Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Educatrici della Bassa sul piede di guerra: “Ci pagano troppo poco”. Proclamato lo stato di agitazione

MIRANDOLA, CONCORDIA, SAN PROSPERO E SAN FELICE – Educatrici della Bassa sul piede di guerra: “Ci pagano troppo poco”. Proclamato lo stato di agitazione per i lavoratori pubblici di asili e scuole infanzia di Mirandola, Concordia, San Prospero e San Felice. Si tratta di più di 200 persone che si occupano dei nostri figli nelel aule, a mensa, sugli scuolabus.

È stata approvata all’unanimità dall’assemblea dei lavoratori che si è tenuta venerdì scorso l’apertura dello stato di agitazione dei 207 dipendenti dell’Unione dei Comuni Modenesi Area Nord. È stato, così, confermato il pieno sostegno alle posizioni delle organizzazioni sindacali che pochi giorni prima avevano rotto il tavolo di trattativa per il rinnovo del contratto decentrato dei lavoratori dell’Unione: educatori, polizia locale, assistenti sociali, amministrativi, ecc. Dopo mesi di discussioni infruttuose, infatti, Fp Cgil Modena e Cisl Funzione pubblica Emilia Centrale hanno deciso, unitamente alle rsu di Cgil, Cisl e Diccap Sulpm, di interrompere la trattativa.

«La causa è l’indisponibilità dell’amministrazione a qualunque apertura utile a costruire condizioni economiche realmente eque per i lavoratori – spiegano Andrea Santoiemma (Fp Cgil) e Sabrina Torricelli (Cisl Fp) – L’Ucman è disponibile solo al sostanziale mantenimento delle condizioni in essere, non più accettabili da parte dei dipendenti. Negli anni la mancanza di volontà da parte dell’amministrazione ad affrontare problemi più volte segnalati ha portato a disagi organizzativi e anche un calo delle indennità di produttività dei dipendenti, tanto che nell’ultima erogazione non stati rispettati neppure i minimi stabiliti nei contratti decentrati degli anni precedenti, senza peraltro nemmeno informarci preventivamente». Per i sindacati a questo si aggiunge l’assoluta impossibilità, se non ci saranno forti cambiamenti, di riconoscere ai lavoratori le progressioni orizzontali, ovvero i miglioramenti economici assimilabili agli scatti di anzianità del privato. Per Cgil e Cisl ciò è particolarmente grave di fronte al fatto che tali aumenti sono bloccati, per l’insieme dei lavoratori, da molti anni e che addirittura 92 di loro, anche con una certa anzianità lavorativa, risultano ancora inquadrati al minimo contrattuale.

Ad aggravare ulteriormente la situazione però, è che tutto questo non è dovuto solo alla generale carenza di risorse, che pur esiste, bensì anche alle esplicite scelte dell’amministrazione che non ha rinunciato a continuare ad alimentare il fondo per le “posizioni organizzative”. Si tratta di figure apicali dotate di potere direttivo e che ricevono indennità aggiuntive alla retribuzione; nel tempo sono cresciute di numero fino a raggiungere la cifra di 29 unità e assorbire 367 mila euro, contro gli 816 mila euro del fondo per i 207 dipendenti. «Nonostante questa situazione, le proposte dell’amministrazione si sono concentrate solo sulle già magre indennità di educatori, autisti, ausiliarie e cuoche al fine di aumentarle o diminuirle di poche decine di euro annue. Invece – continuano Santoiemma e Torricelli – la nostra richiesta è stata fin dal principio di aprire a una contrattazione che per ovvi motivi quantitativi e di equità dovesse rivedere anche il fondo delle “posizioni organizzative”, oltre a una coerente riorganizzazione dei servizi al fine di rispondere alle evidenti problematiche di un ente nel quale è palpabile l’insoddisfazione dei dipendenti. Di fronte all’ennesimo rifiuto dell’amministrazione, abbiamo deciso di rompere il tavolo e convocare un’assemblea. I 128 lavoratori presenti hanno votato all’unanimità l’attivazione dello stato di agitazione e – concludono i sindacalisti di Fp Cgil e Cisl Funzione pubblica Emilia Centrale – la messa in campo di tutti gli strumenti che si rendessero necessari al fine di raggiungere gli obiettivi proposti».

LA NOTA DELLA CGIL

Un’assemblea di lavoratrici e lavoratori, straordinariamente partecipata, svolta lo scorso 18 ottobre (in foto) ha votato all’unanimità l’apertura dello stato di agitazione dei lavoratori nei confronti dell’Unione dei Comuni Modenesi Area Nord, confermando il pieno e totale sostegno alle posizioni delle Organizzazioni Sindacali che pochi giorni prima avevano rotto il tavolo di trattativa per il rinnovo del contratto decentrato degli oltre 200 lavoratori dell’Unione, quali educatori, polizia locale, assistenti sociali, amministrativi, ecc…

Dopo mesi di discussioni infruttuose, infatti, i sindacati Fp Cgil e Fp Cisl, unitamente alle Rsu di Cgil, Cisl, Diccap Sulpm, hanno infatti deciso di interrompere la trattativa di fronte all’indisponibilità dell’amministrazione a qualunque apertura utile a costruire condizioni economiche realmente eque per i lavoratori, ma solo al sostanziale mantenimento delle condizioni in essere.

“Condizioni però non più accettabili da parte dei dipendenti – sostengono Andrea Santoiemma Fp Cgil e Sabrina Torricelli Fp Cisl – perché negli anni, la mancanza di volontà da parte dell’amministrazione ad affrontare problemi più volte segnalati, ha portato oltre a grandi disagi organizzativi, anche ad un calo delle indennità di produttività dei dipendenti, tanto da non rispettare nell’ultima erogazione, neppure i minimi stabiliti nei contratti decentrati degli anni precedenti, senza peraltro nemmeno informare preventivamente i sindacati”.

A questo si aggiunge l’assoluta impossibilità, se non ci saranno importanti cambiamenti, di riconoscere ai lavoratori le progressioni orizzontali, ovvero quei miglioramenti economici assimilabili agli scatti di anzianità del privato. Tale mancata risposta risulta particolarmente grave di fronte al fatto che tali aumenti risultano bloccati, per l’insieme dei lavoratori, da moltissimi anni e che addirittura 92 di loro, anche con grande anzianità lavorativa, risultano ancora inquadrati al minimo contrattuale.
Ad aggravare ulteriormente la situazione però, è che tutto questo non è dovuto solo alla generale carenza di risorse, che pur esiste, bensì anche alle esplicite scelte dell’Amministrazione che non ha rinunciato a continuare ad alimentare il fondo per le Posizioni Organizzative (figure apicali dotate di potere direttivo). Queste figure, dotate di indennità aggiuntive alla retribuzione, nel tempo sono cresciute di numero fino a raggiungere l’esorbitante quota di 29 persone su poco più di 200 dipendenti assorbendo risorse pari a 367.000 euro contro gli 816.000 euro del fondo per i 207 dipendenti. Nonostante questa situazione, le proposte dell’Amministrazione si sono concentrate solo sulle già magre indennità di educatori, autisti, ausiliarie e cuoche al fine di aumentarle o diminuirle di poche decine di euro annue.

Diversamente, la richiesta delle Organizzazioni Sindacali è stata fin dal principio di aprire ad una contrattazione che per ovvi motivi quantitativi e di equità dovesse rivedere anche il fondo delle Posizioni Organizzative ed una coerente riorganizzazione dei servizi al fine di rispondere alle evidenti problematiche organizzative di un ente dove è fortissima e palpabile l’insoddisfazione dei dipendenti.

Di fronte all’ennesimo rifiuto dell’amministrazione ad agire in questo senso, le Organizzazioni sindacali hanno deciso di rompere il tavolo e di convocare un assemblea che alla presenza di 128 lavoratori, con uno straripante consenso ha votato all’unanimità l’attivazione dello stato di agitazione e la messa in campo di tutti gli strumenti che si rendessero necessari al fine di raggiungere gli obiettivi proposti.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Luciano Ligabue al Vox di Nonantola, sul palco in silenzio per salvare la musica live
    Luciano Ligabue al Vox di Nonantola, sul palco in silenzio per salvare la musica live
    E' il messaggio lanciato con un video pubblicato su Facebook ad un anno dallo stop alla musica dal vivo con il pubblico.[...]
    Le mascherine trasparenti di Mirandola sbarcano a Sanremo 2021
    Le mascherine trasparenti di Mirandola sbarcano a Sanremo 2021
    Le indossano, tra gli altri, quelli de La strana coppia di Radio Bruno. Sono prodotte da Renometal e commercializzate dalla mirandolese Encaplast [...]
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Una grossa branca della chioma si è troncata, probabilmente a seguito del peso della neve caduta durante l’inverno [...]
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    L'emergenza sanitaria mette in crisi Aquaragia, storica realtà associativa mirandolese. Quale futuro per il circolo? Ne discutiamo con Roberto Ganzerli. [...]
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Nota di Irene Salvaterra sul progetto “A scuola in natura” a cura del CEAS La Raganella[...]
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    "Body painting significa essenzialmente vestirsi di emozioni diverse, le quali, trasposte cromaticamente sul corpo dell'interprete, si trasformano in arte": è così che Letizia Borella, mirandolese classe 1985, ci introduce ai segreti di quella che lei definisce "un'arte effimera".[...]
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Sui loro social hanno mostrato in una gallery i travestimenti dei cittadini[...]
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie viene nominata Property n.1 al Mondo del mercato del giocattolo per il 2020 [...]
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Il Pool Comitati, che raggruppa diverse organizzazioni attente alle tematiche legate all'ambiente e in particolare, relative al fiume Secchia ha diffuso un nuovo episodio di Good Morning Secchia[...]
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    "Factory MAT75 è un progetto che coinvolge giovani artisti che vogliono rappresentare la storia di questo mondo", spiega Alessandro Bonacorsi[...]