Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

L’economia del nostro territorio e la crisi ai tempi di internet

Quello che alle aziende (non) dicono

14.000 famiglie nel nostro territorio hanno un’attività di “micro” dimensioni, ovvero con meno di 10 dipendenti, o “piccola” fino a 50, dove per “micro” e “piccola” si intendono nei termini del gergo economico, perché sappiamo tutti quanto grandi, in realtà, siano nel loro impatto su chi ci lavora. Un rapido censimento ne conta circa 9.000 dirette al pubblico, 2.500 agricole, 2.500 di tipo industriale: di queste ultime 4/500 possono essere di piccole e medie dimensioni, il resto micro ma significative officine di lavorazione.
Questo quadro coinvolge almeno 30/40.000 famiglie e, in termini di singoli individui, indicativamente 80/90.000 persone. Questa bacino è all’interno di una demografia territoriale di circa 160/170.000 abitanti, all’interno dei comuni di cui ci occupiamo. Insomma: tra Panaro e Secchia, di fatto la metà circa della popolazione residente ha a che a fare con le attività commerciali, di qualunque tipo. E’ la loro vita, la nostra vita, perché è l’economia del nostro territorio e, di conseguenza, si parla di servizi e quotidianità: ecco perché le nostre aziende, a noi, interessano.

Cosa sta accadendo alle attività?

Oggi a caratterizzare il saldo negativo delle attività tra nate e cessate (il saldo negativo è certificato dal censimento CCIAA: 871 nuove iscritte contro 1080 cessate da gennaio a giugno 2019) non è più un effetto primario dell’implosione economica mondiale iniziata oltre quindici anni fa e conclamata solo a fine 2008. Non c’è solo la “crisi”, ma qualcosa di diverso. Cosa?
Considerando che in economia una “crisi” ha un ciclo complessivo globale di “rigenerazione” di circa 25 anni, ad oggi oltre una quindicina sono già andati, pertanto la contemporaneità è più vicina al compimento del processo che alla sua genesi. Questo significa che chi ha un’attività oggi o è sopravvissuto allo tsunami o è nato dopo il suo passaggio. Senza contare che il nostro territorio ha dovuto anche fare i conti, contestualmente, con il sisma e le sue conseguenze.
Ciò vuol dire che chi ha un’attività opera in un contesto che è configurato dal nuovo status, il day after, diverso dal precedente sostanzialmente sotto due aspetti:
1) la diminuzione drastica della capacità di spesa pro capite
2) l’esplosione esponenziale di Internet, sul quale la presenza effettiva è passata dai 2 miliardi e poco più di persone nel 2012 agli oltre 5 miliardi di oggi. Un aumento esponenziale anche di siti pubblicati: dai circa 700 milioni del 2012 ai quasi 2 miliardi di oggi.

Questo significa che la guerra commerciale sul web è spietata: si cerca su internet, si trova su internet. Solo che non ce n’è abbastanza per tutti, perché da un lato si trova un bacino di consumatori con capacità di spesa drasticamente ridotta, dall’altro l’utente singolo che oggi “vive” su internet può essere raggiunto da chiunque ne sia capace. Ecco, appunto: l’uomo più ricco al mondo attualmente è il signor Amazon. Non è un caso.

Perché è obbligatorio essere online

Internet è dove vivono le persone oggi, internet è dove deve essere presente un’attività, qualunque essa sia, è fin troppo banale la consequenzialità, ma è qui che si origina la causa della costante chiusura di attività, oggi a livelli che tutti dicono preoccupanti ma che ancora sono nulla in confronto a ciò che si sta sviluppando.
D’accordo allora, bisogna essere online. Qui però si assiste ad una semplificazione… semplicistica e autolesionista. A volte ci si ferma all’idea di esserci e basta. Come? Grazie a un figlio capace a smanettare, a un amico bravo, al me lo faccio da solo. O, ancora, a chi promette di farci essere i primi su Google, di aumentarci il fatturato o regalarvi migliaia di clienti grazie a Facebook. Tanti ce la vendono facile. Troppo facile.

Perché solo il 20% delle imprese è “realmente” on line?

La percezione generale, sopratutto delle piccole attività, rispetto alla realtà è troppo sfocata, nebulosa, perché è osservata da troppo lontano, e questo fa sì che solo il 18/20% siano “realmente” online.
Meglio guardarla da qui:
– se ci sono quasi 2 miliardi di siti pubblicati,
– se ogni giorno ci sono 6 miliardi di ricerche,
– se chi gestisce il 99% delle ricerche risponde ad ognuna in un tempo inferoire a mezzo secondo,
di quale livello di complessità saranno gli algoritmi di ricerca?

sonOnline è un servizio interamente gratuito e destinato alle realtà del nostro territorio, realizzato in collaborazione e con il patrocinio di sulPanaro.net, la Testata Giornalistica Online della Bassa Modenese.
Accesso libero ogni lunedì dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 18 presso NetSet, la nostra struttura web, in via dei Mestieri 165 a San Felice sul Panaro.

LEGGI ANCHE

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Dall'emergenza sanitaria all'emergenza occupazionale
Sono in corso in questi giorni alcune misure per contrastare il danno occupazionale. Tra le misure: incentivi per far ripartire le assunzioni stabili, meno paletti sui contratti a termine, nuove risorse per la Cig e detassazione degli aumenti dei Ccnl.leggi tutto
Glocal
BTP Futura, il primo titolo di Stato interamente dedicato ai risparmiatori retail
Il Governo presenta una vera e propria novità per i risparmiatori italiani particolarmente affezionati ai titoli di Stato: il BTP Futura. Un nuovo Titolo di Stato dedicato esclusivamente ai risparmiatori individuali.leggi tutto
Glocal
Covid-19: call di Civic Action per le migliori pratiche di senso civico
Civic Action va alla ricerca di tutte quelle esperienze e pratiche che hanno il potenziale per svilupparsi anche dopo l’emergenza, per costituire la base di un nuovo e più robusto tessuto civico.leggi tutto
Glocal
Quali Paesi danno il meglio nella lotta al Covid-19
Una ricerca realizzata da ECV, classifica gli Stati colpiti dal virus in tre categorie: Winning (vincenti), Nearly there (quasi arrivati) e Need action (bisogno di azione).leggi tutto
Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protetteleggi tutto
Glocal
Covid-19: i provvedimenti dell'UE per il rilancio dell'economia
La Commissione europea ha predisposto un piano che non ha precedenti: oltre 1.000 miliardi di euro per assistere imprese e famiglie nel contrasto al Covid19.leggi tutto
Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienzaleggi tutto
Glocal
Covid19: i Paesi con la migliore Sanità al mondo
La pandemia del virus Covid19 sta mettendo in crisi Paesi che vantano sistemi sanitari considerati tra i più eccellenti e performanti del mondo.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - L'autismo ai tempi del Coronavirus
    Intervista a Cristina, mamma di Francesco e Lorenzo.[...]

    Curiosità

    Finale Emilia, torna alla Chiesa del Seminario lo "Sposalizio di Santa Caterina"
    Finale Emilia, torna alla Chiesa del Seminario lo "Sposalizio di Santa Caterina"
    In occasione della festa di San Zenone che si terrà giovedì 9 luglio ore 21, presso il Chiostro del Seminario, i cittadini potranno contemplare l'opera[...]
    Giugno 2020, mese mite e tanto piovoso: è caduta tanta pioggia come in 4 mesi
    Giugno 2020, mese mite e tanto piovoso: è caduta tanta pioggia come in 4 mesi
    “In giugno, in bene o in male, c'è sempre un temporale”, questo proverbio riepiloga il bilancio meteo del mese appena trascorso[...]
    Coronavirus, il grande cuore degli emiliano-romagnoli: donati alla sanità quasi 70 milioni di euro
    Coronavirus, il grande cuore degli emiliano-romagnoli: donati alla sanità quasi 70 milioni di euro
    Ora la grande generosità dei donatori viene raccolta e ‘raccontata’ in un sito, “Donazioni” [...]
    Coronavirus e il distretto del biomedicale in prima linea, è uscito il libro che racconta quei giorni
    Coronavirus e il distretto del biomedicale in prima linea, è uscito il libro che racconta quei giorni
    Scritto da Alberto Nicolini e dalla redazione di Innovabiomed Magazine racconta la storia del Distretto Biomedicale Mirandolese, e della sua straordinaria risposta all'emergenza Covid-19[...]
    Aceto Balsamico di Modena e McDonald's, la partnership continua con le nuove McChicken Variation
    Aceto Balsamico di Modena e McDonald's, la partnership continua con le nuove McChicken Variation
    Due nuovi panini all’insegna di innovazione, attenzione alla valorizzazione del gusto e del territorio italiano, passione per ingredienti di qualità[...]
    Il 2019 anno caldo, piovoso e pericoloso, con 133 allerte Protezione Civile
    Il 2019 anno caldo, piovoso e pericoloso, con 133 allerte Protezione Civile
    Il bilancio dell'anno passato, che indica lo sviluppo futuro, con temperature sempre più calde. Online il Rapporto Idrometeoclima di Arpae[...]
    Il balletto delle tasse a Medolla: vanno su, vanno giù ma alla fine il cittadino paga di più
    Il balletto delle tasse a Medolla: vanno su, vanno giù ma alla fine il cittadino paga di più
    L'ultimo taglio delle imposte comunali non copre il corposo aumento che c'era stato appena sei mesi fa[...]