Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Più forti del terremoto e più forti delle crisi: noi della Bassa abbiamo tenuto botta

Più forti del terremoto e più forti delle crisi: noi della Bassa abbiamo tenuto botta. Non avevamo certo dubbi, ma ora a certificarlo arrivano i numeri delle indagini economiche. Corre l’Emilia colpita dal sisma del 2012, a sette anni da quelle terribili scosse del 20 e 29 maggio che causarono 28 morti e 300 feriti, 45 mila persone sfollate e danni per 13,2 miliardi di euro, investendo i territori delle province di ModenaFerraraBologna Reggio Emilia, 55 comuni più i 4 capoluoghi.
Sette anni dopo, i numeri dicono che l’area del cratere marcia ancora più veloce di prima, con fabbriche, capannoni e strutture nuove, più sicure ed efficienti. La carta di identità dell’area colpita dalle scosse ci parla di 115 mila imprese attive, che danno occupazione a oltre 450 mila lavoratori, creando valore per oltre 38 miliardi di euro.
Non solo: dal 2011 sono 22mila i posti di lavoro in più, pari ad un incremento del 5,1%, in linea con il +5,6% regionale. E tutto ciò equivale a circa il 27% del valore aggiunto regionale e rappresenta il 2,4% del Pil nazionale.

La Regione Emilia-Romagna ha fatto il punto sulla situazione. Ecco cosa scrivono da Bologna.

La ricostruzione del tessuto produttivo, a che punto siamo
Da Concordia e San Possidonio in aiuto ai terremotati in Centro ItaliaNel merito della ricostruzione produttiva (industria, agricoltura e commercio), le domande di contributo approvate sono 3.499, per un totale di 1,9 miliardi di euro concessi. Prosegue a pieno regime l’avanzamento della fase di liquidazione dei contributi, con 1 miliardo e 4 milioni di euro liquidati. I progetti conclusi sono 1.980, il 57% di quelli approvati. A questi si aggiungono quasi 5.000 attività economiche e commerciali ripristinate600 negli ultimi dodici mesi, dai negozi alle botteghe artigiane collegate alle abitazioni. Inoltre, per la messa in sicurezza degli immobili produttivi sono stati concessi contributi, con fondi messi a disposizione dall’Inail, per oltre 60 milioni di euro a 1.549 imprese, di cui oltre il 65% è già stato liquidato. Le ulteriori domande in corso di istruttoria sono 67, per un importo richiesto di oltre 9 milioni.

La ricostruzione delle case
Per quanto riguarda la ricostruzione delle case e delle piccole attività economiche, il totale dei contributi concessi dal 2012 ammonta a 2,7 miliardi, di cui già liquidati 2 miliardi. Gli edifici e i condomini completati sono oltre 6.900, per quasi 15 mila abitazioni (prime e seconde case) rese di nuovo agibili (980 nell’ultimo anno).
Quindi, complessivamente, la ricostruzione privata (abitazioni, attività economiche e aziende) ha visto contributi concessi per oltre 4,6 miliardi di euro, cresciuti nell’ultimo anno di 300 milioni, di cui 3,4 miliardi liquidati a cittadini e imprese, 500 milioni negli ultimi 12 mesi.
Sono oltre 15 mila le famiglie rientrate nelle proprie abitazioni, ben oltre nove su dieci di quelle costrette a lasciare le proprie case nel 2012 dopo le scosse. A oggi, degli oltre 16.500 assistiti nel 2012 dopo le scosse beneficiano delle misure di aiuto previste nel percorso di rientro (collocazione in altra abitazione o sostegno all’affitto) 1.353 nuclei familiari, il 90% dei quali ha subìto un danno pesante alla propria abitazione (di livello E), per i cui tempi di ripristino rimangono ovviamente più lunghi. Nessuno risiede comunque nei Moduli abitativi provvisori, tutti chiusi già due anni fa.

