Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Educatrici della Bassa sul piede di guerra: “Ci pagano troppo poco”. Proclamato lo stato di agitazione

MIRANDOLA, CONCORDIA, SAN PROSPERO E SAN FELICE – Educatrici della Bassa sul piede di guerra: “Ci pagano troppo poco”. Proclamato lo stato di agitazione per i lavoratori pubblici di asili e scuole infanzia di Mirandola, Concordia, San Prospero e San Felice. Si tratta di più di 200 persone che si occupano dei nostri figli nelel aule, a mensa, sugli scuolabus.

È stata approvata all’unanimità dall’assemblea dei lavoratori che si è tenuta venerdì scorso l’apertura dello stato di agitazione dei 207 dipendenti dell’Unione dei Comuni Modenesi Area Nord. È stato, così, confermato il pieno sostegno alle posizioni delle organizzazioni sindacali che pochi giorni prima avevano rotto il tavolo di trattativa per il rinnovo del contratto decentrato dei lavoratori dell’Unione: educatori, polizia locale, assistenti sociali, amministrativi, ecc. Dopo mesi di discussioni infruttuose, infatti, Fp Cgil Modena e Cisl Funzione pubblica Emilia Centrale hanno deciso, unitamente alle rsu di Cgil, Cisl e Diccap Sulpm, di interrompere la trattativa.

«La causa è l’indisponibilità dell’amministrazione a qualunque apertura utile a costruire condizioni economiche realmente eque per i lavoratori – spiegano Andrea Santoiemma (Fp Cgil) e Sabrina Torricelli (Cisl Fp) – L’Ucman è disponibile solo al sostanziale mantenimento delle condizioni in essere, non più accettabili da parte dei dipendenti. Negli anni la mancanza di volontà da parte dell’amministrazione ad affrontare problemi più volte segnalati ha portato a disagi organizzativi e anche un calo delle indennità di produttività dei dipendenti, tanto che nell’ultima erogazione non stati rispettati neppure i minimi stabiliti nei contratti decentrati degli anni precedenti, senza peraltro nemmeno informarci preventivamente». Per i sindacati a questo si aggiunge l’assoluta impossibilità, se non ci saranno forti cambiamenti, di riconoscere ai lavoratori le progressioni orizzontali, ovvero i miglioramenti economici assimilabili agli scatti di anzianità del privato. Per Cgil e Cisl ciò è particolarmente grave di fronte al fatto che tali aumenti sono bloccati, per l’insieme dei lavoratori, da molti anni e che addirittura 92 di loro, anche con una certa anzianità lavorativa, risultano ancora inquadrati al minimo contrattuale.

Ad aggravare ulteriormente la situazione però, è che tutto questo non è dovuto solo alla generale carenza di risorse, che pur esiste, bensì anche alle esplicite scelte dell’amministrazione che non ha rinunciato a continuare ad alimentare il fondo per le “posizioni organizzative”. Si tratta di figure apicali dotate di potere direttivo e che ricevono indennità aggiuntive alla retribuzione; nel tempo sono cresciute di numero fino a raggiungere la cifra di 29 unità e assorbire 367 mila euro, contro gli 816 mila euro del fondo per i 207 dipendenti. «Nonostante questa situazione, le proposte dell’amministrazione si sono concentrate solo sulle già magre indennità di educatori, autisti, ausiliarie e cuoche al fine di aumentarle o diminuirle di poche decine di euro annue. Invece – continuano Santoiemma e Torricelli – la nostra richiesta è stata fin dal principio di aprire a una contrattazione che per ovvi motivi quantitativi e di equità dovesse rivedere anche il fondo delle “posizioni organizzative”, oltre a una coerente riorganizzazione dei servizi al fine di rispondere alle evidenti problematiche di un ente nel quale è palpabile l’insoddisfazione dei dipendenti. Di fronte all’ennesimo rifiuto dell’amministrazione, abbiamo deciso di rompere il tavolo e convocare un’assemblea. I 128 lavoratori presenti hanno votato all’unanimità l’attivazione dello stato di agitazione e – concludono i sindacalisti di Fp Cgil e Cisl Funzione pubblica Emilia Centrale – la messa in campo di tutti gli strumenti che si rendessero necessari al fine di raggiungere gli obiettivi proposti».

Questo slideshow richiede JavaScript.

LA NOTA DELLA CGIL

Un’assemblea di lavoratrici e lavoratori, straordinariamente partecipata, svolta lo scorso 18 ottobre (in foto) ha votato all’unanimità l’apertura dello stato di agitazione dei lavoratori nei confronti dell’Unione dei Comuni Modenesi Area Nord, confermando il pieno e totale sostegno alle posizioni delle Organizzazioni Sindacali che pochi giorni prima avevano rotto il tavolo di trattativa per il rinnovo del contratto decentrato degli oltre 200 lavoratori dell’Unione, quali educatori, polizia locale, assistenti sociali, amministrativi, ecc…

Dopo mesi di discussioni infruttuose, infatti, i sindacati Fp Cgil e Fp Cisl, unitamente alle Rsu di Cgil, Cisl, Diccap Sulpm, hanno infatti deciso di interrompere la trattativa di fronte all’indisponibilità dell’amministrazione a qualunque apertura utile a costruire condizioni economiche realmente eque per i lavoratori, ma solo al sostanziale mantenimento delle condizioni in essere.

“Condizioni però non più accettabili da parte dei dipendenti – sostengono Andrea Santoiemma Fp Cgil e Sabrina Torricelli Fp Cisl – perché negli anni, la mancanza di volontà da parte dell’amministrazione ad affrontare problemi più volte segnalati, ha portato oltre a grandi disagi organizzativi, anche ad un calo delle indennità di produttività dei dipendenti, tanto da non rispettare nell’ultima erogazione, neppure i minimi stabiliti nei contratti decentrati degli anni precedenti, senza peraltro nemmeno informare preventivamente i sindacati”.

A questo si aggiunge l’assoluta impossibilità, se non ci saranno importanti cambiamenti, di riconoscere ai lavoratori le progressioni orizzontali, ovvero quei miglioramenti economici assimilabili agli scatti di anzianità del privato. Tale mancata risposta risulta particolarmente grave di fronte al fatto che tali aumenti risultano bloccati, per l’insieme dei lavoratori, da moltissimi anni e che addirittura 92 di loro, anche con grande anzianità lavorativa, risultano ancora inquadrati al minimo contrattuale.
Ad aggravare ulteriormente la situazione però, è che tutto questo non è dovuto solo alla generale carenza di risorse, che pur esiste, bensì anche alle esplicite scelte dell’Amministrazione che non ha rinunciato a continuare ad alimentare il fondo per le Posizioni Organizzative (figure apicali dotate di potere direttivo). Queste figure, dotate di indennità aggiuntive alla retribuzione, nel tempo sono cresciute di numero fino a raggiungere l’esorbitante quota di 29 persone su poco più di 200 dipendenti assorbendo risorse pari a 367.000 euro contro gli 816.000 euro del fondo per i 207 dipendenti. Nonostante questa situazione, le proposte dell’Amministrazione si sono concentrate solo sulle già magre indennità di educatori, autisti, ausiliarie e cuoche al fine di aumentarle o diminuirle di poche decine di euro annue.

Diversamente, la richiesta delle Organizzazioni Sindacali è stata fin dal principio di aprire ad una contrattazione che per ovvi motivi quantitativi e di equità dovesse rivedere anche il fondo delle Posizioni Organizzative ed una coerente riorganizzazione dei servizi al fine di rispondere alle evidenti problematiche organizzative di un ente dove è fortissima e palpabile l’insoddisfazione dei dipendenti.

Di fronte all’ennesimo rifiuto dell’amministrazione ad agire in questo senso, le Organizzazioni sindacali hanno deciso di rompere il tavolo e di convocare un assemblea che alla presenza di 128 lavoratori, con uno straripante consenso ha votato all’unanimità l’attivazione dello stato di agitazione e la messa in campo di tutti gli strumenti che si rendessero necessari al fine di raggiungere gli obiettivi proposti.

sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017

Rubriche

Consigli di salute
Carie: un nemico silenzioso che può causare gravi malattie al cuore e ad altri organi
L’igiene orale? È più importante di quanto si possa immaginare. leggi tutto
Glocal
La parola ai manager: il Fractional Management
Il Fractional Manager non è che un Temporary Manager che in taluni casi opera part time.leggi tutto
Glocal
La parola ai manager: TEMPORARY MANAGEMENT, una opportunità per le PMI
Si può definire il TM come un manager a cui viene affidata la gestione temporanea di un determinato progetto, lavorando con un mandato operativo e integrandosi con la proprietà aziendale.leggi tutto
Consigli di salute
Insulino resistenza e alimentazione, il parere della dottoressa Federica Felicioni
L’invecchiamento stesso può predisporre alla insulino-resistenza con il conseguente aumento della glicemia.leggi tutto
Eco sisma bonus, tutto quel che bisogna sapere
Lo studio dell'architetto Malaguti di Concordia ci aiuta a capire cosa bisogna fare per ottenerlo.leggi tutto
Consigli di salute
Stress da rientro? L'alimentazione può dare una mano
Un’ importante strategia che consente di aumentare il livello di serotonina è effettuare un’attività fisica regolareleggi tutto
Consigli di salute
Il rapporto tra denti e postura
Prima si va dal dentista, meglio è: sarà più semplice correggere un allineamento irregolare delle arcate e, quindi, un eventuale difetto della postura.leggi tutto
Glocal
Sud Italia in profonda crisi: cresce il divario tra Nord e Sud
Nel rapporto Svimez sul Mezzogiorno italiano, si delinea un quadro socio-economico sconcertante, a causa soprattutto della ormai consolidata incapacità delle istituzioni locali di erogare servizi che vadano verso il benessere di imprese e cittadini, e con una sempre maggiore presenza delle varie mafie locali all’interno delle istituzioni stesse.leggi tutto
Consigli di salute
I denti e la loro funzione: qual è la differenza fra incisivi, canini, premolari e molari?
Ogni tipo ha una posizione ben precisa lungo l’arcata dentale e svolge una funzione specificaleggi tutto
Glocal
Settore ICT: 45mila posti di lavoro nel triennio 2019 - 2021
Secondo un’indagine realizzata da Confindustria, su dati raccolti da Istat e Unioncamere, nel triennio 2019 – 2021, nel settore ICT si stima una offerta di lavoro che supererà le 45.000 unità.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchCome mandare via le cimici da casa, parla l'esperto
    • WatchLe sfogline trap di Mirandola
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Vengono dal Giappone a Mirandola per imparare come si fa la ricostruzione post sisma
    Vengono dal Giappone a Mirandola per imparare come si fa la ricostruzione post sisma
    Visita in Municipio della professoressa giapponese Akiko Nakajima, dottoressa in ingegneria e docente di edilizia abitativa alla Wayo University di Kyoto.[...]
    Sulla Bassa spunta l'arcobaleno
    Sulla Bassa spunta l'arcobaleno
    Uno spettacolo che ha incantato tutti[...]
    Una Ferrari di cioccolato da regalare a Schumacher
    Una Ferrari di cioccolato da regalare a Schumacher
    E' in mostra al festival Sciocola' di Modena[...]
    Da San Felice lo yoga in azienda di Simona Manicardi fa scuola a Bologna
    Da San Felice lo yoga in azienda di Simona Manicardi fa scuola a Bologna
    Un progetto utile a dipendenti ed azienda, di semplice realizzazione, formativo, poco oneroso e... al passo con i tempi.[...]
    Staffetta tra Milano e Modena per salvare una vita
    Staffetta tra Milano e Modena per salvare una vita
    Il paziente che ha ricevuto l’organo è già stato dimesso dall’ospedale[...]
    Gheppio ferito e con un'ala rotta salvato dagli operatori del Burana
    Gheppio ferito e con un'ala rotta salvato dagli operatori del Burana
    Era caduto in un pozzetto largo 50 centimetri e profondo due metri.[...]
    Cimice asiatica, ecco come tenere fuori l'insetto dalle nostre case
    Cimice asiatica, ecco come tenere fuori l'insetto dalle nostre case
    Parla l'esperto del servizio fitosanitario della Regione Emilia-Romagna[...]
    Nasce Operastreaming, palco virtuale delle opere in scena a teatro
    Nasce Operastreaming, palco virtuale delle opere in scena a teatro
    Il 13 ottobre lo streaming della Bohème da Modena[...]
    In costume da bagno di notte nel boschetto di Concordia: "Cercavo funghi"
    In costume da bagno di notte nel boschetto di Concordia: "Cercavo funghi"
    L'uomo è stato sorpreso in deshabillè da una coppia che era uscita con il cane[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: