Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Lotta alle zanzare, si inizia subito: sul piatto più di un milione di euro per le disinfestazioni

La guerra alle zanzare quest’anno parte prima, a maggio e non più a giugno. Ma si anticipa anche la sorveglianza dei casi sospetti, cioè di quelle persone che potrebbero essere state vittime della trasmissione, sempre per colpa delle zanzare, dei virus Chikungunya, Dengue, Zika, West Nile.
È la scelta della Regione Emilia-Romagnacondivisa con i sindaci, per prevenire quelle malattie, anche gravi, che possono essere veicolate attraverso la puntura della zanzara tigre e della zanzara culex.

Cosa si prevede di fare? Innanzitutto più controlli da parte dei Comuni, sia per la prevenzione che in caso di epidemie. E poi una serie di indicazioni precise per la gestione delle aree che vengono periodicamente allagate – ad esempio alcuni tipi di coltivazioni agricole – in modo da ridurre la proliferazione delle zanzare. E un campionamento straordinario di altre specie di uccelli, come stormi e piccioni – oltre a gazze, corvi e ghiandaie già monitorate – per verificare se abbiano o meno un ruolo nella circolazione virale.

Infine, per rendere possibile tutto questo, un aumento delle risorse assegnate – 200mila euro in più – che ogni anno la Regione Emilia-Romagna destina ai Comuni per le attività di disinfestazione: un sostegno finanziario che, per il 2019, sale complessivamente a 1 milione e 200mila euro.

Sono solo alcune delle principali novità previste dal Piano regionale di sorveglianza e controllo delle arbovirosi per il 2019, approvato in questi giorni dalla Giunta regionale.

Il Piano è frutto di un lungo lavoro preparatorio basato sull’esperienza degli anni passati, realizzato da un tavolo costituito da RegioneEnti locali e Aziende sanitarie, che hanno promosso anche corsi di formazione ad hoc per il personale. E già ad aprile il documento è stato illustrato e condiviso con tutti i sindaci dell’Emilia-Romagna.

Sorveglianza anticipata dei virus. Chikungunya, Dengue, Zika e zanzara tigre
Per questi tre virus, “veicolati” dalla zanzara tigre, si lavora, come già avvenuto negli anni precedenti, su due fronti: la sorveglianza umana e quella entomologica. Con una significativa novità, cioè l’ampliamento del periodo di sorveglianza dei casi sospetti: mentre prima era dal 1° giugno al 31 ottobre, adesso invece è già partito lo scorso 1° maggio, e sarà operativo fino al 30 novembre.

Per la sorveglianza degli insetti, viene confermato l’utilizzo di ovitrappole (attivate ogni 15 giorni) nei Comuni capoluogo. Quelle attive durante il periodo invernale hanno mostrato un certo numero di positività – cioè presenza di zanzara tigre – in tutti i controlli, eccetto nella seconda quindicina di marzo.

Un dato, questo, diverso rispetto agli anni passati, che sembra indicare un maggiore adattamento della zanzara tigre alle nostre latitudini. Il campionamento delle larve effettuato nelle scorse settimane ha mostrato comunque numeri inferiori a quelli dello stesso periodo del 2018: ciò indicherebbe una tendenza al posticipo della stagione di attività 2019 della zanzara-vettore.

West Nile e zanzara culex
Il West Nile è un virus veicolato dalla zanzara comune (culex). In questo caso si lavora su una sorveglianza integrata: umana, entomologica e veterinaria. Per la sorveglianza umana quest’anno è stato anticipato al 1° maggio il periodo in cui porre particolare attenzione all’individuazione dell’agente patogeno in qualunque caso di persona ricoverata che presenti febbre e manifestazioni neurologiche.

Per quanto riguarda la sorveglianza entomologica, nel Piano si conferma quella con trappole che, usando un’esca a base di anidride carbonica, attirano le zanzare e le catturano. Le trappole, posizionate regolarmente in tutte le aree rurali di pianura e bassa collina, sono attive da metà maggio a metà ottobre, con una raccolta dei campioni ogni 15 giorni. Nel caso in cui nelle zanzare catturate venga trovato il West Nile, scatta il segnale di circolazione virale; alcune trappole, posizionate ai confini provinciali, servono a segnalare la circolazione anche nelle province adiacenti, sia dell’Emilia-Romagna che di altre regioni.

Sul fronte veterinario, viene confermata la sorveglianza su uccelli della famiglia dei corvidi (gazze, ghiandaie, corvi) in collaborazione con l’assessorato regionale all’Agricoltura. Per incrementare la conoscenza su eventuali altre specie ornitologiche che possono avere un ruolo nel ciclo di trasmissione del virus sul territorio dell’Emilia-Romagna, quest’anno si è deciso di attivare un campionamento straordinario extrapiano di storni e piccioni. Continua anche la sorveglianza sui cavalli che manifestano i sintomi della malattia.