La ricostruzione delle opere pubbliche e dei beni culturali
Per il Programma delle opere pubbliche e dei beni culturali (municipi, teatri, strutture di bonifica, ospedali, edifici a uso pubblico e storici ed edifici religiosi) sono disponibili quasi 1,4 miliardi di euro. Gli interventi finanziati dal Commissario sono definiti nei Piani, nei quali è programmata la ripartizione delle risorse disponibili.
Ad oggi, i Piani comprendono 1.227 progetti per 1,1 miliardi di euro. Di questi, sono stati approvati 741 progetti per un totale di 519 milioni di euro. Gli altri progetti contenuti nel Programma delle opere pubbliche, finanziati da altre risorse (assicurazioni, donazioni e risorse proprie degli enti locali), sono complessivamente 432 per 210 milioni di euro.
Ma ci sono anche le chiese nel Programma delle opere pubbliche e dei beni culturali. Per gli edifici di culto dell’Emilia danneggiati sono stati stanziati 312 milioni di euro, di cui 273 milioni del Commissario e 39 milioni provenienti da cofinanziamenti. Nei mesi successivi alle scosse erano stati subito riaperte al culto 54 chiese (con una spesa di oltre 15 milioni di euro), con interventi di messa in sicurezza: inoltre erano stati realizzati, per assicurare la continuità di culto, 15 edifici provvisori con una spesa di quasi 6,3 milioni di euro.

Si riduce ancora il cratere
A partire dal 2 gennaio scorso, lo Stato di emergenza è cessato in 29 dei 59 comuni colpiti dal terremoto. In questi comuni, che sono i più periferici e meno colpiti dagli eventi sismici, la ricostruzione è terminata, e sono quindi usciti dal cratere in quanto. Lo stato di emergenza rimane attivo nei 30 comuni più colpiti e danneggiati dal sisma, che formano dunque il “cratere ristretto”.
Prosegue con determinazione e impegno l’opera per la rinascita dei centri storiciricompresi nel perimetro del “cratere ristretto”:per questi, sono state stanziate ulteriori risorse. Sono state previste, già dal 2018, specifiche misure volte alla rivitalizzazione dei centri urbani e delle frazioni, con l’obiettivo di creare nuovi poli di servizi, di attrattività e aggregazione affinché gli spazi possano ospitare funzioni addirittura migliori rispetto a quelle antecedenti al sisma.
Così come gli interventi (a disposizione 35 milioni di euro erogati attraverso tre tranche fino al 2020) per sostenere il ripopolamento e la rivitalizzazione dei centri storici, agevolando processi di insediamento, riqualificazione e ammodernamento delle attività commerciali. Inoltre, per i centri storici, in aggiunta a 18 milioni erogati dalla Regione nel 2018 (25 interventi di cui circa i due terzi sono giunti alla fase di esecuzione dei lavori o sono in procinto di affidare l’appalto), vengono assegnati con queste nuove misure ulteriori 30 milioni destinati ai Comuni del cratere ristretto, per la realizzazione di opere di urbanizzazione primaria.
Sul fronte economico, inoltre, proprio quest’anno sono state stanziate, con bandi aperti, ulteriori risorse per 6 milioni di euro a sostegno di progetti della ricerca e innovazione di piccole e medie imprese e per le startup innovative nell’area del “cratere ristretto”. Considerevole anche lo stanziamento  al tecnopolo di Mirandola (un milione di contributo su 1 milione 250mila euro di budget) per la realizzazione dell’ultimo step di creazione dell’European biomedical hub (Ebh), per rendere pienamente operativo il ‘Biomedical village’ anche a livello internazionale, che si si colloca nel piano di sviluppo e rilancio dell’area mirandolese dedicata alla filiera biomedicale.

I 30 Comuni dell’area “cratere ristretto”
I Comuni rimasti nell’area definita “cratere ristretto”sono: nel bolognese sono Crevalcore, Galliera, Pieve di Cento, San Giovanni in Persiceto; nel ferrarese Bondeno, Cento, Ferrara, Mirabello-Sant’Agostino, Poggio Renatico, Vigarano Mainarda; nel modenese Bastiglia, Bomporto, Camposanto, Carpi, Cavezzo, Concordia sulla Secchia, Finale Emilia, Medolla, Mirandola, Novi di Modena, Ravarino, San Felice sul Panaro, San Possidonio, San Prospero, Soliera; nel reggiano Fabbrico, Guastalla, Luzzara, Reggiolo, Rolo.

