Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Ricostruzione, l’appello dei lavoratori precari: “Vogliamo finire il nostro lavoro”

MIRANDOLA E DINTORNI – Ottanta rischiano il icenziamento tra poco più di un mese, altri lo rischiano in futuro. Tutti, però, vogliono finire il lavoro che hanno iniziato tra le pratiche della ricostruzione post sisma. Sono i 130 lavoratori precari che sono occupati nei Comuni della Bassa. Hanno scritto alla redazione e volentieri condividiamo il loro appello.

Spett.le Redazione,

Siamo un gruppo dei 130 lavoratori di INVITALIA SpA, impiegati nella ricostruzione delle aree produttive colpite dal sisma verificatosi in Emilia Romagna nel maggio 2012. In questi giorni ricorre il settimo anniversario del terremoto e sono tanti gli articoli che trattano i numeri dell’efficiente ricostruzione operata.

Si parla di 22 mila posti di lavoro in più sul territorio, di incrementi del Pil nazionale… purtroppo però, non si parla di una situazione di precariato che sta dietro questa immensa opera di ripresa, e che vede coinvolti un gruppo di giovani tecnici che da oltre sei anni si occupano dell’istruttoria delle concessioni ed erogazioni dei finanziamenti pubblici alle imprese.

L’azienda per cui lavoriamo, Invitalia SpA (Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa), è una società di proprietà del Ministero dell’Economia e delle Finanze. Grazie alla propria natura ibrida, pubblica-privata, questa offre servizi alla Pubblica Amministrazione gestendo incentivi per la crescita economica del paese e, come nel caso dell’Emilia Romagna e del Centro Italia, la ripresa di territori terremotati.

Dai primi mesi del 2013, supportiamo la RER (Regione Emilia Romagna) per la concessione e la liquidazione dei contributi, inerenti le attività produttive danneggiate dal sisma (Ordinanza 57/2012). Il nucleo operativo si trova presso la sede di Bologna ed è composto da circa 150 persone. La nostra attività, conosciuta ed apprezzata soprattuto dalle imprese delle zone colpite dal sisma, si svolge in simbiosi con quella degli enti locali (comuni, regione, prefetture ed associazioni di categoria). Giusto per citare qualche numero, parliamo di contributi concessi che ammontano a circa € 1,9 miliardi. Da quando è stato dichiarato lo stato di calamità sul territorio emiliano, la nostra azienda svolge la propria attività lavorativa per conto della RER sulla base di convenzioni rinnovate con cadenza annuale.

Le attività svolte sui luoghi terremotati, a carattere prettamente tecnico, hanno “costretto” Invitalia a dotarsi di un gruppo di ingegneri ed architetti, assunti, dapprima con contratti di collaborazione e dal 2015 con contratti a tempo determinato prolungati al rinnovo delle convenzioni. Questi professionisti si sono inseriti in un terreno vergine, dove solo il 10% di tutta la struttura è costituita da veterani dell’azienda, e solo pochi di loro hanno un profilo tecnico per affrontare una ricostruzione post terremoto. Nonostante le difficoltà iniziali, con grande impegno e fatica, siamo riusciti a creare modelli, stabilire procedure, migliorare le numerose ordinanze emesse e a costruire quello che oggi viene riconosciuto come l’esempio di una ricostruzione fatta bene.

Le nostre parole potrebbero sembrare un’autocelebrazione ma sono i fatti a parlare, per l’appunto, il nostro Amministratore Delegato, Domenico Arcuri, riconosce l’ottimo lavoro svolto in occasione dell’accordo quadro di 9 anni siglato tra Invitalia e la Protezione Civile. Il 30 giugno 2019 i contratti dei lavoratori a tempo determinato della sede di Bologna scadranno, ma questa volta i precari potrebbero diventare disoccupati.

In particolare, per circa un’ottantina di dipendenti, si è arrivati al numero massimo di rinnovi contrattuali stabiliti dal Decreto Dignità, e pertanto le uniche strade percorribili, oltre l’auspicata stabilizzazione, sono il licenziamento o una legge straordinaria che consenta di prolungare la loro situazione di precari.

