo organizzata a casa di mia suocera che aveva più spazio per tutti gli invitati. Abbiamo chiamato tutti i nostri amici, genitori e sorelle di mio marito con le loro famiglie. Mio fratello non è potuto essere presente perché si trovava in Australia. Qualche giorno prima della festa io ho fatto una visita dal mio ginecologo per scoprire il sesso e lui ha dato la risposta telefonicamente solo alla mia amica mentre io stavo nell’altra stanza con le orecchie tappate.

Davvero?

Sì, per farci scoprire se era maschio o femmina Ikram ha comprato due palloncini completamente neri e li ha riempiti con coriandoli del colore giusto.. Sopra ai palloncini ha scritto con indelebile bianco “boy or girl” e “Jago o Nathalie”, i nomi che avevamo scelto. 
Durante la festa li abbiamo fatti scoppiare con uno stuzzicadenti insieme io e mio marito Francesco e sono usciti tutti i coriandoli azzurri: maschio!
Avevate azzeccato i pronostici?
Avevamo anche fatto una specie di gara, chi pensava fosse maschio doveva vestirsi di blu o azzurro con un fiocco al polso dello stesso colore e ci pensava fosse femmina di rosa.
Un’altra delle mie migliori amiche, Sara, ha fatto due bellissime e buonissime torte. Ci siamo divertite un sacco a farle perché le ha fatte a casa mia dopo che avevamo girato insieme un sacco di negozi per trovare tutti gli ingredienti.
E ora Janita, vuoi lavorare o ti occuperai solo della famiglia?
Sto studiando per diventare addestratrice cinofila e l’anno prossimo, vorrei provare a sostenere l’esame per entrare all’Università, mi piacerebbe studiare Psicologia.
L’obbiettivo finale sarebbe poter fare Pet therapy. O in altro caso studiare Scienze dell’evoluzione. Comunque, per il momento, per aiutare la famiglia economicamente, da settembre/ottobre mi piacerebbe trovare un lavoretto part-time.

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Quali Paesi danno il meglio nella lotta al Covid-19
Una ricerca realizzata da ECV, classifica gli Stati colpiti dal virus in tre categorie: Winning (vincenti), Nearly there (quasi arrivati) e Need action (bisogno di azione).leggi tutto
Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protetteleggi tutto
Glocal
Covid-19: i provvedimenti dell'UE per il rilancio dell'economia
La Commissione europea ha predisposto un piano che non ha precedenti: oltre 1.000 miliardi di euro per assistere imprese e famiglie nel contrasto al Covid19.leggi tutto
Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienzaleggi tutto
Glocal
Covid19: i Paesi con la migliore Sanità al mondo
La pandemia del virus Covid19 sta mettendo in crisi Paesi che vantano sistemi sanitari considerati tra i più eccellenti e performanti del mondo.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane impegnate contro il Coronavirus
Molte imprese italiane si sono messe a disposizione del Governo per rifornire il nostro sistema sanitario di strumenti per garantire la vita. Siamo in guerra, ma è una guerra diversa.leggi tutto
Consigli di salute
Bruxismo e digrignamento dei denti
Ad esempio, smettere di fumare o ridurre il consumo di alcol possono essere utili a tal proposito.leggi tutto
Glocal
Economia e coronavirus: come uscirne
Purtroppo le politiche che i governi hanno adottato per affrontare la pandemia e la crisi economica sono contraddittorie e rischiano un fallimento catastrofico a lungo termine.leggi tutto
Consigli di salute
Cosa fare per il mal di denti col coronavirus?
Dal dentista solo per necessità non rinviabili. Le indicazioni sono chiare, solo urgenze. leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - L'autismo ai tempi del Coronavirus
    Intervista a Cristina, mamma di Francesco e Lorenzo.[...]

    Curiosità

    Ecco la guida ai nostri Appennini di Dario Ruscetta, per un'estate magica e senza paura
    “MoBo' Stories: Guida di Viaggio nell'Ombelico Gastronomico di Modena e Bologna”, riconoscibile dal tipico Tortellino immortalato in copertina.[...]
    C'è un incendio, gattini si nascondono sotto al secchio: salvati
    C'è un incendio, gattini si nascondono sotto al secchio: salvati
    E' successo domenica, sul posto i Vigili del Fuoco[...]
    Fine lockdown e ritorno alla 'vita da cani'
    Fine lockdown e ritorno alla 'vita da cani'
    Il consiglio di veterinari esperti su come affrontare la fine del lockdown, il ritorno agli spazi aperti e il contatto con soggetti esterni, assieme al proprio cane[...]
    Forbes elegge l'Emilia Romagna regione dove si mangia meglio al mondo
    Forbes elegge l'Emilia Romagna regione dove si mangia meglio al mondo
    Il noto mensile americano Forbes ha premiato la cucina dell’Emilia-Romagna[...]
    Rimborsi per le imprese, la beffa del click day: Mirandola resta fuori
    Rimborsi per le imprese, la beffa del click day: Mirandola resta fuori
    E' di Mirandola la prima dei non ammessi al bando Impresa Sicura. Possibili bari nel "click day"?[...]
    Il governatore Bonaccini: "Non escludo mia candidatura a primo ministro"
    Il governatore Bonaccini: "Non escludo mia candidatura a primo ministro"
    Ha risposto così a chi gli ha chiesto di una ipotetica sfida con il presidente leghista del Veneto, Luca Zaia.[...]
    Un video per celebrare la natura dell'Oasi Val di Sole di Concordia
    Un video per celebrare la natura dell'Oasi Val di Sole di Concordia
    Il video lo si può visualizzare sulla pagina ufficiale del Comune di Concordia[...]
    Giallo a Mirandola: da dove vengono e dove sono finite quelle mascherine con il logo del Comune?
    Giallo a Mirandola: da dove vengono e dove sono finite quelle mascherine con il logo del Comune?
    Il bando di gara promosso dal comune, per il quale è stata stanziata una cifra di 15.000 euro, è andato deserto, ma sui social sono girate foto di mascherine con il logo di Mirandola. Dove sono finite? Per l'amministrazione comunale non esistono. [...]