FOCUS MODENA

Il punto sulla ricostruzione Complessivamente, la ricostruzione privata per abitazioni, attività economiche e aziende ha visto contributi concessi per oltre 4,6 miliardi di euro, cresciuti nell’ultimo anno di 300 milioni, di cui 3,4 miliardi liquidati a cittadini e imprese, 500 milioni negli ultimi 12 mesi. Per il Programma delle opere pubbliche e dei beni culturali (municipi, teatri, strutture di bonifica, ospedali, edifici a uso pubblico e storici ed edifici religiosi), che comprende 1.807 interventi, sono disponibili 1,4 miliardi di euro, con una copertura finanziaria ormai arrivata al 95%. Risorse garantite dal Commissario e da altre fonti come assicurazioni, donazioni o proprie degli enti (voci che arrivano a 422 milioni). Provincia di Modena Abitazioni – Per quanto attiene la ricostruzione abitativa e delle piccole attività economiche il totale dei contributi concessi dal 2012 ammonta a 1 miliardo e 894 milioni di euro, di cui liquidati 1 miliardo e 386 milioni. Gli edifici e i condomini completati sono 4.137, per 8.670 abitazioni rese di nuovo agibili (654 nell’ultimo anno); 2.864 le attività economiche e commerciali ripristinate, 384 negli ultimi dodici mesi, dai negozi alle botteghe artigiane. Attività produttive – In merito alla ricostruzione produttiva (industria, agricoltura e commercio), la fase di istruttoria e concessione dei fondi è conclusa. Le domande di contributo approvate sono 2.489, per un totale di 1 miliardo e 298 milioni di euro concessi. Prosegue a pieno regime l’avanzamento della fase di liquidazione dei contributi, con 888.597.985 milioni di euro liquidati. I progetti conclusi sono 1.364, il 55% di quelli approvati. Opere pubbliche- Gli interventi finanziati sono definiti nei Piani, nei quali è programmata la ripartizione delle risorse disponibili. A oggi i Piani, per quanto riguarda la provincia di Modena, comprendono 461 progetti per 586.574.643 milioni di euro. Di questi, sono stati approvati 275 progetti per un totale di 184.558.195 euro. I progetti co-finanziati, ma ricompresi nel Piano, sono 167 per 95.160.293 euro.

FOCUS FERRARA

Il punto sulla ricostruzione Complessivamente, la ricostruzione privata per abitazioni, attività economiche e aziende ha visto contributi concessi per oltre 4,6 miliardi di euro, cresciuti nell’ultimo anno di 300 milioni, di cui 3,4 miliardi liquidati a cittadini e imprese, 500 milioni negli ultimi 12 mesi. Per il Programma delle opere pubbliche e dei beni culturali (municipi, teatri, strutture di bonifica, ospedali, edifici a uso pubblico e storici ed edifici religiosi), che comprende 1.807 interventi, sono disponibili 1,4 miliardi di euro, con una copertura finanziaria ormai arrivata al 95%. Risorse garantite dal Commissario e da altre fonti come assicurazioni, donazioni o proprie degli enti (voci che arrivano a 422 milioni). Provincia di Ferrara Abitazioni – Per quanto attiene la ricostruzione abitativa e delle piccole attività economiche, il totale dei contributi concessi dal 2012 ammonta a 422.346.750 euro, di cui liquidati 348.011.083 euro. Gli edifici e i condomini completati sono 1.667, per 3.801 abitazioni rese di nuovo agibili (184 nell’ultimo anno); 1.320 le attività economiche e commerciali ripristinate, 128 negli ultimi dodici mesi, dai negozi alle botteghe artigiane. Attività produttive – In merito alla ricostruzione produttiva (industria, agricoltura e commercio), la fase di istruttoria e concessione dei fondi è conclusa. Le domande di contributo approvate sono 590, per un totale di 407.542.382 euro concessi. Prosegue a pieno regime l’avanzamento della fase di liquidazione dei contributi, con 325.851.943 euro liquidati. I progetti conclusi sono 350, il 59% di quelli approvati. Opere pubbliche – Gli interventi finanziati sono definiti nei Piani, nei quali è programmata la ripartizione delle risorse disponibili. A oggi i Piani, per quanto riguarda la provincia di Ferrara, comprendono 324 progetti per 328.756.036 euro. Di questi, sono stati approvati 188 progetti per un totale di 90.763.212 euro. I progetti co-finanziati, ma ricompresi nel Piano, sono 109 per 60.404.705 euro.

