SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Tumori al seno, la Breast Unit dell’Azienda USL ottiene la certificazione EUSOMA

CARPI, MIRANDOLA E DINTORNI – È giunta nei giorni scorsi la notizia del riconoscimento, alla Breast Unit dell’Azienda USL di Modena con sede all’Ospedale Ramazzini di Carpi, della certificazione dell’European Society of Breast Cancer Specialists (EUSOMA), il più alto organismo scientifico europeo che si occupa del tumore al seno. Lo rende noto un comunicato dell’azienda Usl. Un’analisi stringente dell’attività della struttura diretta dalla dottoressa Maria Grazia Lazzaretti, durata ben due giorni e che ha riguardato l’organizzazione, la casistica e le competenze dei professionisti, alla presenza di un team di valutatori altamente specializzati provenienti da tutta Europa. Il risultato positivo inserisce ora la Breast Unit dell’Azienda USL tra le 20 strutture in Italia in possesso della certificazione EUSOMA.

Un riconoscimento molto importante – seguito passo dopo passo per un periodo di 2 anni dalla dottoressa Katia Cagossi come Clinical director – che certifica l’esistenza dei requisiti essenziali relativi all’adozione di precise linee guida per la diagnosi e il trattamento del tumore al seno a tutti gli stadi e per la riabilitazione psicofisica della paziente, assicurando l’appropriatezza dei percorsi diagnostici, terapeutici, chirurgici, a partire dalle migliori e più aggiornate evidenze scientifiche. I criteri severamente valutati sono molteplici: dal numero di casi trattati ogni anno alla garanzia della presenza di un team multidisciplinare specializzato nella patologia mammaria che discute collegialmente i casi, dalla tempestività della diagnosi alla condivisione delle scelte terapeutiche con la paziente per una partecipazione informata al percorso di cura. La visita della Commissione a Carpi si è svolta a gennaio: due giornate intense, di verifica scrupolosa e dettagliata di dati, strutture, procedure e modalità operative coinvolte nel percorso senologico.

La Breast Unit dell’Azienda USL di Modena garantisce l’assistenza sulla Provincia di Modena, insistendo particolarmente sull’area Nord. L’accesso al percorso multidisciplinare avviene secondo quattro modalità: da screening (programma provinciale di AUSL Modena); da mammografia clinica (Radiologia di Carpi, Mirandola, Ambulatori privati accreditati dell’area Nord); da Consultorio; con invio al percorso da parte del Medico di medicina generale tramite il contatto diretto con un membro del team. I casi vengono ridiscussi ed eventualmente rivalutati dalla Radiologia di Carpi, di cui per la parte senologica è referente dottoressa Meri Leporati, che si occupa di eseguire anche gli accertamenti diagnostici ritenuti necessari.

Non è la donna a dover contattare i diversi professionisti: tutto avviene all’interno del Centro di senologia, in strutture integrate dal punto di vista funzionale. Il Core team multidisciplinare vede la presenza di Radiologo, Patologo, Chirurgo, Radioterapista, Oncologo; l’Extended team accoglie altre figure cliniche quali Medico nucleare, Chirurgo plastico, Fisiatra, Genetista, Psico-oncologo, Ginecologo con esperienza in preservazione della fertilità, Palliativista; ancora, un Data manager e un Nutrizionista a completare il percorso, e tutto il personale infermieristico e di sala operatoria, per un’assistenza globale dove la connessione fra le varie fasi è guidata dal Case Manager secondo una logica di personalizzazione dell’intero iter.

Prevenzione e screening, approfondimento diagnostico, terapia, follow up e riabilitazione: nella Breast Unit l’assistenza è costruita intorno alla donna, che viene presa per mano per affrontare il carcinoma mammario attraverso un approccio che offre le maggiori chances di guarigione.

La visita della Commissione

Sotto la lente sono finiti i protocolli e le diverse figure professionali che intervengono nei casi di tumore al seno: dell’attività di ciascuno è stata verificata l’aderenza a precisi standard, al fine di misurare con l’utilizzo di una serie di indicatori la qualità dall’assistenza. Ad esempio, l’utilizzo di un database per la raccolta dei dati e il controllo di qualità con un data manager dedicato e sempre a disposizione, l’organizzazione di audit periodici di valutazione e la collaborazione a progetti di ricerca favorendo la partecipazione delle pazienti. Ancora, la Breast Unit deve assicurare la presa in carico delle donne ad alto rischio genetico/familiare e promuovere la prevenzione primaria per ridurre i fattori di rischio del tumore al seno, con attività di educazione sui corretti stili di vita. È stato verificato anche il livello di coinvolgimento delle associazioni di volontariato.

Dopo le verifiche formali sui documenti, un momento interattivo condotto in inglese ha consentito ai valutatori di verificare sul campo la presa in carico, la presenza di professionisti dedicati al trattamento della neoplasia mammaria e le modalità di svolgimento dell’incontro multidiscliplinare di discussione dei casi.

Le raccomandazioni sui requisiti che dovrebbe avere un Centro di Senologia (“The requirements of a specialist Breast Unit”) sono stati pubblicati nel 2000 dalla European Society of Breast Cancer Specialists (Eusoma). Ripresi anche dal Parlamento Europeo (Risoluzione sul Cancro al Seno nell’Unione Europea 2002/2279 INI del 5/06/2003), sono stati poi condivisi anche in Italia dalla Conferenza Stato-Regioni. L’elenco di questi standard è stato stabilito sulla base di una lunga esperienza condivisa a livello europeo e viene riaggiornato periodicamente. L’iter di certificazione ha una validità di tre anni, dopo i quali può essere rinnovato.

