Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Settore ICT: 45mila posti di lavoro nel triennio 2019 – 2021

di Andrea Lodi

Secondo un’indagine realizzata da Confindustria, su dati raccolti da Istat e Unioncamere, nel triennio 2019 – 2021, nel settore ICT si stima una offerta di lavoro che supererà le 45.000 unità.

Addirittura, secondo le stime elaborate nell’”Osservatorio delle competenze digitali” – studio condotto da Aica (Associazione Italiana per l’Informatica ed il Calcolo Automatico), Assinform (Associazione Italiana per l’Information Technology), Assintel (Associazione Italiana Imprese ICT) e Assinter Italia (Associazione delle Società Pubbliche ICT per l’Innovazione nella PA) e promosso dal MIUR e da Agid (Agenzia per l’Italia Digitale) – nel triennio 2019 – 2021 il settore ICT avrà un fabbisogno di non meno di 62.000 nuovi assunti, con una visione più ottimistica che dovrebbe raggiungere addirittura le 90.000 unità. Praticamente il doppio delle stime prudenziali di Confindustria.

Si tratta di posizioni professionali altamente specialistiche che le aziende faticano a trovare nel mercato del lavoro. I pochi giovani italiani che escono da percorsi di studi specializzati si trasferiscono all’estero, richiamati da imprese altamente competitive che li contattano ancora prima della conclusione degli studi.

Le imprese italiane negli ultimi tre anni hanno aumentato del 10% la spesa in R&S.

Da una ricerca denominata “Navigator: Made for the Future” si evince che le aziende sono fortemente interessate ad investire in tecnologie innovative, con particolare attenzione alla robotica ed all’Internet of Things. Ma non solo: l’intenzione è anche quella di dare priorità ad investimenti riguardanti il miglioramento delle competenze nelle proprie organizzazioni aziendali.

Secondo l’ANPAL (Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro), le imprese italiane, negli ultimi anni, hanno aumentato le ore di formazione sui propri dipendenti, manager inclusi, considerando la formazione un asset strategico per affrontare le sfide del futuro. Ciò non risolverà il fabbisogno di competenze altamente specialistiche, ma è un importante segnale di adeguamento del personale alle nuove esigenze organizzative.

Le posizioni maggiormente richieste dalle aziende italiane nel settore ICT sono:

  • sviluppatori (49,1%),
  • consulenti ICT (16,3%),
  • analisti di sistema (7,5%),
  • specialisti in digital media (6,1%),

il restante 21% si divide tra Big Data Specialist, Machine Learning, Cybersecurity, IoT Developer, Blockchain Developer  e AI Specialist.

Ottimi anche gli stipendi. Ben superiori alle medie italiane. Secondo Wyser, società internazionale di Gi Group specializzata nella ricerca e selezione di profili manageriali, la retribuzione annua lorda (RAL) per figure di medio livello nel settore ICT va dai 35.000 ai 100.000 euro, a seconda della mansione ricoperta.

Gli stipendi nell’ICT, in linea di massima, si aggirano sulle seguenti cifre lorde:

  • Mobile Developer: 35.000 – 45.000 euro
  • IoT Developer: 35.000 – 45.000 euro;
  • Penetration Tester: 35.000 – 50.000 euro;
  • Blockchain Developer: 40.000 – 50.000 euro;
  • Full-stack Developer: 40.000 – 50.000 euro;
  • Data Scientist: 40.000 – 55.000 euro;
  • Big Data Engineer: 40.000 – 55.000 euro;
  • DevOps Engineer: 40.000 – 55.000 euro;
  • Solution Architect: 55.000 – 75.000 euro;
  • Cloud Architect: 65.000 – 70.000 euro;
  • Chief Technical Officer: 80.000 -100.000 euro.

Occorre sperare che Università e Scuole tecniche si diano una mossa, altrimenti nelle nostre imprese troveremo informatici provenienti da Paesi che investono fortemente nelle professioni del futuro, India e Cina in primis.

Non che ciò rappresenti un problema. In un mondo altamente globalizzato dovrebbe essere normale. Il problema è fare in modo che domanda e offerta di lavoro si incontrino.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017

Rubriche

Glocal
L'economia del turpiloquio
Viviamo in una società dove il turpiloquio viene fin troppo (ab)usato come strumento per umiliare, opprimere e calpestare il prossimo, e che ha assunto un ruolo preponderante nella comunicazione tra gli individui.leggi tutto
Glocal
LA PAROLA AI MANAGER: l'Innovation Manager
Da alcuni giorni è stato pubblicato l’elenco dei consulenti dell’Albo del Mise per gli “Innovation Manager”.leggi tutto
Consigli di salute
Carie: un nemico silenzioso che può causare gravi malattie al cuore e ad altri organi
L’igiene orale? È più importante di quanto si possa immaginare. leggi tutto
Glocal
La parola ai manager: il Fractional Management
Il Fractional Manager non è che un Temporary Manager che in taluni casi opera part time.leggi tutto
Glocal
La parola ai manager: TEMPORARY MANAGEMENT, una opportunità per le PMI
Si può definire il TM come un manager a cui viene affidata la gestione temporanea di un determinato progetto, lavorando con un mandato operativo e integrandosi con la proprietà aziendale.leggi tutto
Consigli di salute
Insulino resistenza e alimentazione, il parere della dottoressa Federica Felicioni
L’invecchiamento stesso può predisporre alla insulino-resistenza con il conseguente aumento della glicemia.leggi tutto
Eco sisma bonus, tutto quel che bisogna sapere
Lo studio dell'architetto Malaguti di Concordia ci aiuta a capire cosa bisogna fare per ottenerlo.leggi tutto
Consigli di salute
Stress da rientro? L'alimentazione può dare una mano
Un’ importante strategia che consente di aumentare il livello di serotonina è effettuare un’attività fisica regolareleggi tutto
Consigli di salute
Il rapporto tra denti e postura
Prima si va dal dentista, meglio è: sarà più semplice correggere un allineamento irregolare delle arcate e, quindi, un eventuale difetto della postura.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchCome mandare via le cimici da casa, parla l'esperto
    • WatchLe sfogline trap di Mirandola
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Nido gigante al cimitero di Cavezzo, il web si mobilita e sentenzia: sono vespulae germanicae
    Nido gigante al cimitero di Cavezzo, il web si mobilita e sentenzia: sono vespulae germanicae
    Personale della ditta che ha in gestione le operazioni cimiteriali ha già provveduto a metterlo in sicurezza e rimuoverlo[...]
    A Gorghetto pescato un pesce siluro di oltre 2 metri
    A Gorghetto pescato un pesce siluro di oltre 2 metri
    Una volta fatta la foto di rito il pesce siluro è stato liberato[...]
    La piena del Panaro vista dal drone - FOTO E VIDEO
    La piena del Panaro vista dal drone - FOTO E VIDEO
    l Consorzio Bonifica Burana ha mandato in volo un drone per riprendere le immagini dell'ultima storica ondata di piena[...]
    A Medolla la parrocchia di Villafranca fa scuola: è la più seguita d'Europa su Instagram
    A Medolla la parrocchia di Villafranca fa scuola: è la più seguita d'Europa su Instagram
    Ha oltre 1200 fan digitali, niente male per una piattaforma web dove spopolano balletti e influencers, ricette e panorami [...]
    Alla Acetum Cavezzo 200 dipendenti a scuola di sicurezza
    Alla Acetum Cavezzo 200 dipendenti a scuola di sicurezza
    In occasione del primo Safety day dell'azienda prima produttrice di balsamico al mondo[...]
    Un novembre caldo e con tanta, tanta pioggia. E' nuovo record
    Un novembre caldo e con tanta, tanta pioggia. E' nuovo record
    Più di metà della pioggia del 2019 è caduta nei soli due mesi di maggio e di novembre[...]
    Voleva le caramelle e scappa di casa a 3 anni
    Voleva le caramelle e scappa di casa a 3 anni
    E' stata trovata al supermercato, in ciabatte e pigiama, che girovagava tra le corsie[...]