Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Educatrici della Bassa sul piede di guerra: “Ci pagano troppo poco”. Proclamato lo stato di agitazione

MIRANDOLA, CONCORDIA, SAN PROSPERO E SAN FELICE – Educatrici della Bassa sul piede di guerra: “Ci pagano troppo poco”. Proclamato lo stato di agitazione per i lavoratori pubblici di asili e scuole infanzia di Mirandola, Concordia, San Prospero e San Felice. Si tratta di più di 200 persone che si occupano dei nostri figli nelel aule, a mensa, sugli scuolabus.

È stata approvata all’unanimità dall’assemblea dei lavoratori che si è tenuta venerdì scorso l’apertura dello stato di agitazione dei 207 dipendenti dell’Unione dei Comuni Modenesi Area Nord. È stato, così, confermato il pieno sostegno alle posizioni delle organizzazioni sindacali che pochi giorni prima avevano rotto il tavolo di trattativa per il rinnovo del contratto decentrato dei lavoratori dell’Unione: educatori, polizia locale, assistenti sociali, amministrativi, ecc. Dopo mesi di discussioni infruttuose, infatti, Fp Cgil Modena e Cisl Funzione pubblica Emilia Centrale hanno deciso, unitamente alle rsu di Cgil, Cisl e Diccap Sulpm, di interrompere la trattativa.

«La causa è l’indisponibilità dell’amministrazione a qualunque apertura utile a costruire condizioni economiche realmente eque per i lavoratori – spiegano Andrea Santoiemma (Fp Cgil) e Sabrina Torricelli (Cisl Fp) – L’Ucman è disponibile solo al sostanziale mantenimento delle condizioni in essere, non più accettabili da parte dei dipendenti. Negli anni la mancanza di volontà da parte dell’amministrazione ad affrontare problemi più volte segnalati ha portato a disagi organizzativi e anche un calo delle indennità di produttività dei dipendenti, tanto che nell’ultima erogazione non stati rispettati neppure i minimi stabiliti nei contratti decentrati degli anni precedenti, senza peraltro nemmeno informarci preventivamente». Per i sindacati a questo si aggiunge l’assoluta impossibilità, se non ci saranno forti cambiamenti, di riconoscere ai lavoratori le progressioni orizzontali, ovvero i miglioramenti economici assimilabili agli scatti di anzianità del privato. Per Cgil e Cisl ciò è particolarmente grave di fronte al fatto che tali aumenti sono bloccati, per l’insieme dei lavoratori, da molti anni e che addirittura 92 di loro, anche con una certa anzianità lavorativa, risultano ancora inquadrati al minimo contrattuale.

Ad aggravare ulteriormente la situazione però, è che tutto questo non è dovuto solo alla generale carenza di risorse, che pur esiste, bensì anche alle esplicite scelte dell’amministrazione che non ha rinunciato a continuare ad alimentare il fondo per le “posizioni organizzative”. Si tratta di figure apicali dotate di potere direttivo e che ricevono indennità aggiuntive alla retribuzione; nel tempo sono cresciute di numero fino a raggiungere la cifra di 29 unità e assorbire 367 mila euro, contro gli 816 mila euro del fondo per i 207 dipendenti. «Nonostante questa situazione, le proposte dell’amministrazione si sono concentrate solo sulle già magre indennità di educatori, autisti, ausiliarie e cuoche al fine di aumentarle o diminuirle di poche decine di euro annue. Invece – continuano Santoiemma e Torricelli – la nostra richiesta è stata fin dal principio di aprire a una contrattazione che per ovvi motivi quantitativi e di equità dovesse rivedere anche il fondo delle “posizioni organizzative”, oltre a una coerente riorganizzazione dei servizi al fine di rispondere alle evidenti problematiche di un ente nel quale è palpabile l’insoddisfazione dei dipendenti. Di fronte all’ennesimo rifiuto dell’amministrazione, abbiamo deciso di rompere il tavolo e convocare un’assemblea. I 128 lavoratori presenti hanno votato all’unanimità l’attivazione dello stato di agitazione e – concludono i sindacalisti di Fp Cgil e Cisl Funzione pubblica Emilia Centrale – la messa in campo di tutti gli strumenti che si rendessero necessari al fine di raggiungere gli obiettivi proposti».