I dati

All’interno della Breast Unit dell’Azienda USL si eseguono ogni anno dai 250 ai 350 interventi di Chirurgia oncologica. Nel 2018 sono stati effettuati 250 interventi per neoplasia maligna, con un aumento di attività del 45% rispetto al 2017, quando erano 173. In particolare tra questi sono aumentati (+50%) gli interventi programmati, passati da 157 a 235, eseguiti al 98% nei tempi previsti per la classe di priorità (entro 30 giorni).

In quasi 10 anni di attività sono state prese in carico e curate circa 3000 donne con tumore al seno, il 70% delle quali provenienti dai Distretti di Carpi e Mirandola.

In provincia di Modena, nell’ultimo biennio di riferimento per lo screening (2016-2017), ha aderito allo screening per il tumore alla mammella il 73% delle invitate (circa 91mila donne tra i 45 e i 74 anni); sono state richiamate per approfondimenti 3512 donne (3,8%) su tutto il territorio provinciale.

Rubriche

Glocal
Il 50% della ricchezza mondiale in mano a pochi
Secondo una ricerca realizzata dalla Boston Consulting Group, denominata, “Global Wealth 2019: Reigniting Radical Growth”, la ricchezza finanziaria privata nel mondo a fine 2018 ha raggiunto i 206 mila miliardi di dollari: 1,9 volte il PIL mondiale.leggi tutto
Consigli di salute
Alzheimer, la salute di denti e gengive aiuta a ridurne il rischio
Uno studio ha dimostrato come parodontite e Alzheimer siano collegati: ecco perché prendersi cura dei denti è importante leggi tutto
Consigli di salute
Denti e postura, il legame è stretto
Tanti i disturbi correlati: emicrania, dolori nella masticazione, ma anche ernia del disco e tendiniti.leggi tutto
Glocal
Secondo trimestre del 2019: probabile PIL negativo
Il Rapporto annuale dell’Istat sulla situazione macroeconomica del Paese, sentenzia in modo chiaro che nel secondo trimestre dell’anno in corso è prevista una forte contrazione del PIL, al punto che si prevede una differenza negativa rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.leggi tutto
Glocal
Le elezioni dei numeri
La Lega, partito politico che non ha mai nascosto il proprio euroscetticismo, anzi ne ha fatto anche una sorta di portabandiera, è il primo partito italiano che occuperà più scranni nell’Europarlamento.leggi tutto
Glocal
Finanza alternativa – le banche aprono al crowdfunding?
Sebbene in forte ritardo rispetto al Regno Unito, che già nel 2012 presentava numeri da capogiro, in Italia l’equity crowdfunding sta crescendo molto.leggi tutto
Emergenza fiumi, cosa accade in montagna? -LO SPECIALE
Disboscamento e consumo di suolo hanno conseguenze pesanti sull'attività dei corsi d'acqua che poi arrivano da noileggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchDopo il sisma, tornano a suonare le campane della chiesa di Cavezzo
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Va a rapinare la farmacia vestito da cowboy
    Va a rapinare la farmacia vestito da cowboy
    Si tratta di un pregiudicato 50enne vecchia conoscenza dei Carabinieri[...]
    I successi dell'Emilia-Romagna raccontati dai francobolli del mondo
    I successi dell'Emilia-Romagna raccontati dai francobolli del mondo
    Presentata la nuova pubblicazione “Emilia-Romagna. Una Regione fra i dentelli europei”[...]
    Da Mirandola ecco Raffy che ci porta a ballare Al Chiringuito
    Da Mirandola ecco Raffy che ci porta a ballare Al Chiringuito
    La giovane, al secolo Raffaella Maria Senese, è già nella Top 10 della classifica radio Airplay con il brano "Tortellini in Lamborghini".[...]
    È di Soliera il campione italiano di scacchi under 10
    È di Soliera il campione italiano di scacchi under 10
    Dall'1 all'11 agosto sarà con la Nazionale agli Europei di Bratislava[...]
    Passa un trasporto eccezionale, si deve rafforzare ponte Ciro Menotti
    Passa un trasporto eccezionale, si deve rafforzare ponte Ciro Menotti
    Per questo motivo nell’area sotto al ponte è vietata la sosta fino a lunedì 22 luglio[...]
    Il lambrusco al bar di Modena si paga con i bit coin
    Il lambrusco al bar di Modena si paga con i bit coin
    il titolare del wine shop Lambruscheria ha deciso di accettare in pagamento le monete virtuali[...]
    Schiuma nel fiume Panaro: sembra ammoniaca, ma non si sa da dove arriva
    Schiuma nel fiume Panaro: sembra ammoniaca, ma non si sa da dove arriva
    Grandi macchie di sostanza bianca erano comparse a pelo d'acqua nei giorni scorsi[...]
    Il politico Andrea Galli sposa Carlotta Corno
    Il politico Andrea Galli sposa Carlotta Corno
    Tra i partecipanti i politici forzisti della Bassa, da Giorgio Cavazzoli (consigliere comunale a Finale Emilia) a Marian Lugli (consigliere comunale a Mirandola)[...]
    Successo per i Giganti della Bassa, tra grandi alberi e grandissimi piatti
    Successo per i Giganti della Bassa, tra grandi alberi e grandissimi piatti
    Un cedro a Medolla, un pioppo a Cavezzo e una quercia a Soliera sono gli alberi più grandi della Bassa[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: