Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Da X Factor agli Skiantos, passando tra blues e pop. Da Cavezzo ecco Nevruz, che pubblica il suo nuovo album

CAVEZZO – Da X Factor agli Skiantos, passando tra blues e pop. Da Cavezzo ecco Nevruz, che pubblica il suo nuovo album. Si intitola “Il mio nome è nessuno” il terzo e ultimo album di Nevruz. Il nuovo progetto discografico del versatile cantautore di Cavezzo – prodotto da Alberto Benati e pubblicato dalla Molto Recording – contiene 18 tracce inedite. Una tracklist poliedrica e una miscela esplosiva di generi musicali: dal rock al jazz passando per il blues e il pop.

Nevruz Joku è un personaggio eccentrico: capelli lunghi, una folta barba e un bizzarro turbante che non abbandona mai. I più lo ricorderanno per aver partecipato alla quarta edizione della trasmissione musicale X Factor dove, scelto da Elio e le storie Tese per la categoria under 25, si è aggiudicato il terzo posto.

Nevruz, che vive a Cavezzo, è un asceta del duro lavoro e della vita solitaria. Lo abbiamo incontrato lontano dai glitterati palchi televisivi e abbiamo trovato un portentoso vulcano di idee e nuovi progetti.

 Cominciamo con una curiosità, qual è l’origine del tuo nome?

Sono di sangue misto: mio padre è un batterista zigano del Kosovo e mia madre ha origini casertane. I nonni paterni avevano discendenze turche e kurde. Di mio nonno, in particolare, so che era un medico di Kobane e che si chiamava Nevruz. Ho solo ereditato il suo nome.
Mio padre è stato completamento assente fin da quando ero piccino. Sono cresciuto con mia madre e con la sua famiglia, emigrata al nord, nella Bassa Modenese tra la metà degli anni ‘80 e gli anni ’90. Nevruz è comunque un nome importante per la cultura curda: il Newroz è l’equivalente del nostro Capodanno e viene celebrato il primo giorno di primavera, letteralmente “il nuovo giorno”.

Ai tuoi esordi con la band Water in face, hai calcato i palchi più importanti dell’entertainment italiani: dall’Arezzo Wave al Rolling Stones di Milano. Che ricordo hai di quegli anni? 

Ho memoria di una fame “pesissima” in tutti i sensi e una grande spensieratezza dovuta alla nostra giovane età. Sicuramente dei bei ricordi. Un nostro concerto era una vera e propria esperienza tutte le volte: sia per noi che eravamo sul palco e sia per le persone che venivano ai nostri concerti. Dal niente assoluto ci siamo ritrovati, nello stesso anno, sui palchi più importanti del Rock.
Ricordo di aver abbandonato la casa famiglia dove abitavo e lavoravo come giardiniere, per inseguire il mio sogno e trasferirmi a Bologna. Con il denaro destinato alle tre caparre per una piccola stanza in affitto ho comprato una batteria Ludwig e, una volta rimasto senza soldi, ho dormito per qualche mese alla stazione di Castel Maggiore. Grazie all’aiuto economico di un amico di Funo siamo riusciti a registrare il nostro secondo Ep “13Hours” inviandolo ai concorsi dell’Heineken Jammin Festival e all’Arezzo Wave 2006 ottenendo i Main Stage di entrambe le competizioni. Proprio sul più bello, a un passo dal contratto con una major, dopo essere stati selezionati da Mario Riso per il Jack Daniel’s Tour 2007 e la possibilità di rappresentare l’Italia Indie Rock agli Mtv Awards il mio socio ha scelto, credo per semplici manie di protagonismo,  di sciogliere il gruppo e mollare il progetto. Ho perso così uno di quei treni che probabilmente passano una sola volta nella vita e tutto è finito in una ridicola azzuffata tra noi due.  Nel 2002 abbiamo tentato una reunion: ma a lavare la testa all’asino, si perde il tempo e il sapone.

Il tuo percorso artistico è costellato di competizioni:la partecipazione a  X Factor, la vittoria a Sanremo Rock, il premio Tenco. Quanto e come hanno influito sulla tua produzione musicale?

Sicuramente mi hanno motivato moltissimo: soprattutto in un percorso fatto di cadute, fallimenti e insuccessi. Ho cercato di tracciare un percorso artistico autentico, con un’identità tutta mia. Correndo il rischio di non piacere necessariamente a tutti.

Sulla tua pagina Facebook hai definito X Factor un “reality distruttivo per i talenti italiani”. E’ un percorso che quindi non consiglieresti a un cantante emergente? 

Il mio è stato uno sfogo in un periodo molto buio. Era un attacco al sistema che si celava dietro ai talent in generale, basandomi anche su quella che è stata la mia esperienza a x Factor.
Subito dopo la mia partecipazione al talent, infatti, la Sony mi aveva proposto una collaborazione come interprete: io avevo però l’esigenza di far uscire un primo album con pezzi scritti e composti da me. Elio e le storie Tese hanno scelto di sostenermi in quel momento producendo con la loro etichetta indipendente Hukapan il mio disco “La casa e gli spiriti perduti”. Di fronte alla possibilità di scegliere tra “fare la mia arte” e il “passivo interprete” ho scelto la prima, rinunciando a un contratto con la Sony. Questo per dire che, se finito il talent, un artista non ha la possibilità di esprimere la propria arte mettendo la propria voce al servizio esclusivo dell’azienda questo è un approccio deleterio per l’arte stessa. Spero che negli anni le cose si siano evolute.

Hai vissuto in prima persona il dramma del sisma nella Bassa Modenese del 2012 che ha distrutto la casa dove vivevi a Cavezzo. Come ti sei ripreso da questa terribile esperienza?

Come ho sempre fatto nella mia vita: rimboccandomi le maniche e ricominciando da zero. Non è stato affatto facile, per me fu devastante su molti fronti. Chi conosce la mia storia e il mio vissuto sa bene quanto fosse importante per me quel luogo. La casa, comunque, mi è stata riconsegnata soltanto quest’anno.

Hai dichiarato che nei tuoi lavori ti “Lasci contaminare” il più possibile. In realtà sei davvero un artista eclettico: regista di videoclip, ideatore di una particolare chitarra che fa da chitarra elettrica, da basso elettrico e da sinthe, e anche un’esperienza a teatro. Quanto è importante per te sperimentare?

Sperimentare per me non è importante: è semplicemente l’unico linguaggio che conosco

Che rapporto hai con la Bassa Modenese?

Un rapporto di amore e odio, un po’ come tutte le relazioni sincere e passionali. Mi considero un uomo di mondo, ma qui in Emilia ho posato le mie radici amando profondamente anche le mie origini campane e curde. Poi chissà dove possa arrivare il mio albero genealogico (ride).

Ho affondato le mie radici a Cavezzo con quella libertà che contraddistingue un po’ tutti gli esseri umani di sangue misto che non hanno, per natura, confini. Soprattutto nella mente.

 Quali progetti hai per il tuo futuro?

Da qualche anno, insieme all ’associazione Trame 2.0 di Modena porto avanti il progetto La voce che cura” un laboratorio di canto armonico che, negli anni, ha avuto sempre più successo e un numero di partecipanti in continua crescita. Ho intrapreso anche la strada dell’insegnamento di canto – pop, rock e sperimentale – sia nelle scuole con dei progetti didattico musicali (come ad esempio il corso “educazione fisica del suono” rivolto ai giovani diversamente abili) che con workshop, seminari e lezioni di canto individuali o di gruppo. Questa per me è la base solida lavorativa che mi permette di portare avanti parallelamente i miei sogni.
Dopo la vittoria di Sanremo Rock, da novembre 2018, è iniziata una collaborazione con gli Skiantos (inventori del genere rock demenziale). Un sodalizio che si è nel tempo solidificato tanto da tentare un tour estivo che mi ha visto cantante del gruppo. Non è stato facile prendere il testimone del grande Freak Antoni (fondatore e storico frontman della band, una delle massime voci della controcultura degli anni ’70 e grande amico del fumettista Andrea Pazienza) ma sono stato accolto da tutti con grande affetto e io non ho fatto altro che mettere a disposizione le mie corde vocali per il progetto più “cult e dadaista” nella storia della musica italiana. Con loro il prossimo concerto è sabato 7 dicembre al Tpo di Bologna.
Il 2020, poi, sarà sicuramente segnato dal tour vinto grazie al premio Bindi: 8 date in 8 città italiane presentando il mio ultimo album Il mio nome è nessuno”.

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto
Glocal
Dall'emergenza sanitaria all'emergenza occupazionale
Sono in corso in questi giorni alcune misure per contrastare il danno occupazionale. Tra le misure: incentivi per far ripartire le assunzioni stabili, meno paletti sui contratti a termine, nuove risorse per la Cig e detassazione degli aumenti dei Ccnl.leggi tutto
Glocal
BTP Futura, il primo titolo di Stato interamente dedicato ai risparmiatori retail
Il Governo presenta una vera e propria novità per i risparmiatori italiani particolarmente affezionati ai titoli di Stato: il BTP Futura. Un nuovo Titolo di Stato dedicato esclusivamente ai risparmiatori individuali.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Massimo Bottura nominato ambasciatore dell'Onu contro lo spreco alimentare
    Massimo Bottura nominato ambasciatore dell'Onu contro lo spreco alimentare
    "Ho avuto la fortuna di vivere la vita che avevo sempre sognato", ha dichiarato il neo ambasciatore modenese[...]
    A Mirandola la laicità dello Stato resta un valore? - LA RIFLESSIONE
    A Mirandola la laicità dello Stato resta un valore? - LA RIFLESSIONE
    La Giunta leghista all'inaugurazione della nuova sede dei Vigili Urbani ha invitato un cardinale anticomunista. Attorno a lui si è svolta gran parte della cerimonia[...]
    Modena Motor Gallery, una scommessa vinta
    Modena Motor Gallery, una scommessa vinta
    La manifestazione motoristica torna a far battere forte il cuore degli appassionati e dei semplici curiosi[...]
    Pit, dalla Spagna a Modena, cane antidroga al servizio della Polizia Locale
    Pit, dalla Spagna a Modena, cane antidroga al servizio della Polizia Locale
    Il sindaco Gian Carlo Muzzarelli al Comando per augurare buon lavoro alla nuova Unità cinofila che sarà impiegata anche nell’ambito del progetto Scuole sicure[...]
    Consiglieri comunali indisciplinati a Finale, la reprimenda del presidente Saletti
    Consiglieri comunali indisciplinati a Finale, la reprimenda del presidente Saletti
    In nemmeno un anno che siede sullo scranno più importante dell'assise ne ha visto di tutte i colori[...]
    La compagnia delle Mo.re torna in scena: da Nonantola, Ravarino e Bomporto ai teatri emiliani
    La compagnia delle Mo.re torna in scena: da Nonantola, Ravarino e Bomporto ai teatri emiliani
    Il cast è formato da ragazzi e ragazze,guidati dal fondatore Maicol Piccinini, di Nonantola[...]
    Le immagini più belle di #EViaggioItaliano, il tour nazionale su veicoli elettrici
    Le immagini più belle di #EViaggioItaliano, il tour nazionale su veicoli elettrici
    Il progetto che rilancia il turismo sostenibile per valorizzare il patrimonio enogastronomico, culturale e imprenditoriale italiano[...]
    Da Berlino a Finale per visitare le Meleghine
    Da Berlino a Finale per visitare le Meleghine
    Paolo Saletti ha condiviso sul proprio profilo Facebook un incontro curioso e inaspettato avvenuto durante un sopralluogo alle Meleghine[...]
    Alessandro Bergonzini, la passione per la storia al servizio della narrazione
    Alessandro Bergonzini, la passione per la storia al servizio della narrazione
    Intervista all'autore di Camposanto de "Nel giardino della salamandra" e "Naamah"[...]
    Il coraggio di cambiare lavoro, la storia di Arianna Gamberini
    Il coraggio di cambiare lavoro, la storia di Arianna Gamberini
    Si è messa in proprio come consulente di immagine lasciando il posto da dipendente: l'esperta di lavoro Francesca Monari l'ha intervistata[...]