Rivolgendoci alle principali sigle sindacali nazionali (CGIL, CISL e UIL) abbiamo cercato di ottenere qualche chiarimento sul nostro futuro e capire le intenzioni dell’azienda, che purtroppo si nasconde dietro un silenzio assoluto, nonostante manchi oramai poco alla scadenza dei contratti.
I sindacati confederati, in attesa di incontrare l’azienda e la Regione, hanno già emesso nei giorni scorsi, un comunicato stampa per denunciare ciò che sta accadendo. Sono poche le informazioni che riusciamo ad ottenere, e solo grazie ad un articolo di giornale abbiamo scoperto che è stato discusso, con esito negativo, un emendamento al Decreto Sblocca Cantieri che consentirebbe all’azienda di continuare a usare il precariato per far fronte alla commessa in Emilia Romagna.

L’unico interlocutore che in questo momento si è mostrato interessato alla nostra situazione è stata la Regione Emilia-Romagna, la quale, in questi anni ha apprezzato il lavoro svolto dai “precari della ricostruzione”, e sa quanto potrebbe pesare per il territorio la loro sostituzione, con del nuovo personale da formare, nelle fasi finali delle liquidazioni.

In questa vicenda ci sono due tipi di riflessioni, una di carattere soggettivo, l’altra oggettiva e difficilmente contestabile. La prima riflessione a carattere emotivo viene da un gruppo di precari che, dopo quasi sei anni di apprezzato lavoro, non vede una prospettiva di stabilizzazione in un’azienda, come Invitalia, che ha un fabbisogno continuo sul territorio nazionale di figure come quelle già formate ma che non intende stabilizzare preferendo il turnover.

Tale politica aziendale, oltre ad essere poco efficiente in quanto richiederebbe tempo da impiegare per la formazione di nuovo personale, risulta essere antieconomica. La seconda riflessione porta a chiedersi perché un’azienda, a partecipazione pubblica come Invitalia, preferisca il precariato alla stabilizzazione, seppur essa stessa è promotrice di una misura come Resto al Sud, la quale è destinata a “chiunque voglia uscire da una situazione di precariato […]” ed “[…]offre una possibilità a chi vuole investire sulle proprie competenze ma ha difficoltà a reinserirsi nel mercato del lavoro.” (estratto sito Invitalia).

Infine, a fronte di un Decreto Dignità che cerca di ridurre l’abuso dell’utilizzo dei contratti a tempo determinato, è giusto che dei lavoratori debbano trovarsi a valutare se una deroga al Decreto stesso, come quella in discussione in questi giorni, sia l’unica alternativa alla disoccupazione? Nella speranza che Lei possa aiutarci a divulgare questa situazione critica che stiamo vivendo, la ringrazio per il tempo che vorrà dedicarci.

Cordiali Saluti

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Recuperato l'antico manoscritto che venne rubato dall'Abbazia di Nonantola
    Recuperato l'antico manoscritto che venne rubato dall'Abbazia di Nonantola
    Era stato messo in vendita sul web, sul mercato antiquario. Il 22 gennaio, venerdì, si terrà una cerimonia pubblica per la riconsegna del manoscritto recuperato.[...]
    Con le "Storie a domicilio", il progetto TiPì riparte nella Bassa
    Con le "Storie a domicilio", il progetto TiPì riparte nella Bassa
    Ripartono le attività di TiPì – Stagione di Teatro Partecipato, il progetto che dal 2016 anima la vita culturale dell'Area Nord della provincia di Modena, con l'iniziativa TPCM – Storie a domicilio.[...]
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Inaugurata l’innovativa sala Obeya, di tradizione nipponica, per migliorare i processi decisionali, la creatività e il lavoro di squadra[...]
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    AutoClub, storica concessionaria BMW di Modena ha donato due BMW I8 Spyder Toy Car che accompagneranno il bimbo in sala operatoria. [...]
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    E' un atto burocratico perché il servizio militare obbligatorio non è scomparso, ma sospeso. E periodicamente si parla di renderlo operativo, come adesso per il Coronavirus[...]
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    L'allarme dell'associazione "Il Pettirosso" che si trova a curare gli uccellini rimasti incollati[...]
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    I dati di un'indagine sul pubblico condotta da Regione e DamsLab, attraverso l'analisi di 25 manifestazioni di settore in Emilia-Romagna[...]
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    La Bassa territorio di personaggi illustri, oggi si parla del deputato finalese Gregorio Agnini: pioniere del socialismo italiano e fondatore delle leghe dei braccianti in Emilia.[...]
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Durerà poco ma dovrebbe poggiarsi[...]