FOCUS BOLOGNA

Il punto sulla ricostruzione Complessivamente, la ricostruzione privata per abitazioni, attività economiche e aziende ha visto contributi concessi per oltre 4,6 miliardi di euro, cresciuti nell’ultimo anno di 300 milioni, di cui 3,4 miliardi liquidati a cittadini e imprese, 500 milioni negli ultimi 12 mesi. Per il Programma delle opere pubbliche e dei beni culturali (municipi, teatri, strutture di bonifica, ospedali, edifici a uso pubblico e storici ed edifici religiosi), che comprende 1.807 interventi, sono disponibili 1,4 miliardi di euro, con una copertura finanziaria ormai arrivata al 95%. Risorse garantite dal Commissario e da altre fonti come assicurazioni, donazioni o proprie degli enti (voci che arrivano a 422 milioni). Provincia di Bologna Abitazioni – Per quanto attiene la ricostruzione abitativa e delle piccole attività economiche il totale dei contributi concessi dal 2012 ammonta a 237.865.938 euro, di cui già liquidati 191.567.686 milioni di euro. Gli edifici e i condomini completati sono 600, per 1.435 abitazioni rese di nuovo agibili (+68 nell’ultimo anno); 428 le attività economiche e commerciali ripristinate, 54 negli ultimi dodici mesi, dai negozi alle botteghe artigiane. Attività produttive – In merito alla ricostruzione produttiva (industria, agricoltura e commercio), la fase di istruttoria e concessione dei fondi è conclusa. Le domande di contributo approvate sono 154, per un totale di 50.903.738 euro concessi. Prosegue a pieno regime l’avanzamento della fase di liquidazione dei contributi, con 37.485.390 euro liquidati. I progetti conclusi sono 98, il 64% di quelli approvati. Opere pubbliche – Gli interventi finanziati sono definiti nei Piani, nei quali è programmata la ripartizione delle risorse disponibili. A oggi i Piani, per quanto riguarda la provincia di Bologna, comprendono 215 progetti per 132.086.905 milioni di euro. Di questi, sono stati approvati 145 progetti per un totale di 44.645.084 euro. I progetti co-finanziati, ma ricompresi nel Piano, sono 106 per 41.261.955 euro.

FOCUS REGGIO EMILIA

Il punto sulla ricostruzione Complessivamente, la ricostruzione privata per abitazioni, attività economiche e aziende ha visto contributi concessi per oltre 4,6 miliardi di euro, cresciuti nell’ultimo anno di 300 milioni, di cui 3,4 miliardi liquidati a cittadini e imprese, 500 milioni negli ultimi 12 mesi. Per il Programma delle opere pubbliche e dei beni culturali (municipi, teatri, strutture di bonifica, ospedali, edifici a uso pubblico e storici ed edifici religiosi), che comprende 1.807 interventi, sono disponibili 1,4 miliardi di euro, con una copertura finanziaria ormai arrivata al 95%. Risorse garantite dal Commissario e da altre fonti come assicurazioni, donazioni o proprie degli enti (voci che arrivano a 422 milioni). Provincia di Reggio Emilia Abitazioni – Per quanto attiene la ricostruzione abitativa e delle piccole attività economiche il totale dei contributi concessi dal 2012 ammonta a 176.465.317 euro, di cui liquidati 144.966.075 euro. Gli edifici e i condomini completatisono 505, per 988 abitazioni rese di nuovo agibili (75 nell’ultimo anno); 348 le attività economiche e commerciali ripristinate, 32 negli ultimi dodici mesi, dai negozi alle botteghe artigiane. Attività produttive – In merito alla ricostruzione produttiva (industria, agricoltura e commercio), la fase di istruttoria e concessione dei fondi è conclusa. Le domande di contributo approvate sono 264, per un totale di 148.578.309 euro concessi. Prosegue a pieno regime l’avanzamento della fase di liquidazione dei contributi, con 114.295.178 euro liquidati. I progetti conclusi sono 164 pari al 62% di quelli approvati. Opere pubbliche – Gli interventi finanziati sono definiti nei Piani, nei quali è programmata la ripartizione delle risorse disponibili. A oggi, per quanto riguarda la provincia di Reggio Emilia, i Piani comprendono 213 progetti per 99.691.524 milioni euro. Di questi, sono stati approvati 120 progetti per un totale di 39.724.582 euro. I progetti co-finanziati, ma ricompresi nel Piano, sono 45 per 12.213.961 euro.

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto
Glocal
Dall'emergenza sanitaria all'emergenza occupazionale
Sono in corso in questi giorni alcune misure per contrastare il danno occupazionale. Tra le misure: incentivi per far ripartire le assunzioni stabili, meno paletti sui contratti a termine, nuove risorse per la Cig e detassazione degli aumenti dei Ccnl.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    San Felice "ed 'na volta", i detti e le espressioni dialettali della tradizione
    San Felice "ed 'na volta", i detti e le espressioni dialettali della tradizione
    Grazie alla collaborazione di tanti sanfeliciani sul gruppo "Sei di San Felice se"[...]
    Su questa mascherina il virus non si attacca, a Nonantola la propone la Fanny
    Su questa mascherina il virus non si attacca, a Nonantola la propone la Fanny
    E' coperta da una sostanza idro oleofobica che fa scivolare le goccioline con il virus che tentano di attaccarsi alla mascherina[...]
    Spotify, arriva in Italia Radar, tra gli artisti emergenti il carpigiano Bautista
    Spotify, arriva in Italia Radar, tra gli artisti emergenti il carpigiano Bautista
    Bautista collabora da aprile 2019 con il producer salentino Machweo[...]
    L'invenzione degli studenti del Galilei di Mirandola la racconta la Rai
    L'invenzione degli studenti del Galilei di Mirandola la racconta la Rai
    I giovani mirandolesi alla trasmissione Rob-O-Cod, un game show televisivo italiano dedicato al "coding" e alla robotica[...]
    Viaggio attraverso la realtà virtuale nel mondo dell'Aceto Balsamico di Modena
    Viaggio attraverso la realtà virtuale nel mondo dell'Aceto Balsamico di Modena
    La tecnologia accorcia le distanze tra Modena ed i Paesi in cui non è ancora possibile tornare a viaggiare per promuovere il prodotto[...]
    Red Ronnie a processo per diffamazione contro Roberto Burioni
    Red Ronnie a processo per diffamazione contro Roberto Burioni
    E' arrivata in udienza a Bologna la polemica tra il conduttore televisivo e il virologo [...]
    La canzone più amata di sempre? E' Albachiara di Vasco Rossi
    La canzone più amata di sempre? E' Albachiara di Vasco Rossi
    Eì stata votata dagli ascoltatori delle radio italiane. Uscì il 30 aprile 1979 sul lato B dell'album "Non siamo mica gli Americani", poi ristampata proprio con il titolo di Albachiara a causa del suo immediato successo.[...]
    Anche la finalese Azzurra Mazzara sul podio del concorso nazionale di bellezza "Miss Lady Virginia"
    Anche la finalese Azzurra Mazzara sul podio del concorso nazionale di bellezza "Miss Lady Virginia"
    Andrà insieme alle altre che hanno vinto un titolo alla finale nazionale a Salsomaggiore nel prossimo maggio 2021, nella sede di Miss Italia.[...]
    Un corso di formazione per gli interventi assistiti con animali all'Accademia militare di Modena
    Un corso di formazione per gli interventi assistiti con animali all'Accademia militare di Modena
    Primo corso di formazione per operatori in interventi assistiti con gli animali[...]
    From Mud, un film che dà voce alla musica alternativa modenese
    From Mud, un film che dà voce alla musica alternativa modenese
    Al termine le riprese del documentario musicale, co-prodotto dal Centro Musica di Modena[...]