Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Commemorati i sei martiri partigiani dell’eccidio di San Giacomo Roncole

MIRANDOLA – Commemorati i sei martiri partigiani dell’eccidio di San Giacomo Roncole. Spiega l’assessora Antonella Canossa:

Questa mattina ho partecipato, in rappresentanza dell’amministrazione comunale, alla commemorazione dell’eccidio nazifascista compiuto il 30 settembre 1944 a San Giacomo Roncole, in cui furono impiccati sei giovani partigiani, uno dei quali aveva solo 16 anni. E’ stato emozionante ascoltare la lettura della testimonianza di una donna che assistette a quella barbara esecuzione: durante quei momenti nella chiesa si stava celebrando un matrimonio ed all’uscita gli sposi si trovarono davanti agli occhi il primo giovane che era stato impiccato proprio davanti alla chiesa, poi la disperazione della madre che, tornando in bicicletta dal mercato, vide suo figlio ad uno dei pali successivi.

Il mio breve discorso: “Se oggi possiamo confrontarci, discutere, dibattere anche in maniera forte, scegliere, eleggere, lo dobbiamo ai tanti che hanno combattuto la dittatura. Se oggi siamo qui è per ricordare questi nostri concittadini ed anche per ribadire che tutti, ripeto tutti, respingiamo ogni forma di dittatura e di ideologia di oppressione. La Resistenza fu un movimento corale e variegato, difficile da racchiudere in categorie o giudizi troppo sintetici o ristretti. Adriano, Nives, Giuseppe, Alfeo, Luciano ed Enea hanno pagato con la vita per contribuire, insieme a tanti altri, alla liberazione dell’Italia dal nazifascismo fatto di rappresaglie, torture, deportazioni, stragi e barbarie: a voi tutti il nostro pensiero riconoscente ed ammirato. Viva l’Italia libera e democratica!”

 

L’Eccidio di San Giacomo Roncole

L’eccidio di San Giacomo Roncole fu una strage nazifascista compiuta il 30 settembre 1944 a San Giacomo Roncole, frazione del comune di Mirandola in provincia di Modena, nel corso della quale furono uccisi per rappresaglia sei partigiani cattolici della Brigata Italia.

La strage di San Giacomo Roncole costituisce un simbolo della resistenza cattolica modenese e dell’antifascismo democratico-cristiano

Insieme all’eccidio di San Martino Spino e all’eccidio di Mirandola, fu una delle più cruente stragi nazifasciste compiute nel territorio della Bassa modenese.

Antefatti

La canonica e la chiesa di San Giacomo Roncole

Alla fine di settembre del 1944, mentre la Resistenza stava approntando i preparativi di un’insurrezione generale al fine della liberazione dell’Emilia, i nazifascisti effettuarono molte azioni di polizia militare per scovare ed eliminare i partigiani emiliani.

A seguito della delazione sotto tortura dell’ex staffetta partigiana Walter Tassi, vengono arrestati alcuni appartenenti alla Brigata ItaliaEnea Zanoli “Spartaco” e Luciano Minelli di Modena, il maestro Alfeo MartiniAdriano Barbieri di Medolla, Nives Barbieri “Massa” di San Giacomo Roncole, Viero Bertolani di Modena e tre sacerdoti (don Arrigo Beccari, don Ennio Tardini e don Ivo Silingardi)[2]. Dopo l’arresto, furono inizialmente portati al comando tedesco a Villa Santi di Campiglio (Vignola) e sottoposti a incessanti torture e interrogatori, tanto che Viero Bertolani perde l’udito a un orecchio: per questo motivo decise di fuggire e il 29 settembre si lanciò da una finestra, riuscendo a salvarsi. In seguito venne unito al gruppo anche il carpigiano Giuseppe Campana, di appena 16 anni, e vennero trasferiti alla casa del fascio di Mirandola. I tre sacerdoti furono invece incarcerati a Bologna: don Tardini venne liberato il 28 novembre 1944, mentre gli altri due dovettero aspettare fino alla liberazione di Modena (22 aprile 1945), nel cui carcere di Sant’Eufemia erano stati trasferiti pochi giorni prima.

La strage

Il “casinone” di San Giacomo Roncole

Il 29 settembre 1944 una squadra di partigiani uccise due soldati tedeschi a San Giacomo Roncole, vicino a Mirandola, nel tentativo di impossessarsi delle armi.

Appena appresa la notizia di quanto avvenuto, gli ufficiali nazisti pretesero un’immediata rappresaglia da compiersi con la pubblica impiccagione di sei italiani. La Brigata Nera di Mirandola, guidata da Antonio Nespoli e Vincenzo Falanga, prelevò allora i sei ostaggi detenuti presso la casa del fascio e li condusse a San Giacomo Roncole, nello spiazzo posto davanti alla chiesa e al cosiddetto “casinone”[3]. Il podestà di Mirandola, Alberto Paltrinieri, protestò invano per questa rappresaglia.

Il luogo non fu scelto a caso, in quanto luogo simbolo della resistenza cattolica modenese e dell’opera di don Zeno Saltini, fondatore dell’Opera dei Piccoli Apostoli e ostile nei confronti del regime nazifascista, tanto da essere costretto all’esilio in Italia centrale.

I sei giovani partigiani (tra cui Giuseppe Campana, di appena 16 anni), appartenenti al movimento democristiano[4] e cresciuti con don Zeno, furono impiccati a sei pali della luce posti lungo la Strada Statale 12 e i loro cadaveri lasciati appesi per due giorni, fino al 2 ottobre, per intimidire i seguaci e i parrocchiani di don Zeno Saltini.

Vittime

  • Adriano Barbieri, nato a Medolla il 15 agosto 1925
  • Nives Barbieri “Massa”, nato a Finale Emilia il 20 maggio 1926
  • Giuseppe Campana “Cesare”, nato a Correggio il 19 marzo 1928
  • Alfeo Martini, nato a Concordia sulla Secchia il 12 marzo 1907
  • Luciano Minelli, nato a Modena il 16 giugno 1925
  • Enea Zanoli “Spartaco”, nato a Modena il 7 dicembre 1919

 

 

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto
Glocal
Dall'emergenza sanitaria all'emergenza occupazionale
Sono in corso in questi giorni alcune misure per contrastare il danno occupazionale. Tra le misure: incentivi per far ripartire le assunzioni stabili, meno paletti sui contratti a termine, nuove risorse per la Cig e detassazione degli aumenti dei Ccnl.leggi tutto
Glocal
BTP Futura, il primo titolo di Stato interamente dedicato ai risparmiatori retail
Il Governo presenta una vera e propria novità per i risparmiatori italiani particolarmente affezionati ai titoli di Stato: il BTP Futura. Un nuovo Titolo di Stato dedicato esclusivamente ai risparmiatori individuali.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Pit, dalla Spagna a Modena, cane antidroga al servizio della Polizia Locale
    Pit, dalla Spagna a Modena, cane antidroga al servizio della Polizia Locale
    Il sindaco Gian Carlo Muzzarelli al Comando per augurare buon lavoro alla nuova Unità cinofila che sarà impiegata anche nell’ambito del progetto Scuole sicure[...]
    Consiglieri comunali indisciplinati a Finale, la reprimenda del presidente Saletti
    Consiglieri comunali indisciplinati a Finale, la reprimenda del presidente Saletti
    In nemmeno un anno che siede sullo scranno più importante dell'assise ne ha visto di tutte i colori[...]
    La compagnia delle Mo.re torna in scena: da Nonantola, Ravarino e Bomporto ai teatri emiliani
    La compagnia delle Mo.re torna in scena: da Nonantola, Ravarino e Bomporto ai teatri emiliani
    Il cast è formato da ragazzi e ragazze,guidati dal fondatore Maicol Piccinini, di Nonantola[...]
    Le immagini più belle di #EViaggioItaliano, il tour nazionale su veicoli elettrici
    Le immagini più belle di #EViaggioItaliano, il tour nazionale su veicoli elettrici
    Il progetto che rilancia il turismo sostenibile per valorizzare il patrimonio enogastronomico, culturale e imprenditoriale italiano[...]
    Da Berlino a Finale per visitare le Meleghine
    Da Berlino a Finale per visitare le Meleghine
    Paolo Saletti ha condiviso sul proprio profilo Facebook un incontro curioso e inaspettato avvenuto durante un sopralluogo alle Meleghine[...]
    Alessandro Bergonzini, la passione per la storia al servizio della narrazione
    Alessandro Bergonzini, la passione per la storia al servizio della narrazione
    Intervista all'autore di Camposanto de "Nel giardino della salamandra" e "Naamah"[...]
    Il coraggio di cambiare lavoro, la storia di Arianna Gamberini
    Il coraggio di cambiare lavoro, la storia di Arianna Gamberini
    Si è messa in proprio come consulente di immagine lasciando il posto da dipendente: l'esperta di lavoro Francesca Monari l'ha intervistata[...]
    Sono arrivati i fenicotteri nelle valli mirandolesi
    Sono arrivati i fenicotteri nelle valli mirandolesi
    Sono stati immortalati in tutta la loro bellezza da Raffaele Gemmato mentre facevano sosta nella Bassa nel loro lungo volo verso Sud[...]