LA NOTA DELLA CGIL

Un’assemblea di lavoratrici e lavoratori, straordinariamente partecipata, svolta lo scorso 18 ottobre (in foto) ha votato all’unanimità l’apertura dello stato di agitazione dei lavoratori nei confronti dell’Unione dei Comuni Modenesi Area Nord, confermando il pieno e totale sostegno alle posizioni delle Organizzazioni Sindacali che pochi giorni prima avevano rotto il tavolo di trattativa per il rinnovo del contratto decentrato degli oltre 200 lavoratori dell’Unione, quali educatori, polizia locale, assistenti sociali, amministrativi, ecc…

Dopo mesi di discussioni infruttuose, infatti, i sindacati Fp Cgil e Fp Cisl, unitamente alle Rsu di Cgil, Cisl, Diccap Sulpm, hanno infatti deciso di interrompere la trattativa di fronte all’indisponibilità dell’amministrazione a qualunque apertura utile a costruire condizioni economiche realmente eque per i lavoratori, ma solo al sostanziale mantenimento delle condizioni in essere.

“Condizioni però non più accettabili da parte dei dipendenti – sostengono Andrea Santoiemma Fp Cgil e Sabrina Torricelli Fp Cisl – perché negli anni, la mancanza di volontà da parte dell’amministrazione ad affrontare problemi più volte segnalati, ha portato oltre a grandi disagi organizzativi, anche ad un calo delle indennità di produttività dei dipendenti, tanto da non rispettare nell’ultima erogazione, neppure i minimi stabiliti nei contratti decentrati degli anni precedenti, senza peraltro nemmeno informare preventivamente i sindacati”.

A questo si aggiunge l’assoluta impossibilità, se non ci saranno importanti cambiamenti, di riconoscere ai lavoratori le progressioni orizzontali, ovvero quei miglioramenti economici assimilabili agli scatti di anzianità del privato. Tale mancata risposta risulta particolarmente grave di fronte al fatto che tali aumenti risultano bloccati, per l’insieme dei lavoratori, da moltissimi anni e che addirittura 92 di loro, anche con grande anzianità lavorativa, risultano ancora inquadrati al minimo contrattuale.
Ad aggravare ulteriormente la situazione però, è che tutto questo non è dovuto solo alla generale carenza di risorse, che pur esiste, bensì anche alle esplicite scelte dell’Amministrazione che non ha rinunciato a continuare ad alimentare il fondo per le Posizioni Organizzative (figure apicali dotate di potere direttivo). Queste figure, dotate di indennità aggiuntive alla retribuzione, nel tempo sono cresciute di numero fino a raggiungere l’esorbitante quota di 29 persone su poco più di 200 dipendenti assorbendo risorse pari a 367.000 euro contro gli 816.000 euro del fondo per i 207 dipendenti. Nonostante questa situazione, le proposte dell’Amministrazione si sono concentrate solo sulle già magre indennità di educatori, autisti, ausiliarie e cuoche al fine di aumentarle o diminuirle di poche decine di euro annue.

Diversamente, la richiesta delle Organizzazioni Sindacali è stata fin dal principio di aprire ad una contrattazione che per ovvi motivi quantitativi e di equità dovesse rivedere anche il fondo delle Posizioni Organizzative ed una coerente riorganizzazione dei servizi al fine di rispondere alle evidenti problematiche organizzative di un ente dove è fortissima e palpabile l’insoddisfazione dei dipendenti.

Di fronte all’ennesimo rifiuto dell’amministrazione ad agire in questo senso, le Organizzazioni sindacali hanno deciso di rompere il tavolo e di convocare un assemblea che alla presenza di 128 lavoratori, con uno straripante consenso ha votato all’unanimità l’attivazione dello stato di agitazione e la messa in campo di tutti gli strumenti che si rendessero necessari al fine di raggiungere gli obiettivi proposti.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Covid-19: call di Civic Action per le migliori pratiche di senso civico
Civic Action va alla ricerca di tutte quelle esperienze e pratiche che hanno il potenziale per svilupparsi anche dopo l’emergenza, per costituire la base di un nuovo e più robusto tessuto civico.leggi tutto
Glocal
Quali Paesi danno il meglio nella lotta al Covid-19
Una ricerca realizzata da ECV, classifica gli Stati colpiti dal virus in tre categorie: Winning (vincenti), Nearly there (quasi arrivati) e Need action (bisogno di azione).leggi tutto
Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protetteleggi tutto
Glocal
Covid-19: i provvedimenti dell'UE per il rilancio dell'economia
La Commissione europea ha predisposto un piano che non ha precedenti: oltre 1.000 miliardi di euro per assistere imprese e famiglie nel contrasto al Covid19.leggi tutto
Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienzaleggi tutto
Glocal
Covid19: i Paesi con la migliore Sanità al mondo
La pandemia del virus Covid19 sta mettendo in crisi Paesi che vantano sistemi sanitari considerati tra i più eccellenti e performanti del mondo.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane impegnate contro il Coronavirus
Molte imprese italiane si sono messe a disposizione del Governo per rifornire il nostro sistema sanitario di strumenti per garantire la vita. Siamo in guerra, ma è una guerra diversa.leggi tutto
Consigli di salute
Bruxismo e digrignamento dei denti
Ad esempio, smettere di fumare o ridurre il consumo di alcol possono essere utili a tal proposito.leggi tutto
Glocal
Economia e coronavirus: come uscirne
Purtroppo le politiche che i governi hanno adottato per affrontare la pandemia e la crisi economica sono contraddittorie e rischiano un fallimento catastrofico a lungo termine.leggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - L'autismo ai tempi del Coronavirus
    Intervista a Cristina, mamma di Francesco e Lorenzo.[...]

    Curiosità

    Elicotteri in volo basso? È Enel che ispeziona le linee elettriche
    Elicotteri in volo basso? È Enel che ispeziona le linee elettriche
    L’ispezione eliportata durerà alcune settimane[...]
    Lo screenshot: su Wikipedia insulti a Mirandola
    Lo screenshot: su Wikipedia insulti a Mirandola
    Guardando lo screenshot viene da pensare che qualcuno che ha qualche problema con Mirandola e si crede spiritoso[...]
    La cannabis danneggia i polmoni più velocemente delle sigarette
    La cannabis danneggia i polmoni più velocemente delle sigarette
    Sono i risultati di uno studio dell'Università di Modena[...]
    Ottavio Pisani: la sua ricerca su Radio Wall Street e una nuova caccia al tesoro per San Felice
    Ottavio Pisani: la sua ricerca su Radio Wall Street e una nuova caccia al tesoro per San Felice
    Pisani prova a lanciare una nuova ricerca dalle pagine di Sul panaro, dopo il successo della prima[...]
    Il Centro il Pettirosso salva anatroccolo da morte certa in un depuratore
    Il Centro il Pettirosso salva anatroccolo da morte certa in un depuratore
    Un piccolo anatroccolo è stato recuperato e ora ha trovato una nuova famiglia[...]
    Ecco la guida ai nostri Appennini di Dario Ruscetta, per un'estate magica e senza paura
    Ecco la guida ai nostri Appennini di Dario Ruscetta, per un'estate magica e senza paura
    “MoBo' Stories: Guida di Viaggio nell'Ombelico Gastronomico di Modena e Bologna”, riconoscibile dal tipico Tortellino immortalato in copertina.[...]
    C'è un incendio, gattini si nascondono sotto al secchio: salvati
    C'è un incendio, gattini si nascondono sotto al secchio: salvati
    E' successo domenica, sul posto i Vigili del Fuoco[...]
    Fine lockdown e ritorno alla 'vita da cani'
    Fine lockdown e ritorno alla 'vita da cani'
    Il consiglio di veterinari esperti su come affrontare la fine del lockdown, il ritorno agli spazi aperti e il contatto con soggetti esterni, assieme al proprio cane[...]
    Forbes elegge l'Emilia Romagna regione dove si mangia meglio al mondo
    Forbes elegge l'Emilia Romagna regione dove si mangia meglio al mondo
    Il noto mensile americano Forbes ha premiato la cucina dell’Emilia-Romagna[...]