SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Combattè la Prima Guerra mondiale, fu seppellito a Massa: ora per un giovane alpino c’è il ritorno a casa

FINALE EMILIA – La cerimonia si svolgerà sabato 18 maggio, a partire dalle ore 15. E finalmente il giovane soldato del 5° reggimento Alpini che morì più cento anni fa a Massa Finalese avrà sepoltura a casa sua, nel vicentino, a Costabissara.

Si chiamava Vittorio Gerolimon ed era molto giovane, aveva 19 anni. Era sopravvissuto alla guerra ma non alla polmonite che se lo è portato via nell’ospedale da campo che era stato allestito a Massa Finalese il 5 dicembre del 1918. Qui è rimasto per più di un secolo, seppellito nel locale cimitero. E’ stato Giuliano Mazzini, storico di Bologna, che ha scoperto dove era sepolto il povero alpino.

La cerimonia legata all’esumazione prevederà la presenza di un trombettiere per il silenzio e delle sezioni Bersaglieri di Finale Emilia. Presenti anche rappresentanze di Bologna, Modena e le sezioni alpini di Mirandola, San Giovanni e zone limitrofe.

Il ritorno a casa avviene grazie alla collaborazione del Comune di Finale e del Comune di Costabissara. Dopo aver lasciato Massa Finalese la salma, coperta dal Tricolore, sarà accolta a Costabissaro con una cerimonia solenne e da un picchetto d’onore composto da tutte le associazioni d’arma. Vittorio Gerolimon sarà poi portato al cimitero di Motta vicentina dove avverrà la tumulazione

 

Rubriche

Glocal
Finanza alternativa – le banche aprono al crowdfunding?
Sebbene in forte ritardo rispetto al Regno Unito, che già nel 2012 presentava numeri da capogiro, in Italia l’equity crowdfunding sta crescendo molto.leggi tutto
Emergenza fiumi, cosa accade in montagna? -LO SPECIALE
Disboscamento e consumo di suolo hanno conseguenze pesanti sull'attività dei corsi d'acqua che poi arrivano da noileggi tutto
Glocal
L’economia italiana non cresce perché è poco libera
Libertà economica bassa in Italia, dove lo stato continua ad assumere un peso rilevante, frenando la crescita. Gli stati più liberi, al contrario, mostrano maggiore dinamicità economica.leggi tutto
Glocal
L'OCSE boccia l'Italia
L'OCSE boccia le politiche economiche e sociali dell'attuale governo.leggi tutto
Glocal
Italia in recessione
Italia in recessione, come Argentina e Turchia: PIL a -0,2% nel 2019.leggi tutto
Glocal
L'Italia leader in Europa nell'economia circolare
Il tasso di riciclaggio dei rifiuti in Italia è fra i più alti del mondo: circa il 45% dei rifiuti urbani ed il 65% dei rifiuti speciali viene recuperato.leggi tutto
Glocal
La disuguaglianza tra ricchi e poveri alimenta la rabbia sociale
L’1% della popolazione mondiale detiene quasi la metà della ricchezza aggregata netta totale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchA Massa Finalese successo per la Giornata Fai di primavera
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Mirabolanti promesse e ricchi premi e cotillons. Ecco Candidato Anonimo, per ridere a San Felice
    Mirabolanti promesse e ricchi premi e cotillons. Ecco Candidato Anonimo, per ridere a San Felice
    Negli ultimi giorni è spuntata una Pagina Facebook in cui c'è un personaggio inventato che fa campagna elettorale[...]
    Si perde in vacanza a Carpi e torna a casa grazie alla Municipale
    Si perde in vacanza a Carpi e torna a casa grazie alla Municipale
    Protagonista del fatto un anziano turista tedesco che aveva perso il pullman[...]
    Il Panaro in piena, le foto aeree esclusive del 13 maggio 2019
    Il Panaro in piena, le foto aeree esclusive del 13 maggio 2019
    Particolarmente interessanti sono le immagini della cassa di espansione del fiume[...]
    Le foto esclusive fatte dall'alto della piena del Secchia del 13 maggio 2019
    Le foto esclusive fatte dall'alto della piena del Secchia del 13 maggio 2019
    Le immagini riprendono il nostro grande fiume in piena da Magreta a Bastiglia.[...]
    Secchia e Panaro, l'erosione delle sponde e quegli argini insufficienti - LO SPECIALE
    Secchia e Panaro, l'erosione delle sponde e quegli argini insufficienti - LO SPECIALE
    Le altezze degli argini non sono sufficienti per Aipo, che dopo l'alluvione del 2014 ha avviato dei lavori. Ma ci sono dei limiti con cui fare i conti[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: