Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
SulPanaro Expo SulPanaro Expo

I neonati prematuri hanno rischio doppio di ammalarsi rispetto ai nati a termine

MIRANDOLA – I neonati prematuri hanno rischio doppio di ammalarsi rispetto ai nati a termine. I neonati pre-termine presentano un rischio maggiore di contrarre infezioni batteriche rispetto a quelli a termine. Questi i risultati dello studio, coordinato dalla Neonatologia dell’Azienda ospedaliera di Modena, diretta da Alberto Berardi UNIMORE, pubblicato in questi giorni sulla rivista statunitense PLoS One.

Il centro modenese ha coordinato i punti nascita della Regione Emilia-Romagna, Mirandola compresa, in uno studio, condotto su oltre 146.000 neonati dal 2009 al 2012, a caccia di infezioni batteriche. Questo studio retrospettivo, effettuato quindi sul “passato” costituisce ad oggi la più grande indagine epidemiologica sul tema mai realizzata in Italia. L’indagine ha ricercato le infezioni batteriche dei bambini con un’età inferiore ai 90 giorni di vita e indagato la tipologia delle infezioni, i patogeni coinvolti, la severità delle malattie e le loro complicanze.

 

Dallo studio è emersa una particolare suscettibilità alle infezioni nei neonati di età gestazionali più basse (sotto 28 settimane o 1500 g). Rispetto ai neonati a termine, essi hanno un severo aumento del rischio di contrarre infezioni (oltre 100 volte) e di morire a causa di esse (rischio aumentato di oltre 800 volte). Tra i patogeni documentati, lo Streptococco B è risultato essere in Emilia-Romagna la prima causa di meningite nei bambini poco pretermine, mentre altri patogeni (Escherichia coli) sono risultati causa importante di decesso nei grandi pretermine.

 

Le infezioni batteriche – spiega il prof. Alberto Berardi di UNIMORE, Direttore della Terapia In-tensiva Neonatale del Policlinico di Modena – sono uno dei principali problemi neonatali. Esse colpiscono da 2 ad 8 per 1000 nati vivi e rappresentano tuttora una minaccia per la sopravvivenza e la qualità della vita dei neonati. Infatti, ad esse si associa un aumento del rischio di mortalità ed esiti neurologici a lungo termine, soprattutto nei neonati con età gestazionali più basse. Per questo motivo, nelle terapie intensive di tutto il mondo vengono attuate strategie per la prevenzione ed il controllo delle infezioni. Si tratta di un campo in continua evoluzione, che richiede un impegno continuo di tutto il personale, medico e non medico, attraverso una formazione continua e l’uso di tecniche innovative”.

 

Il prof. Berardi coordina il progetto di “Sorveglianza delle malattie invasive batteriche dei primi mesi di vita”, da alcuni anni finanziato dalla Regione Emilia-Romagna. Una rete di Ospedali delle regioni Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia e Puglia, unitamente ad altri ospedali del Nord e del Centro Italia, fornisce al centro coordinatore di Modena informazioni sulla tipologia delle infezioni neonatali e sulle misure di profilassi e terapia antibiotica attuate in ogni singolo caso.

 

In questi anni – ha concluso il prof. Berardi – l’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena ha investito molto nella prevenzione di queste infezioni che passa necessariamente attraverso una costante formazione degli operatori ed una corretta profilassi. I neonati prematuri accolti in una Terapia Intensiva Neonatale spesso non sono autonomi dal punto di vista respiratorio e non sono in grado di alimentarsi; per questo si rendono spesso necessarie procedure invasive (intubazione oro-tracheale, posizionamento di cateteri venosi centrali, ecc.) per supportare queste ed altre funzioni vitali. Queste procedure, tuttavia, seppur indispensabili, possono purtroppo rappresentare di per sé un fattore di rischio, soprattutto in questi pazienti, che sono maggiormente esposti a contrarre infezioni per le loro caratteristiche legate alla prematurità (cute sottile, scarsa barriera gastrica, deficit di anticorpi materni, leucopenia, ecc..): il loro utilizzo viene pertanto limitato al tempo strettamente necessario. Un altro tema importante della prevenzione delle infezioni è il corretto utilizzo degli antibiotici che, se usati indiscriminatamente, potrebbero favorire il diffondersi di germi resistenti. La nostra Regione da questo punto di vista è all’avanguardia perché, grazie alla rete delle Terapie Intensive Neonatali, coordinata dal Policlinico di Modena, ha creato strategie che guidano all’uso corretto degli antibiotici nei neonati”.

  

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017

Rubriche

Glocal
La responsabilità sociale fa bene ai conti aziendali
Il 74% degli italiani privilegia marchi aziendali che portano avanti azioni di valorizzazione delle diversità.leggi tutto
Glocal
L'economia del turpiloquio
Viviamo in una società dove il turpiloquio viene fin troppo (ab)usato come strumento per umiliare, opprimere e calpestare il prossimo, e che ha assunto un ruolo preponderante nella comunicazione tra gli individui.leggi tutto
Glocal
LA PAROLA AI MANAGER: l'Innovation Manager
Da alcuni giorni è stato pubblicato l’elenco dei consulenti dell’Albo del Mise per gli “Innovation Manager”.leggi tutto
Consigli di salute
Carie: un nemico silenzioso che può causare gravi malattie al cuore e ad altri organi
L’igiene orale? È più importante di quanto si possa immaginare. leggi tutto
Glocal
La parola ai manager: il Fractional Management
Il Fractional Manager non è che un Temporary Manager che in taluni casi opera part time.leggi tutto
Glocal
La parola ai manager: TEMPORARY MANAGEMENT, una opportunità per le PMI
Si può definire il TM come un manager a cui viene affidata la gestione temporanea di un determinato progetto, lavorando con un mandato operativo e integrandosi con la proprietà aziendale.leggi tutto
Consigli di salute
Insulino resistenza e alimentazione, il parere della dottoressa Federica Felicioni
L’invecchiamento stesso può predisporre alla insulino-resistenza con il conseguente aumento della glicemia.leggi tutto
Eco sisma bonus, tutto quel che bisogna sapere
Lo studio dell'architetto Malaguti di Concordia ci aiuta a capire cosa bisogna fare per ottenerlo.leggi tutto
Consigli di salute
Stress da rientro? L'alimentazione può dare una mano
Un’ importante strategia che consente di aumentare il livello di serotonina è effettuare un’attività fisica regolareleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchCome mandare via le cimici da casa, parla l'esperto
    • WatchLe sfogline trap di Mirandola
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Nido gigante al cimitero di Cavezzo, il web si mobilita e sentenzia: sono vespulae germanicae
    Nido gigante al cimitero di Cavezzo, il web si mobilita e sentenzia: sono vespulae germanicae
    Personale della ditta che ha in gestione le operazioni cimiteriali ha già provveduto a metterlo in sicurezza e rimuoverlo[...]
    A Gorghetto pescato un pesce siluro di oltre 2 metri
    A Gorghetto pescato un pesce siluro di oltre 2 metri
    Una volta fatta la foto di rito il pesce siluro è stato liberato[...]
    La piena del Panaro vista dal drone - FOTO E VIDEO
    La piena del Panaro vista dal drone - FOTO E VIDEO
    l Consorzio Bonifica Burana ha mandato in volo un drone per riprendere le immagini dell'ultima storica ondata di piena[...]
    A Medolla la parrocchia di Villafranca fa scuola: è la più seguita d'Europa su Instagram
    A Medolla la parrocchia di Villafranca fa scuola: è la più seguita d'Europa su Instagram
    Ha oltre 1200 fan digitali, niente male per una piattaforma web dove spopolano balletti e influencers, ricette e panorami [...]
    Alla Acetum Cavezzo 200 dipendenti a scuola di sicurezza
    Alla Acetum Cavezzo 200 dipendenti a scuola di sicurezza
    In occasione del primo Safety day dell'azienda prima produttrice di balsamico al mondo[...]
    Un novembre caldo e con tanta, tanta pioggia. E' nuovo record
    Un novembre caldo e con tanta, tanta pioggia. E' nuovo record
    Più di metà della pioggia del 2019 è caduta nei soli due mesi di maggio e di novembre[...]
    Voleva le caramelle e scappa di casa a 3 anni
    Voleva le caramelle e scappa di casa a 3 anni
    E' stata trovata al supermercato, in ciabatte e pigiama, che girovagava tra le corsie[...]