Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Apologia di Marchionne

di Andrea Lodi

Il 25 luglio del 2018 moriva in una stanza dell’Ospedale Universitario di Zurigo, Sergio Marchionne, uno dei più grandi manager mondiali di sempre.

Il manager che ha saputo dare inizio ad una rivoluzione in un settore, quello dell’automotive, che ancora fatica ad uscire dall’immobilismo e pragmatismo di un modello imprenditoriale fermo al XX° secolo.

Il manager che ha trasformato la FIAT – azienda prossima al fallimento – in un gruppo globale che a fine 2018 registrava zero debiti e cinque miliardi di profitti adjusted (profitti in assenza di componenti straordinarie di reddito).

Il manager che ha lasciato FCA in balia di sé stessa, incapace di capitalizzare l’eredità lasciata dall’ex Amministratore Delegato, e che ha scelto come strategia per il futuro, un potenziale accordo, di là da venire, con la francesissima Renault.

Un manager che comunicava tramite la pregevole arte degli aforismi, che rappresentavano in modo chiaro lo stile, il carattere di Marchionne, e il suo modo di vedere il mondo che lo circondava.

Italiano di nascita, americano di formazione e pensiero, ma con il cuore nella terra natia. Il basso profilo rappresentava la sua cifra: “io non sono nato in una casta privilegiata, mi ricordo da dove vengo, so perfettamente chi sono”.

Con il progetto FCA aveva una visione: creare un costruttore di auto globale con un bagaglio di esperienze, punti di vista e competenze unico al mondo. Era considerato un visionario: “esiste un mondo in cui le persone non lasciano che le cose accadano. Le fanno accadere. Non dimenticano i propri sogni nel cassetto, li tengono stretti in pugno”.

Era un uomo che sapeva valorizzare il capitale umano. Esigente, ma capace nel riconoscere il valore delle persone: “non credo assolutamente alla regola che più sono giovani più sono bravi. Anzi, sono per il riconoscimento delle capacità delle persone. Che abbiano trenta o sessantanni”.

Il leader moderno deve saper rompere gli schemi e non rassegnarsi ad accettare lo status-quo: “ai miei collaboratori raccomando sempre di non seguire linee prevedibili perché al traguardo della prevedibilità arriveranno prevedibilmente anche i concorrenti”.

Un uomo solo al comando.La responsabilità condivisa non esiste”, disse una volta. Era consapevole del delicato e difficile ruolo che si era creato. La famiglia Agnelli, quando nell’ormai lontano 2004 l’aveva chiamato per sostituire il defunto Umberto Agnelli, mai si sarebbe immaginata che la FIAT potesse diventare, con il progetto FCA, uno dei primi otto costruttori di automobili al mondo per numero di veicoli prodotti.

Non amava frequentare i salotti, ma sapeva essere amico dei politici. Era un uomo d’azienda, amante del pragmatismo: “il carisma non è tutto. Come la bellezza nelle donne: alla lunga non basta”.

Era un uomo dalle larghe vedute, che sapeva guardare al futuro, con fiducia e perseveranza. Tra gli aforismi citati, ce n’è uno che mi ha particolarmente colpito. Anche perché mi ha ricordato un romanzo nato dalla straordinaria mente creativa dello scrittore americano (polacco di nascita) Jerzy Kosinski. Chance “the gardener”, il protagonista del romanzo “Oltre il giardino”, usava riferimenti “floristici” per commentare gli accadimenti politici dell’America degli anni “70: “siate come i giardinieri, investite le vostre energie e i vostri talenti in modo tale che qualsiasi cosa facciate duri una vita intera o perfino più a lungo”, disse una volta Marchionne.

Rimanendo in ambito letterario, c’è una frase che mi è capitato di leggere di recente, in un altro straordinario romanzo nato dal talento di Muriel Barbery: “L’eleganza del riccio”.

Nel romanzo, al capitolo terzo di “Paloma”, c’è una frase che in dieci righe riassume in modo chiaro l’idea che mi sono fatto di Marchionne, e che corrisponde all’idealizzazione, che ancora nutro, di ciò che dovrebbe rappresentare la figura del politico.

“A cosa serve l’intelligenza se non a servire? E non mi riferisco al falso servizio che gli alti funzionari di Stato esibiscono fieri come segno della loro virtù: un’umiltà di facciata che è solo vanità e disprezzo. Agghindato ogni mattina con l’ostentata modestia del gran servitore, Etienne de Broglie – uno dei personaggi del romanzo di professione politico – mi ha convinta da molto tempo dell’orgoglio della sua casta. Al contrario, i privilegi conferiscono doveri reali. Appartenere al ristretto cenacolo dell’élite significa servire in proporzione alla gloria e alle facilitazioni che si ottengono nella vita materiale grazie a questa appartenenza”.

L’ultimo capoverso è quello che mi ha particolarmente colpito. E sono più che convinto che Sergio Marchionne la pensasse esattamente così. Una volta disse: “l’Italia è un Paese che deve imparare a volersi bene”.

Leggi l’articolo dal titolo “Sergio Marchionne: innovatore o visionario?” pubblicato il 28 luglio 2018

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto
Glocal
Dall'emergenza sanitaria all'emergenza occupazionale
Sono in corso in questi giorni alcune misure per contrastare il danno occupazionale. Tra le misure: incentivi per far ripartire le assunzioni stabili, meno paletti sui contratti a termine, nuove risorse per la Cig e detassazione degli aumenti dei Ccnl.leggi tutto
Glocal
BTP Futura, il primo titolo di Stato interamente dedicato ai risparmiatori retail
Il Governo presenta una vera e propria novità per i risparmiatori italiani particolarmente affezionati ai titoli di Stato: il BTP Futura. Un nuovo Titolo di Stato dedicato esclusivamente ai risparmiatori individuali.leggi tutto
Glocal
Covid-19: call di Civic Action per le migliori pratiche di senso civico
Civic Action va alla ricerca di tutte quelle esperienze e pratiche che hanno il potenziale per svilupparsi anche dopo l’emergenza, per costituire la base di un nuovo e più robusto tessuto civico.leggi tutto
Glocal
Quali Paesi danno il meglio nella lotta al Covid-19
Una ricerca realizzata da ECV, classifica gli Stati colpiti dal virus in tre categorie: Winning (vincenti), Nearly there (quasi arrivati) e Need action (bisogno di azione).leggi tutto
Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protetteleggi tutto
Glocal
Covid-19: i provvedimenti dell'UE per il rilancio dell'economia
La Commissione europea ha predisposto un piano che non ha precedenti: oltre 1.000 miliardi di euro per assistere imprese e famiglie nel contrasto al Covid19.leggi tutto
Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienzaleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - L'autismo ai tempi del Coronavirus
    Intervista a Cristina, mamma di Francesco e Lorenzo.[...]

    Curiosità

    Airone resta impigliato con un'ala ai rami di un albero, salvato
    Airone resta impigliato con un'ala ai rami di un albero, salvato
    E' accaduto ai laghetti di Sant'Anna. Gli uomini dei Vigili del Fuoco hanno raggiunto l'isolotto con battello pneumatico[...]
    Turista partorisce in spiaggia in Romagna
    Turista partorisce in spiaggia in Romagna
    E' stato usato l'altopralate per chiedere fosse un medico o un'infermiera per prestare aiuto[...]
    A Mirandola si fa il sorbetto al Lambrusco di Sorbara made in Bassa
    A Mirandola si fa il sorbetto al Lambrusco di Sorbara made in Bassa
    Un sorbetto al Lambrusco di Sorbara, di un inconfondibile colore rosa delicato[...]
    Alle due di notte proiettano film porno sul maxischermo in piazza
    Alle due di notte proiettano film porno sul maxischermo in piazza
    Un 24enne e una decina di suoi amici si godevano lo spettacolo interrotto dai Carabinieri[...]
    San Felice, alla gelateria Cicci due clienti molto speciali
    San Felice, alla gelateria Cicci due clienti molto speciali
    Due bellissime alpaca hanno apprezzato il gelato, ma anche il prato di fronte alla gelateria[...]
    Nuova strumentazione per osservare i temporali estivi e la volta celeste all'Osservatorio Geofisico di Unimore
    Nuova strumentazione per osservare i temporali estivi e la volta celeste all'Osservatorio Geofisico di Unimore
    Unimore metterà la testa tra le nuvole grazie ad una nuova strumentazione della quale si è dotata l’Osservatorio Geofisico del Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari. [...]
    Turismo e cultura, Stefano Accorsi ambasciatore delle bellezze dell'Emilia-Romagna
    Turismo e cultura, Stefano Accorsi ambasciatore delle bellezze dell'Emilia-Romagna
    L'attore testimonial delle Città d'arte e del Cineturismo per i prossimi tre anni: "Raccontiamo una terra autentica, piena di primati e di eccellenze" [...]