Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Economia, indagine Cisl: “Cresce Pil regionale, ma stipendi lavoratori restano a palo”

«Negli ultimi anni la ricchezza prodotta in regione non si è tradotta in una corrispondente capacità redistributiva all’interno della società emiliano-romagnola. Mentre il Pil ha fatto registrare una variazione media annuale del 2,28% (annualità 2014-17), il reddito pro capite da lavoro dipendente privato dello stesso periodo segna una variazione media annuale dello 0,33%».

Lo dichiara il segretario generale della Cisl Emilia Centrale William Ballotta commentando l’indagine “Redditi da lavoro dipendente in Emilia-Romagna e province” realizzata dalla Cisl regionale con i dati raccolti dal Caf (centro di assistenza fiscale) Cisl Emilia-Romagna attraverso le dichiarazioni dei redditi 2017 e 2018.
Si tratta di un campione significativo da un punto di vista statistico in quanto comprende 133 mila lavoratori dipendenti in tutta la regione. Dall’analisi emergono quattro fattori che rappresentano altrettanti “freni redistributivi”: il basso reddito dei giovani, il basso reddito erogato da alcune tipologie contrattuali che non garantiscono prestazioni continuative, il basso reddito delle donne, un’azione contrattuale delle parti sociali (sindacati e imprese) non del tutto efficace.

Vediamo nel dettaglio cosa emerge dall’indagine Cisl.

Reddito medio
Secondo i dati Caf Cisl, la retribuzione media pro capite dei lavoratori dipendenti a Modena è 23.559 euro lordi annui (in Emilia-Romagna 23.024 euro). Per l’Inps, invece, la retribuzione pro capite da lavoro dipendente in provincia di Modena ammonta a 24.982 euro e nel periodo 2014-2017 è aumentata dell’1,97%. La fascia di reddito più rappresentata è quella tra i 20 e 25 mila euro lordi. Il 22% dei 35-39enni ha un reddito al di sotto dei 25 mila annui (fonte Inps anno di rif. 2017).

Reddito giovanile
Se guardiamo i giovani, il dato peggiora. Tra i 20-24enni, infatti, il 49,85% ha un reddito pro capite annuo di 8.798 euro. Per un 20-24enne la media pro capite anno del reddito da lavoro dipendente è 11.609 euro, cioè la metà della retribuzione media pro capite regionale. Il fenomeno non si spiega solo con l fatto che ai giovani si applicano tipologie contrattuali più svantaggiate. I 20-24enni che hanno un contratto di lavoro a tempo indeterminato, infatti, percepiscono una retribuzione media pro capite pari a 14.599 euro l’anno, pari al 52% in meno della retribuzione pro capite annuale percepita in regione dai lavoratori dipendenti più anziani e ugualmente assunti a tempo indeterminato.

Incidenza delle tipologie contrattuali discontinue
Altro fattore determinante nelle retribuizioni dei lavoratori dipendenti sono le tipologie contrattuali. Nel 2017 i contratti a tempo determinato hanno garantito una retribuzione pro capite media regionale di 10.705 euro agli oltre 324 mila lavoratori coinvolti, mentre chi è assunto a tempo indeterminato ha una retribuzione pro capite media regionale di 28.038 euro annui. Il tempo determinato, quindi, ha retribuzioni mediamente più basse del 38,18% rispetto al tempo indeterminato e del 46% rispetto alla media reddituale pro capite complessiva. «Queste disparità si spiegano innanzitutto con riconoscimenti più modesti di professionalità e, quindi, sottoinquadramenti – spiega il segretario Cisl – Tuttavia, la ragione non è solo questa. Nell’anno, a parità ipotetica di lavoratori coinvolti, i lavoratori a tempo determinato quantificano un reddito complessivo, e quindi anche un reddito medio, più basso a causa della discontinuità dei loro rapporti di lavoro».

Retribuzioni orarie e retribuzione femminile
L’analisi Cisl relativa alle retribuzioni rivela altri due elementi negativi. La retribuzione oraria modenese per giornate medie retribuite nell’anno (12,16 euro) è positiva se comparata alla retribuzione oraria nazionale (11,21 euro) e a quella regionale (11,73 euro), ma nettamente inferiore a quella dei Paesi dell’area euro più avanzati, come Germani e Francia (intorno ai 15 euro/ora). In più c’è la distanza tra uomini e donne: la retribuzione oraria maschile (13,84 euro) è più alta del 41% rispetto a quella femminile (9,80 euro).

Ai lavoratori piace il welfare aziendale
Uno strumento per alzare il reddito dei lavoratori dipendenti è la cosiddetta “contrattazione decentrata o “di secondo livello” (aziendale e/o territoriale), che determina erogazione di salario integrativo o welfare contrattuale, godendo tra l’altro di una tassazione agevolata.

Il problema è che la contrattazione di secondo livello non raggiunge in modo adeguato l’intera platea dei lavoratori. A livello regionale, per esempio, coinvolge solo il 17,51% dei lavoratori dipendenti, anche se nel 2017 si è registrato un aumento dell’1,62% rispetto al 2016. La provincia di Modena è sotto la media regionale: nel 2017 era del 16,67% del totale la percentuale dei lavoratori con contrattazione di secondo livello (nel 2016 era solo il 12,66%).

Il premio di risultato (tipica conquista sindacale ottenuta attraverso la contrattazione aziendale) ha un’incidenza dello 0,84% sul reddito da lavoro dipendente annuo complessivo. L’incidenza a Modena è comunque più alta rispetto al dato medio regionale (0,81%, secondo le risultanze dell’indagine campionaria della Cisl Emilia-Romagna).
Nel 2017 il premio di risultato medio pro capite a tassazione agevolata erogato a Modena è stato di 1.191 euro (l’anno prima era stato 975 euro, contro il dato regionale di 1.073 euro e 920 euro rispettivamente negli anni 2017 e 2016).

Interessante notare l’aumento dei lavoratori dipendenti beneficiari di contrattazione di secondo livello che scelgono di “welfarizzare” il salario integrativo (cioè di trasformarlo in servizi scolastici, mense, borse studio, assistenza). L’indagine della Cisl Emilia-Romagna ci dice che nel 2017 sono stati l’8,41% (5,9% nel 2016) i lavoratori modenesi dipendenti beneficiari di salario integrativo aziendale che hanno scelto l’opzione welfare, cioè la trasformazione del salario integrativo in servizi di welfare aziendale.

Il montante economico complessivo di welfare aziendale erogato al campione della ricerca (che rappresenta circa il 9,55% del totale lavoratori percettori di salario integrativo in regione) supera a Modena i 280 mila euro (anno di riferimento 2017). Il montante economico complessivo di welfare aziendale erogato al campione della ricerca nello stesso anno in Emilia-Romagna sfiora il milione e mezzo di euro.

In regione i lavoratori dipendenti che optano per la “welfarizzazione” sono, invece, il 4,18% del totale lavoratori che hanno in “dote” salario integrativo aziendale.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017

Rubriche

Glocal
L'economia del turpiloquio
Viviamo in una società dove il turpiloquio viene fin troppo (ab)usato come strumento per umiliare, opprimere e calpestare il prossimo, e che ha assunto un ruolo preponderante nella comunicazione tra gli individui.leggi tutto
Glocal
LA PAROLA AI MANAGER: l'Innovation Manager
Da alcuni giorni è stato pubblicato l’elenco dei consulenti dell’Albo del Mise per gli “Innovation Manager”.leggi tutto
Consigli di salute
Carie: un nemico silenzioso che può causare gravi malattie al cuore e ad altri organi
L’igiene orale? È più importante di quanto si possa immaginare. leggi tutto
Glocal
La parola ai manager: il Fractional Management
Il Fractional Manager non è che un Temporary Manager che in taluni casi opera part time.leggi tutto
Glocal
La parola ai manager: TEMPORARY MANAGEMENT, una opportunità per le PMI
Si può definire il TM come un manager a cui viene affidata la gestione temporanea di un determinato progetto, lavorando con un mandato operativo e integrandosi con la proprietà aziendale.leggi tutto
Consigli di salute
Insulino resistenza e alimentazione, il parere della dottoressa Federica Felicioni
L’invecchiamento stesso può predisporre alla insulino-resistenza con il conseguente aumento della glicemia.leggi tutto
Eco sisma bonus, tutto quel che bisogna sapere
Lo studio dell'architetto Malaguti di Concordia ci aiuta a capire cosa bisogna fare per ottenerlo.leggi tutto
Consigli di salute
Stress da rientro? L'alimentazione può dare una mano
Un’ importante strategia che consente di aumentare il livello di serotonina è effettuare un’attività fisica regolareleggi tutto
Consigli di salute
Il rapporto tra denti e postura
Prima si va dal dentista, meglio è: sarà più semplice correggere un allineamento irregolare delle arcate e, quindi, un eventuale difetto della postura.leggi tutto
Glocal
Sud Italia in profonda crisi: cresce il divario tra Nord e Sud
Nel rapporto Svimez sul Mezzogiorno italiano, si delinea un quadro socio-economico sconcertante, a causa soprattutto della ormai consolidata incapacità delle istituzioni locali di erogare servizi che vadano verso il benessere di imprese e cittadini, e con una sempre maggiore presenza delle varie mafie locali all’interno delle istituzioni stesse.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchCome mandare via le cimici da casa, parla l'esperto
    • WatchLe sfogline trap di Mirandola
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Nido gigante al cimitero di Cavezzo, il web si mobilita e sentenzia: sono vespulae germanicae
    Nido gigante al cimitero di Cavezzo, il web si mobilita e sentenzia: sono vespulae germanicae
    Personale della ditta che ha in gestione le operazioni cimiteriali ha già provveduto a metterlo in sicurezza e rimuoverlo[...]
    A Gorghetto pescato un pesce siluro di oltre 2 metri
    A Gorghetto pescato un pesce siluro di oltre 2 metri
    Una volta fatta la foto di rito il pesce siluro è stato liberato[...]
    La piena del Panaro vista dal drone - FOTO E VIDEO
    La piena del Panaro vista dal drone - FOTO E VIDEO
    l Consorzio Bonifica Burana ha mandato in volo un drone per riprendere le immagini dell'ultima storica ondata di piena[...]
    A Medolla la parrocchia di Villafranca fa scuola: è la più seguita d'Europa su Instagram
    A Medolla la parrocchia di Villafranca fa scuola: è la più seguita d'Europa su Instagram
    Ha oltre 1200 fan digitali, niente male per una piattaforma web dove spopolano balletti e influencers, ricette e panorami [...]
    Alla Acetum Cavezzo 200 dipendenti a scuola di sicurezza
    Alla Acetum Cavezzo 200 dipendenti a scuola di sicurezza
    In occasione del primo Safety day dell'azienda prima produttrice di balsamico al mondo[...]
    Un novembre caldo e con tanta, tanta pioggia. E' nuovo record
    Un novembre caldo e con tanta, tanta pioggia. E' nuovo record
    Più di metà della pioggia del 2019 è caduta nei soli due mesi di maggio e di novembre[...]
    Voleva le caramelle e scappa di casa a 3 anni
    Voleva le caramelle e scappa di casa a 3 anni
    E' stata trovata al supermercato, in ciabatte e pigiama, che girovagava tra le corsie[...]
    Senza assicurazione, senza revisione e senza patente. E con l'hashish in tasca
    Senza assicurazione, senza revisione e senza patente. E con l'hashish in tasca
    Un 32enne modenese è stato fermato perchè con la sua Peugeot 207 eseguiva manovre sospette[...]
    Cantando di draghi e fantasy, l'Ensemble Augusta di Mirandola premiato al Lucca Comics & Games
    Cantando di draghi e fantasy, l'Ensemble Augusta di Mirandola premiato al Lucca Comics & Games
    Nella prestigiosa gara musicale dedicata al repertorio di colonne sonore Fantasy e sigle di cartoni animati [...]