Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Scuola, a settembre difficoltà non solo per i presidi, ma anche per i docenti

Scuola, a settembre difficoltà non solo per i presidi, ma anche per i docenti. E’ l’allarme lanciato dalla Cgil.

E’ di questi giorni la notizia della sentenza del Tar del Lazio che ha annullato il concorso per Dirigenti Scolastici, bloccando quindi le assunzioni imminenti dei vincitori del concorso. Per la provincia di Modena significa che le 45 scuole che oggi non hanno un preside titolare rischiano di continuare ad essere gestite con delle reggenze. In sostanza, i 45 presidi della provincia di Modena (ma forse anche qualcuno in meno a causa dei probabili pensionamenti) dovranno dividersi su tutte le 89 scuole della provincia. Un lavoro enorme in condizioni “normali”, che rischia di diventare quasi impossibile se i pochi dirigenti superstiti dovranno affrontare le tante complicazioni che ci aspettano per il prossimo anno scolastico.

Situazione analoga è quella che riguarda i Dsga, i Direttori dei Servizi Generali e Amministrativi: sono coloro che costruiscono i bilanci delle scuole e poi li firmano, figure che hanno la responsabilità del funzionamento operativo e amministrativo delle scuole e che coordinano il lavoro delle segreterie e di tutto il personale ATA.
Anche qui da anni scontiamo una cronica mancanza di personale, surrogata da Dsga che di devono dividere su più sedi: una sulla quale hanno la titolarità e almeno un’altra con una reggenza.
Poi ci sono i casi di scuole in cui il Dsga è un “facente funzione”, ossia un impiegato della segreteria incaricato di svolgere le funzioni di Dsga.
E’ stato bandito un concorso, le prove sono iniziate, ma le procedure sono terribilmente a rilento e non ci sono speranze che per il prossimo settembre le operazioni siano concluse.

Sarà poi piuttosto complicata anche la situazione relativa al personale docente su tutti gli ordini di scuola.
Nei giorni scorsi il ministro dell’Istruzione ha annunciato 58.627 posti per le immissioni in ruolo per il prossimo anno scolastico. Di questi, secondo le stime della Flc Cgil, circa 870 sarebbero destinati alle scuole modenesi, ma altri posti potrebbero aggiungersi per effetto dei pensionamenti con Quota 100. E questa di per sè sarebbe una buona notizia.
La realtà dei fatti però è un po’ diversa.
Sulla scuola dell’infanzia e su quella primaria pende ancora la vicenda dei Diplomati Magistrali i quali, secondo quanto è previsto dalla sentenza del Consiglio di Stato, saranno licenziati non appena diventeranno esecutive le sentenze di merito dei tribunali che ne prevedono il licenziamento.
Senza la proroga del Decreto Dignità anche per l’a.s. 2019/20 quindi, nella scuola dell’infanzia e primaria si rischia di avere molte classi scoperte.

Per quanto riguarda invece le scuole secondarie di 1 e 2 grado, medie e superiori, su un totale potenziale di 657 posti per le immissioni in ruolo, ben il 60% non saranno coperti per assenza di personale nelle graduatorie. Per fare fronte a questa carenza il governo si è impegnato, attraverso una apposita intesa con i Sindacati, a far partire i necessari concorsi.
E’ evidente che per il prossimo settembre si dovrà ricorrere nuovamente a schiere di docenti precari, continuando ad alimentare precarietà e danneggiando la continuità didattica.
E’ urgente quindi che il governo acceleri la realizzazione dei contenuti dell’intesa e avvii le procedure per i concorsi che si è impegnato a bandire: ci sono migliaia di giovani precari che aspettano e la situazione non è più tollerabile.

Gli stessi docenti precari poi rischiano di essere beffati nuovamente e gli studenti penalizzati: se il Miur non chiarisce che le specializzazioni o le abilitazioni conseguite dai docenti in corso d’anno non determinano nuove graduatorie, i numerosissimi posti vacanti, su cui non si immetterà in ruolo perché le graduatorie sono vuote, sommati a tutti i posti in deroga sul sostegno (forse 650 circa) e agli spezzoni orari che andranno ai precari, rischiano di avere prima un supplente e poi un altro, riproponendo un assurdo balletto dei supplenti.
Sul sostegno continueremo ad avere un’alta percentuale di docenti non specializzati e a poco servirà il IV ciclo TFA, sia perchè i docenti acquisiranno il titolo nel corso del 2019/20, sia per l’esiguità complessiva dei posti messi a bando: 320 in tutta l’Emilia Romagna, appena 100 attivati per l’Unimore, a fronte di un bisogno di centinaia di studenti certificati.

Mentre l’agenda politica e il dibattito pubblico sono presi da temi e argomenti il più delle volte strumentali, quella delle scuola rappresenta una vera emergenza sulla quale l’attenzione ci sembra sia riservata solo agli addetti ai lavori, con aspetti anche paradossali come ad esempio quello che che riguarda sia i presidi che i docenti: ci sono i posti ma mancano le forme di reclutamento attraverso cui poter assumere!!!

Se non si completa velocemente il concorso straordinario per infanzia e primaria, se non si bandisce immediatamente l’ordinario infanzia e primaria, l’ordinario secondaria e se non si dà attuazione all’intesa Governo-Sindacati, la situazione, che si è verificata l’anno scorso, con una percentuale altissima dei posti liberi e disponibili per immissioni in ruolo con contratti stabili, ma coperti da docenti precari, è destinata a ripetersi anche quest’anno e ancora una volta l’ennesimo governo sarà responsabile del caos e dell’instabilità che determina questo stato di cose.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    "Cosa ci fanno quelli sull'albero?" E' la potatura acrobatica che si fa a Concordia
    "Cosa ci fanno quelli sull'albero?" E' la potatura acrobatica che si fa a Concordia
    La maestosità e il pregio delle piante richiede di intervenire in arrampicata, così si può intervenire esclusivamente sui rami con problematiche mantenendo la naturale conformazione della chioma.[...]
    Quando anche il semplice dormire diventa spettacolo: il dormitorio dei gufi a Medolla
    Quando anche il semplice dormire diventa spettacolo: il dormitorio dei gufi a Medolla
    Da qualche giorno gli abitanti di Medolla, genitori e bambini soprattutto, si trovano riuniti con il naso all’insù a scrutare tra le chiome di alcuni alberi del centro. La biologa finalese Eleonora Tomasini ci spiega che cosa sta accadendo[...]
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    Sono oltre 60 gli eventi e le attività proposti da Regione Emilia-Romagna e Casa Artusi presentati in 31 Paesi di tutti i continenti[...]
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    La storica azienda modenese porta avanti l’ampliamento della propria gamma di prodotti con una referenza pensata per valorizzare i piatti di ogni giorno con un tocco di gusto e originalità in più[...]
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    L'indagine "Quel treno per Roma" analizza l'operato degli onorevoli del territorio, facendo riferimento alla loro attività parlamentare e alla presenza capillare nei problemi della nostra area. [...]
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    L'opera sarà completata venerdì dall'artista modenese Luca Zamoc, che sta lavorando sulla facciata di una palazzina in viale Monte Kosica 56[...]
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    E' tornata la nuova edizione de I luoghi del cuore del FAI che l'anno scorso vide lo strico edificio sanfeliciano arrivare primo tra i modenesi[...]
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Grazie a un post su Facebook di agente Lisa, la pagina più social friendly della Polizia italiana, che ne ha raccontato la storia domenica scorsa.[...]
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    Il momento migliore per vederlo sarà a marzo. E chissà se anche il popolare presentatore verrà a Cavezzo per osservarlo dai telescopi del nostro Osservatorio[...]