SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Emergenza fiumi, cosa accade in montagna? -LO SPECIALE

SulPanaro.net ha realizzato 4 puntate sulle criticità del nodo idraulico modenese
In questa prima puntata il giornalista Marco Amendola affronta le principali problematiche del disboscamento, del consumo di suolo e delle conseguenze di queste attività sui fiumi 
Negli ultimi anni le precipitazioni cadute in Appennino si sono riversate nel giro di poche ore a valle lungo il Secchia e Panaro, alzando di conseguenza i livelli idrometrici del nodo idraulico modenese. In alcuni casi questa situazione si è innescata in seguito a una serie di coincidenze climatiche – neve, escursioni termiche, piogge – che hanno dato origine alle piene più significative avvenute negli ultimi anni.
Ma perchè l’acqua scende più velocemente dalla montagna verso valle? Si può individuare una spiegazione? Da una parte incide il cambiamento climatico con precipitazioni più intense in poche ore alternate a periodi di siccità; dall’altra c’è la situazione in cui versano le montagne.
Per capire meglio il contesto del nodo idraulico modenese occorre dunque risalire il corso dei due fiumi.
Il Secchia ha origine dai monti dell’Alpe di Succiso nell’appennino reggiano: dai 1450 metri di altitudine il Secchia scende verso valle fino al Po con un percorso di 172 km, delimitando le province di Modena e Reggio. Anche il fiume Panaro nasce fra l’appennino modenese e bolognese intorno ai 1500 metri di altitudine, nella zona fra Corno alle Scale e Monte Spicchio, per poi scendere a valle verso Modena e arrivare fino al Po, con un percorso di 115 km.
E’ nelle zone di montagna che vanno individuate le concause prodotte dalle attività umane sul territorio e che hanno finito negli ultimi decenni per alterare il naturale ciclo idrogeologico delle acque come le attività di taglio legna e diradamento boschi, il consumo e l’impermeabilizzazione del suolo, la regimentazione delle acque. Oltre a questi fattori, sulle montagne ha inciso anche il progressivo spopolamento e l’abbandono che ha portato all’incuria dei territori.
L’Emilia-Romagna al 2018 conta 600 mila ettari di superficie boschiva, circa “il 30% della superficie totale della regione”, spiega una nota la Regione e recentemente ha fatto discutere la comunità montana nel reggiano in cui sono state tagliate ampie porzioni di bosco. Attività che seppur condotte all’interno di piani concordati per il taglio legna e in aree dedicate alla produzione di legname accendono sempre l’attenzione delle popolazioni. Un altro fattore è il consumo del suolo e l’impermeabilizzazione (cementificazione) del territorio.
Per fare un esempio, quando piove l’acqua non viene assorbita o fermata dal suolo ma è come se vi scivolasse sopra andando a confluire nel reticolo idrografico. In questo contesto si inseriscono inoltre le opere di regimazione (canali artificiali o opere idrauliche per esempio) che se da una parte contribuiscono a regolare le acque, dall’altra le indirizzano verso i fiumi. Il rapporto 2018 dell’Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (Ispra) spiega che “il terreno diventato artificiale che nel 2017 nella nostra provincia ha raggiunto i 31.800 ettari, un dato che colloca Modena al terzo posto per consumo di suolo in regione”, spiega Coldiretti Modena in una nota.  Tanti fattori diversi che incidono sulla velocità dell’acqua.

LEGGI ANCHE LA SECONDA PUNTATA DELLO SPECIALE

Rubriche

Glocal
Finanza alternativa – le banche aprono al crowdfunding?
Sebbene in forte ritardo rispetto al Regno Unito, che già nel 2012 presentava numeri da capogiro, in Italia l’equity crowdfunding sta crescendo molto.leggi tutto
Emergenza fiumi, cosa accade in montagna? -LO SPECIALE
Disboscamento e consumo di suolo hanno conseguenze pesanti sull'attività dei corsi d'acqua che poi arrivano da noileggi tutto
Glocal
L’economia italiana non cresce perché è poco libera
Libertà economica bassa in Italia, dove lo stato continua ad assumere un peso rilevante, frenando la crescita. Gli stati più liberi, al contrario, mostrano maggiore dinamicità economica.leggi tutto
Glocal
L'OCSE boccia l'Italia
L'OCSE boccia le politiche economiche e sociali dell'attuale governo.leggi tutto
Glocal
Italia in recessione
Italia in recessione, come Argentina e Turchia: PIL a -0,2% nel 2019.leggi tutto
Glocal
L'Italia leader in Europa nell'economia circolare
Il tasso di riciclaggio dei rifiuti in Italia è fra i più alti del mondo: circa il 45% dei rifiuti urbani ed il 65% dei rifiuti speciali viene recuperato.leggi tutto
Glocal
La disuguaglianza tra ricchi e poveri alimenta la rabbia sociale
L’1% della popolazione mondiale detiene quasi la metà della ricchezza aggregata netta totale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchA Massa Finalese successo per la Giornata Fai di primavera
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Mirabolanti promesse e ricchi premi e cotillons. Ecco Candidato Anonimo, per ridere a San Felice
    Mirabolanti promesse e ricchi premi e cotillons. Ecco Candidato Anonimo, per ridere a San Felice
    Negli ultimi giorni è spuntata una Pagina Facebook in cui c'è un personaggio inventato che fa campagna elettorale[...]
    Si perde in vacanza a Carpi e torna a casa grazie alla Municipale
    Si perde in vacanza a Carpi e torna a casa grazie alla Municipale
    Protagonista del fatto un anziano turista tedesco che aveva perso il pullman[...]
    Il Panaro in piena, le foto aeree esclusive del 13 maggio 2019
    Il Panaro in piena, le foto aeree esclusive del 13 maggio 2019
    Particolarmente interessanti sono le immagini della cassa di espansione del fiume[...]
    Le foto esclusive fatte dall'alto della piena del Secchia del 13 maggio 2019
    Le foto esclusive fatte dall'alto della piena del Secchia del 13 maggio 2019
    Le immagini riprendono il nostro grande fiume in piena da Magreta a Bastiglia.[...]
    Secchia e Panaro, l'erosione delle sponde e quegli argini insufficienti - LO SPECIALE
    Secchia e Panaro, l'erosione delle sponde e quegli argini insufficienti - LO SPECIALE
    Le altezze degli argini non sono sufficienti per Aipo, che dopo l'alluvione del 2014 ha avviato dei lavori. Ma ci sono dei limiti con cui fare i conti[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: