Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Cispadana, la Regione cambia idea e commissiona un nuovo studio costi-benefici

Fermi tutti, il progetto della Cispadana non va più bene. La Regione cambia idea e commissiona un nuovo studio costi-benefici. Quanto fatto finora si mette nel cassetto, e per avere un’opera attesa da decenni, condivisa con le parti sociali e con i territori, sulla quale la Regione è pronta a investire altri 100 milioni di euro bisognerà aspettare ancora.

I 100 milioni di euero servono a pagare una analisi di sostenibilità del progetto definitivo su tutti gli aspetti – ambientale, sociale e dei costi – per arrivare poi alla validazione definitiva del progetto stesso.

Progetto definitivo della Cispadana adeguato alle prescrizioni della Valutazione di Impatto Ambientale e cronoprogramma verso il cantiere illustrati a Bologna a imprese, sindacati, enti locali, università, associazioni del Terzo settore riunite nel Patto per il lavoro, dal presidente della Regione, Stefano Bonaccini, dal vicepresidente e assessore ai Trasporti e Infrastrutture, Raffaele Donini, dall’amministratore delegato di Autostrada del Brennero Spa, Diego Cattoni, e dal direttore tecnico generale, Carlo Costa, e dal presidente di Arc Spa, Graziano Pattuzzi.

“Abbiamo condiviso con il Patto per il Lavoro un passaggio importante- affermano il presidente Bonaccini e il vicepresidente Donini– con la presentazione del progetto di un’opera, la Cispadana, con la quale collegare in modo diretto e veloce il nostro territorio con il Brennero e il Nord Europa, vincendo la sfida della competizione globale e riducendo fortemente l’inquinamento e il traffico nei centri abitati. Progetto che è stato rivisto e che comprende ora rilevanti interventi di mitigazione. Ora- proseguono- di fronte alla positiva volontà di Autobrennero di ricapitalizzare la società Arc, incaricata della progettazione e realizzazione dell’opera, e all’ulteriore investimento di 100 milioni di euro che come Regione siamo pronti a fare per assicurare l’equilibrio economico-finanziario e di gestione, coerentemente con ciò che abbiamo sempre fatto avvieremo una analisi di sostenibilità ambientale, sociale ed economica dell’intero progetto. Stiamo sbloccando opere ferme da troppo tempo- chiudono Bonaccini e Donini– e lo facciamo in maniera condivisa con territori e parti sociali, con l’obiettivo di garantire crescita sostenibile e buona occupazione”.

Il progetto

Da Reggiolo-Rolo, nel reggiano, a Ferrara in 40 minuti, la metà del tempo che occorre ora. Con una riduzione stimata del -35% dei costi tra carburante e pedaggio e un abbassamento del -4% delle polveri sottili e del -13% degli ossidi di azoto grazie anche agli 11 mila camion in meno che circoleranno nei centri abitati.

È la nuova Cispadana secondo il progetto presentato oggi in Regione al Patto per il Lavoro. 65,7 Km di tracciato per collegare l’Autostrada del Brennero (A22) alla Ferrara-Padova (A13) e da qui al mare con il raccordo alla superstrada Ferrara-Porto Garibaldi.

Un’opera sulla quale la Regione ha investito quasi 180 milioni di euro, che ora, attraversando le province di Reggio Emilia, Modena e Ferrara, potrà soddisfare le esigenze di mobilità dell’area nord-orientale dell’Emilia-Romagna, con un ridotto impatto ambientale.

 

Le opere di mitigazione

Il progetto presentato oggi è frutto di una programmazione articolata che ha avuto come obiettivo strategico quello di armonizzare l’infrastruttura coi territori che la attraversano.

Imponenti le opere di mitigazione previste a partire dai 61 km di piste ciclabili, i 514.700 mila metri quadrati di interventi con funzione naturalistica e i 756.600 metri quadrati di interventi di inserimento paesaggistico, fino ai 158.600 metri quadrati di boschi e arbusti filtro, i 12 km di siepi e filari di compensazione agroambientale e i 20 mila metri quadrati di parco intercomunale.

Altro capitolo importante è quello dedicato alla sicurezza con i 140 km di sistema antinebbia con guida luminosa a led e gli 1,7 milioni di metri quadrati di pavimentazione drenante fonoassorbente, cui si aggiungono 2.380 metri di ponti e viadotti, 52 opere di scavalco, 20,3 km di barriere antirumore per la protezione acustica.

I commenti politici

Andrea Bertani, capogruppo regionale del MoVimento 5 Stelle, commenta l’annuncio della Regione sulla realizzazione di un’analisi costi-bonifici per l’autostrada regionale. “Evidentemente con i nostri dubbi abbiamo fatto breccia”.

 

“L’annuncio della volontà da parte della Regione di effettuare un’analisi costi-benefici sulla Cispadana è una buona notizia perché conferma quello che il M5S sostiene da sempre, ovvero che si tratta di un’opera troppo costosa per gli eventuali vantaggi che potrebbe comportare”. È il commento di Andrea Bertani, capogruppo regionale del MoVimento 5 Stelle dopo l’annuncio da parte della Regione Emilia-Romagna effettuerà una valutazione costi-benefici sul progetto dell’autostrada regionale per collegare l’A22 Modena-Brennero all’A13 Bologna-Padova. “Quella di una valutazione seria che prendesse in esame oltre ai costi esorbitanti, anche l’impatto in termini ambientali che quest’opera avrà da Reggio Emilia a Ferrara, è stata da sempre una delle nostre richieste avanzate in questi anni in Assemblea Legislativa – aggiunge Andrea Bertani – Adesso finalmente, e dopo tutti i no che abbiamo incassato alle nostre risoluzioni, ordini del giorno ed emendamenti che hanno provato ad aprire una breccia nella ferrea volontà della Regione di aprire i cantieri di quest’opera, si sottoporrà la Cispadana almeno a una valutazione complessiva che speriamo sia oggettiva e non politicamente schierata. Come abbiamo sempre sostenuto ci sono delle alternative valide alla realizzazione di quest’autostrada, e la prima è sicuramente quella di ammodernare il tratto esistente e trasformarlo in una superstrada a scorrimento veloce senza pedaggio. Essere passati dalla ‘Cispadana a tutti i costi’ ad un’analisi dettagliata dell’opera, anche davanti ai tanti dubbi che abbiamo sollevato sul reperimento dei fondi, è per noi – conclude il capogruppo regionale del MoVimento 5 Stelle – un fatto positivo. Finalmente si mette in discussione quest’opera”.

GALLI (FI): ‘ANALISI COSTI-BENEFICI SULLA CISPADANA, COSÌ BONACCINI PUNISCE LE IMPRESE PER INGRAZIARSI I 5 STELLE’
“Un’opera attesa da decenni, pretesa dal mondo delle imprese e dal territorio che ora viene messa in discussione dal Pd di Bonaccini, terrorizzato di perdere le elezioni, per ingraziarsi i 5 Stelle”. A parlare è il capogruppo di Forza Italia in Regione Andrea Galli. “L’annuncio di oggi di Donini e Bonaccini suona come una beffa rispetto a chi da tempo immemore chiede venga realizzata la Cispadana. La giunta regionale dopo aver chiesto a gran voce di fare presto e di procedere col cantiere, scopre ora, a due mesi dal voto, che serve una analisi del progetto definitivo prima di procedere coi lavori e, di fronte a questo incredibile annuncio, i 5 Stelle cantano vittoria per quello che di fatto è lo stop al progetto” – continua il capogruppo di Forza Italia. “Il Pd è nel caos più completo e pur di racimolare qualche consenso è pronto a tradire quanto promesso ripetutamente da anni. Forza Italia ha le idee chiare: quella strada serve e, così come la Bretella Campogalliano-Sassuolo, deve essere realizzata in tempi brevi. Ogni pretesto per ritardare l’avvio del cantiere è una autentica presa in giro e noi non lo permetteremo. Il 26 gennaio si avvicina e garantiamo agli emiliano romagnoli che con il centrodestra al governo dell’Emilia Romagna non ci sarà spazio per le pretese fintamente ambientaliste di chi vuole bloccare l’economia del Paese e della Regione”.
Cispadana, Lugli: Bonaccini porti subito in aula il piano trasporti”

“La valutazione costi-benefici dell’autostrada Cispadana è negativa” e l’ha già fatta il ministero dell’ambiente imponendo “oltre 200 prescrizioni ad un progetto sbagliato”, sentenzia il candidato a presidente della Regione de l’Altra Emilia Romagna Stefano Lugli. Ancora: “E’ insostenibile ambientalmente, ed irrealizzabile economicamente”.

Ed è davvero “surreale” che ora il presidente Bonaccini proponga per l’autostrada Cispadana “una valutazione costi-benefici” dopo averla inserita nel piano regionale dei trasporti adottato a luglio ed “in attesa di essere approvato definitivamente dall’assemblea legislativa”.

La bassa modenese e l’alto ferrarese “hanno bisogno di una strada a scorrimento veloce”, connessa con i poli industriali “senza devastare i centri storici”, ed ogni giorno perso ad “inseguire l’autostrada allontana il territorio”, che ha subito il sisma del 2012, “dalla viabilità che merita”.

“Invito il presidente a portare in aula il piano dei trasporti” per l’approvazione definitiva “prima della scadenza del mandato”, depurandolo di tutte le grandi “opere inutili” come l’autostrada Cispadana, la bretella Campogalliano-Sassuolo e la Ti.Bre, “destinando le relative risorse alla mobilità sostenibile e al trasporto su ferro”. Se non lo farà “la proposta di analisi costi-benefici per l’autostrada Cispadana si svelera’ essere solo una mossa elettorale di corto respiro”.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto
Glocal
Dall'emergenza sanitaria all'emergenza occupazionale
Sono in corso in questi giorni alcune misure per contrastare il danno occupazionale. Tra le misure: incentivi per far ripartire le assunzioni stabili, meno paletti sui contratti a termine, nuove risorse per la Cig e detassazione degli aumenti dei Ccnl.leggi tutto
Glocal
BTP Futura, il primo titolo di Stato interamente dedicato ai risparmiatori retail
Il Governo presenta una vera e propria novità per i risparmiatori italiani particolarmente affezionati ai titoli di Stato: il BTP Futura. Un nuovo Titolo di Stato dedicato esclusivamente ai risparmiatori individuali.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Da Berlino a Finale per visitare le Meleghine
    Da Berlino a Finale per visitare le Meleghine
    Paolo Saletti ha condiviso sul proprio profilo Facebook un incontro curioso e inaspettato avvenuto durante un sopralluogo alle Meleghine[...]
    Alessandro Bergonzini, la passione per la storia al servizio della narrazione
    Alessandro Bergonzini, la passione per la storia al servizio della narrazione
    Intervista all'autore di Camposanto de "Nel giardino della salamandra" e "Naamah"[...]
    Il coraggio di cambiare lavoro, la storia di Arianna Gamberini
    Il coraggio di cambiare lavoro, la storia di Arianna Gamberini
    Si è messa in proprio come consulente di immagine lasciando il posto da dipendente: l'esperta di lavoro Francesca Monari l'ha intervistata[...]
    Sono arrivati i fenicotteri nelle valli mirandolesi
    Sono arrivati i fenicotteri nelle valli mirandolesi
    Sono stati immortalati in tutta la loro bellezza da Raffaele Gemmato mentre facevano sosta nella Bassa nel loro lungo volo verso Sud[...]
    Unimore nella classifica Times Higher Education 2021
    Unimore nella classifica Times Higher Education 2021
    l giudizio complessivo della rivista britannica assegna all’ateneo emiliano una posizione di classifica compresa tra 401 e 500 a livello mondiale[...]
    Anime Manga, a Modena la mostra con le storie di maghette, calciatori e robottoni
    Anime Manga, a Modena la mostra con le storie di maghette, calciatori e robottoni
    Fondazione Modena Arti Visive ospita dal 12 settembre al 10 gennaio[...]
    Bronzo per il sanfeliciano Francesco Calì al campionato italiano Juniores su strada
    Bronzo per il sanfeliciano Francesco Calì al campionato italiano Juniores su strada
    Per Francesco, la conferma di un ottimo stato di forma a una settimana dalle ottime performance fatte registrare al Giro del Friuli[...]
    "21 lettere": la scommessa controcorrente della casa editrice indipendente di Soliera
    "21 lettere": la scommessa controcorrente della casa editrice indipendente di Soliera
    Fondata da Alberto Bisi, propone sei titoli l'anno, una copertina scevra da inutili descrizioni e trame, un logo in negativo e temi tra i più disparati[...]