Uso dei prodotti adulticidi
È previsto un obbligo di comunicazione preventiva (cinque giorni prima), al Comune e all’Auslda parte del privato (cittadini, amministratori di condominio, vivaisti, gommisti, titolari di imprese con aree verdi annesse, e così via), nel caso in cui si vogliano effettuare, tramite aziende specializzate, disinfestazioni con prodotti adulticidi. La comunicazione va inviata con una motivazione tecnica allegata: ciò allo scopo di consentire all’Ausl una valutazione sulla reale necessità, al di fuori dell’emergenza sanitaria, dell’impiego di questi prodotti, che possono essere nocivi per l’uomo e gli animali.

La campagna di comunicazione
Sarà realizzata anche quest’anno, e presentata a breve, una specifica campagna di comunicazione della Regione: pieghevoli, locandine, opuscoli distribuiti da Aziende sanitarie e Comuni, ma anche un utilizzo sempre maggiore dei social per informare, sensibilizzare e dare consigli pratici ai cittadini.

Prevenzione del rischio trasfusionale

Diverse le misure in vigore, tra cui la prevenzione del rischio trasfusionale. Il Piano conferma le procedure degli anni passati: rigorosi controlli del sangue, donato e raccolto, vengono attivati dal Centro Regionale Sangue in seguito della segnalazione da parte della Regione Emilia-Romagna della circolazione virale nel territorio di una o più province; circolazione individuata tramite il sistema integrato di sorveglianza “one health” (umano, entomologico e veterinario). Queste misure restano in vigore fino a quando la circolazione virale non è più rilevata.

 

Programma contro la proliferazione delle zanzare

Confermato anche il programma ordinario di lotta alle zanzare che ogni anno i Comuni effettuano nelle aree urbane, prevedendo trattamenti larvicidi nei tombini stradali e attività di educazione e coinvolgimento dei cittadini nella gestione delle aree private: è proprio qui, infatti, che si concentra la maggior parte dei focolai di sviluppo larvale in città. Pertanto, è molto importante rimuovere tutti gli oggetti in cui l’acqua può ristagnare, e distribuire larvicida nei focolai che non possono essere eliminati.

 

I protocolli di disinfestazione

In caso di accertata circolazione di virus patogeni è necessario attivare un protocollo straordinario di disinfestazione che si configura in modo differenziato a seconda che sia rivolto al controllo dei virus Chikungunya, Dengue, Zika o per limitare l’esposizione al virus West Nile.

Quando si è in presenza di un caso anche solo sospetto di Dengue, Chikungunya o Zika dev’essere attivato, entro 24 ore dalla segnalazione, un protocollo straordinario che prevede una disinfestazione articolata in tre fasi, condotte in modo sinergico: trattamento adulticida, trattamento larvicida, rimozione dei focolai larvali.

Nel caso invece di accertata circolazione del virus West Nile, si procederà con interventi straordinari preventivi con adulticidi in caso di manifestazioni all’aperto, con aggregazione di molte persone, in ore serali. Se i casi di malattia, nell’uomo o nei cavalli, diventano rilevanti, questi interventi saranno condotti anche nei luoghi dove si concentrano le persone più fragili ed esposte ad ammalarsi, come strutture socioassistenziali e ospedali.

 

Luoghi di vita e aggregazione anziani

L’obiettivo è operare in modo preventivo attraverso il coinvolgimento dei gestori delle strutture socioassistenziali per la corretta applicazione delle misure ordinarie di contenimento dell’infestazione: misure di gestione delle aree esterne all’edificio (sfalci, rimozione materiali che possono favorire il ristagno dell’acqua) e trattamenti larvicidi periodici nelle caditoie. Saranno predisposti materiali informativi per una corretta gestione del rischio, in modo da evitare la presenza di zanzare all’interno dei locali (uso di zanzariere, finestre chiuse in caso di ambienti dotati di condizionamento, impiego di repellenti).

 

Scuole d’infanzia e asili nido

È in corso di definizione un documento tecnico per supportare i Dipartimenti di Sanità pubblica e i Comuni nella gestione delle richieste di interventi sollecitate dalle scuole dell’infanzia e dagli asili nido. Punti chiave sono le misure di contenimento dell’infestazione (gestione delle aree esterne all’edificio con sfalci e rimozione materiali che possono favorire il ristagno dell’acqua, trattamenti larvicidi periodici nelle caditoie che devono essere garantiti durante tutto il periodo estivo, anche a scuola chiusa). Verranno definite anche misure di protezione dalle punture di insetti calibrate sulle specifiche esigenze di bambini di età inferiore ai 6 anni.

 

Cosa devono fare i cittadini e i proprietari di aree soggette ad allagamento

Nel Piano sono stati definiti due schemi di ordinanza “tipo”. Il primo stabilisce la necessità di comportamenti corretti da parte dei privati cittadini e di alcune categorie economico-produttive (gommisti, vivaisti, centri commerciali, e così via) nel trattamento delle aree verdi di proprietà. Saranno i Comuni a farli rispettare con specifiche attività di vigilanza.

 

È stato predisposto inoltre, con il Servizio parchi e risorse forestali della Regione, uno schema di ordinanza per la gestione delle aree soggette ad allagamenti (ad esempio agricoltori che fanno uso di irrigazione a sommersione, gestori di aziende faunistico-venatorie, proprietari di maceri o di bacini per il deposito di acqua). Ai titolari viene chiesto di effettuare nelle zone allagate verifiche periodiche sulla presenza di larve di zanzara e, in caso di necessità, interventi larvicidi periodici con prodotti di sicura efficacia e a basso impatto ambientale.

 

L’elaborazione del Piano

Alla elaborazione del Piano 2019 ha lavorato un Gruppo di coordinamento tecnico, che è stato rinnovato e ampliato e ha iniziato a riunirsi già in gennaio. Ne fanno parte componenti di tutti i Dipartimenti di sanità pubblica, delle Conferenze territoriali Socio-Sanitarie e dei Comuni capoluogo. Si avvale del supporto di operatori della Direzione regionale Cura del territorio, nonché di Izsler (Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell’Emilia- Romagna), Arpae, Caa (Centro Agricoltura Ambiente “G. Nicoli”) e Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca animale).

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto
Glocal
Dall'emergenza sanitaria all'emergenza occupazionale
Sono in corso in questi giorni alcune misure per contrastare il danno occupazionale. Tra le misure: incentivi per far ripartire le assunzioni stabili, meno paletti sui contratti a termine, nuove risorse per la Cig e detassazione degli aumenti dei Ccnl.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Su questa mascherina il virus non si attacca, a Nonantola la propone la Fanny
    Su questa mascherina il virus non si attacca, a Nonantola la propone la Fanny
    E' coperta da una sostanza idro oleofobica che fa scivolare le goccioline con il virus che tentano di attaccarsi alla mascherina[...]
    Spotify, arriva in Italia Radar, tra gli artisti emergenti il carpigiano Bautista
    Spotify, arriva in Italia Radar, tra gli artisti emergenti il carpigiano Bautista
    Bautista collabora da aprile 2019 con il producer salentino Machweo[...]
    L'invenzione degli studenti del Galilei di Mirandola la racconta la Rai
    L'invenzione degli studenti del Galilei di Mirandola la racconta la Rai
    I giovani mirandolesi alla trasmissione Rob-O-Cod, un game show televisivo italiano dedicato al "coding" e alla robotica[...]
    Viaggio attraverso la realtà virtuale nel mondo dell'Aceto Balsamico di Modena
    Viaggio attraverso la realtà virtuale nel mondo dell'Aceto Balsamico di Modena
    La tecnologia accorcia le distanze tra Modena ed i Paesi in cui non è ancora possibile tornare a viaggiare per promuovere il prodotto[...]
    Red Ronnie a processo per diffamazione contro Roberto Burioni
    Red Ronnie a processo per diffamazione contro Roberto Burioni
    E' arrivata in udienza a Bologna la polemica tra il conduttore televisivo e il virologo [...]
    La canzone più amata di sempre? E' Albachiara di Vasco Rossi
    La canzone più amata di sempre? E' Albachiara di Vasco Rossi
    Eì stata votata dagli ascoltatori delle radio italiane. Uscì il 30 aprile 1979 sul lato B dell'album "Non siamo mica gli Americani", poi ristampata proprio con il titolo di Albachiara a causa del suo immediato successo.[...]
    Anche la finalese Azzurra Mazzara sul podio del concorso nazionale di bellezza "Miss Lady Virginia"
    Anche la finalese Azzurra Mazzara sul podio del concorso nazionale di bellezza "Miss Lady Virginia"
    Andrà insieme alle altre che hanno vinto un titolo alla finale nazionale a Salsomaggiore nel prossimo maggio 2021, nella sede di Miss Italia.[...]
    Un corso di formazione per gli interventi assistiti con animali all'Accademia militare di Modena
    Un corso di formazione per gli interventi assistiti con animali all'Accademia militare di Modena
    Primo corso di formazione per operatori in interventi assistiti con gli animali[...]
    From Mud, un film che dà voce alla musica alternativa modenese
    From Mud, un film che dà voce alla musica alternativa modenese
    Al termine le riprese del documentario musicale, co-prodotto dal Centro Musica di Modena[...]
    C'è San Prospero a X Factor, con la musica de "I trillici"
    C'è San Prospero a X Factor, con la musica de "I trillici"
    Due chiacchiere surreali con la band indie rock in corsa per le selezioni del popolare reality show[...]