SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Cavezzo e Medolla, divisi si perde: volano gli stracci nel centrodestra

MEDOLLA E CAVEZZO – La matematica non è un’opinione e a guardare i risultati che si sono avuti a Cavezzo e a Medolla è chiaro che se il centrodestra avesso giocato la sua partita unito, avrebbe vinto. E in attesa di capire se Alberto Greco ce la farà oppure no a vincere a Mirandola e prima quindi di decretare se è vero o no che la Lega ha sbagliato strategia, ora parte le resa dei conti, molto pesante soprattutto a Cavezzo.

A Medolla ha vinto il candidato del Pd Alberto Calciolari con 1.703 voti. La candidata della Lega, Lavinia Zavatti, ha preso 1.164 voti e l’indipendente Marco Bergamini 763. Se Zavatti e Bergamini si fossero alleati avrebbero preso 1.927 preferenze, surclassando comodamente Calciolari.

E dire che l’ipotesi di avere un unico candidato del centrodestra è stata la prima scelta e fino all’ultimo si è tentato di percorrerla. Non è andata bene,  e ora tanti recriminano.

Lavinia Zavatti a urne chiuse difende la scelta fatta:

È solo l’inizio. L’inizio di un cambiamento. Quella lista capitanata “solo dalla 28enne” è arrivata a un passo dall’inversione di rotta. Ci lasciamo alle spalle critiche sterili. Il segnale è arrivato forte è chiaro. Il 46% di Medolla preferisce che nulla si muova, ma, se i conti non ingannano, il 54% desidera un cambio di passo. Faremo di tutto per non disattendere queste aspettative. Vorrei però che, alla luce di questi risultati, qualcuno possa trovare l’umiltà (per non dire la decenza) almeno di tacere se non sia a conoscenza dei fatti. Di voci, come sempre accade, ne sono state messe in giro fin troppe. Siamo stati saldi, concreti e realisti sin dal primo giorno, pur essendo usciti per ULTIMI. E sappiate, che chi si espone per ultimo è perché (forse forse…) ha atteso sino all’ultimo momento utile di cercare e trovare un accordo. In ogni caso, credo proprio che le critiche arrivino da chi, ora, sia rimasto scottato dal risultato e pentito della preferenza espressa. Oltre il 32% conta su di noi, conta sulla LEGA. E noi ci faremo sentire. Ci saremo. Oggi iniziamo un percorso in salita, ma questo ci sprona ad essere ancor più uniti e convinti dei nostri ideali che difenderemo a spada tratta!
Non ci siamo voluti identificare in contesti già compromessi da figure poco stimate; e continueremo così, mettendoci la nostra faccia, affiancati,supportati (e non diretti e manipolati) da un partito fortemente voluto e votato, e da noi fieramente rappresentato.

Marco Bergamini si dice soddisfatto del risultato, e ringraziando gli elettori dice

 Senza nessuna bandiera abbiamo avuto l’apprezzamento di un medollese ogni 5. Grazie a chi ci ha dato fiducia

A Cavezzo la situazione è analoga. Ha vinto Lisa Luppi del Pd con 1.676 voti. I due sfidanti, Stefano Venturini ed Enrico Malverti, avevano rispettivamente 1.542 e 671 voti. Assieme le due liste di opposizione avrebbero raccolto 2.213 voti, molti di più di quelli della Luppi.
E dire che non troppo tempo fa di partiti di opposizione ce n’era in effetti uno solo a Cavezzo. Alla vigilia delle elezioni però c’è stata la rottura tra i due esponenti storici dell’opposizione, Katia Motta e Stefano Venturini, e questi sono i risultati.

Martedì la prima a sferrare l’attacco è Katia Motta:

La coperta di Stefano Venturini è sempre stata corta perché non è capace di unire le persone. Una volta è colpa della casa di riposo, una volta di un asteroide, un’altra volta di un gatto nero che attraversa la strada. Le scuse al terzo giro non valgono più. Avevamo fatto una controproposta alla sua terza – e come si è visto, inutile – candidatura, e la risposta sono state solo offese a chi da poco ci aveva raggiunto per unire le forze. Le accuse di essere la causa della rottura le rigiro al mittente e alla sua miopia politica fatta di molte parole e altrettanta inconcludenza.
Io lavoro e continuo a lavorare per una politica diversa, capace di contenuti e di attrarre le persone che hanno voglia di impegnarsi realmente per Cavezzo, tutti i giorni e non solo nel periodo elettorale.

Le repliche di alcuni al post in cui dice queste cose sono durissime, le danno senza mezzi termini della traditrice.

E mentre scoppia il caso, tra denunce di querele e controquerele, che coinvolge la giovane neo consigliera del centro sinistra Farah Britel, a Cavezzo pontiere si fa Guglielmo Golinelli, deputato mirandolese della Lega: “Se avessero unito le forze, avremmo altri due Comuni strappati al centro sinistra. Il problema – commenta al Resto del Carlino– è stata la mancanza di dialogo e quando subentrano personalismi anziché gioco di squadra, la sconfitta spesso è assicurata. Venturini, candidato sindaco di Crescere Cavezzo, per la terza volta consecutiva non è riuscito a dialogare con il candidato di centro destra Cavezzo Viva Malverti. L’accordo è sfumato e adesso il sindaco lo fa ancora Lisa Luppi, cui rivolgo comunque le mie congratulazioni”

 

 

IL RISULTATO DEI SINDACI DEI COMUNI, LEGGI ANCHE

A San Felice si cambia, vince Michele Goldoni
Mirandola per la prima volta va al ballottaggio
A Concordia tiene, per un soffio, Luca Prandini
Medolla, vince il centrosinistra con Alberto Calciolari
Cavezzo, confermata Lisa Luppi
A San Prospero Sauro Borghi fa il bis
A San Possidonio eletto sindaco Carlo Casari
Soliera, riconfermato Roberto Solomita
A Nonantola secondo mandato per Federica Nannetti
A Ravarino è di nuovo sindaca Maurizia Rebecchi
Bomporto, eletto Angelo Giovannini
Bastiglia conferma Francesca Silvestri

 

Rubriche

Glocal
Le elezioni dei numeri
La Lega, partito politico che non ha mai nascosto il proprio euroscetticismo, anzi ne ha fatto anche una sorta di portabandiera, è il primo partito italiano che occuperà più scranni nell’Europarlamento.leggi tutto
Glocal
Finanza alternativa – le banche aprono al crowdfunding?
Sebbene in forte ritardo rispetto al Regno Unito, che già nel 2012 presentava numeri da capogiro, in Italia l’equity crowdfunding sta crescendo molto.leggi tutto
Emergenza fiumi, cosa accade in montagna? -LO SPECIALE
Disboscamento e consumo di suolo hanno conseguenze pesanti sull'attività dei corsi d'acqua che poi arrivano da noileggi tutto
Glocal
L’economia italiana non cresce perché è poco libera
Libertà economica bassa in Italia, dove lo stato continua ad assumere un peso rilevante, frenando la crescita. Gli stati più liberi, al contrario, mostrano maggiore dinamicità economica.leggi tutto
Glocal
L'OCSE boccia l'Italia
L'OCSE boccia le politiche economiche e sociali dell'attuale governo.leggi tutto
Glocal
Italia in recessione
Italia in recessione, come Argentina e Turchia: PIL a -0,2% nel 2019.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchDopo il sisma, tornano a suonare le campane della chiesa di Cavezzo
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    L'aereo di Fulvio Setti torna a rinnovata bellezza con il sorvolo delle Frecce Tricolori
    L'aereo di Fulvio Setti torna a rinnovata bellezza con il sorvolo delle Frecce Tricolori
    Cerimonia di inaugurazione del restaurato monumento che è diventato simbolo di Modena[...]
    L'ex sindaco di Medolla Filippo Molinari braccio destro del presidente Bonaccini
    L'ex sindaco di Medolla Filippo Molinari braccio destro del presidente Bonaccini
    E' diventato capo della segreteria politica del presidente della Regione[...]
    Uno a destra, uno a sinistra: i fratelli Carlo e Giuliano Tassi divisi in Consiglio a Mirandola
    Uno a destra, uno a sinistra: i fratelli Carlo e Giuliano Tassi divisi in Consiglio a Mirandola
    Carlo era uno dei papabili assessori se avesse vinto Ganzerli. Giuliano è tra i fedelissimi della Lega[...]
    Torna su strada la Ferrari 512 Modulo Concept
    Torna su strada la Ferrari 512 Modulo Concept
    Al Concorso d'Eleganza Villa d'Este[...]
    Emergenza fiumi, ecco cosa succede nel groviglio di Modena Nord - LO SPECIALE
    Emergenza fiumi, ecco cosa succede nel groviglio di Modena Nord - LO SPECIALE
    All'interno dell'area golenale ricade l'importante svincolo autostradale A1 Autosole con l'A22 Autobrennero.[...]
    Il maggio più piovoso da 189 anni
    Il maggio più piovoso da 189 anni
    Lo dice l’Osservatorio Geofisico del DIEF - Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di Unimore[...]
    Camion cade nel torrente di montagna, è lì da giorni e perde gasolio in acqua
    Camion cade nel torrente di montagna, è lì da giorni e perde gasolio in acqua
    Il mezzo era posteggiato in un terreno che è stato eroso dalla piena facendolo precipitare nel torrente, affluente del Secchia[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: