Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Ricostruzione, l’appello dei lavoratori precari: “Vogliamo finire il nostro lavoro”

MIRANDOLA E DINTORNI – Ottanta rischiano il icenziamento tra poco più di un mese, altri lo rischiano in futuro. Tutti, però, vogliono finire il lavoro che hanno iniziato tra le pratiche della ricostruzione post sisma. Sono i 130 lavoratori precari che sono occupati nei Comuni della Bassa. Hanno scritto alla redazione e volentieri condividiamo il loro appello.

Spett.le Redazione,

Siamo un gruppo dei 130 lavoratori di INVITALIA SpA, impiegati nella ricostruzione delle aree produttive colpite dal sisma verificatosi in Emilia Romagna nel maggio 2012. In questi giorni ricorre il settimo anniversario del terremoto e sono tanti gli articoli che trattano i numeri dell’efficiente ricostruzione operata.

Si parla di 22 mila posti di lavoro in più sul territorio, di incrementi del Pil nazionale… purtroppo però, non si parla di una situazione di precariato che sta dietro questa immensa opera di ripresa, e che vede coinvolti un gruppo di giovani tecnici che da oltre sei anni si occupano dell’istruttoria delle concessioni ed erogazioni dei finanziamenti pubblici alle imprese.

L’azienda per cui lavoriamo, Invitalia SpA (Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa), è una società di proprietà del Ministero dell’Economia e delle Finanze. Grazie alla propria natura ibrida, pubblica-privata, questa offre servizi alla Pubblica Amministrazione gestendo incentivi per la crescita economica del paese e, come nel caso dell’Emilia Romagna e del Centro Italia, la ripresa di territori terremotati.

Dai primi mesi del 2013, supportiamo la RER (Regione Emilia Romagna) per la concessione e la liquidazione dei contributi, inerenti le attività produttive danneggiate dal sisma (Ordinanza 57/2012). Il nucleo operativo si trova presso la sede di Bologna ed è composto da circa 150 persone. La nostra attività, conosciuta ed apprezzata soprattuto dalle imprese delle zone colpite dal sisma, si svolge in simbiosi con quella degli enti locali (comuni, regione, prefetture ed associazioni di categoria). Giusto per citare qualche numero, parliamo di contributi concessi che ammontano a circa € 1,9 miliardi. Da quando è stato dichiarato lo stato di calamità sul territorio emiliano, la nostra azienda svolge la propria attività lavorativa per conto della RER sulla base di convenzioni rinnovate con cadenza annuale.

Le attività svolte sui luoghi terremotati, a carattere prettamente tecnico, hanno “costretto” Invitalia a dotarsi di un gruppo di ingegneri ed architetti, assunti, dapprima con contratti di collaborazione e dal 2015 con contratti a tempo determinato prolungati al rinnovo delle convenzioni. Questi professionisti si sono inseriti in un terreno vergine, dove solo il 10% di tutta la struttura è costituita da veterani dell’azienda, e solo pochi di loro hanno un profilo tecnico per affrontare una ricostruzione post terremoto. Nonostante le difficoltà iniziali, con grande impegno e fatica, siamo riusciti a creare modelli, stabilire procedure, migliorare le numerose ordinanze emesse e a costruire quello che oggi viene riconosciuto come l’esempio di una ricostruzione fatta bene.

Le nostre parole potrebbero sembrare un’autocelebrazione ma sono i fatti a parlare, per l’appunto, il nostro Amministratore Delegato, Domenico Arcuri, riconosce l’ottimo lavoro svolto in occasione dell’accordo quadro di 9 anni siglato tra Invitalia e la Protezione Civile. Il 30 giugno 2019 i contratti dei lavoratori a tempo determinato della sede di Bologna scadranno, ma questa volta i precari potrebbero diventare disoccupati.

In particolare, per circa un’ottantina di dipendenti, si è arrivati al numero massimo di rinnovi contrattuali stabiliti dal Decreto Dignità, e pertanto le uniche strade percorribili, oltre l’auspicata stabilizzazione, sono il licenziamento o una legge straordinaria che consenta di prolungare la loro situazione di precari.

Rivolgendoci alle principali sigle sindacali nazionali (CGIL, CISL e UIL) abbiamo cercato di ottenere qualche chiarimento sul nostro futuro e capire le intenzioni dell’azienda, che purtroppo si nasconde dietro un silenzio assoluto, nonostante manchi oramai poco alla scadenza dei contratti.
I sindacati confederati, in attesa di incontrare l’azienda e la Regione, hanno già emesso nei giorni scorsi, un comunicato stampa per denunciare ciò che sta accadendo. Sono poche le informazioni che riusciamo ad ottenere, e solo grazie ad un articolo di giornale abbiamo scoperto che è stato discusso, con esito negativo, un emendamento al Decreto Sblocca Cantieri che consentirebbe all’azienda di continuare a usare il precariato per far fronte alla commessa in Emilia Romagna.

L’unico interlocutore che in questo momento si è mostrato interessato alla nostra situazione è stata la Regione Emilia-Romagna, la quale, in questi anni ha apprezzato il lavoro svolto dai “precari della ricostruzione”, e sa quanto potrebbe pesare per il territorio la loro sostituzione, con del nuovo personale da formare, nelle fasi finali delle liquidazioni.

In questa vicenda ci sono due tipi di riflessioni, una di carattere soggettivo, l’altra oggettiva e difficilmente contestabile. La prima riflessione a carattere emotivo viene da un gruppo di precari che, dopo quasi sei anni di apprezzato lavoro, non vede una prospettiva di stabilizzazione in un’azienda, come Invitalia, che ha un fabbisogno continuo sul territorio nazionale di figure come quelle già formate ma che non intende stabilizzare preferendo il turnover.

Tale politica aziendale, oltre ad essere poco efficiente in quanto richiederebbe tempo da impiegare per la formazione di nuovo personale, risulta essere antieconomica. La seconda riflessione porta a chiedersi perché un’azienda, a partecipazione pubblica come Invitalia, preferisca il precariato alla stabilizzazione, seppur essa stessa è promotrice di una misura come Resto al Sud, la quale è destinata a “chiunque voglia uscire da una situazione di precariato […]” ed “[…]offre una possibilità a chi vuole investire sulle proprie competenze ma ha difficoltà a reinserirsi nel mercato del lavoro.” (estratto sito Invitalia).

Infine, a fronte di un Decreto Dignità che cerca di ridurre l’abuso dell’utilizzo dei contratti a tempo determinato, è giusto che dei lavoratori debbano trovarsi a valutare se una deroga al Decreto stesso, come quella in discussione in questi giorni, sia l’unica alternativa alla disoccupazione? Nella speranza che Lei possa aiutarci a divulgare questa situazione critica che stiamo vivendo, la ringrazio per il tempo che vorrà dedicarci.

Cordiali Saluti

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017

Rubriche

Ecco le novità della legge di Bilancio 2020
Tra le nuove misure, c'è il bonus facciateleggi tutto
Consigli di salute
Piorrea o parodontite: cause, sintomi e rimedi
Se non adeguatamente trattata, porta alla progressiva perdita dei denti a causa del riassorbimento dell’osso e del tessuto gengivale da cui sono sostenuti.leggi tutto
Glocal
La mafia non può rubarci il futuro
"La mafia è una montagna di merda” scriveva Giuseppe Impastato, meglio conosciuto come Peppino, poco prima di essere assassinato per le sue intense e forti posizioni contro la mafia.leggi tutto
Consigli di salute
La Salute viaggia sul Web. Oltre il 75% degli Italiani s'informano su Google e sui Social
Le persone sono più autonome nella ricerca attiva di informazioni legate al benessere e alla saluteleggi tutto
Glocal
La responsabilità sociale fa bene ai conti aziendali
Il 74% degli italiani privilegia marchi aziendali che portano avanti azioni di valorizzazione delle diversità.leggi tutto
Glocal
L'economia del turpiloquio
Viviamo in una società dove il turpiloquio viene fin troppo (ab)usato come strumento per umiliare, opprimere e calpestare il prossimo, e che ha assunto un ruolo preponderante nella comunicazione tra gli individui.leggi tutto
Glocal
LA PAROLA AI MANAGER: l'Innovation Manager
Da alcuni giorni è stato pubblicato l’elenco dei consulenti dell’Albo del Mise per gli “Innovation Manager”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Curiosità

    Mirandola protagonista, un vincitore al SuperEnalotto
    Mirandola protagonista, un vincitore al SuperEnalotto
    La scheda giocata presso la Tabaccheria Zerbini di via Circonvallazione 118[...]
    Ottantenne fotografa la scheda elettorale appena compilata
    Ottantenne fotografa la scheda elettorale appena compilata
    Segnalato per violazione delle norme sulla segretezza del voto [...]
    Uno schermo led penetrabile dal corpo umano: è l'installazione artistica alla stazione di Bologna
    Uno schermo led penetrabile dal corpo umano: è l'installazione artistica alla stazione di Bologna
    Si intitola Morestalgia di Riccardo Benassi, a cura di Xing, è un ambiente composto da testo, suono e oggetti [...]
    La Ferrari è il brand più forte del mondo
    La Ferrari è il brand più forte del mondo
    Il valore del brand è pari a 9,1 miliardi di dollari, in crescita del 9% grazie al positivo andamento delle vendite e alla forza complessiva del marchio.[...]
    E a Bomporto c'è il cane più bello di tutta l'Esposizione canina
    E a Bomporto c'è il cane più bello di tutta l'Esposizione canina
    Si chiama Milo, il suo allenatore nonchè proprietario è il signor Fabrizio Ganzerli[...]
    Rapace ferito trovato a San Martino Carano
    Rapace ferito trovato a San Martino Carano
    E' stato notato da due assistenti civici, Giorgio e Gabriele Tellia di San Possidonio, che lo hanno salvato[...]
    Super pescata invernale a Bomporto per il Modena Catfish
    Super pescata invernale a Bomporto per il Modena Catfish
    Davide Poluzzi e Simone Solieri hanno sfidato pioggia e vento[...]
    Sette sindaci per Medolla, tutti in una foto
    Sette sindaci per Medolla, tutti in una foto
    Da Bruschi (1981) a Calciolari, tutti sotto al Gonfalone[...]
    Osservatorio Geofisico di Unimore, visite guidate per la fiera di Sant'Antonio
    Osservatorio Geofisico di Unimore, visite guidate per la fiera di Sant'Antonio
    Venerdì 17 gennaio dal mattino al pomeriggio sarà possibile salire sulla torre di Levante di Palazzo Ducale a Modena[...]